Narrativa

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Descrizione: È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681519

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

E’ nato a Bellano, sul ramo lecchese del Lario, quello – per intenderci bene – di illustre tradizione letteraria. Nei suoi romanzi quindi descrive il “mio” lago di Como. Ma non è solo questo. Il suo punto di forza è che, quando lo fa (descrivere ambienti e atmosfere lacustri), Andrea Vitali è unico, originale, inconfondibile. Ne dà una prova anche nel suo ultimo best seller, “La leggenda del morto contento”.

Ho trovato eccezionale la descrizione della metamorfosi del lago che, da piatto, si trasforma in una burrascosa e insidiosa trappola di morte per effetto del favonio in un apparentemente innocuo giorno d’estate. Altrettanto affascinante la descrizione della nuvola che, a forma di cane, dirige dall’alto la tragica fine di due giovani, figli del potere economico locale e milanese (il romanzo è ambientato nell’ottocento, sotto la dominazione austriaca).

Il linguaggio utilizzato dall’autore riempie di nostalgia l’animo di un lombardo, ma costituisce sicuramente un elemento distintivo anche per tutti gli altri italiani, così innamorati delle loro terre d’origine, e per tutti noi, che abbiamo la fortuna di vivere in questo straordinario (dal punto di vista paesaggistico!) luogo del mondo.

E così Lepido, sarto-poeta che, con il suo naso rincagnato, si perde nel cielo e si lascia ipnotizzare dal lago piuttosto che attendere a scalfarotti, scosà, braghe e giponini (tanto per riproporre alcuni termini del nostro), assiste alla scena del naufragio mortale, dopo aver tentato invano di dissuadere i due giovani sconsiderati. I soccorritori recuperano un cadavere, quello del figlio del Gorgia, mentre risulta disperso il di lui amico, Emilio Spanzen.

Ne segue una girandola di eventi, tutti concertati a celebrare la saga di una società ove la macchina della giustizia e dei personalismi scandalosamente esige che una vittima venga immolata, salvo fare – paradossalmente – la felicità del malcapitato agnello sacrificale. Verrebbe da chiedersi: è cambiato qualcosa da allora, in questa nostra Italia (tanto per ribaltare l’entusiasmo sopra manifestato) ove burocrazia, giochi di potere e connivenze a volte travolgono i destini dei cittadini?

Divertentissima, se non parasse a un malinconico finale grondante pessimismo lirico, la pantomima del processo, che vede avvicendarsi un’autentica “corte dei Miracoli”. Accanto a pretore e podestà, ridicole macchiette all’ombra del prefetto di Como, come in un presepe, sfilano personaggi umili: artigiani, sottoccupati e pescatori locali. Indimenticabili le caratterizzazioni delle comari: oltre alla “magnana” (la moglie del magnano, intraducibile: per approssimazione potremmo dire fabbro?) e alla Diomira (la moglie del sarto), impegnate in una contesa-tormentone su un paio di braghe, la Teresotta (donna dall’esorbitante sguardo monocolo), la Nutrimento (ex balia dalle mammelle ormai vizze), la Cherchelina (“piccola, scura, pelosa, con una collezione corallina di verruche sul naso …”), la Strascia (che cammina come un’oca, ma …) e tante altre.

Andrea Vitali, sapiente regista della scena, ci lascia con una certezza rassicurante (!!!): la morte azzera tutto, quindi uomini non danniamoci nelle lotte fratricide! Sotto la madre terra, l’umile “morto contento” è come il giovane di belle speranze di una famiglia facoltosa …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La Scienza si è illusa di aver già compreso la natura della realtà: le questioni fondamentali hanno già trovato risposta, lasciando solo i dettagli da definire. Rupert Sheldrake, uno degli scienziati più innovativi ed esponente di quello che viene definito un approccio «organicista», pensa invece che le scienze stiano attraversando una impasse determinata proprio da ipotesi date regolarmente per sottintese, mai messe in dubbio, accettate come un articolo di fede. Egli sostiene che la «visione scientifica», ancorandosi ai suoi assunti trasformati in dogmi, sia diventata un sistema di credenze: tutta la realtà è o materiale o fisica, il mondo è una macchina, e la materia è priva di coscienza, il libero arbitrio è illusorio, le leggi di natura sono costanti e la natura è senza finalità, la coscienza non è altro che l'attività fisica del cervello e Dio vive solo come un'idea nella mente umana, la medicina meccanicistica è l'unica che funziona veramente, e così via. Sheldrake individua dieci «dogmi» del materialismo, trasforma ciascuno di essi in una domanda e a ciascuno dedica uno dei capitoli del libro, in cui sottopone a esame la sua credibilità, i problemi e le anomalie che possono metterlo in crisi, le ricadute nella pratica della vita e della ricerca dell'atteggiamento fideistico che lo supporta. Aprendo nuovi possibili percorsi di indagine, svincolandosi da tali dogmi, la scienza sarebbe migliore: più libera, più interessante, più divertente.

LE ILLUSIONI DELLA SCIENZA

Sheldrake Rupert

Un anno volge al termine e uno nuovo sta per cominciare, carico di speranze, buoni propositi e qualche rimpianto. Mentre cerca un po' di pace nella bellissima Villa Sans-souci a Paraggi, che ha ricevuto in eredità dalla nonna materna, Maria Sole ripensa al grande inganno che ha determinato la fine del suo matrimonio poche settimane prima. Si chiede come abbia fatto a non accorgersi che suo marito non era quello che sembrava, pur conoscendolo sin dall'infanzia, e come i genitori di entrambi, che sospettavano da sempre, abbiano potuto tacere. Ripercorrendo i ricordi racchiusi nelle stanze della villa, la giovane donna si rende conto che la sua famiglia è sempre vissuta di segreti, per non sporcare l'immagine della propria rispettabilità. Ma ora Maria Sole vuole scrollarsi di dosso tante ipocrisie e riprendere in mano la vita, anche per amore del suo bambino. Per fortuna, ha accanto le sue tre amiche soccorrevoli: Carlotta, Andreina e Gloria, pronte a sostenersi vicendevolmente nei momenti di difficoltà. Ognuna delle quattro «amiche del giovedì» - così le chiama la proprietaria del ristorante dove s'incontrano una volta a settimana - si affaccia al nuovo anno con una sfida da affrontare: chi un ritorno di fiamma, chi una gravidanza inattesa, chi una scelta d'amore che sconvolge ogni certezza. Di fronte a quelle svolte, la loro forza sarà il legame che le unisce come sorelle. Come una famiglia sincera. Le protagoniste di "Festa di famiglia" tornano in questo romanzo. Una storia di nuovi inizi e di affetti da custodire come tesori preziosi.

Segreti e ipocrisie

Casati Modignani Sveva

Ernesto Cervicati si è sempre occupato di zia Antonia. L'ha tenuta in casa finché lei - ormai anziana - non ha preferito trasferirsi nella Casa di Riposo di Bellano, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore. Antonio, fratello di Ernesto, della zia non ne ha mai voluto sapere, impegnato com'è con sua moglie Augusta, vogliosa e ossigenata. Finché un giorno Antonio non decide che è venuto il momento di occuparsi dell'anziana parente. Certo, non è ricca, ma si può sempre sperare in qualche briciola di eredità...

ZIA ANTONIA SAPEVA DI MENTA

Vitali Andrea

Carolina, una ragazza nel tunnel della droga, e Giorgio, suo padre, editor di una piccola casa editrice romana. Un centro di recupero dal quale la figlia è uscita senza una vera guarigione. La vita che ricomincia come prima, attirata a ogni passo nei vicoli della dipendenza, verso un destino cui niente e nessuno sembra potersi opporre. Solo, impotente, smarrito, Giorgio tenta ogni strada per salvare sua figlia, e in ogni strada, dissestata, sconnessa da una crescente follia, la sua solitudine si fa più profonda, il suo smarrimento più vasto, la sua impotenza più fatale. Cerca rifugio nella fede, e una via di salvezza comincia ad affacciarsi, un'idea di fede oscura, un patto col diavolo...

Sacrificio

Carraro Andrea