Narrativa

LA LIBERTA’ E’ UN PASSERO BLU

Studart Heloneida

Descrizione: Menina, centenaria, unica erede dei potenti Carvalhais Medeiros, spadroneggia sulla famiglia e su tutta la città. Chiusa nella sua villa sontuosa, teme il sesso, la luce, i colori. Vive di minacce e rancore, della sua fredda intelligenza. Solo una giovane nipote, Marina, non si lascia intimidire. Con João, ha esplorato tutti gli angoli della città, i quartieri più poveri, le vie delle prostitute. Il suo amore per lui è nato a diciott'anni, sulla sabbia fine delle dune di Jaçaña. E adesso che João è in prigione, per aver scritto sui muri che la libertà è un passero blu,Marina non vede l'ora che venga il sabato, per andarlo a trovare con una scatola di biscotti fatti in casa.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 2008

ISBN: 9788871684819

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

 

Donna Menina è molto anziana e domina sulla famiglia dei Carvalhais. Le sue figlie la temono e la riveriscono perché è padrona di tutto. Sono inesistenti: una viene giudicata pazza e non si capisce bene perché, l’altra vive nel costante timore di perdere l’eredità.

In questa oscurità brilla la nipote Marina, la prediletta della nonna, che non ha paura di lei e che ama il cugino João da sempre. Ma João viene rinchiuso in prigione perché ha gridato a tutti che il passero è un uccello blu. E proprio ora che è lontano Marina viene a sapere dalla madre che il suo amore è impossibile.

Nel frattempo la nonna muore e la ragazza eredita tutto il patrimonio della famiglia. Così potrebbe raggiungere la felicità costruendosi una vita tutta nuova. Potrebbe comprare la libertà per il suo amato e fuggire. Ma agisce d’istinto, dimostra il suo affetto a chi le vuole bene e con una scelta coraggiosa decide di cercare il suo passero blu.

Tra le righe si avverte tutta la forza dell’autrice, Heloneida Studart, una donna che con coraggio ha cercato la sua strada e ha difeso i suoi diritti. Fu deputato, femminista e raccontò nei libri le leggende che ascoltava a sua volta.

Non è il mondo fantasioso di Isabel Allende, e nemmeno quello letterario di Marquez, ma la sensibilità è ricca dello stesso humus realistico e anche un po’ surreale. C’è meno magia ma si avverte forte la sensualità dei personaggi, si respira l’amarezza che emerge dallo scontro dei sogni con la realtà.

“Sofferenze, supplizi, bacchettate, quel ragno che cresce tutte le notti nei miei sogni, è già delle dimensioni di un polpo. Dormicchia sulla mia spalla, come una volta, quando andavamo a pesca di granchi. Non badarci se sfioro i tuoi capelli con la mano, poiché ti ho già esonerato da tutto. C’è stato un momento, è vero, in cui ti guardavo e avevo la febbre. Sognavo la linea bianca dei tuoi denti, volevo i tuoi capelli…”

La conclusione è inaspettata e bellissima. Si resta in silenzio ad osservare quell’uccello che si posa davanti ai nostri occhi e che ci guarda con aria di sfida. Perché è vero che il passero è un uccello blu.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Heloneida

Studart

Libri dallo stesso autore

Intervista a Studart Heloneida


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Amore in caduta libera

Antonella Perilli

Per anni ha custodito frammenti di una vita lontana e ora aspetta solo di essere scoperta. Trevor Stratton, professore americano, la trova per puro caso. Al suo interno lettere, vecchie foto, pagine di diari, vari oggetti, tra cui spiccano un paio di guanti a rete. I guanti di una santa o di una peccatrice? Trevor non lo sa. Per ora sa solo che la donna che li indossava si chiamava Louise Brunet e viveva a Parigi tra le due guerre. La risposta alle altre domande è in quei frammenti, tra i loro profumi e segreti, tra le parole nascoste e quei ritratti seppia. Pezzo dopo pezzo, parola dopo parola, Trevor cerca di ricostruire la vita della donna sconosciuta. Dall'amore tenero e tragico per il cugino, al rapporto morboso con il padre, al matrimonio fatto di noia per un uomo non scelto da lei fino alla passione impossibile per l'affascinante professore di francese, vicino della casa dove abita al numero 13 di Rue Thérèse. Ma più Trevor si immerge negli oggetti del passato e ripercorre i luoghi di Louise, più qualcosa di strano e misterioso inizia ad accadere nella vita del presente. Chi è veramente Josienne, la bibliotecaria dai capelli rossi, che sembra prevedere qualunque movimento di Stratton? Perchè il professore si sente così attratto da lei? Che cosa sa veramente quella donna di Louise Brunet? Solo la scatola possiede la verità. Solo gli oggetti custodiscono una promessa e una speranza. E spetta a Trevor discernere tra realtà e finzione per far sì che il destino segua il suo corso.

VITA PRIVATA DI UNA SCONOSCIUTA

Shapiro Elena Mauli

Marta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi begli occhi si nascondono le incisioni di segreti inconfessati, orribili ferite dall'odore nauseabondo. Gli uomini sono delle bestie, Marta è costretta a ripeterselo. L'ha imparato a sue spese, sulla sua pelle, e pagherà fino in fondo. Eppure, gli uomini sono l'unico approdo che resta, quando tutti i sogni si spengono nelle ristrettezze di una vita che offre solo la copia sbiadita di ciò che sembra luccicare nell'Occidente, così lontano eppure appena dietro l'angolo. Salvo avere la fortuna di scovarlo, l'uomo giusto. Un uomo da amare. Sempre che l'amore esista davvero. Chisinau, Moldavia... La gioventù finisce presto, da quelle parti. La spensieratezza non c'è. La vita è dura, violenta, i miti si schiantano nella realtà di tutti i giorni. Si vive border line, e si finisce sopraffatti, se si è donne, giovani, carine. Come Marta, violabile e violata, colpevole senza colpe, eroina al contrario di una storia senza speranza. E in cambio c'è solo vendetta, morte, e altra sopraffazione. Esiste una giustizia? Se esiste, è la giustizia più ingiusta che si possa meritare. La "Frivolezza" è quella dei sogni rincorsi. Ma la storia è densa, proprio come "il cristallo liquido" che nel titolo annulla e trasforma gli anni teneri di una gioventù bruciata dagli altri. Irina Turcanu scrive questa sua cronaca dell'infanzia con mano intenerita e partecipe, eppure senza fronzoli, senza mediare con l'asprezza delle tematiche scelte, con mano dura laddove la storia si fa dura. Il romanzo di una giovanissima scrittrice rumena, oggi italiana. Tenetelo di conto, ne sentirete ancora parlare.

LA FRIVOLEZZA DEL CRISTALLO LIQUIDO

Turcanu Irina

Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Aspetta primavera, Bandini

Fante John