Narrativa

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence

Descrizione: Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2010

ISBN: 9788876419003

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Questo bel libro francese vi porterà in un mondo segreto, nel luogo dei vostri sogni: la libreria perfetta.

Qualcuno di voi starà storcendo il naso, o forse si starà chiedendo come sia possibile parlare di libreria perfetta. Ma questo è il grande interrogativo del romanzo, l’idea attorno alla quale si accentra tutta la vicenda, una deliziosa storia che appassionerà i lettori irriducibili, quelli che ad un certo punto uno dei protagonisti descrive così: “tutti dicevano la stessa cosa: gli unici libri che leggevano erano romanzi, e non è che ne fossero a corto, ne avevano pile di attesa ai piedi del letto, accanto al cuscino, sotto il tavolo dello studio o sul divano dell’anticamera, ma nelle librerie si trovavano a disagio e il più delle volte ne uscivano senza aver comprato nulla, con un magone che loro stessi trovavano eccessivo: avevano fatto fatica a respirare qualcosa non aveva funzionato, o non erano riusciti a orientarsi. Insomma era strano, ma quelle persone che più di ogni altra cosa al mondo amavano leggere a sazietà la sera in silenzio svincolate dalla nozione del tempo, quelle persone che ricordavano la frattura della caviglia e due mesi di immobilità che ne erano seguiti come un periodo d’oro, quelle persone che nei romanzi trovavano consolazione tutto entravano raramente in una libreria“.

Leggendo pagina dopo pagina questa storia, non si può fare a meno di immaginare la propria, personale, incantata libreria perfetta: ognuno di noi, che leggiamo avidamente, tra un treno, mentre facciamo colazione, prima di dormire anche se stiamo morendo di sonno, in vacanza, nelle pause del lavoro, durante la pubblicità mentre guardiamo un film, prima o poi ha fantasticato di diventare un libraio, comprare e leggere libri per mestiere, creare quel luogo magico perfettamente calibrato sul nostro gusto, assolutamente convinto di trovare condivisione negli altri appassionati.

E mano a mano che i protagonisti cercano di realizzare questo desiderio, confrontandosi con problemi assolutamente concreti, il lettore viene coinvolto in quell’avventura che vorrebbe vivere, riflette sulle stesse questioni, pensa a soluzioni alternative, sorride quando la strada scelta assomiglia alla sua idea.
Inutile dire che ogni romanzo citato nel libro come uno dei buoni romanzi suscita immediatamente grande curiosità: quasi sicuramente non avrete letto tutte le opere citate, anche perché, alcune di queste non sono mai state tradotte in lingua italiana.

Ma arrivando alla terza ragione per cui questo libro non può essere che giudicato in maniera molto positiva, si aggiunga che la storia è arricchita da una sorta di giallo che attraversa tutta la vicenda aumentando la curiosità di chi legge e compattando la trama.

Insomma, questo romanzo è una lettura consigliata, che mi è piaciuta molto e che come diceva l’indimenticato J. D. Salinger tramite il Vecchio Caulfield, considero uno di quei libri “che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l’autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira“. Per parlare della libreria perfetta, ovvio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laurence

Cossé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cossé Laurence


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In quasi tutto il mondo la disuguaglianza sta aumentando, e ciò significa che i ricchi, e soprattutto i molto ricchi, diventano più ricchi, mentre i poveri, e soprattutto i molto poveri, diventano più poveri. Questa è la conseguenza ultima dell’aver sostituito la competizione e la rivalità alla cooperazione amichevole, alla condivisione, alla fiducia, al rispetto. Ma non c’è vantaggio nell’avidità. Nessun vantaggio per nessuno. Eppure abbiamo creduto che l’arricchimento di pochi fosse la via maestra per il benessere di tutti.

“LA RICCHEZZA DI POCHI AVVANTAGGIA TUTTI” FALSO!

Bauman Zygmunt

Inseparabili. Questo sono sempre stati l'uno per l'altro i fratelli Pontecorvo, Filippo e Samuel. Come i pappagallini che non sanno vivere se non sono insieme. Come i buffi e pennuti supereroi ritratti nel primo fumetto che Filippo ha disegnato con la sua matita destinata a diventare famosa. A nulla valgono le differenze: l'indolenza di Filippo - refrattario a qualsiasi attività non riguardi donne, cibo e fumetti - opposta alla determinazione di Samuel, brillante negli studi, impacciato nell'arte amatoria, avviato a un'ambiziosa carriera nel mondo della finanza. Ma ecco che i loro destini sembrano invertirsi e qualcosa per la prima volta si incrina. In un breve volgere di mesi, Filippo diventa molto più che famoso: il suo cartoon di denuncia sull'infanzia violata, acclamato da pubblico e critica dopo un trionfale passaggio a Cannes, fa di lui il simbolo, l'icona in cui tutti hanno bisogno di riconoscersi. Contemporaneamente Samuel vive giorni di crisi, tra un investimento a rischio e un'impasse sentimentale sempre più catastrofica: alla vigilia delle nozze ha perso la testa per Ludovica, introversa rampolla della Milano più elegante con un debole per l'autoerotismo. Nemmeno l'eccezionale, incrollabile Rachel, la mame che veglia su di loro da quando li ha messi al mondo, può fermare la corsa vertiginosa dei suoi ragazzi lungo il piano inclinato dell'esistenza. Forse, però, potrà difendere fino all'ultimo il segreto impronunciabile che li riguarda tutti... Alessandro Piperno ritrova la famiglia Pontecorvo - già protagonista di Persecuzione - e chiude il dittico del Fuoco amico dei ricordi con un'opera del tutto autonoma che, al tempo stesso, scioglie ogni nodo lasciato in sospeso dal primo libro. Inseparabiliè la storia di una famiglia che deve lottare con l'amore e il rancore, il lutto e la solitudine, fino alla resa dei conti. È il racconto verosimile fino al dettaglio di quanto fortuito e inarrestabile sia il meccanismo che genera un grande successo mediatico e insieme il "referto" implacabile, scioccante, degli effetti che una pubblica glorificazione può sortire su chi ne è oggetto: sui suoi desideri, sul suo carattere, sulle relazioni con coloro che ama. È un libro splendente, ironico, emozionante, percorso da una felicità narrativa che ricorda l'euforia di Con le peggiori intenzioni - la cui protagonista, Gaia, fa da guest-star in un velenoso cammeo. Un grande romanzo di oggi, veloce, crudele ma cadenzato dal passo classico di una Commedia umana che senza tempo si ripete.

INSEPARABILI

Piperno Alessandro

DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO

Ferraresi Caterina

31 dicembre 1941, sul «Paris-Soir» appare un annuncio: si cercano notizie di una ragazza di quindici anni, Dora Bruder. A denunciarne la scomparsa sono i genitori, ebrei emigrati da tempo in Francia. Quasi cinquant'anni dopo, per caso, Patrick Modiano si imbatte in quelle poche righe di giornale, in quella richiesta d'aiuto rimasta sospesa. Non sa niente di Dora, ma è ugualmente spinto sulle sue tracce. Modiano cerca di ricostruirne la vita, i motivi che l’hanno spinta a scappare e segue l'ombra di Dora per le vie di una città che conosce e ama, nei luoghi che hanno vissuto la guerra e l'occupazione, fino al drammatico epilogo ad Auschwitz. Qui, dove comincia la storia degli uomini, si chiude per sempre la storia privata di Dora in mezzo a quella di un milionedi altre vittime.

Dora Bruder

Modiano Patrick