Narrativa

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Descrizione: È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681519

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

E’ nato a Bellano, sul ramo lecchese del Lario, quello – per intenderci bene – di illustre tradizione letteraria. Nei suoi romanzi quindi descrive il “mio” lago di Como. Ma non è solo questo. Il suo punto di forza è che, quando lo fa (descrivere ambienti e atmosfere lacustri), Andrea Vitali è unico, originale, inconfondibile. Ne dà una prova anche nel suo ultimo best seller, “La leggenda del morto contento”.

Ho trovato eccezionale la descrizione della metamorfosi del lago che, da piatto, si trasforma in una burrascosa e insidiosa trappola di morte per effetto del favonio in un apparentemente innocuo giorno d’estate. Altrettanto affascinante la descrizione della nuvola che, a forma di cane, dirige dall’alto la tragica fine di due giovani, figli del potere economico locale e milanese (il romanzo è ambientato nell’ottocento, sotto la dominazione austriaca).

Il linguaggio utilizzato dall’autore riempie di nostalgia l’animo di un lombardo, ma costituisce sicuramente un elemento distintivo anche per tutti gli altri italiani, così innamorati delle loro terre d’origine, e per tutti noi, che abbiamo la fortuna di vivere in questo straordinario (dal punto di vista paesaggistico!) luogo del mondo.

E così Lepido, sarto-poeta che, con il suo naso rincagnato, si perde nel cielo e si lascia ipnotizzare dal lago piuttosto che attendere a scalfarotti, scosà, braghe e giponini (tanto per riproporre alcuni termini del nostro), assiste alla scena del naufragio mortale, dopo aver tentato invano di dissuadere i due giovani sconsiderati. I soccorritori recuperano un cadavere, quello del figlio del Gorgia, mentre risulta disperso il di lui amico, Emilio Spanzen.

Ne segue una girandola di eventi, tutti concertati a celebrare la saga di una società ove la macchina della giustizia e dei personalismi scandalosamente esige che una vittima venga immolata, salvo fare – paradossalmente – la felicità del malcapitato agnello sacrificale. Verrebbe da chiedersi: è cambiato qualcosa da allora, in questa nostra Italia (tanto per ribaltare l’entusiasmo sopra manifestato) ove burocrazia, giochi di potere e connivenze a volte travolgono i destini dei cittadini?

Divertentissima, se non parasse a un malinconico finale grondante pessimismo lirico, la pantomima del processo, che vede avvicendarsi un’autentica “corte dei Miracoli”. Accanto a pretore e podestà, ridicole macchiette all’ombra del prefetto di Como, come in un presepe, sfilano personaggi umili: artigiani, sottoccupati e pescatori locali. Indimenticabili le caratterizzazioni delle comari: oltre alla “magnana” (la moglie del magnano, intraducibile: per approssimazione potremmo dire fabbro?) e alla Diomira (la moglie del sarto), impegnate in una contesa-tormentone su un paio di braghe, la Teresotta (donna dall’esorbitante sguardo monocolo), la Nutrimento (ex balia dalle mammelle ormai vizze), la Cherchelina (“piccola, scura, pelosa, con una collezione corallina di verruche sul naso …”), la Strascia (che cammina come un’oca, ma …) e tante altre.

Andrea Vitali, sapiente regista della scena, ci lascia con una certezza rassicurante (!!!): la morte azzera tutto, quindi uomini non danniamoci nelle lotte fratricide! Sotto la madre terra, l’umile “morto contento” è come il giovane di belle speranze di una famiglia facoltosa …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea

Mimì, dodici anni, occhiali, parlantina da sapientone e la fissa per i fumetti, gli astronauti e Karate Kid, abita in uno stabile del Vomero, a Napoli, dove suo padre lavora come portiere. Passa le giornate sul marciapiede insieme al suo migliore amico Sasà, un piccolo scugnizzo, o nel bilocale che condivide con i genitori, la sorella adolescente e i nonni. Nel 1985, l’anno in cui tutto cambia, Mimì si sta esercitando nella trasmissione del pensiero, architetta piani per riuscire a comprarsi un costume da Spiderman e cerca il modo di attaccare bottone con Viola convincendola a portare da mangiare a Morla, la tartaruga che vive sul grande balcone all’ultimo piano. Ma, soprattutto, conosce Giancarlo, il suo supereroe. Che, al posto della Batmobile, ha una Mehari verde. Che non vola né sposta montagne, ma scrive. E che come armi ha un’agenda e una biro, con cui si batte per sconfiggere il male. Giancarlo è Giancarlo Siani, il giornalista de “Il Mattino” che cadrà vittima della camorra proprio quell’anno e davanti a quel palazzo. Nei mesi precedenti al 23 settembre, il giorno in cui il giovane giornalista verrà ucciso, e nel piccolo mondo circoscritto dello stabile del Vomero (trenta piastrelle di portineria che proteggono e soffocano al tempo stesso), Mimì diventa grande. E scopre l’importanza dell’amicizia e dei legami veri, i palpiti del primo amore, il valore salvifico delle storie e delle parole. Perché i supereroi forse non esistono, ma il ricordo delle persone speciali e le loro piccole grandi azioni restano.

Un ragazzo normale

Marone Lorenzo

I destini di cinque famiglie si intrecciano inesorabilmente attraverso due continenti sullo sfondo dei drammatici eventi scatenati dallo scoppio della Prima guerra mondiale e dalla Rivoluzione russa. Tutto ha inizio nel 1911, il giorno dell'incoronazione di Giorgio V nell'abbazia di Westminster a Londra. Quello stesso 22 giugno ad Aberowen, in Galles, Billy Williams compie tredici anni e inizia a lavorare in miniera. La sua vita sembrerebbe segnata. Amore e inimicizia legano la sua famiglia agli aristocratici Fitzherbert, proprietari della miniera e tra le famiglie più ricche d'Inghilterra. Lady Maud Fitzherbert, appassionata e battagliera sostenitrice del diritto di voto alle donne, si innamora dell'affascinante Walter von Ulrich, spia tedesca all'ambasciata di Londra. Le loro strade incrociano quella di Gus Dewar, giovane assistente del presidente americano Wilson. Ed è proprio in America che due orfani russi, i fratelli Grigorij e Lev Pe&kov, progettano di emigrare, ostacolati però dallo scoppio della guerra e della rivoluzione. Dalle miniere di carbone ai candelabri scintillanti di palazzi sontuosi, dai corridoi della politica alle alcove dei potenti, da Washington a San Pietroburgo, da Londra a Parigi il racconto si muove incessantemente fra drammi nascosti e intrighi internazionali. Ne sono protagonisti ricchi aristocratici, poveri ambiziosi, donne coraggiose e volitive e sopra tutto e tutti le conseguenze della guerra per chi la fa e per chi resta a casa. Primo grande romanzo di "The Century" - la nuova trilogia di Ken Follett incentrata sulla storia del ventesimo secolo - La caduta dei giganti è un'opera epica, uno straordinario affresco storico che, al pari de I pilastri della terra e Mondo senza fine, è destinato a diventare un classico.

LA CADUTA DEI GIGANTI

Follett Ken

Ci sono bar e bar e poi c’è il Bar Sport che tutti li accomuna e li fonde in un solo paradigmatico universo, in una sola grande scena di umanità raccolta sotto la fraterna insegna come intorno a un fuoco, intorno al calore di un’identità minacciata. Stefano Benni, con il suo Bar Sport, ha aperto la porta su un mondo che per tutti è diventato un luogo, anzi il luogo familiare per eccellenza. Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata a un’esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.

BAR SPORT

Benni Stefano

La carriola