Narrativa

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Descrizione: È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681519

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

E’ nato a Bellano, sul ramo lecchese del Lario, quello – per intenderci bene – di illustre tradizione letteraria. Nei suoi romanzi quindi descrive il “mio” lago di Como. Ma non è solo questo. Il suo punto di forza è che, quando lo fa (descrivere ambienti e atmosfere lacustri), Andrea Vitali è unico, originale, inconfondibile. Ne dà una prova anche nel suo ultimo best seller, “La leggenda del morto contento”.

Ho trovato eccezionale la descrizione della metamorfosi del lago che, da piatto, si trasforma in una burrascosa e insidiosa trappola di morte per effetto del favonio in un apparentemente innocuo giorno d’estate. Altrettanto affascinante la descrizione della nuvola che, a forma di cane, dirige dall’alto la tragica fine di due giovani, figli del potere economico locale e milanese (il romanzo è ambientato nell’ottocento, sotto la dominazione austriaca).

Il linguaggio utilizzato dall’autore riempie di nostalgia l’animo di un lombardo, ma costituisce sicuramente un elemento distintivo anche per tutti gli altri italiani, così innamorati delle loro terre d’origine, e per tutti noi, che abbiamo la fortuna di vivere in questo straordinario (dal punto di vista paesaggistico!) luogo del mondo.

E così Lepido, sarto-poeta che, con il suo naso rincagnato, si perde nel cielo e si lascia ipnotizzare dal lago piuttosto che attendere a scalfarotti, scosà, braghe e giponini (tanto per riproporre alcuni termini del nostro), assiste alla scena del naufragio mortale, dopo aver tentato invano di dissuadere i due giovani sconsiderati. I soccorritori recuperano un cadavere, quello del figlio del Gorgia, mentre risulta disperso il di lui amico, Emilio Spanzen.

Ne segue una girandola di eventi, tutti concertati a celebrare la saga di una società ove la macchina della giustizia e dei personalismi scandalosamente esige che una vittima venga immolata, salvo fare – paradossalmente – la felicità del malcapitato agnello sacrificale. Verrebbe da chiedersi: è cambiato qualcosa da allora, in questa nostra Italia (tanto per ribaltare l’entusiasmo sopra manifestato) ove burocrazia, giochi di potere e connivenze a volte travolgono i destini dei cittadini?

Divertentissima, se non parasse a un malinconico finale grondante pessimismo lirico, la pantomima del processo, che vede avvicendarsi un’autentica “corte dei Miracoli”. Accanto a pretore e podestà, ridicole macchiette all’ombra del prefetto di Como, come in un presepe, sfilano personaggi umili: artigiani, sottoccupati e pescatori locali. Indimenticabili le caratterizzazioni delle comari: oltre alla “magnana” (la moglie del magnano, intraducibile: per approssimazione potremmo dire fabbro?) e alla Diomira (la moglie del sarto), impegnate in una contesa-tormentone su un paio di braghe, la Teresotta (donna dall’esorbitante sguardo monocolo), la Nutrimento (ex balia dalle mammelle ormai vizze), la Cherchelina (“piccola, scura, pelosa, con una collezione corallina di verruche sul naso …”), la Strascia (che cammina come un’oca, ma …) e tante altre.

Andrea Vitali, sapiente regista della scena, ci lascia con una certezza rassicurante (!!!): la morte azzera tutto, quindi uomini non danniamoci nelle lotte fratricide! Sotto la madre terra, l’umile “morto contento” è come il giovane di belle speranze di una famiglia facoltosa …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Crudo e potente: così si presenta questo romanzo fin dalle prime pagine. Un’opera importante, la cui compiutezza sfiora la profondità di una riflessione filosofica sul potere e sulla violenza. È la storia di un affarista senza scrupoli che abbraccia l’ideale del dominio fino a farne la propria ragione di vita. L’uomo fa rapire una bambina, la piccola Isabel, in Amazzonia. La tiene con sé per anni, la sposa e le fa mettere al mondo una figlia, Marta. Intanto, sadico e consapevole, continua a gestire i suoi traffici, in nome di un successo che ai suoi occhi giustifica ogni aberrazione. Quando, anni dopo in Italia, Marta incontrerà Gianmario, un crescendo di tensione drammatica porterà a un finale sorprendente e inaudito.

TUTTO DEVE CROLLARE

Cannella Carlo

Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Questo libro ci porta nel laboratorio di Elena Ferrante, ci permette di dare uno sguardo nei cassetti da cui sono usciti i suoi primi tre romanzi e poi i quattro capitoli dell'"Amica geniale", offrendo un esempio di passione assoluta per la scrittura. La scrittrice risponde a non poche delle domande che le hanno fatto i suoi lettori. Dice, per esempio, perché chi scrive un libro farebbe bene a tenersi in disparte e lasciare che il testo faccia il suo corso. Dice i pensieri e le ansie di quando un romanzo diventa film. Dice com'è complicato trovare risposte in pillole alle domande di un'intervista. Dice delle gioie, delle fatiche, delle angosce di chi narra una storia e poi la scopre insufficiente. Dice dei suoi rapporti con la psicoanalisi, con le città in cui è vissuta, con l'infanzia come magazzino di mille suggestioni e fantasie, con la maternità, con il femminismo. Il risultato è l'autoritratto di una scrittrice al lavoro.

La frantumaglia

Ferrante Elena

È una notte del 1534 quando Jacopo, che da grande vuole diventare un pittore, fugge da Pistoia e dal padre, che non condivide il suo sogno e lo vorrebbe costringere a lavorare in bottega. Dopo un lungo e pericoloso viaggio, il ragazzo arriva a Roma, dove la fortuna sembra volgere a suo favore. Riesce infatti a diventare l'apprendista di Michelangelo Buonarroti, il grande artista che sta dipingendo il Giudizio Universale. Ben presto Jacopo diventa il suo allievo prediletto e il maestro gli affida anche un altro compito: deve recapitare misteriose lettere ai membri di una setta segreta di cui anche Michelangelo fa parte. Quando Papa Clemente VII muore avvelenato e il malefico abate Biagio da Cesena dà la caccia proprio a Michelangelo, accusandolo dell'omicidio, Jacopo deve scegliere da che parte stare. Ma in un mondo pieno di intrighi e ambiguità, è difficile distinguere il Bene dal Male... All'interno un inserto a colori con le immagini dell'opera di Michelangelo che hanno ispirato il romanzo. Età di lettura: da 10 anni.

L’apprendista di Michelangelo

Martigli Carlo A.