IoScrittore

La giustizia dei martiri

Pasini Giuliano

Descrizione:

Categoria: IoScrittore

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La danza.

Erano stati i colleghi del Nucleo, inquieti e invidiosi, a battezzare così quello stato di trance. Nessuno di loro poteva capire quanto gli costasse, lo vedevano solo come una sorta di trucco con cui Roberto riusciva a risolvere casi impossibili. Cosa fosse davvero e a cosa fosse dovuta, nessuno lo sapeva. Con il movimento circolare e la variazione di ritmo, per un breve istante, Roberto poteva vedere con gli occhi delle persone che si erano mosse sul luogo del delitto. E dalla stessa prospettiva.

Era come entrare nella mente della vittima e dei killer“.

Il sostituto commissario Roberto Serra aveva dimenticato questa sensazione… ma quando a Case Rosse, un piccolo paese in provincia di Modena, viene commesso un triplice omicidio, è costretto a fare i conti con la sua vecchia vita, con l’orrore della morte e col sangue di vittime innocenti.

È il primo gennaio 1995 e Valerio Manzini, da trent’anni in servizio presso il Commissariato di Case Rosse, riceve la telefonata disperata di Berto Guerzoni, un vecchio contadino della zona: sul Monte della Libertà, noto come Prà grand, ci sono tre cadaveri orrendamente sfigurati.

Serra si reca subito sul luogo col suo collega e inizia ad osservare con meticolosa cura l’orribile scenario alla ricerca di indizi.

Anche il vice questore aggiunto Ernesto Sernagiotto, polizia scientifica di Bologna, non tarda ad arrivare e, al di là delle sue effettive capacità (tutte da verificare), Roberto ha l’impressione che sia assolutamente intenzionato a scoprire l’identità del killer (o dei killer), anche se il suo vero obiettivo è chiaramente legato più ad un’ambizione sfrenata che al desiderio di risolvere un caso inquietante. Ad ogni modo, il questore Augusto Bernini, incurante delle sue rimostranze, vuole che a dirigere le indagini sia lo stesso Serra, che quindi suo malgrado deve abbandonare il sogno di un’esistenza tranquilla.

Così comincia la torbida storia in cui ci fa immergere Giuliano Pasini, vincitore del premio Io Scrittore.

Sulle note di Vasco e di Guccini, Roberto Serra deve affrontare un mistero fitto e denso di significati, ancor più difficile da comprendere e districare per chi, come gli spiega la gente di Case Rosse, non è un di nòster.

Già. Perché il piccolo paese non è esattamente un’oasi di pace, e Roberto non impiega molto a capire che potrebbe nascondere il colpevole nel suo stesso seno.

Vari personaggi compaiono sulla scena, assumendo ruoli di primo piano o di comparse, e sviando il lettore nella sua personale ricerca della verità. Nonostante l’intreccio sia complesso, però, il racconto è sempre lucido, compatto e ben costruito: non ci sono strappi né esagerazioni, ed è anche snellito da una storia d’amore che resta in sottofondo e non invade grossolanamente la vicenda. In sintesi, La giustizia dei martiri contiene tutti gli elementi di un buon noir.

… Cosa c’entrino i martiri però non ve lo dico… 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliano

Pasini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasini Giuliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José

Camelia vive con la madre a Leeds, una città in cui "non comincia mai niente" e l'inverno non è mai finito, in una casa assediata dalla muffa accanto al cimitero. Traduce manuali di istruzioni per lavatrici, mentre la madre fotografa ossessivamente buchi di ogni tipo. Entrambe segnate da un trauma, comunicano con un alfabeto fatto di sguardi. Un giorno Camelia trova nel cassonetto dei vestiti deformi, con molte maniche e strani squarci: in quel momento cambia qualcosa, comincia a trascorrere più tempo fuori casa e ogni giorno trova nuovi vestiti nel cassonetto. È così che incontra Wen, un ragazzo cinese che lavora in un negozio di vestiti e che le insegna la sua lingua. Saranno proprio gli ideogrammi ad aprire un varco di bellezza e mistero nella vita di Camelia, attribuendo nuovi significati alle cose. Camelia si innamora di Wen, ma lui la respinge nascondendole il motivo. E c'è anche il bizzarro fratello di lui, ossessionato dall'oscura morte di Lily, un'altra studentessa di Wen...

SETTANTA ACRILICO TRENTA LANA

Di Grado Viola

Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam

In un'esclusiva clinica neuropsichiatrica di Los Angeles Maria Wyeth, attrice fallita, ripensa alla sua vita, frammentata in episodi che appaiono ormai distanti e freddi come gli astri nella volta celeste. Dal deserto del Nevada alle colline di Hollywood, da modella a protagonista in film minori: la sua parabola è quella di una stella che non ha mai davvero brillato. Dopo anni di scelte sbagliate e di ferite emotive, Maria ha smesso di provare ogni sentimento e lascia che la vita le passi accanto. Anestetizza il dolore guidando per ore senza meta sulle autostrade della California, navigando nel traffico come nelle acque di un immenso fiume. Nonostante tutto, continua a voler giocare la sua partita forse motivata dall'unica scintilla d'amore che riserva per Kate, la figlia malata che vede di rado. Joan Didion seziona con la sua penna affilata la fauna umana che orbita intorno a Hollywood, che sfodera sorrisi e false promesse in infiniti cocktail party, che teme il fallimento come una malattia infettiva, pronta a tutto pur di riempire il vuoto che la assedia. Romanzo dalla lingua essenziale e spietata, "Prendila così" fotografa gli aspetti più vacui e autodistruttivi della società americana, raccontando quanto sia doloroso vivere e quanto più facile semplicemente esistere.

Prendila così

Didion Joan