IoScrittore

La giustizia dei martiri

Pasini Giuliano

Descrizione:

Categoria: IoScrittore

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La danza.

Erano stati i colleghi del Nucleo, inquieti e invidiosi, a battezzare così quello stato di trance. Nessuno di loro poteva capire quanto gli costasse, lo vedevano solo come una sorta di trucco con cui Roberto riusciva a risolvere casi impossibili. Cosa fosse davvero e a cosa fosse dovuta, nessuno lo sapeva. Con il movimento circolare e la variazione di ritmo, per un breve istante, Roberto poteva vedere con gli occhi delle persone che si erano mosse sul luogo del delitto. E dalla stessa prospettiva.

Era come entrare nella mente della vittima e dei killer“.

Il sostituto commissario Roberto Serra aveva dimenticato questa sensazione… ma quando a Case Rosse, un piccolo paese in provincia di Modena, viene commesso un triplice omicidio, è costretto a fare i conti con la sua vecchia vita, con l’orrore della morte e col sangue di vittime innocenti.

È il primo gennaio 1995 e Valerio Manzini, da trent’anni in servizio presso il Commissariato di Case Rosse, riceve la telefonata disperata di Berto Guerzoni, un vecchio contadino della zona: sul Monte della Libertà, noto come Prà grand, ci sono tre cadaveri orrendamente sfigurati.

Serra si reca subito sul luogo col suo collega e inizia ad osservare con meticolosa cura l’orribile scenario alla ricerca di indizi.

Anche il vice questore aggiunto Ernesto Sernagiotto, polizia scientifica di Bologna, non tarda ad arrivare e, al di là delle sue effettive capacità (tutte da verificare), Roberto ha l’impressione che sia assolutamente intenzionato a scoprire l’identità del killer (o dei killer), anche se il suo vero obiettivo è chiaramente legato più ad un’ambizione sfrenata che al desiderio di risolvere un caso inquietante. Ad ogni modo, il questore Augusto Bernini, incurante delle sue rimostranze, vuole che a dirigere le indagini sia lo stesso Serra, che quindi suo malgrado deve abbandonare il sogno di un’esistenza tranquilla.

Così comincia la torbida storia in cui ci fa immergere Giuliano Pasini, vincitore del premio Io Scrittore.

Sulle note di Vasco e di Guccini, Roberto Serra deve affrontare un mistero fitto e denso di significati, ancor più difficile da comprendere e districare per chi, come gli spiega la gente di Case Rosse, non è un di nòster.

Già. Perché il piccolo paese non è esattamente un’oasi di pace, e Roberto non impiega molto a capire che potrebbe nascondere il colpevole nel suo stesso seno.

Vari personaggi compaiono sulla scena, assumendo ruoli di primo piano o di comparse, e sviando il lettore nella sua personale ricerca della verità. Nonostante l’intreccio sia complesso, però, il racconto è sempre lucido, compatto e ben costruito: non ci sono strappi né esagerazioni, ed è anche snellito da una storia d’amore che resta in sottofondo e non invade grossolanamente la vicenda. In sintesi, La giustizia dei martiri contiene tutti gli elementi di un buon noir.

… Cosa c’entrino i martiri però non ve lo dico… 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliano

Pasini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasini Giuliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John

“Si guardò intorno impotente, quasi implorando gli alberi di parlare e darle le risposte che desiderava. In ginocchio sulla neve, sentì in lontananza il latrare di un cane. L’?eco di un ricordo formò un’immagine nella sua mente: era già stata lì una volta… Sì. Sì… Mentre il sole scivolava dietro gli alberi, nella valle sottostante, Greta si aggrappò alla lapide. E finalmente cominciò a ricordare…”

L’angelo di Marchmont Hall

Riley Lucinda

IO NICHI MORETTI

Legni Franco

2 novembre 1965: sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia, il corpo massacrato di Pier Paolo Pasolini viene trovato da una donna alle sei e trenta del mattino. Un omicidio, come si sa, che la giustizia ha attribuito a un “ragazzo di vita”, Pino Pelosi detto “la Rana”, ma intorno al quale ruotano ancora dubbi e teorie complottistiche. Ma come si arriva a quella morte? Cos’è successo a Pasolini nelle ultime ore di vita? A questa domanda Lucarelli cerca di rispondere con testimonianze inedite e indagini personali, ma anche attraverso ricordi privati e riflessioni, incontri, storie, frammenti di un mosaico in cui alla fine troveremo rappresentati noi italiani e cosa siamo diventati dopo quella tragica notte.

PPP Pasolini, un segreto italiano

Lucarelli Carlo