Narrativa

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence

Descrizione: Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2010

ISBN: 9788876419003

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Questo bel libro francese vi porterà in un mondo segreto, nel luogo dei vostri sogni: la libreria perfetta.

Qualcuno di voi starà storcendo il naso, o forse si starà chiedendo come sia possibile parlare di libreria perfetta. Ma questo è il grande interrogativo del romanzo, l’idea attorno alla quale si accentra tutta la vicenda, una deliziosa storia che appassionerà i lettori irriducibili, quelli che ad un certo punto uno dei protagonisti descrive così: “tutti dicevano la stessa cosa: gli unici libri che leggevano erano romanzi, e non è che ne fossero a corto, ne avevano pile di attesa ai piedi del letto, accanto al cuscino, sotto il tavolo dello studio o sul divano dell’anticamera, ma nelle librerie si trovavano a disagio e il più delle volte ne uscivano senza aver comprato nulla, con un magone che loro stessi trovavano eccessivo: avevano fatto fatica a respirare qualcosa non aveva funzionato, o non erano riusciti a orientarsi. Insomma era strano, ma quelle persone che più di ogni altra cosa al mondo amavano leggere a sazietà la sera in silenzio svincolate dalla nozione del tempo, quelle persone che ricordavano la frattura della caviglia e due mesi di immobilità che ne erano seguiti come un periodo d’oro, quelle persone che nei romanzi trovavano consolazione tutto entravano raramente in una libreria“.

Leggendo pagina dopo pagina questa storia, non si può fare a meno di immaginare la propria, personale, incantata libreria perfetta: ognuno di noi, che leggiamo avidamente, tra un treno, mentre facciamo colazione, prima di dormire anche se stiamo morendo di sonno, in vacanza, nelle pause del lavoro, durante la pubblicità mentre guardiamo un film, prima o poi ha fantasticato di diventare un libraio, comprare e leggere libri per mestiere, creare quel luogo magico perfettamente calibrato sul nostro gusto, assolutamente convinto di trovare condivisione negli altri appassionati.

E mano a mano che i protagonisti cercano di realizzare questo desiderio, confrontandosi con problemi assolutamente concreti, il lettore viene coinvolto in quell’avventura che vorrebbe vivere, riflette sulle stesse questioni, pensa a soluzioni alternative, sorride quando la strada scelta assomiglia alla sua idea.
Inutile dire che ogni romanzo citato nel libro come uno dei buoni romanzi suscita immediatamente grande curiosità: quasi sicuramente non avrete letto tutte le opere citate, anche perché, alcune di queste non sono mai state tradotte in lingua italiana.

Ma arrivando alla terza ragione per cui questo libro non può essere che giudicato in maniera molto positiva, si aggiunga che la storia è arricchita da una sorta di giallo che attraversa tutta la vicenda aumentando la curiosità di chi legge e compattando la trama.

Insomma, questo romanzo è una lettura consigliata, che mi è piaciuta molto e che come diceva l’indimenticato J. D. Salinger tramite il Vecchio Caulfield, considero uno di quei libri “che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l’autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira“. Per parlare della libreria perfetta, ovvio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laurence

Cossé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cossé Laurence


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

Genova. Una famiglia ebrea negli anni delle leggi razziali. Un figlio genio mancato, una madre delusa e rancorosa, un padre saggio ma non abbastanza determinato, un nonno bizzarro, zii incombenti, cugini che scompaiono e riappaiono. Quanto possono incidere i risvolti personali nel momento in cui è la Storia a sottoporti i suoi inesorabili dilemmi? E’ giusto cercare di restare comunque nella terra dove ti stanno perseguitando o è meglio fuggire? Se sì, dove? Ci sarà un paese realmente disposto ad accoglierti? Ma alla tragedia che muove dall’alto i fili dei diversi destini si vengono a intrecciare i dubbi, le passioni, le debolezze, gli slanci e i tradimenti dell’eterno dispiegarsi della commedia umana. Una vicenda di disperazione e coraggio realmente accaduta, ma completamente reinventata, che attraverso il filtro delle misteriose pieghe dell’anima ci riporta a un tragico recente passato.

Questa sera è già domani

levi Lia

In un mondo alternativo terribilmente bello e malinconico, Jack Kerouac si prepara a passare nove settimane nello spazio per conto della Coca-Cola Enterprise. Marilyn Monroe fa la commessa in una libreria. Il tirannico Arthur Miller si è comprato una casa sulla cascata... Dopo un'assenza di molti anni, torna il libro culto di Tommaso Pincio. Ambientato durante gli anni Cinquanta - reinventati in modo da diventare tra i più veri e struggenti mai raccontati – “Lo spazio sfinito” è popolato dai personaggi del nostro immaginario collettivo (oltre a Kerouac, Marilyn e Miller c'è il Dean Moriarty di “Sulla strada”, e il giovane Holden...), i quali però, attraverso le loro vicende di solitudine, desiderio, amicizie infrante, cuori spezzati e vite da riscattare, si rivelano maledettamente simili a noi. Quando il libro uscì la prima volta, alcuni critici gridarono al capolavoro e solo pochi fortunati lettori fecero in tempo ad amarlo: a causa di una complicata questione editoriale, il romanzo scomparve molto presto dalle librerie. Ora è ritornato, ed è pronto a occupare il posto che merita tra i classici contemporanei della nostra narrativa.

LO SPAZIO SFINITO

Pincio Tommaso

Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos