Saggi

La guerra del cinema

Puttnam David

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Dino Audino

Collana:

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

I film sono potenti. Nel bene e nel male, agiscono sulla nostra mente. Si insinuano dentro di noi nell’oscurità del cinema per sviluppare o confermare comportamenti sociali. Possono contribuire a creare una società sana, informata, interessata e curiosa oppure, al contrario, una società negativa, passiva e ignorante, a un passo dal nichilismo.

Questa dichiarazione d’amore e di fiducia nei confronti della Settima Arte è il fulcro di La guerra del cinema. L’autore David Puttnam, produttore inglese di grande successo, presidente della Paramount negli anni Ottanta e produttore di film importanti quali I duellanti di Ridley Scott (1977) e Momenti di gloria di Hugh Hudson (1981), indaga le ragioni dello scontro culturale ed economico tra Stati Uniti ed Europa in nome di un’idea di cinema totalmente divergente.

Partendo dalla seconda guerra mondiale (intelligentemente, l’edizione italiana presenta solo la seconda parte del volume di Puttnam, tenendo presente la vasta letteratura esistente sull’industria cinematografica delle origini e la scarsità di studi sulla seconda metà del Novecento), l’autore si avventura in un percorso che delinea un panorama ben preciso: da un lato gli Stati Uniti che, grazie ad una politica industriale aggressiva e ben strutturata e all’appoggio al settore da parte del governo, sono riusciti a sviluppare il mercato cinematografico e a farsi portatori di valori universali, capaci di fare presa anche sul pubblico estero; dall’altro, l’Europa, priva di un sostegno statale e di stimoli e investimenti, irriducibilmente ostile all’idea di cinema come attività industriale e commerciale e prigioniera di un’ideologia autoriale, che si è condannata ad un’emarginazione sempre più profonda, allontanando il pubblico. Scrive Puttnam:

“…I cineasti, i dirigenti e i politici di tutta Europa furono o scelsero di essere troppo ignoranti per imparare la lezione che Hollywood aveva offerto alle industrie cinematografiche meno capaci di ottenere risultati positivi. Il cinema […] è un’impresa costosa […] In un sistema simile, l’indipendenza artistica è limitata e spesso si trova in opposizione alle esigenze economiche fondamentali. Così è accaduto che le due idee di cinema, che si trovavano in opposizione sotto ogni possibile aspetto – culturale, economico, politico – sono entrate in guerra per contendersi il cuore, la mente e i soldi del pubblico di tutto il mondo.”

Lucido e cristallino nella sua analisi, il saggio di Puttnam è perfetto per chi vuole approfondire la sua conoscenza della Settima Arte e informarsi su alcune delle tappe fondamentali della sua storia (nascita degli studios hollywoodiani, rivalità con il mezzo televisivo, Nouvelle Vague) ma è utile anche per i cosiddetti esperti del ramo, che vi troveranno alcuni gustosi aneddoti e una grande precisione storica.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Puttnam

Libri dallo stesso autore

Intervista a Puttnam David

Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un'oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta - la bellissima compaesana che vive a Firenze e scende al mare per le vacanze - incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell'ombra, hanno la meglio: e presto l'uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi... Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell'estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. Giorni in cui nemmeno la calura spegne il desiderio d'amore, che vibra tra i ragazzi e accende gli animi come peperoncino vivo sulle labbra. E poi settembre, l'estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l'incanto non è nulla senza il coraggio, senza l'impegno che ogni vita adulta richiede. Con freschezza e passione, Carmine Abate dà vita a un intenso romanzo di formazione che si svolge nel tempo di pochi mesi e insieme racconta il senso racchiuso in una vita intera. L'uomo "selvatico" del Giglietto sarà per i protagonisti il testimone più alto della dignità, del rifiuto della prepotenza, della solidarietà che rendono grande ogni esistenza, e restituiscono a ogni luogo la sua bellezza. Valori che si incarnano nel gesto antico e attuale di baciare il pane, per celebrarne il dono e il mistero.

IL BACIO DEL PANE

Abate Carmine

Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. Insieme a lei, tanti altri personaggi, Ethel Leckwith e suo figlio Lloyd, Volodja Peskov, destinato a un brillante futuro nei servizi segreti sovietici, e sua cugina Daisy, brillante frequentatrice dell'alta società, i due fratelli americani Woody e Chuck Dewar... Il destino li metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo.

L’inverno del mondo

Follett Ken

Edizione essenziale di «La fine è il mio inizio» - Domande e risposte su come fare una vita.

Fine inizio

Terzani Folco

Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario