IoScrittore

La giustizia dei martiri

Pasini Giuliano

Descrizione:

Categoria: IoScrittore

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La danza.

Erano stati i colleghi del Nucleo, inquieti e invidiosi, a battezzare così quello stato di trance. Nessuno di loro poteva capire quanto gli costasse, lo vedevano solo come una sorta di trucco con cui Roberto riusciva a risolvere casi impossibili. Cosa fosse davvero e a cosa fosse dovuta, nessuno lo sapeva. Con il movimento circolare e la variazione di ritmo, per un breve istante, Roberto poteva vedere con gli occhi delle persone che si erano mosse sul luogo del delitto. E dalla stessa prospettiva.

Era come entrare nella mente della vittima e dei killer“.

Il sostituto commissario Roberto Serra aveva dimenticato questa sensazione… ma quando a Case Rosse, un piccolo paese in provincia di Modena, viene commesso un triplice omicidio, è costretto a fare i conti con la sua vecchia vita, con l’orrore della morte e col sangue di vittime innocenti.

È il primo gennaio 1995 e Valerio Manzini, da trent’anni in servizio presso il Commissariato di Case Rosse, riceve la telefonata disperata di Berto Guerzoni, un vecchio contadino della zona: sul Monte della Libertà, noto come Prà grand, ci sono tre cadaveri orrendamente sfigurati.

Serra si reca subito sul luogo col suo collega e inizia ad osservare con meticolosa cura l’orribile scenario alla ricerca di indizi.

Anche il vice questore aggiunto Ernesto Sernagiotto, polizia scientifica di Bologna, non tarda ad arrivare e, al di là delle sue effettive capacità (tutte da verificare), Roberto ha l’impressione che sia assolutamente intenzionato a scoprire l’identità del killer (o dei killer), anche se il suo vero obiettivo è chiaramente legato più ad un’ambizione sfrenata che al desiderio di risolvere un caso inquietante. Ad ogni modo, il questore Augusto Bernini, incurante delle sue rimostranze, vuole che a dirigere le indagini sia lo stesso Serra, che quindi suo malgrado deve abbandonare il sogno di un’esistenza tranquilla.

Così comincia la torbida storia in cui ci fa immergere Giuliano Pasini, vincitore del premio Io Scrittore.

Sulle note di Vasco e di Guccini, Roberto Serra deve affrontare un mistero fitto e denso di significati, ancor più difficile da comprendere e districare per chi, come gli spiega la gente di Case Rosse, non è un di nòster.

Già. Perché il piccolo paese non è esattamente un’oasi di pace, e Roberto non impiega molto a capire che potrebbe nascondere il colpevole nel suo stesso seno.

Vari personaggi compaiono sulla scena, assumendo ruoli di primo piano o di comparse, e sviando il lettore nella sua personale ricerca della verità. Nonostante l’intreccio sia complesso, però, il racconto è sempre lucido, compatto e ben costruito: non ci sono strappi né esagerazioni, ed è anche snellito da una storia d’amore che resta in sottofondo e non invade grossolanamente la vicenda. In sintesi, La giustizia dei martiri contiene tutti gli elementi di un buon noir.

… Cosa c’entrino i martiri però non ve lo dico… 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliano

Pasini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasini Giuliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James

C'è una fanciulla che tutte le sere spazzola i suoi soffici capelli color di corallo, prima che il Sonno la conduca tra i Sogni della sera. A occhi chiusi, immagina la storia di un'amicizia, quella tra Jim, un piccolo ometto con la passione per il disegno, e Graf, un drago di grafite che vive confinato in un pezzo di carta. Il Tempo, inesorabile, muta il loro legame e il loro aspetto. I contorni di Graf sbiadiscono e quelli del suo compagno di giochi si allungano impedendogli di entrare nel foglio. Sentendosi trascurato, Graf diventa esigente. Chiede a Jim di dargli un nuovo look - magari facendolo diventare di plastica come quei soldatini che non ridono mai -, amici con cui non si sentirà mai solo e un castello dorato nel quale nascondersi al bisogno. La vita, però, imprevedibile come al solito, cambierà le sorti di Graf e del suo creatore, tracciando i confini di un'avventura tutta da scoprire tra matite colorate, clessidre mangiapolvere e una sirena appassionata di moda.

Il drago di carta

Pozzati Simone - Cerilli Valeria

Alla vigilia della morte, stendendo l’elenco delle sue opere sul retro del quaderno di “Suite francese”, accanto al “Vino della solitudine” l’autrice scriveva: «Di Irène Némirovsky per Irène Némirovsky». Non sarà difficile, in effetti, riconoscere nella piccola Hélène – che all’inizio del romanzo siede a tavola dritta e composta per evitare gli aspri rimproveri della madre – la stessa Irène; e nella bella donna dall’aria annoiata – che a cena sfoglia le riviste di moda appena arrivate da Parigi in quella lontana provincia dell’Impero russo, che si occupa di sé e del giovane amante ignorando la figlia – quella Fanny Némirovsky, che ha fatto dell’infanzia di Irène un deserto senza amore. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze («doveva baciare quel volto odioso ... posare la sua bocca su quella guancia che avrebbe voluto lacerare con le unghie»), al punto da sostituirne il nome, nelle preghiere serali, con quello dell’amata istitutrice («con una vaga speranza omicida»). Verrà un giorno, però, in cui la madre sarà vecchia, ed Hélène avrà diciott’anni: accadrà a Parigi, dove la famiglia si è stabilita dopo la guerra (che ha consentito al padre di accumulare un’immensa ricchezza) e la rivoluzione d’Ottobre (in cui hanno rischiato di perdere ogni cosa) e la fuga attraverso le vaste pianure gelate della Finlandia, durante la quale l’adolescente ha avuto per la prima volta «la consapevolezza del suo potere di donna». Sembra giunto il momento della vendetta: «Aspetta e vedrai! Ti farò piangere come tu hai fatto piangere me!». Ma quando Hélène scoprirà in sé lo stesso demone che abita la madre – quello «della civetteria, della crudeltà, del piacere di giocare con l’amore di un uomo» –, si allontanerà, scegliendo una vita diversa: «Sono sola, ma la mia solitudine è amara e inebriante». Se è vero che da un’infanzia infelice non si guarisce mai, pochi hanno saputo raccontare quell’infelicità come Irène Némirovsky.

Il vino della solitudine

Némirovsky Irène