Giallo - thriller - noir

La guardarobiera

McGrath Patrick

Descrizione: Gennaio 1947. La guerra è finita da due anni. Londra è in macerie, non c'è nulla da mangiare ed è l'inverno più freddo da che se ne ha memoria. A peggiorare ancora le cose, uno dei più grandi attori teatrali del momento, Charlie Grice, muore improvvisamente. Sua moglie Joan, costumista, è distrutta dal dolore, ma si fa convincere ad assistere a una replica di beneficienza dell'ultimo spettacolo di suo marito, e a vedere un sostituto interpretare il suo ruolo. Ne è terrorizzata. Ma quando l'attore appare sul palcoscenico, la vedova addolorata trasalisce nel rendersi conto che dietro gli occhi dell'uomo brucia ardente lo spirito di suo marito. Più tardi, nel backstage, incontra l'attore e ha la conferma che Charlie vive in lui. È stordita dalla gioia. Diventa così amica del giovane attore e comincia a donargli gli abiti di Charlie. L'amicizia presto evolve in una relazione amorosa, e Joan continua a vedere nel sostituto il fantasma di suo marito. Una sera, per caso, mentre fruga nel guardaroba di Charlie, scopre un orribile segreto e ne è devastata: la guerra, dopotutto, non è finita. Joan, la costumista, viene catapultata in un nuovo, cupo mondo, fatto di violenza, intrighi e terribili verità... Gennaio 1947. La guerra è finita da due anni. Londra è in macerie, non c'è nulla da mangiare ed è l'inverno più freddo da che se ne ha memoria. A peggiorare ancora le cose, uno dei più grandi attori teatrali del momento, Charlie Grice, muore improvvisamente. Sua moglie Joan, costumista, è distrutta dal dolore, ma si fa convincere ad assistere a una replica di beneficienza dell'ultimo spettacolo di suo marito, e a vedere un sostituto interpretare il suo ruolo. Ne è terrorizzata. Ma quando l'attore appare sul palcoscenico, la vedova addolorata trasalisce nel rendersi conto che dietro gli occhi dell'uomo brucia ardente lo spirito di suo marito. Più tardi, nel backstage, incontra l'attore e ha la conferma che Charlie vive in lui. È stordita dalla gioia. Diventa così amica del giovane attore e comincia a donargli gli abiti di Charlie. L'amicizia presto evolve in una relazione amorosa, e Joan continua a vedere nel sostituto il fantasma di suo marito. Una sera, per caso, mentre fruga nel guardaroba di Charlie, scopre un orribile segreto e ne è devastata: la guerra, dopotutto, non è finita. Joan, la costumista, viene catapultata in un nuovo, cupo mondo, fatto di violenza, intrighi e terribili verità... Gennaio 1947. La guerra è finita da due anni. Londra è in macerie, non c'è nulla da mangiare ed è l'inverno più freddo da che se ne ha memoria. A peggiorare ancora le cose, uno dei più grandi attori teatrali del momento, Charlie Grice, muore improvvisamente. Sua moglie Joan, costumista, è distrutta dal dolore, ma si fa convincere ad assistere a una replica di beneficienza dell'ultimo spettacolo di suo marito, e a vedere un sostituto interpretare il suo ruolo. Ne è terrorizzata. Ma quando l'attore appare sul palcoscenico, la vedova addolorata trasalisce nel rendersi conto che dietro gli occhi dell'uomo brucia ardente lo spirito di suo marito. Più tardi, nel backstage, incontra l'attore e ha la conferma che Charlie vive in lui. È stordita dalla gioia. Diventa così amica del giovane attore e comincia a donargli gli abiti di Charlie. L'amicizia presto evolve in una relazione amorosa, e Joan continua a vedere nel sostituto il fantasma di suo marito. Una sera, per caso, mentre fruga nel guardaroba di Charlie, scopre un orribile segreto e ne è devastata: la guerra, dopotutto, non è finita. Joan, la costumista, viene catapultata in un nuovo, cupo mondo, fatto di violenza, intrighi e terribili verità...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2017

ISBN: 9788893442763

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La guardarobiera di Patrick McGrath è Joan, una donna affascinante (“Aveva i capelli neri senza un filo d’argento. Li portava tirati all’indietro con una certa severità, per meglio gettarsi sul mondo come una falce, era stato detto. Alta quanto il defunto marito e di corporatura snella, il viso era pallido e scolpito, col mento alto, i lineamenti modellati in una pietra bianca e dura; l’effetto certe volte era ieratico”) nell’aspetto, che pure presenta qualche crepa evidente (“La bocca contratta in un rictus feroce che scopriva i denti storti e anneriti”). Ma più evidenti sono le crepe nel profilo psicologico, sia per certe abitudini (“Un drink, invece, in compagnia di questo sdrucito attore nel quale dimorava come un dibbuk lo spirito del suo defunto marito”), sia per la spiccata tendenza a vedere fantasmi (“Conclusa la cerimonia vedemmo il vecchio Gricey uscire dal fondo, attraverso il sipario, dentro la sua bara”), a percepire presenze, a sentire voci (“Joan la sentì per la prima volta: sommessa, divertita, oh… la voce di suo marito”).

La storia di Joan, dopo la morte del marito, prende il via dalla cerimonia funebre (“No, lo avevano sepolto vivo. Aveva permesso che lo seppellissero vivo”) e prende corpo tra personaggi che – conoscendo McGrath – sono guardati tutti con sospetto, come se potessero rivelare retroscena a ogni pagina del libro.
Julius Gass (“Julius era austero e guardingo, incombeva sulle sue donne come una specie di airone palustre giallo”), il genero produttore, sospettato di aver causato la morte dell’attore Charlie Griece, marito di Joan (“Non sarebbe successo nulla se non fosse stato furioso con Julius Glass… sarebbe caduto dai gradini e-“).
L’amica rifugiata (“Gustl Herzfeld, un’ebrea rifugiata, si era presentata come la sorella di Julius ma avevamo i nostri dubbi”) che vive nella casa ove Vera, la figlia di Joan, attrice promettente (“Essendo Vera Griece un’apprezzata attrice e sulla buona strada per diventare una stella”), abita in soffitta (“Vera aveva deciso di restare nella casa del marito nonostante adesso preferisse vivere in soffitta come una domestica e mettere a rischio l’intero guardaroba”).
La stessa Vera (“Vera, quanto si dovessero prendere sul serio le sue crisi, cosa che sembrava accadere più spesso negli ultimi tempi, in quei tetri, desolati tempi di freddo e bisogno e lutto-“).
Infine Daniel Francis, l’attore che sostituisce il defunto Gricey ne “La dodicesima notte” (“Il Malvolio di Grecey, talmente innamorato di Olivia – la quale ne è completamente ignara – da interpretare il ruolo con una specie di estasiata tenerezza erettile, proprio come faceva Gricey: era un pene ambulante”) e che presto intreccia una relazione con Joan e un ambiguo rapporto con Vera (“Aveva naturalmente quel fuoco feroce negli occhi, c’è sempre quando gli attori scendono dal palco a fine serata, quando sono pieni di vita e di se stessi”).

L’ambientazione abbonda di elementi gotici.
Londra, fotografata in un inverno rigido (“Le previsioni annunciavano neve per la serata”), quando la città ancora reca le ferite dei bombardamenti.
Il quartiere Pimlico (“Le altalene, appese a una struttura arrugginita simile a una forca di catene”) ove abitano i coniugi Glass.
La sartoria che Joan dirige (“L’ago che picchiettava sulla piastra, tic-tic-tic-tic-tic. Un frenetico dito dentro una bara, pensò. La stanza fu attraversata da una corrente gelida. L’appartamento aveva cessato di essere la sua casa. Era una cripta, pensò, anche se adesso Gricey – Gricey! – sembrava essere tornato dai morti”).
Il mondo del teatro (“Gli attori sono come i preti, o forse i becchini, anche questa abbiamo sentito dire, perché intratteniamo un intimo rapporto con la morte”) con le sue situazioni (“La raccolta degli oggetti scenici, dei costumi gettati su stampelle e appendiabiti, le grida di buonanotte via via che gli attori della compagnia si disperdevano…”), le sue trovate (“E getta la mano mozzata verso il pubblico inorridito”) e allegorie.
Ma soprattutto il macabro rapporto che Joan conduce con il defunto marito (“Le cui spoglie terrene erano, apparentemente, state ridotte a un mucchietto di cenere e messe in un’urna che lei teneva sotto il letto”) nel proprio appartamento (“Il lampione, la cancellata, le pietre del lastrico, il muro del cimitero poco più giù, e stava nevicando di nuovo”) e con Daniel, al quale la guardarobiera regala gli abiti del defunto.

Mentre il rapporto di madre e figlia – impegnata sul palco con La duchessa di Amalfi – con Daniel Francis oscilla tra il complesso di Agar-Sara e il complesso di Elettra, nella storia affiorano i rigurgiti del fascismo che tenta di sopravvivere al dopoguerra con le proprie violenze razziste (“L’obiettivo di Mosley era di far resuscitare lo spirito fascista, farlo tornare dai morti semmai poteva morire, pensò Joan, perché forse, come Gricey, dormiva soltanto”).

La narrazione è condotta in modo originale, da un soggetto plurale che rivela la propria identità nel finale (“Ce ne accorgemmo anche tutte noi… Il gatto era uscito dal sacco”), nel bel mezzo della tragedia.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Mcgrath

Libri dallo stesso autore

Intervista a McGrath Patrick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO