Saggi

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Descrizione: Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

Categoria: Saggi

Editore: Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2011

ISBN: 978-88-6137-781-3

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Ogni volta che entri in una classe, e puoi anche essere insegnante da tanto, un formicolio allo stomaco si fa sentire e insieme a questo, nella testa, si affollano i pensieri: riuscirò a interagire con loro? Si creerà un clima di rispetto e condivisione di idee? Saprò gestire la classe?
Ed eccoci qui: gestire la classe… espressione cara a chi lavora nella scuola, un binomio che da un lato indica come la classe sia ormai diventata un “affare” da gestire e dall’altro come sia sempre più difficile il mestiere di insegnante oggi.

La guida Erickson La gestione della classe, a cura di Luigi Tuffanelli e Dario Ianes, affronta l’argomento in un volume che, a mio parere, andrebbe letto con attenzione da ogni insegnante. Il testo è per gli addetti ai lavori, ma offre anche uno spaccato vivido del mondo scolastico di oggi, di cui tutti, insegnanti o no, siamo responsabili.
Gli autori si soffermano sulle “variabili” che ogni insegnante deve affrontare nella pratica educativa: capita raramente che in classe si svolga il lavoro (non è mai fare la lezione!) così come era stato progettato dall’insegnante, c’è sempre da gestire il tempo, lo spazio, la comprensione di quanto esposto e, ultimo ma non ultimo, la classe. Non solo un insieme di alunni, ma tante specificità, caratteri, problemi, opinioni, vissuti personali e familiari che irrompono immancabilmente e che, talvolta sbrigativamente, si etichettano sotto la parola “disciplina”.
Flessibilità e regolazione del proprio agire professionale sono infatti le competenze più richieste all’insegnante, competenze “fini” qualcuno le ha definite, che non si acquisiscono da una teoria o da soluzioni preconfezionate, quanto piuttosto fanno parte di un habitus (di aristotelica memoria), un comportamento acquisito che si sviluppa continuamente.

Nel volume, come nelle migliori diatribe, i punti di vista sono esposti nel dialogo di tre insegnanti, un’insegnante di mezz’età, fiduciosa e ottimista, in una parola “progressista” (P); un giovane con scarsa esperienza lavorativa ma con un brillante curriculum (G); infine, un insegnante di storia e filosofia molto preparato ma un po’ scettico e sfiduciato (T). I tre discutono per otto giorni e ogni giorno affrontano il problema da una prospettiva diversa: ad esempio, il primo giorno si discute dell’autorappresentazione professionale; il secondo, dell’autocontrollo; il terzo, della comunicazione e così via.

Importanti, infine, le schede e i test di autovalutazione che gli autori propongono ad ogni capitolo: mettersi in discussione è un dovere per ogni buon insegnante e il primo passo per gestire la classe.
Ma se è vero che l’insegnamento è una relazione allora più che gestire mi pare più corretto dire “condurre” la classe, perchè mi piace pensare all’insegnante come a un mediatore, una mano tesa a chi ha ancora voglia di conoscere e sapere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Tuffanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tuffanelli Luigi Ianes Dario


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

"Qui dentro troverete animali con nomi di persone, fili d'erba più grandi degli alberi, campi di grano dorati, pipe che non si possono fumare, cieli azzurri, bombette e molti bambini. Come in un quadro che si rispetti, qui dentro troverete tutto. E forse anche di più." (Dalla prefazione a cura di Neri Marcorè).

I colori della luna

Bujatti Eleonora

Michel Djerzinski e Bruno Clement sono fratellastri e sembrano essere accomunati unicamente dall'abbandono della madre. Michel è uno scienziato dedito alla biologia molecolare e vicino al Nobel. Un uomo che ha dedicato la sua esistenza agli studi scientifici che lo hanno portato all'isolamento e all'impermeabilità a qualunque emozione. Il suo sogno è riuscire a clonare gli esseri umani così da poter garantire a essi una vita perfetta. Bruno è un uomo di lettere, fa l'insegnante, è attirato dal sesso in modo morboso, ed è costretto dalla malattia a entrare e uscire dalle cliniche psichiatriche. Sia la morbosità patologica di Bruno sia l'asettica razionalità di Michel sono il risultato dell'ambiente che li circonda: un mondo fatto di solitudini e dominato dal caso in cui i desideri sembrano scaturire dagli spot pubblicitari. Nella descrizione di questo quadro apocalittico, nell'aridità di questa umanità scarnificata si intravedono scenari futuri dai risvolti inquietanti.

Le particelle elementari

Houellebecq

Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi che sembrano inventati, per quanto sono fuori del comune. Qui, ancora una volta, con quella visionarietà e quella levità che sono soltanto sue, percorre la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello del fondatore della casa automobilistica), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti elefanti, pantere e leoni; un uomo che con gli animali visse in una sorta di struggente empatia, tanto da subire un vero trauma quando, allo scoppio della Grande Guerra, tutti quelli ospitati nello zoo di Anversa furono sterminati in via preventiva.

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Franzosini Edgardo