Saggi

La frantumaglia

Ferrante Elena

Descrizione: Questo libro ci porta nel laboratorio di Elena Ferrante, ci permette di dare uno sguardo nei cassetti da cui sono usciti i suoi primi tre romanzi e poi i quattro capitoli dell'"Amica geniale", offrendo un esempio di passione assoluta per la scrittura. La scrittrice risponde a non poche delle domande che le hanno fatto i suoi lettori. Dice, per esempio, perché chi scrive un libro farebbe bene a tenersi in disparte e lasciare che il testo faccia il suo corso. Dice i pensieri e le ansie di quando un romanzo diventa film. Dice com'è complicato trovare risposte in pillole alle domande di un'intervista. Dice delle gioie, delle fatiche, delle angosce di chi narra una storia e poi la scopre insufficiente. Dice dei suoi rapporti con la psicoanalisi, con le città in cui è vissuta, con l'infanzia come magazzino di mille suggestioni e fantasie, con la maternità, con il femminismo. Il risultato è l'autoritratto di una scrittrice al lavoro.

Categoria: Saggi

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2016

ISBN: 9788866327929

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La frantumaglia è un’opera-saggio di (e su) una scrittrice - Elena Ferrante – assurta all’attenzione della cronaca sia per le cifre relative alle vendite delle sue opere, sia per il mistero che ha avvolto un’identità violentata – non certamente infranta – da indagini e rilevazioni di certa stampa che intende il giornalismo in concezione sensazionalistica, anche a scapito delle volontà dei soggetti violati.

Questo volume si rivolge a chi ha letto, amato, discusso L’amore molesto (1992) e I giorni dell’abbandono (2002)”, i primi due romanzi di Elena Ferrante”.
Pertanto, per sua natura, l’opera è particolarmente indicata ai lettori che vogliano approfondire da un punto di vista critico tanto le prime due opere dell’autrice, quanto la sua poetica e le sue scelte editoriali.
Abbiamo deciso di raccogliere qui alcune lettere dell’autrice alle Edizioni e/o, le poche interviste rilasciate, la corrispondenza con lettori d’eccezione”.

In merito alla scelta di non apparire, le dichiarazioni della Ferrante si caratterizzano per un’estetica di rara finezza (“Io credo che i libri non abbaino alcun bisogno degli autori, una volta che siano stati scritti. Se hanno qualcosa da raccontare, troveranno presto o tardi lettori…”) in un’epoca nella quale troppo spesso, e troppo facilmente, l’editoria si comporta alla stregua di qualsiasi settore produttivo-commerciale e privilegia la strategia del marketing e dell’immagine rispetto all’attenzione per la qualità, dimenticando che un libro non è un prodotto materiale – o peggio ancora fungibile -, bensì un’opera dell’ingegno che dovrebbe appartenere, se non al mondo dell’arte, almeno al perimetro della cultura.

Con grande capacità di analisi, nelle sue lettere agli editori, Elena Ferrante declina a chiare lettere la distinzione tra libro e scrittore (“Io penso che la buona novella sia sempre: è uscito un libro che vale la pena di leggere. Penso anche che, chi l’ha scritto, alle lettrici e ai lettori veri non importi niente”), argomenta sullo “scrivere a comando” (A un giornalista disse “Il grande Cechov… lo vede questo? Passi domani e le darò un racconto intitolato il posacenere”) e applica le proprie teorie anche alla sceneggiatura de L’amore molesto di Martone (“Sarò… lettrice di un mio lettore che mi racconterà, a modo suo, con i suoi mezzi, con la sua intelligenza e sensibilità, ciò che ha letto dentro il mio libro”).

Il desiderio di rimanere dietro le quinti viene definito “un desiderio un po’ nevrotico di intangibilità”, appare un’esigenza di ritirarsi dopo la prova della scrittura (“Quando il libro è finito, è come se si si fosse stati frugati con eccessiva intimità e non si desidera altro che riguadagnare la distanza, ritornare integri”) e un legittimo, difensivistico bisogno di protezione (“Non mi resta quindi che proteggermi dai suoi effetti…”) anche a tutela della propria vita personale (“Ho una vita che giudico soddisfacente, sia sul piano privato che su quello pubblico – … voglio tener ferma quella che considero una piccola conquista”), oltre che una garanzia di libertà creativa (“Scrivere sapendo di non dover apparire genera uno spazio di libertà creativa assoluta. È un angolo mio che intendo difendere, ora che l’ho sperimentato. Se ne fossi privata, mi sentirei bruscamente impoverita”).

L’opera è stimolante anche per i riferimenti letterari.
In occasione del Premio Procida, Elena Ferrante s’interroga su eventuali affinità con Elsa Morante (“Le parole fanno viaggi imprevedibili nella testa di chi legge. Cercavo… parole sulla figura materna…”) e ravvisa ne Lo scialle andaluso (“Vestire altre donne era facile; ma vestire la madre era perdere la guerra con l’Informe, era infagottare…”) una troppo tenue connessione con la protagonista de L’amore molesto.
Tra il 2002 e il 2003, dopo I giorni dell’abbandono, Elena Ferrante ha rilasciato tre interviste” (ndr: a Goffredo Fofi, a Stefania Scateni e a Jesper Storgaard Jensen): a chi propone analogie tra Olga e Una donna spezzata della De Beauvoir, Elena Ferrante oppone piuttosto una similitudine con la Didone del IV libro dell’Eneide.

Personalmente sono rimasto affascinato da questa inversione della prospettiva rispetto all’id quod plerumque accidit nell’editoria contemporanea: dal narcisismo all’etero-riferimento, dall’autore all’opera, dallo scrittore al lettore, dall’esibizionismo alla riservatezza, dalla fungibilità all’originalità, dal consumismo all’intimismo…

Per un nostro commento ai due romanzi sui quali si soffermano gli scritti raccolti ne “La frantumaglia”, Vi rinviamo ai seguenti link (ovviamente anteriori), confessando che questo saggio-raccolta-epistolario stimola a una rilettura delle due opere alla luce di una nuova consapevolezza circa la poetica dell’autrice:

L’amore molesto 

I giorni dell’abbandono

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Ferrante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferrante Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick – il suo migliore amico – un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Per la cerimonia nuziale, Colin non bada a spese: ingaggia un Arcivettovo, settantatré musicisti, quattordici Figli della Fede e due pederasti d'onore. Nella chiesa, ridipinta di fresco a strisce gialle e viola, entrano anche le nuvole, profumate di coriandolo e di erbe di montagna. Gli sposini si imbarcano in un lungo e stralunato viaggio di nozze nel Sud della Francia, scortati dal cuoco di Colin, Nicolas. Al ritorno dal viaggio, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto... Romanzo dolce e pirotecnico, surreale fiaba d'amore e feroce denuncia del conformismo, piena di invenzioni che fanno ridere e piangere, La schiuma dei giorni è il capolavoro di un genio ventisettenne: Boris Vian. Prefazione di Ivano Fossati. Con un'intervista a Daniel Pennac.

LA SCHIUMA DEI GIORNI

Vian Boris

Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

La metamorfosi

Kafka Franz

Il ragionamento del "non ci sono i soldi per fare le riforme " apparentemente aristotelico e corretto - è invece profondamente sbagliato. Per due motivi, che sono alla base della decisione di scrivere questo libro. Il primo motivo è interno al ragionamento stesso. In Italia il vento della crescita non tornerà mai a spirare in poppa senza un vero e proprio programma di riforme. Il paese è praticamente fermo da quindici anni: tre quinquenni durante i quali l'economia mondiale è cresciuta come mai in passato. Nonostante la violenza della crisi globale, il 2009 è stato per il mondo solo una breve parentesi. Da noi invece sembra un incubo lungo vent'anni. Il vento della crescita soffia in varie parti del mondo, ma non tornerà mai a soffiare in Italia se non cambiamo atteggiamento. Il secondo errore nel ragionamento del "non ci sono i soldi" è invece un falso problema. Esistono moltissime e importantissime riforme che si possono fare "senza aumentare di un solo euro il debito pubblico". Sono le cosiddette Riforme a Costo Zero, il tema alla base di questo libro. In quasi tutti i campi cruciali dell'economia, è possibile cambiare le cose senza chiedere il conto a Pantalone: perché è vero che di soldi ce ne sono davvero pochi. Ma è anche vero che si possono fare importantissime riforme senza incidere sul bilancio pubblico. Richiedono solo di investire capitale politico nel cercare il consenso necessario. Una classe politica all'altezza può farcela. Gli ostacoli possono essere rimossi...

Le riforme a costo zero

Boeri Tito

Storia della seduzione del monaco Ambrosio ad opera della sensuale Matilde, che lo inizia ai segreti delle arti demoniache.

Il monaco

Lewis Matthew Gregory