Narrativa

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Descrizione: È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681519

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Dopo un sopralluogo durato qualche giorno, effettuato nei ritagli di tempo […] aveva concluso tra sé di essere capitato in un bel posto, ricco di attività commerciali e artigianali ma soprattutto di attrazioni naturali, bellezze di cielo e di lago e di passeggiate che si era andato annotando col proposito di approfittare delle giornale libere. Bello il posto, quindi. La gente, invece, così così. Un po’ brusca, permalosa. In alcuni casi [..] restia, quando non addirittura gelosa di ciò che aveva, della terra che calpestava, perfino dell’aria che respirava…

Il posto in questione, neanche a dirlo, è Bellano, il borgo sulla sponda orientale del lago di Como reso immortale da Andrea Vitali. Il personaggio che si abbandona a questi pensieri è Lepido, sarto del paese, di origine svizzera, sposato con Diomira, una delle comari del villaggio, la quale non perde occasione di ricordargli chi sia la proprietaria della casa-laboratorio in cui vivono. Dopo una delle frequenti litigate, Diomira lo spedisce in riva al lago, a mangiare pane e odori, perché altro non gli avrebbe preparato. E’ lì che Lepido scorge un giovane di ottima famiglia, Francesco Gorgia, figlio del più ricco commerciante di Bellano, con l’amico bolzanino Emilio Spanzen, che sciolgono i  nodi che assicurano la barca al molo e prendono il largo. Non si accorgono del rischio che incombe. Nessuno se ne accorge, in realtà, tranne Lepido. Il cielo sembra sereno ma al sarto (meteorologo dilettante ma appassionato) bastano pochi indizi per capire che non durerà. Tenta di fermare i giovani, che però sono troppo allettati dal miraggio delle giovinette figlie dell’oste che lavorano sull’altra sponda. L’imbarcazione è presto al largo, ma in un attimo lo scafo si rovescia. A riva, però, torna solo il corpo del giovane Gorgia.

Da questo momento, si anima il teatrino di maschere e burattini messo in scenda da Vitali con la consueta maestria. Figure di provincia  che vivono in modo limpidamente eccessivo le proprie piccolezze e passioni, per non dire i vizi. La vicenda prende una piega inattesa per tutti i protagonisti. Tra i morti della vicenda, chi sarà mai quello contento che dà il titolo al romanzo? Un’immersione nell’ottocento del lago e dell’Italia (sì, Vitali stavolta lascia la sua epoca di elezione, dal punto di vista letterario, il ventennio) ben sostenuto da un linguaggio che alterna arcaismi e finezze dialettali. La vicenda, però, di malagiustizia e di piccolezze quotidiane è ottocentesca solo per finta.

Un romanzo sapientemente tenuto in bilico tra dramma e commedia, le cui pagine sembrano sfogliarsi da sole fino a un finale decisamente dolceamaro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un albero ghiacciato, di un rosso vivo, pulsante, intriso di sangue. È la prima immagine che appare a don Ermete, Zeno e Sauro. Una strage indicibile si è consumata ai piedi di quell’albero, e solo una prodigiosa nevicata ha lenito l’orrore di quegli undici corpi straziati da undici cause di morte diverse, avvenute contemporaneamente, in un lampo. I quarantadue abitanti di Borgo San Giuda, travolti dall’onda d’urto di quel massacro, si ritrovano al centro del mondo mediatico. Semplici testimoni del male, diventano i protagonisti dimenti-cati di questa storia, e tutti insieme scivolano nella follia. Don Ermete non può abbandonare la sua gente e insieme a Giovanna Gassion, giovane psichiatra della ASL in fuga da un amore finito, cercherà in tutti i modi di mettere in salvo quel mondo di poche anime perse e mute, che sembrano lontanissime ma che in realtà siamo noi. Pagina dopo pagina sembrerà di essere lì a calcare forte il passo per non essere spazzati via da quel vento che tira gelido e senza sosta, di entrare in quelle case modeste dove germina la follia, di incrociare quegli sguardi disperati e soli, e infine di sentirsi lievi e salvi, una volta arresi davanti al mistero. X e Y, uomo e donna, fede e scienza, si incontrano e si scontrano fin quasi a sovrapporsi in un’eroica liberazione dalla dittatura della ragione, umiliata dall’assurda danza del male.

XY

Veronesi Sandro

Al BarLume, in un paese della costa intorno a Livorno, tra un caffè e una briscola in cinque, quattro vecchietti e il barista si ritrovano a chiacchierare, discutere, contendere, litigare e infine indagare sul delitto di una giovane ragazza. E sotto all’intrigo giallo, la vita di una provincia ricca che sopravvive testarda alla devastazione del consumismo turistico. La rivalsa dei pensionati. Da un cassonetto dell’immondizia in un parcheggio periferico, sporge il cadavere di una ragazza giovanissima. Siamo in un paese della costa intorno a Livorno, l’immaginaria Pineta, «diventata località balneare di moda a tutti gli effetti, e quindi la Pro Loco sta inesorabilmente estinguendo le categorie dei vecchietti rivoltandogli contro l’architettura del paese: dove c’era il bar con le bocce hanno messo un discopub all’aperto, in pineta al posto del parco giochi per i nipoti si è materializzata una palestra da body-building all’aperto, e non si trova più una panchina, solo rastrelliere per le moto». L’omicidio ha l’ovvio aspetto di un brutto affare tra droga e sesso, anche a causa della licenziosa condotta che teneva la vittima, viziata figlia di buona famiglia. E i sospetti cadono su due amici della ragazzina nel giro delle discoteche. Ma caso vuole che, per amor di maldicenza e per ammazzare il tempo, sul delitto cominci a chiacchierare, discutere, contendere, litigare e infine indagare il gruppo dei vecchietti del BarLume e il suo barista. In realtà è quest’ultimo il vero svogliato investigatore. I pensionati fanno da apparato all’indagine, la discutono, la spogliano, la raffinano, passandola a un comico setaccio di irriverenze. Sicché, sotto all’intrigo giallo, spunta la vita di una provincia ricca, civile, dai modi spicci e dallo spirito iperbolico, che sopravvive testarda alla devastazione del consumismo turistico modellato dalla televisione. Un giallo in toscanaccio.

LA BRISCOLA IN CINQUE

Malvaldi Marco

Un romanzo nel quale il corpo passa da oggetto del desiderio a soggetto che desidera e cerca di appagare i propri sogni.

EMMANUELLE

Arsan Emmanuelle

Andrea Pessina, un poeta milanese si racconta