Narrativa

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

Descrizione: È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681519

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Dopo un sopralluogo durato qualche giorno, effettuato nei ritagli di tempo […] aveva concluso tra sé di essere capitato in un bel posto, ricco di attività commerciali e artigianali ma soprattutto di attrazioni naturali, bellezze di cielo e di lago e di passeggiate che si era andato annotando col proposito di approfittare delle giornale libere. Bello il posto, quindi. La gente, invece, così così. Un po’ brusca, permalosa. In alcuni casi [..] restia, quando non addirittura gelosa di ciò che aveva, della terra che calpestava, perfino dell’aria che respirava…

Il posto in questione, neanche a dirlo, è Bellano, il borgo sulla sponda orientale del lago di Como reso immortale da Andrea Vitali. Il personaggio che si abbandona a questi pensieri è Lepido, sarto del paese, di origine svizzera, sposato con Diomira, una delle comari del villaggio, la quale non perde occasione di ricordargli chi sia la proprietaria della casa-laboratorio in cui vivono. Dopo una delle frequenti litigate, Diomira lo spedisce in riva al lago, a mangiare pane e odori, perché altro non gli avrebbe preparato. E’ lì che Lepido scorge un giovane di ottima famiglia, Francesco Gorgia, figlio del più ricco commerciante di Bellano, con l’amico bolzanino Emilio Spanzen, che sciolgono i  nodi che assicurano la barca al molo e prendono il largo. Non si accorgono del rischio che incombe. Nessuno se ne accorge, in realtà, tranne Lepido. Il cielo sembra sereno ma al sarto (meteorologo dilettante ma appassionato) bastano pochi indizi per capire che non durerà. Tenta di fermare i giovani, che però sono troppo allettati dal miraggio delle giovinette figlie dell’oste che lavorano sull’altra sponda. L’imbarcazione è presto al largo, ma in un attimo lo scafo si rovescia. A riva, però, torna solo il corpo del giovane Gorgia.

Da questo momento, si anima il teatrino di maschere e burattini messo in scenda da Vitali con la consueta maestria. Figure di provincia  che vivono in modo limpidamente eccessivo le proprie piccolezze e passioni, per non dire i vizi. La vicenda prende una piega inattesa per tutti i protagonisti. Tra i morti della vicenda, chi sarà mai quello contento che dà il titolo al romanzo? Un’immersione nell’ottocento del lago e dell’Italia (sì, Vitali stavolta lascia la sua epoca di elezione, dal punto di vista letterario, il ventennio) ben sostenuto da un linguaggio che alterna arcaismi e finezze dialettali. La vicenda, però, di malagiustizia e di piccolezze quotidiane è ottocentesca solo per finta.

Un romanzo sapientemente tenuto in bilico tra dramma e commedia, le cui pagine sembrano sfogliarsi da sole fino a un finale decisamente dolceamaro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid

S'incrociano in una mattina di pioggia, su un marciapiede scivoloso. Dorina che fa tesi a pagamento e Livio che fa l'antiquario. Subito s'innamorano. Dorina, una giovane single, e Livio, un uomo sposato... Ma i ruoli di quella che potrebbe sembrare un'ordinaria relazione fra amanti clandestini s'invertono fin dall'inizio. Livio, radicato in una solida vita matrimoniale, si trova invischiato in un rapporto privo di gerarchie che la sua normalità non può reggere. Perche Dorina non vuol prendere il posto di sua moglie. Non chiede niente piú di quello che Livio è disposto a darle. Accetta la sua condizione di marito e di padre con una naturalezza che sconvolge l'assetto ordinato della vita di lui. Tanto da fargli montare dentro l'ossessione di sapere se il silenzio di Dorina, la sua mancanza di domande, la sua tranquillità ogni volta che lo vede tornare in famiglia, la luce tiepida e rassegnata che le raddolcisce lo sguardo siano cicatrici o espressioni naturali della sua persona. La donna di scorta è la messa a nudo di un sentimento vero e autosufficiente che non ricatta, non pretende; e non ha bisogno di investiture, sacrifici o riconoscimenti, ma nel puro desiderio dell'altro trova la sua sola ragione di essere.

La donna di scorta

De Silva Diego

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

In che modo un viaggio organizzato alle Hawaii può trasformarsi in un moderno pellegrinaggio verso il Paradiso. Anche Bemard Walsh, ex prete di cattolicissima famiglia irlandese, fa parte del gruppo di turisti diretti a Honolulu, ma il suo non è un viaggio di piacere: deve accompagnare il vecchio padre al capezzale di una zia malata. Lo scenario si sposta quindi dalla grigia depressione provinciale di Rummidge al lussureggiante splendore dei mari del Sud, dove tutto è lecito. Dove persino Bernard riuscirà a liberarsi dai vincoli della gretta educazione cattolica e scoprire le delizie dell'amore. Alla vicenda di Bernard fanno da sfondo quelle dei personaggi minori... Alla fine, per tutti le assolate spiagge di Waikiki rappresenteranno il Paradiso perduto e ritrovato.

Notizie dal paradiso

Lodge David