Saggi

La guerra del cinema

Puttnam David

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Dino Audino

Collana:

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

I film sono potenti. Nel bene e nel male, agiscono sulla nostra mente. Si insinuano dentro di noi nell’oscurità del cinema per sviluppare o confermare comportamenti sociali. Possono contribuire a creare una società sana, informata, interessata e curiosa oppure, al contrario, una società negativa, passiva e ignorante, a un passo dal nichilismo.

Questa dichiarazione d’amore e di fiducia nei confronti della Settima Arte è il fulcro di La guerra del cinema. L’autore David Puttnam, produttore inglese di grande successo, presidente della Paramount negli anni Ottanta e produttore di film importanti quali I duellanti di Ridley Scott (1977) e Momenti di gloria di Hugh Hudson (1981), indaga le ragioni dello scontro culturale ed economico tra Stati Uniti ed Europa in nome di un’idea di cinema totalmente divergente.

Partendo dalla seconda guerra mondiale (intelligentemente, l’edizione italiana presenta solo la seconda parte del volume di Puttnam, tenendo presente la vasta letteratura esistente sull’industria cinematografica delle origini e la scarsità di studi sulla seconda metà del Novecento), l’autore si avventura in un percorso che delinea un panorama ben preciso: da un lato gli Stati Uniti che, grazie ad una politica industriale aggressiva e ben strutturata e all’appoggio al settore da parte del governo, sono riusciti a sviluppare il mercato cinematografico e a farsi portatori di valori universali, capaci di fare presa anche sul pubblico estero; dall’altro, l’Europa, priva di un sostegno statale e di stimoli e investimenti, irriducibilmente ostile all’idea di cinema come attività industriale e commerciale e prigioniera di un’ideologia autoriale, che si è condannata ad un’emarginazione sempre più profonda, allontanando il pubblico. Scrive Puttnam:

“…I cineasti, i dirigenti e i politici di tutta Europa furono o scelsero di essere troppo ignoranti per imparare la lezione che Hollywood aveva offerto alle industrie cinematografiche meno capaci di ottenere risultati positivi. Il cinema […] è un’impresa costosa […] In un sistema simile, l’indipendenza artistica è limitata e spesso si trova in opposizione alle esigenze economiche fondamentali. Così è accaduto che le due idee di cinema, che si trovavano in opposizione sotto ogni possibile aspetto – culturale, economico, politico – sono entrate in guerra per contendersi il cuore, la mente e i soldi del pubblico di tutto il mondo.”

Lucido e cristallino nella sua analisi, il saggio di Puttnam è perfetto per chi vuole approfondire la sua conoscenza della Settima Arte e informarsi su alcune delle tappe fondamentali della sua storia (nascita degli studios hollywoodiani, rivalità con il mezzo televisivo, Nouvelle Vague) ma è utile anche per i cosiddetti esperti del ramo, che vi troveranno alcuni gustosi aneddoti e una grande precisione storica.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Puttnam

Libri dallo stesso autore

Intervista a Puttnam David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull'adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

Norwegian Wood. Tokyo blues

Murakami Haruki

Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco