Poesia

La logica del cuore

Testa Emilia

Descrizione: La silloge poetica "La logica del cuore", dell'intensa autrice Emilia Testa, con i suoi versi guida il lettore fra le mille possibili vie del cuore, della mente e dell'anima: solo la luce delle emozioni può condurre l'essere umano: dalla selva oscura... a rivedere le stelle.

Categoria: Poesia

Editore: Dantebus

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9791259501301

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Emilia TestaLa logica del cuore, Dantebus edizioni 2021

Emilia Testa è nata a Napoli e ha studiato Cinema e Drammaturgia presso il DAMS di Bologna. Vive a Ravenna, dove collabora come visual merchandising con diverse aziende di moda. Ha avuto riconoscimenti in numerosi concorsi letterari. Ora pubblica una silloge poetica , intitolata La logica del cuore, edita da Dantebus edizioni.

Al centro di queste poesie c’è l’amore. Il sottotitolo è particolarmente rilevante e recita “Ho scritto ti amo e tante altre parole sconnesse”.

L’autrice, con perspicacia ed erudizione, fa suo l’assunto di Emily Dickinson: “A tutti gli amori maneggiati con cura nel corso degli anni a quelli solitari e perduti nei troppi puntini di sospensione al loro inganno che come un nodo ancora mi trattiene.

La logica del cuore è un libro diviso in capitoli e, così facendo, l’autrice condivide con il lettore un’esperienza vissuta. Nella prima tappa “L’amore cambia l’esistenza, rapendo il cuore e la mente dell’innamorato/a dando inizio alla sua Vita nova. L’amore si svela in ogni parte del tutto e per esso sempre vale la pena combattere. All’amante tutto appare più bello e luminoso, tanto da sembrare di toccare il cielo con un dito. Dalla terra al cielo”.

Poi vi è un secondo momento: “L’amore, infatti, almeno sulla terra può essere effimero. L’amante abbandonato/a tradito/a deluso/a vede il sogno e il cuore spezzarsi, tanto da perdere il senno. (…) laddove il rimpianto del passato e della fugacità dell’attimo di emozione dominano i versi”.

Fino alle ferite del cuore: “Gli amori finiti non dovrebbero lasciare retaggi, ma quella stemperata matrice di luce scoppia ancora dentro le mie lacrime“.

Che accadrà ora? L’amore vincerà comunque?

Un componimento di grande bellezza. La sensibilità con cui l’autrice parla al cuore del lettore è invasiva e molto profonda. Ne scaturisce un pathos di sottofondo tra incanto e rapimento. Una lettura che fa vibrare le corde del cuore, per vivere un’emozione in più.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emilia

Testa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Testa Emilia

A dieci anni dal grande successo de "Il delfino", Sergio Bambarén torna a narrare le avventure oceaniche di Daniel Alexander Dolphin, con un percorso che si svolge fra le onde del mare aperto e nelle profondità del mondo interiore di Daniel. Questa volta Daniel dovrà capire se la sua continua ricerca di pace interiore possa coniugarsi con il desiderio e la necessità di creare una famiglia e di accudire una nuova vita che sta per nascere.

IL DELFINO

Bambarén Sergio

E se il matrimonio da sogno che fantasticavi da una vita andasse improvvisamente a monte per colpa della tua (ex) migliore amica? E se ti ritrovassi tra le mani un biglietto già pagato per fare il giro del mondo in quella che avrebbe dovuto essere la tua luna di miele? Avresti mai il coraggio di partire da sola? È quello che accade a Bianca, biologa marina all’acquario di Londra, ormai senza un lavoro e prossima alle nozze. Lei decide di partire: donna impulsiva e determinata, col suo tacco 12 è pronta a sfidare il mondo intero anzi, il giro del mondo, che una delle navi da crociera più lussuose del mondo, la Queen Victoria, percorrerà in 109 lunghi giorni. Un’anziana coppia sempre in vena di litigare, un galante scrittore in cerca di ispirazione, un affascinante e scorbutico pianista, una bionda tutto pepe e una misteriosa vecchietta saranno alcuni dei suoi compagni di avventura. Riuscirà Bianca ad arrivare alla fine del viaggio, tra serate di gala, ladri di gioielli, persone che scompaiono misteriosamente e i ricordi dolorosi di un passato che cerca di tornare prepotentemente a galla?

UNA CROCIERA SUI TACCHI

Conti Valeria Angela

È un annuncio surreale quello che un lunedì come tanti compare sul Metroquadro, rivista milanese di inserzioni immobiliari: una vecchia contessa caduta in miseria mette in vendita un loculo cimiteriale della tomba di famiglia al Monumentale di Milano. Il cliente ideale? Secondo lei il pendolare che, intrappolato ogni giorno sui treni sovraffollati che fanno la spola tra Milano e l'hinterland, troverà in quell'offerta la soluzione ai suoi problemi. Almeno fino a quando l'anziana morirà. Allora, e solo allora, l'inquilino dovrà restituirle la dimora del suo eterno riposo. Colpevole della svista che ha permesso la pubblicazione dell'inserzione è Federico Plomb, impiegato alla redazione del Metroquadro e pendolare lui stesso. Dopo aver rischiato il licenziamento per questo errore, Federico assiste inerme alle reazioni a catena che ha innescato, a partire dall'atteggiamento dei media che, dapprima interessati al lato folkloristico della vicenda, ne fanno poi oggetto di serie discussioni nei talk show. Ha inizio un nuovo fenomeno: i milanesi che possiedono un loculo trovano l'idea della contessa ottima per guadagnare, e i pendolari, stanchi delle risse quotidiane per un posto sul treno regionale, rispondono alle inserzioni. E comprano. Le leggi di mercato fanno il resto. È il boom di un nuovo mercato immobiliare.

Comodo, silenzioso, vicinanze metrò

Spinaci Antonio

Mario e Cristiana hanno superato i sessant'anni e sono divorziati da quindici. Lui è un ingegnere idraulico che si è appena trasferito a Rio de Janeiro con una giovane moglie e un figlio di poco più di un anno. Lei è rimasta a Roma con i loro due figli ormai grandi e un secondo, felice matrimonio. Un giorno, Cristiana riceve una strana lettera di Mario dal Brasile. Le scrive che si sta sentendo vecchio, che vorrebbe ritrovare un po' della perduta giovinezza scambiandosi delle lettere con lei. Dice che solo così, tornando indietro con chi si è stati giovani davvero, si può esserlo ancora. Ma quali sono, in realtà, le sue intenzioni? Attraverso le risposte di Cristiana, il lettore vedrà sfilare davanti ai suoi occhi, insieme alla storia del loro amore naufragato, i tic e i malesseri di un'intera generazione: le false utopie, la crisi del rapporto tra uomo e donna, le rivoluzioni fallite, il terrorismo, la fede politica, i molti ideali sfumati per non lasciare spazio ad altro che alla banale concretezza. E poi i rancori, i tradimenti reciproci, tutte le cose non dette che finalmente tornano a galla in modo violento, brutale, sempre senza pietà. Fino a una vera e propria resa dei conti nella quale tutte le carte, ormai, sono in tavola.

Ti spiego

Petri Romana