Saggi

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Descrizione: Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

Categoria: Saggi

Editore: Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2011

ISBN: 978-88-6137-781-3

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Ogni volta che entri in una classe, e puoi anche essere insegnante da tanto, un formicolio allo stomaco si fa sentire e insieme a questo, nella testa, si affollano i pensieri: riuscirò a interagire con loro? Si creerà un clima di rispetto e condivisione di idee? Saprò gestire la classe?
Ed eccoci qui: gestire la classe… espressione cara a chi lavora nella scuola, un binomio che da un lato indica come la classe sia ormai diventata un “affare” da gestire e dall’altro come sia sempre più difficile il mestiere di insegnante oggi.

La guida Erickson La gestione della classe, a cura di Luigi Tuffanelli e Dario Ianes, affronta l’argomento in un volume che, a mio parere, andrebbe letto con attenzione da ogni insegnante. Il testo è per gli addetti ai lavori, ma offre anche uno spaccato vivido del mondo scolastico di oggi, di cui tutti, insegnanti o no, siamo responsabili.
Gli autori si soffermano sulle “variabili” che ogni insegnante deve affrontare nella pratica educativa: capita raramente che in classe si svolga il lavoro (non è mai fare la lezione!) così come era stato progettato dall’insegnante, c’è sempre da gestire il tempo, lo spazio, la comprensione di quanto esposto e, ultimo ma non ultimo, la classe. Non solo un insieme di alunni, ma tante specificità, caratteri, problemi, opinioni, vissuti personali e familiari che irrompono immancabilmente e che, talvolta sbrigativamente, si etichettano sotto la parola “disciplina”.
Flessibilità e regolazione del proprio agire professionale sono infatti le competenze più richieste all’insegnante, competenze “fini” qualcuno le ha definite, che non si acquisiscono da una teoria o da soluzioni preconfezionate, quanto piuttosto fanno parte di un habitus (di aristotelica memoria), un comportamento acquisito che si sviluppa continuamente.

Nel volume, come nelle migliori diatribe, i punti di vista sono esposti nel dialogo di tre insegnanti, un’insegnante di mezz’età, fiduciosa e ottimista, in una parola “progressista” (P); un giovane con scarsa esperienza lavorativa ma con un brillante curriculum (G); infine, un insegnante di storia e filosofia molto preparato ma un po’ scettico e sfiduciato (T). I tre discutono per otto giorni e ogni giorno affrontano il problema da una prospettiva diversa: ad esempio, il primo giorno si discute dell’autorappresentazione professionale; il secondo, dell’autocontrollo; il terzo, della comunicazione e così via.

Importanti, infine, le schede e i test di autovalutazione che gli autori propongono ad ogni capitolo: mettersi in discussione è un dovere per ogni buon insegnante e il primo passo per gestire la classe.
Ma se è vero che l’insegnamento è una relazione allora più che gestire mi pare più corretto dire “condurre” la classe, perchè mi piace pensare all’insegnante come a un mediatore, una mano tesa a chi ha ancora voglia di conoscere e sapere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Tuffanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tuffanelli Luigi Ianes Dario

La guerra del cinema

Puttnam David

"Il turno" anticipa le prove più mature di Pirandello romanziere. E' un perfetto congegno narrativo in cui il caso, nel ruolo di protagonista, vanifica puntualmente le iniziative dei personaggi ridotti ad automi della "sciocca fantocciata che chiamiamo vita".

Il turno

Pirandello Luigi

Venezia, maggio 1313. Mentre fervono i preparativi per la festa della Sensa, che culminerà con lo Sposalizio del Mare, l'acqua alta trascina in piazza San Marco i cadaveri di tre bambini crocifissi. Un anziano ebreo ingiustamente accusato dell'omicidio si toglie la vita in carcere, lasciando sul muro della cella una frase latina che non svela nulla. Ma allora perché si è dato la pena di scriverla con il sangue? La macabra scoperta sembra in qualche modo collegata al Sefer-ha-Razim, il Libro dei Misteri, dettato secondo la leggenda dall'angelo Raziel a Noè che lo trascrisse su una tavoletta di zaffiro. Questo è il mistero che Mondino de' Liuzzi, medico anatomista dello Studium di Bologna, è chiamato a risolvere a Venezia. Ma subito Mondino si scontra con il nobile che ha ordinato l'arresto dell'ebreo, con la donna che ama, con quella che ha amato e forse ama ancora e persino con il suo amico Gerardo. Il giovane, che un tempo aveva fatto parte dell'ordine dei Templari, si rifiuta di aiutarlo, perché anche lui ha una missione da compiere: mettere in salvo la mappa per raggiungere le misteriose Terre Australi al di là dell'oceano, di cui qualcuno ha trovato traccia nel Liber Floridus di Lamberto di Saint-Omer. Ha inizio così una vicenda d'intrigo e di morte, in cui Mondino sfidando il potere di Venezia, e a rischio della sua stessa vita, dovrà sciogliere l'enigma di una stirpe di custodi che risale ai tempi del diluvio, in un'implacabile corsa contro il tempo.

Il libro dell’angelo

Colitto Alfredo

L'eroe è diverso, solo e diverso. È solo l'eroe tragico, così come l'eroe lirico. Marco è ormai prossimo alla fine. Ha diciassette anni e soffre di progeria, una malattia che accelera vertiginosamente lo scorrere del tempo e condanna a una vecchiaia precoce. Suo padre, Stefano Quondam, fuori dal tempo e dal mondo ci si è sempre trovato, anche se in maniera diversa. È un luminare di letteratura greca, grandissimo e misconosciuto, un Don Chisciotte che non ha mai smesso di combattere una testarda battaglia contro la stupidità e l'omologazione. Ma tra i due, chi è veramente il mercante di luce? Chi salva l'altro? Questa è la cronaca degli ultimi dieci giorni di un ragazzo colto e curioso, emozionato di fronte a quello che sa della vita, e di un padre che gliene spiega il senso, l'unico che conosce. Il filo che li unisce, che trasforma il pensiero in un racconto che non potrà essere dimenticato, è la poesia greca: un excursus appassionato, un viaggio luminoso in cui si rincorrono i grandi gesti e le tenere paure di poeti e poetesse dell'unico tempo possibile, quello tra il mito e l'invenzione dell'amore. E sarà proprio qui, in un punto sospeso tra pagine da sfogliare, gioco, passioni e vita vissuta, che troveranno il varco per salvarsi entrambi, perché non è possibile che "gli uccelli cantino quando finisce una tempesta e un uomo non sappia essere felice per il sole che gli resta".

Il mercante di luce

Vecchioni Roberto