Narrativa

La luce che pioveva

Zeppegno Giuliana

Descrizione: Una figlia si rivolge alla madre, ne raccoglie l'eredità di storie che appartengono a un'Italia non lontana nel tempo, ma già parte di un orizzonte mitico. L'infanzia tra le cascine del Piemonte, le preghiere al posto delle filastrocche, l'apprendistato alla vergogna e alla fatica, la passione del lavoro, la prima automobile, l'amore per un marito esuberante e fragile, per i figli inaspettati. Procedendo per brevi capitoli che segnano tappe e incontri, "La luce che pioveva" illumina con sguardo acuto e partecipe il percorso di una donna e di un Paese in trasformazione. Un libro intimo che - incalzando il «tu» materno senza mai giudicarlo - narra alla seconda persona singolare l'avventura di un'esistenza normale.

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana: I trabucchi

Anno: 2022

ISBN: 9788831312912

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

La luce che pioveva - L’orma editore

Giuliana Zeppegno è nata in provincia di Torino. Autrice di testi di scolastica, insegnante di italiano come lingua straniera e traduttrice dallo spagnolo, dal 2010 vive a Madrid, dove ha svolto un post dottorato in teoria della letteratura. La luce che pioveva è il suo esordio narrativo ed è un libro di grande eleganza e potenza narrativa: un dialogo  tra figlia e madre, narrato alla seconda persona singolare attraverso capitoli brevi e frasi che concise, ma incisive e d’effetto. Una specie di sofisticato e lungo flusso di coscienza dove la figlia racconta l’esistenza, non facile e irta di difficoltà, della madre “Nove figli e due aborti in quattordici anni. Praticamente era sempre incinta, ma tu non te ne accorgesti mai, perché la pancia la mascherava coi vestiti e lavorava come se niente fosse. Ricordi le gonne gigantesche, marroni, e voi bambini aggrappati chi di qua chi di là, anche quattro o cinque insieme, tirando così forte che lei a stento riusciva a camminare.”

Una famiglia numerosa, all’antica, dove il padre era una figura burbera, arcigna, con qualche sporadico sprazzo di affettuosità, che stupiva tutti quando si manifestava: “Dei tuoi fratelli e delle tue sorelle hai qualche ricordo staccato. Istantanee disordinate, slegate l’una dall’altra. (…) Hai qualche ricordo staccato dei tuoi fratelli e delle tue sorelle, ma ti riesce difficile ricostruire chi era come, e cosa facesse. Non vi toccavate se non per sbaglio, e tra di voi parlavate appena. Eppure nei tuoi ricordi eravate un noi. Un groviglio indistinto, e legato stretto nonostante il silenzio, che si sarebbe disfatto solo molti anni dopo.”

Una vita vissuta nelle campagne piemontesi e poi un cammino in salita, irto, spesso costellato di rinunce: “Un giorno dell’inverno di quest’anno/un giorno, un giorno della nostra vita”.

Una vita che è l’ordinario, ma al contempo è Storia, storia di un paese che sta subendo una trasformazione: il lavoro, la prima automobile, l’amore, un marito, i figli. Tappe di un contesto chiuso e moralista, di sacrificio e di annullamento. Alla fine il ritratto ordinario della donna ordinario diventa paradigma di un essere arcaico, assunto a simbolo, attraverso il ricordo mai dimenticato, sempre presente. L’esordio di Giuliana Zeppegno è un’ottima  prova, elegante, filosofica e molto colta…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliana

Zeppegno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zeppegno Giuliana

Dodecamenos/inverno

Giuliani Rania

Claude, giunto a Parigi, trova una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato passeggiando con i suoi amici sotto il sole della Provenza. A fargli compagnia il freddo, la fame e un quaderno, su cui annota le proprie impressioni e sentimenti; e ad acuire il suo malessere la solitudine e la mancanza di qualcuno da amare e con cui condividere la sua miserabile esistenza. Ma ecco che Laurence, una ragazza precocemente invecchiata a causa di una vita di dissolutezze e di stenti, irrompe prepotentemente nella sua vita e Claude decide di salvarla dalla sua sciagurata esistenza. "La confessione di Claude" è un romanzo autobiografico, in cui Zola racconta i primi e difficili anni della sua vita parigina. Pubblicato nel 1865, il libro attirò le attenzioni della polizia francese per la sordida ambientazione delle vicende e per lo stesso motivo lo scrittore venne ripudiato dall'editore Hachette.

La confessione di Claude

Zola Emile

Seminario diverso

Narra la vita di Ghada Karmi, medico palestinese che trascorre l'infanzia in un sobborgo benestante di Gerusalemme. Quando la famiglia è costretta a fuggire in Inghilterra a causa delle crescenti violenze degli ebrei nei confronti della popolazione araba, Ghada deve imparare a convivere con la perdita del paese in cui è nata, sostituito da Israele. La scelta di privilegiare l'identità inglese è naturale e all'inizio risolutiva. Quando sceglie di sposare un inglese, Ghada è costretta a difendere il suo matrimonio agli occhi della famiglia tradizionalista, difendendo allo stesso tempo la fittizia identità inglese che ha attribuito a se stessa. Ben presto le contraddizioni di una tale decisione esplodono in tutta la loro violenza: durante la guerra dei Sei giorni Ghada farà i conti con l'indifferenza, o addirittura l'ostilità, di tutti quelli che credeva vicini. Convinta di dover cercare se stessa scavando nel passato, Ghada si getta anima e corpo nell'impegno politico: negli anni Settanta inizia a lottare per far sentire la voce dimenticata degli esuli palestinesi, si reca nei campi profughi dove lavora come medico, e alla fine torna addirittura a vivere in Siria. Incapace di sentirsi "a casa" dovunque provi, Ghada decide alla fine di visitare i luoghi della sua infanzia. Solo dopo questo viaggio capirà che non esiste per lei alcun posto dove fermarsi: che non sarà mai un'inglese, non potrà mai tornare in Palestina, e non appartiene per intero nemmeno al mondo arabo.

Alla ricerca di Fatima. Una storia palestinese

Karmi Ghada