Saggi

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Descrizione: Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

Categoria: Saggi

Editore: Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2011

ISBN: 978-88-6137-781-3

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Ogni volta che entri in una classe, e puoi anche essere insegnante da tanto, un formicolio allo stomaco si fa sentire e insieme a questo, nella testa, si affollano i pensieri: riuscirò a interagire con loro? Si creerà un clima di rispetto e condivisione di idee? Saprò gestire la classe?
Ed eccoci qui: gestire la classe… espressione cara a chi lavora nella scuola, un binomio che da un lato indica come la classe sia ormai diventata un “affare” da gestire e dall’altro come sia sempre più difficile il mestiere di insegnante oggi.

La guida Erickson La gestione della classe, a cura di Luigi Tuffanelli e Dario Ianes, affronta l’argomento in un volume che, a mio parere, andrebbe letto con attenzione da ogni insegnante. Il testo è per gli addetti ai lavori, ma offre anche uno spaccato vivido del mondo scolastico di oggi, di cui tutti, insegnanti o no, siamo responsabili.
Gli autori si soffermano sulle “variabili” che ogni insegnante deve affrontare nella pratica educativa: capita raramente che in classe si svolga il lavoro (non è mai fare la lezione!) così come era stato progettato dall’insegnante, c’è sempre da gestire il tempo, lo spazio, la comprensione di quanto esposto e, ultimo ma non ultimo, la classe. Non solo un insieme di alunni, ma tante specificità, caratteri, problemi, opinioni, vissuti personali e familiari che irrompono immancabilmente e che, talvolta sbrigativamente, si etichettano sotto la parola “disciplina”.
Flessibilità e regolazione del proprio agire professionale sono infatti le competenze più richieste all’insegnante, competenze “fini” qualcuno le ha definite, che non si acquisiscono da una teoria o da soluzioni preconfezionate, quanto piuttosto fanno parte di un habitus (di aristotelica memoria), un comportamento acquisito che si sviluppa continuamente.

Nel volume, come nelle migliori diatribe, i punti di vista sono esposti nel dialogo di tre insegnanti, un’insegnante di mezz’età, fiduciosa e ottimista, in una parola “progressista” (P); un giovane con scarsa esperienza lavorativa ma con un brillante curriculum (G); infine, un insegnante di storia e filosofia molto preparato ma un po’ scettico e sfiduciato (T). I tre discutono per otto giorni e ogni giorno affrontano il problema da una prospettiva diversa: ad esempio, il primo giorno si discute dell’autorappresentazione professionale; il secondo, dell’autocontrollo; il terzo, della comunicazione e così via.

Importanti, infine, le schede e i test di autovalutazione che gli autori propongono ad ogni capitolo: mettersi in discussione è un dovere per ogni buon insegnante e il primo passo per gestire la classe.
Ma se è vero che l’insegnamento è una relazione allora più che gestire mi pare più corretto dire “condurre” la classe, perchè mi piace pensare all’insegnante come a un mediatore, una mano tesa a chi ha ancora voglia di conoscere e sapere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Tuffanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tuffanelli Luigi Ianes Dario


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena

Clary Fray vorrebbe soltanto che qualcuno le restituisse la sua vecchia, normalissima, vita. Ma non c'è niente di normale nella tua vita se puoi vedere licantropi, vampiri e altri Nascosti, se tua madre è in un coma magicamente indotto e tu scopri di essere uno Shadowhunter, un cacciatore di demoni. Se Clary si lasciasse il mondo dei Cacciatori alle spalle avrebbe più tempo per Simon (forse più di un amico ormai). Ma è il mondo dei Cacciatori che non è disposto a lasciar andare lei, soprattutto Jace, il suo affascinante, permaloso fratello appena ritrovato. Per Clary l'unico modo di salvare la madre è inseguire Valentine, il cacciatore ribelle, che è probabilmente pazzo, sicuramente malvagio e anche, purtroppo, suo padre. A complicare le cose a New York si moltiplicano gli omicidi dei figli dei Nascosti. E la città diventa sempre più pericolosa, anche per uno Shadowhunter come Clary. Età di lettura: da 13 anni.

Shadowhunters. Città di cenere

Clare Cassandra

Piccola Tigre non è una tigre come le altre: è curiosa, fa molte domande, mette in discussione quello che la natura le offre e che i suoi simili semplicemente accettano. Piccola Tigre apre gli occhi e scopre la meraviglia della luce. Tende le orecchie e scopre la vasta gamma dei rumori della Taiga. Quando, molto presto, le si fa chiara la forza che compete a una tigre, inizia a cibarsi di altri animali. Ma con qualche dubbio. Impara a distaccarsi da sua madre, a viaggiare da sola, sino ad avventurarsi fuori dai confini della Taiga, in cui è nata e da cui le altre tigri non usciranno mai. E, così, grazie a questa sua curiosità, infine, scopre anche l'uomo. L'hanno avvertita che dall'uomo bisogna guardarsi. Ma lei vuole conoscerlo. Con l'uomo, Piccola Tigre scopre l'essere più inquietante e mutevole, da amare e da cui difendersi. E da qui in poi la sua vita non sarà più la stessa.

La tigre e l’acrobata

Tamaro Susanna

Il 25 settembre 2015 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite fissava per tutto il mondo 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, da raggiungere entro il 2030. Obiettivi concreti, relativi all’eliminazione della povertà e della fame, all’istruzione di qualità e alla parità tra i sessi, alla salute a tutte le età, all’acqua, all’energia, all’occupazione, alla crescita economica e alle disuguaglianze, alle infrastrutture e alle città, al consumo e alla produzione, alla lotta contro il cambiamento climatico, alla flora e alla fauna, alla pace e alle istituzioni. I grandi della terra hanno convenuto che le importanti trasformazioni in corso sono connesse tra loro. Le ‘primavere arabe’ sono state anche il frutto di carestie e crisi alimentari indotte dai cambiamenti climatici, così come le innovazioni tecnologiche sono indispensabili per la transizione ecologica ma possono generare disoccupazione e tensioni sociali. E così via. Per affrontare questi problemi complessi serve dunque un pensiero integrato e profondamente innovativo. E un larghissimo concorso di forze politiche, economiche e sociali che lo metta in pratica. E’ questa l’idea alla base dell’ASVIS, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, promossa da Enrico Giovannini nel febbraio del 2016 e che oggi raccoglie più di 170 soggetti tra associazioni imprenditoriali, sindacati, volontariato, fondazioni e università. Lo scopo è quello di elaborare idee nuove per rendere lo sviluppo equo e sostenibile e incalzare chi può concorrere alla realizzazione dei 17 obiettivi dell’ONU: in primo luogo il governo italiano, ma anche le imprese e gli altri attori della vita economica e sociale, fino ai singoli cittadini. In questo saggio si affrontano le ragioni, le caratteristiche e gli obiettivi di una utopia sostenibile. E indispensabile per le donne e gli uomini del XXI secolo.

L’utopia sostenibile

Giovannini Enrico