Narrativa

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Descrizione: È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681519

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

E’ nato a Bellano, sul ramo lecchese del Lario, quello – per intenderci bene – di illustre tradizione letteraria. Nei suoi romanzi quindi descrive il “mio” lago di Como. Ma non è solo questo. Il suo punto di forza è che, quando lo fa (descrivere ambienti e atmosfere lacustri), Andrea Vitali è unico, originale, inconfondibile. Ne dà una prova anche nel suo ultimo best seller, “La leggenda del morto contento”.

Ho trovato eccezionale la descrizione della metamorfosi del lago che, da piatto, si trasforma in una burrascosa e insidiosa trappola di morte per effetto del favonio in un apparentemente innocuo giorno d’estate. Altrettanto affascinante la descrizione della nuvola che, a forma di cane, dirige dall’alto la tragica fine di due giovani, figli del potere economico locale e milanese (il romanzo è ambientato nell’ottocento, sotto la dominazione austriaca).

Il linguaggio utilizzato dall’autore riempie di nostalgia l’animo di un lombardo, ma costituisce sicuramente un elemento distintivo anche per tutti gli altri italiani, così innamorati delle loro terre d’origine, e per tutti noi, che abbiamo la fortuna di vivere in questo straordinario (dal punto di vista paesaggistico!) luogo del mondo.

E così Lepido, sarto-poeta che, con il suo naso rincagnato, si perde nel cielo e si lascia ipnotizzare dal lago piuttosto che attendere a scalfarotti, scosà, braghe e giponini (tanto per riproporre alcuni termini del nostro), assiste alla scena del naufragio mortale, dopo aver tentato invano di dissuadere i due giovani sconsiderati. I soccorritori recuperano un cadavere, quello del figlio del Gorgia, mentre risulta disperso il di lui amico, Emilio Spanzen.

Ne segue una girandola di eventi, tutti concertati a celebrare la saga di una società ove la macchina della giustizia e dei personalismi scandalosamente esige che una vittima venga immolata, salvo fare – paradossalmente – la felicità del malcapitato agnello sacrificale. Verrebbe da chiedersi: è cambiato qualcosa da allora, in questa nostra Italia (tanto per ribaltare l’entusiasmo sopra manifestato) ove burocrazia, giochi di potere e connivenze a volte travolgono i destini dei cittadini?

Divertentissima, se non parasse a un malinconico finale grondante pessimismo lirico, la pantomima del processo, che vede avvicendarsi un’autentica “corte dei Miracoli”. Accanto a pretore e podestà, ridicole macchiette all’ombra del prefetto di Como, come in un presepe, sfilano personaggi umili: artigiani, sottoccupati e pescatori locali. Indimenticabili le caratterizzazioni delle comari: oltre alla “magnana” (la moglie del magnano, intraducibile: per approssimazione potremmo dire fabbro?) e alla Diomira (la moglie del sarto), impegnate in una contesa-tormentone su un paio di braghe, la Teresotta (donna dall’esorbitante sguardo monocolo), la Nutrimento (ex balia dalle mammelle ormai vizze), la Cherchelina (“piccola, scura, pelosa, con una collezione corallina di verruche sul naso …”), la Strascia (che cammina come un’oca, ma …) e tante altre.

Andrea Vitali, sapiente regista della scena, ci lascia con una certezza rassicurante (!!!): la morte azzera tutto, quindi uomini non danniamoci nelle lotte fratricide! Sotto la madre terra, l’umile “morto contento” è come il giovane di belle speranze di una famiglia facoltosa …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea

21 marzo, giornata della poesia: Dora Markus di Montale

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola

Il romanzo è ambientato in Germania, nella Foresta Nera. Da qui il titolo, “Darkland”, terra oscura, ovvero la Foresta Nera, ma al tempo stesso la Germania. Karl Jerzyck, un professore di criminologia di Monaco, scopre casualmente delle ossa in un bosco vicino a Karlsruhe. I resti appartengono a delle persone scomparse 25 anni prima in circostanze mai chiarite. Il criminologo e Arno Schulze, l’ispettore della Kripo che aveva seguito il caso all’epoca, riprendono a indagare. Nel corso delle indagini, i due protagonisti si trovano coinvolti nelle trame di gruppi neonazisti collegati a sette esoteriche e occulte. Un viaggio che il riporterà indietro nel tempo. Un viaggio che li riporterà ai campi di sterminio nazisti. La ripresa delle indagini coincide con una serie di nuove sparizioni, questa volta a Friburgo. Perché sono riprese? Cosa sta succedendo nella Foresta Nera? Perché è stata scelta proprio questa zona della Germania? Jerzyck e Schulze scopriranno che qualcuno ha deciso di riprendere gli esperimenti mai conclusi ad Auschwitz da Joseph Mengele, l’angelo della morte. A che scopo? Perché il mondo del neonazismo è in fermento? Chi c’è veramente dietro gli omicidi? Per arrivare a capirlo dovranno richiedere l’aiuto del Bundesverfassungschutz, i servizi segreti. E cosa dovrà essere annunciato di sconvolgente dai neonazisti il 30 aprile del 2015, in occasione del 70° anniversario della morte di Adolf Hitler?

Darkland

Grugni Paolo

"Torino di carta" è una guida letteraria della città e dei suoi quartieri, un'escursione narrativa per le strade di Torino, raccontata attraverso le opere di grandi scrittori, classici della letteratura italiana del Novecento e romanzi di autori contemporanei. Uno strumento per orientarsi attraverso le molteplici storie che, seppure in periodi differenti, hanno Torino come protagonista. Da Edmondo De Amicis fino alla produzione letteraria degli ultimi anni, la città viene ridisegnata e presentata intercettando e restituendo al lettore il punto di osservazione e lo stile di ogni autore. Tra gli scrittori che popolano la Torino di carta incontrerete: De Amicis, Natalia Ginzburg, Pavese, Calvino, Levi, Arpino, Fruttero & Lucentini, Oggero, Pandiani, Frascella, Perissinotto, Culicchia, Remmert. Il volume si apre con una prefazione di Alice Avallone e contiene in allegato la mappa letteraria di Torino con l'indicazione dei luoghi chiave delle opere passate in rassegna.

Torino di carta

Chiappori Alessandra