Giallo - thriller - noir

LA LISTA

Connelly Michael

Descrizione: Anni di cause di serie B, poi una ferita da arma da fuoco che gli ha causato una dipendenza da psicofarmaci e l’ha tolto a lungo dalla piazza: Mickey Haller non può certo definirsi un avvocato di grido. Eppure la ruota sembra finalmente girare nel verso giusto quando il suo più illustre collega Jerry Vincent viene misteriosamente assassinato e lui ne eredita tutti i clienti. Tra questi spicca Walter Elliot: noto produttore di Hollywood, accusato di aver ucciso la moglie e il suo amante. La difesa del magnate potrebbe essere per Haller il biglietto per il successo che da tanto aspettava. Ma sulla sua strada incontra il detective Harry Bosch: più di trent’anni di carriera alle spalle, una vocazione per la giustizia che va oltre il semplice senso del dovere, una leggenda per tutti. Solo Haller sembra non averne mai sentito parlare. Tuttavia, a osservarlo meglio, anche per lui quell’uomo dagli occhi da squalo ha un’aria vagamente familiare. Tra i due non è certo amore a prima vista. Perché Bosch guida l’indagine sulla morte dell’avvocato Vincent, e i clienti ora difesa da Haller sono tutti potenziali indiziati per il detective. Si fronteggiano così dai lati opposti della barricata, finché Haller scopre che lui stesso potrebbe essere il nuovo bersaglio del killer. Solo allora Bosch e Haller capiranno che fare squadra è l’unica soluzione possibile. Dopotutto, non sono che le due facce della stessa medaglia. E hanno in comune molto più di quanto loro stessi immaginino.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore:

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788838468780

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Un libro imperdibile per gli Harry Bosch addicted, tra i quali mi annovero con orgoglio. Godibilissimo anche per gli altri, intendiamoci. Il conoscitore a livello base o intermedio dell’universo creato da Michael Connelly, però, si godrà la scrittura piana e precisa, la trama sinuosa, i due-tre virtuosismi che la impreziosiscono e resterà ben impressionato da questo romanzo in bilico tra legal thriller e poliziesco. Affronterà La lista come un romanzo “normale”. Dedicherà la giusta attenzione all’incipit. Si godrà lo svolgimento dell’azione. Sfoglierà distrattamente l’epilogo. Certamente gli verrà voglia di leggere altro dell’autore (ottima idea!).

Il Bosch addicted, invece, trasalirà quasi subito. La fascetta presenta il romanzo come la nuova indagine di Harry Bosch, ma alla cerimonia degli Oscar, Bosch concorrerebbe a quello per l’attore non protagonista. Tutta la storia è raccontata in prima persona (e già questa è un’anomalia nel panorama letterario di Connelly) da Michael Haller, avvocato con un passato e un presente burrascosi, culminati in un anno sabbatico per disintossicarsi dagli antidolorifici a base di eroina assunti durante la convalescenza da una brutta ferita da arma da fuoco.

Haller è l’avvocato della Lincoln. Cioè il protagonista di Avvocato di difesa (questo il titolo italiano) del 2009. Ecco un altro colpo ad effetto di Connelly. Fare interagire Bosch con il suo nuovo personaggio. Speriamo non sia un passaggio di consegne! Già una volta (La città delle ossa), Connelly lasciò intendere di voler mettere in panchina il nostro eroe. Dita incrociate, quindi!

Quando si cimenta con il legal thriller, Connelly non utilizza i colori più cupi della tavolozza (quelli che gli servirono per i toni del marcio con cui dipinse l’industria del porno e le sue vittime in Utente sconosciuto o ne La bionda di cemento) per descrivere Los Angeles. I bassifondi sono appena sfiorati. Ci si muove tra le spiagge di Malibu, luogo in cui Walter Elliott, magnate dell’industria cinematografica, trova i cadaveri della moglie e dell’amante finendo inevitabilmente al primo posto della lista degli accusati, e downtown, sede del palazzo di giustizia in cui le indagini si svolgono. Haller entra in scena quando Jerry Vincent, l’avvocato incaricato della difesa dello stesso Elliott, viene ammazzato in circostanze misteriose. A lui tocca assumerne tutti i casi, uscendo dal letargo forzoso. Ricostruisce il proprio team, formato da una delle sue due ex mogli (Lorna) e dal gigantesco Cisco, investigatore privato diventato, intanto, compagno di Lorna stessa. Il caso, però, prende subito una brutta piega. Elliott, curiosamente, impedisce a Haller di chiedere un rinvio che sarebbe doveroso. E’ certo della propria innocenza, sostiene. Haller, però, è troppo disilluso per credergli sino in fondo. Ed ecco la seconda insidia (tutti in piedi): Harry Bosch, investigatore incaricato del caso. Lui e Haller sembrano essere contemporaneamente attratti e respinti uno dall’altro. Abbiamo entrambi regole da seguire. […] Siamo le due facce della stessa medaglia, spiegherà Haller a Bosch, cercando di trovare un terreno comune che Bosch non vede, come spiega diverse pagine dopo: Non sono abituato a stare dalla stessa parte di un avvocato della difesa. Molti suoi colleghi hanno cercato di dipingermi come uno stupido, un corrotto, un fanatico, a volte anche peggio. Arriveranno a toccare i limiti di etica e deontologia, sino alla scoperta dell’identità del burattinaio di tutta la vicenda e degli insospettabili burattini. Corrotti e corruttori.

L’ultimo colpo ad effetto, Connelly lo riserva per l’epilogo. Ma proprio non ne posso parlare per non rovinarvi il gusto della scoperta. Accontentatevi di sapere che Haller, come Bosch, vive in una casa abbarbicata su uno dei canyon che solcano le alture della sterminata Los Angeles. Ma sul lato opposto. Alla fine della storia, infatti, Bosch e Haller concorderanno: Siamo due facce della stessa montagna. Ultima cosa: cos’è la lista del titolo? Ce ne sono diverse, nel romanzo. Quella dei sospettati. Quella dei clienti che Haller eredita. Quella dei possibili giurati. A voi scoprire quale sia. Tenete conto, però, che il titolo inglese è The Brass Verdict, ovvero: il verdetto di ottone (inteso come quello di cui son fatte le pallottole). Curiosi?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michael

Connelly

Libri dallo stesso autore

Intervista a Connelly Michael


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dracula ed io

Morozzi Gianluca

Un giovane cui "difetta in via assoluta qualsiasi forma di voglia carnale per l'altro sesso" deve imparare a vivere celando la propria autentica identità. In pagine in cui risultano indissolubilmente commisti sessualità e candore, esultanza e disperazione, il protagonista di questo romanzo confessa le esperienze cruciali attraverso le quali è giunto a conoscere se stesso: dalla "adorazione indicibile" per un paio di calzoni all'elaborazione di fantasie sadomasochistiche, dall'identificazione con personaggi femminili celebri alle sconcertanti interpretazioni di fiabe e motivi iconografici occidentali... L'accettazione di se stesso come uomo diverso dagli altri uomini non si attua senza una lotta, tanto strenua quanto vana, per conquistare la normalità: simula vizi immaginari per far passare inosservate le proprie vere inclinazioni, si costringe a corteggiare giovinette per chiarire sino a qual punto la donna possa offrire piaceri reali, corregge con zelo manifestazioni di rischiosa passionalità... Ma "le emozioni non hanno simpatia per l'ordine fisso" e i suoi sentimenti reali rimangono, tenaci, quelli nascosti dalla maschera della correttezza ufficiale.

Confessioni di una maschera

Mishima Yukio

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars