Giallo - thriller - noir

La Locanda del Giallo

Conventi Gaia

Descrizione: Nato come allegro tributo ai festival letterari italiani, questo giallo comico d'ambientazione paesana vede quattro tipologie di giallisti gareggiare per risolvere il delitto avvenuto nella locanda che li ospita. Abbiamo l'anziana autrice di gialli storici, il navigato scrittore mantenuto dalla moglie, la bella romanziera di sexy mistery e il giallista in erba. Chi riuscirà a stanare il colpevole? Uscito nel 2014 all'interno di Novelle col morto ‒ che conteneva anche La Pieve della Buona Morte ‒, ora La Locanda del Giallo torna single e va alla conquista dei lettori del giallo comico.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore:

Collana:

Anno: 2022

ISBN: B0B93TNS7N

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

La Locanda del Giallo (I delitti di Arginario Po Vol. 2)

Nato come allegro tributo ai festival letterari italiani (l’autrice ne ha vinti diversi), questo giallo comico d’ambientazione paesana vede quattro tipologie di giallisti gareggiare per risolvere il delitto avvenuto nella locanda che li ospita. Abbiamo l’anziana autrice di gialli storici, il navigato scrittore mantenuto dalla moglie, la bella romanziera di sexy mistery e il giallista in erba. Chi riuscirà a stanare il colpevole?

Forse, con questa storia ironica e divertente, l’irriverente Gaia Conventi allude a un concorso al quale lei stessa ha partecipato?

E la figura del giovane Carrusi chi sbeffeggia? Forse qualche attuale scrittore di successo?

Mah, come si fa a sapere cosa sia passato nella mente e nella fantasia di Gaia…

Uscito nel 2014 all’interno di Novelle col morto ‒ che conteneva anche La Pieve della Buona Morte ‒, ora La Locanda del Giallo torna single e va alla conquista dei lettori del giallo comico.

Con il tarlo per le risposte alle domande soprariportate, noi riproponiamo qui sotto il commento interattivo con l’autrice, che avevamo scritto ai tempi delle Novelle col morto.

Il link su Amazon de La Locanda del Giallo

Rileggi la nostra intervista a Gaia Conventi a questo link

_______________________________________________________________

Anche il secondo racconto delle “Novelle col morto” di Gaia Conventi è ambientato ad Arginario Po, ne La locanda del Giallo”, ove alloggiano quattro scrittori che lì trascorrono la notte prima del decadente festival dedicato al giallo: la rappresentante del giallo classico che ormai vive di memorie, il piacione-farfallone sulla via del tramonto, la velina incarnazione vivente dell’erotic thriller, l’esordiente con il capolavoro ben annidato nella memoria del pc…

Fuori la verità, dietro a ciascuna tipologia di scrittore tu hai un nome e un cognome… oppure Iduccia, il bel Giuffré, la provocante Ludmilla e Mariolino Millusi sono per te quello che per Platone era “la cavallinità”, cioè soltanto un’idea astratta?
Gaia: “Ecco, dai, tiriamo dentro anche Platone! No, su, non facciamola così difficile: ci sono nomi e cognomi, ma sono mixati per bene. Nessun personaggio è mai una persona, una e una soltanto. Lì c’è il sunto di chi ho conosciuto nell’ambiente, di chi ho schivato, di chi ho voluto conoscere per cavarmi una sana risata e dirmi che l’acquario editoriale è un mondo di pazzi. E io coi pazzi mi diverto sempre, soprattutto quando pensano d’essere sani di mente.”

Ma è proprio vero che gli scrittori sono una “Strana razza”? E come strana razza, sono più narcisi (“Fingere falsa modestia rientra tra i compiti sociali di ogni romanziere”) o – per dirla con il locandiere – sono piuttosto persone dalle modeste capacità (“quattro cialtroni… sembravano soltanto quattro zucconi”)?
Gaia: “C’è scrittore e scrittore. Tra i tanti, qualcuno lo salvo. Qualcuno che fa lo scrittore e sa che è un mestiere, il più bello, ma per farlo bene devi rinunciare a molto altro. Io, tanto per dire, mi definisco sempre un blogger: così non mi nego niente. E poi sì, noi che imbrattiamo carta siamo tutti dei narcisi, non potrebbe essere altrimenti: mettiamo le nostre idee in piazza, vogliamo che la gente le conosca. Mi pare sia pretendere parecchio! Siamo strani, ma il più è saperlo. A ogni autore occorre fare la tara: tolta la tutina da super-scrittore resta l’essere umano. A volte vale la pena assistere allo spogliarello. Ma solo a volte.”

E tu, come scrittrice, in quale tipologia ti identifichi (vietato trincerarsi dietro allo slogan di “Giramenti”, il blog di Gaia Conventi, ossia “smetto quando voglio”)?
Gaia: “Però è così, giuro! Un giorno troverò un hobby più divertente di questo, magari mi metterò a fare presine con la rafia, chi può dirlo. Io scrivo quando ho qualcosa da dire, qualcosa che mi diverte comunicare e che penso possa far passare degnamente il tempo a chi mi legge. Se cala il divertimento – mio e altrui –, ciao a tutti e mi metto a impagliare sedie. Nessuno noterebbe la mia scomparsa, tranne il tale a cui avrò soffiato le sedie.”

Poi nella “Locanda del giallo”, la notte prima dell’evento letterario, ci scappa il morto…Intendevi dire che gli scrittori sono disposti a tutto pur di agguantare un attimo di celebrità  (“Il festival stava andando a rotoli e quel delitto era una manna dal cielo”)?
Gaia: “Ah, ci puoi giurare! Ho visto cose che voi umani… ma se le racconto – senza la scusa dell’alcool – mi menano. Diciamo che l’attimo di celebrità piace a tutti, anche al vicino di casa che il tg intervista a salma ancora calda, ma agli scrittori piace un pochino di più. Non dico che la salma la procurerebbero appositamente, ma quasi.”

E adesso la rivelazione che ogni scrittore nega, quasi fosse  un genitore al quale viene chiesto di riconoscere che tra i  figli ha una preferenza. Tra le due “Novelle con il morto, Gaia Conventi ha un debole per
Gaia: “La seconda, senza alcun dubbio. Spazio ai dialoghi e tutti cattivissimi. Insomma, il mio pane!”

Accidenti Gaia, mi ero dimenticato che qui, a qlibri.it bisogna anche dare i voti all’opera commentata (dall’1 al 5, come nelle scuole di certi paesi esteri). E adesso come facciamo in una recensione interattiva? Va be’, per questa volta i voti li do io e chi ci leggerà comprenderà che li esprimo nell’assoluta convinzione di essermi divertito a tutto spiano, sia leggendoti, sia scrivendo con te…
Gaia: “Mi è andata bene! Temevo di dovermi dire brava da sola…” 

Gaia Conventi e Bruno Elpis

http://www.qlibri.it/recensioni/gialli-narrativa-italiana/discussions/review/id:47130/

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela

Un senatore dell’antica Roma, giunto al termine della vita, decide di intraprendere la sua ultima impresa: il racconto della storia dell’umanità. La sua narrazione si incentra sul popolo delle Cleft, una comunità ormai scomparsa di donne che vivevano in una sorta di paradiso terrestre, procreando senza essere fecondate dagli uomini e mettendo al mondo solo bambine, destinate a perpetuare la loro specie. Ma la nascita inattesa di una creatura strana e sconosciuta, un maschietto, infrange per sempre l’armonia della piccola comunità, mettendone a repentaglio l’esistenza stessa.

Una comunità perduta

Nel 1900 lo scrittore islandese Valdimar Ásmundsson cominciò a tradurre il celebre Dracula, il capolavoro gotico del 1897 di Bram Stoker. Fu pubblicato lo stesso anno con una prefazione di Stoker, ma nessuno al di fuori dell'Islanda ne aveva mai letta una pagina. Fino a quando, un secolo dopo, il ricercatore Hans De Roos fece una scoperta sensazionale: Ásmundsson non si era limitato a tradurre Dracula, ma - con l'aiuto dell'autore - ne aveva scritto una versione diversa, rielaborando la trama e aggiungendo nuovi personaggi. Il risultato è un romanzo più breve, più erotico e forse persino più ricco di suspense dell'originale. Tanti sono i misteri che circondano questo manoscritto: e se fosse un'altra versione della storia del conte Dracula, a cui Bram Stoker stava lavorando in segreto e che per più di un secolo è riuscito abilmente a nascondere? La prefazione di Dacre Stoker, pronipote ed erede dell'autore, le annotazioni del ricercatore de Ross sul contesto storico e letterario e una postfazione dello studioso John Edgar Browning forniscono indizi interessanti...

I poteri delle tenebre – Dracula

Stoker Bram - Asmundsson Valdimar

"Verona non è la mia città. E la paleopatologia non è il mio mestiere. Eppure, eccomi qua. Com'è potuto succedere, proprio a me? Mi chiamo Costanza Macallè e sull'aereo che mi sta portando dalla Sicilia alla città del Veneto dove già abita mia sorella, Antonietta, non viaggio da sola. Con me c'è l'essere cui tengo di più al mondo, sedici chili di delizia e tormento che rispondono al nome di Flora. Mia figlia è tutto il mio mondo, anche perché siamo soltanto io e lei... Lo so, lo so, ma è una storia complicata. Comunque, ce la posso fare: in fondo, devo resistere soltanto un anno. È questa la durata del contratto con l'istituto di Paleopatologia di Verona, e io - che mi sono specializzata in Anatomia patologica e tutto volevo fare tranne che dissotterrare vecchie ossa, spidocchiare antiche trecce e analizzare resti centenari - mi devo adattare, in attesa di trovare il lavoro dei sogni in Inghilterra. Ma, come sempre, la vita ha altri programmi per me. Così, mentre cerco di ambientarmi in questo nebbioso e gelido inverno veronese, devo anche rassegnarmi al fatto che ci sono delle scelte che ho rimandato per troppo tempo. Ed è giunto il momento di farle. In fondo, che ci vuole? È questione di coraggio, è questione di intraprendenza... E, me lo dico sempre, è questione di Costanza."

Questione di Costanza

Gazzola Alessia