Narrativa

La luce che pioveva

Zeppegno Giuliana

Descrizione: Una figlia si rivolge alla madre, ne raccoglie l'eredità di storie che appartengono a un'Italia non lontana nel tempo, ma già parte di un orizzonte mitico. L'infanzia tra le cascine del Piemonte, le preghiere al posto delle filastrocche, l'apprendistato alla vergogna e alla fatica, la passione del lavoro, la prima automobile, l'amore per un marito esuberante e fragile, per i figli inaspettati. Procedendo per brevi capitoli che segnano tappe e incontri, "La luce che pioveva" illumina con sguardo acuto e partecipe il percorso di una donna e di un Paese in trasformazione. Un libro intimo che - incalzando il «tu» materno senza mai giudicarlo - narra alla seconda persona singolare l'avventura di un'esistenza normale.

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana: I trabucchi

Anno: 2022

ISBN: 9788831312912

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

La luce che pioveva - L’orma editore

Giuliana Zeppegno è nata in provincia di Torino. Autrice di testi di scolastica, insegnante di italiano come lingua straniera e traduttrice dallo spagnolo, dal 2010 vive a Madrid, dove ha svolto un post dottorato in teoria della letteratura. La luce che pioveva è il suo esordio narrativo ed è un libro di grande eleganza e potenza narrativa: un dialogo  tra figlia e madre, narrato alla seconda persona singolare attraverso capitoli brevi e frasi che concise, ma incisive e d’effetto. Una specie di sofisticato e lungo flusso di coscienza dove la figlia racconta l’esistenza, non facile e irta di difficoltà, della madre “Nove figli e due aborti in quattordici anni. Praticamente era sempre incinta, ma tu non te ne accorgesti mai, perché la pancia la mascherava coi vestiti e lavorava come se niente fosse. Ricordi le gonne gigantesche, marroni, e voi bambini aggrappati chi di qua chi di là, anche quattro o cinque insieme, tirando così forte che lei a stento riusciva a camminare.”

Una famiglia numerosa, all’antica, dove il padre era una figura burbera, arcigna, con qualche sporadico sprazzo di affettuosità, che stupiva tutti quando si manifestava: “Dei tuoi fratelli e delle tue sorelle hai qualche ricordo staccato. Istantanee disordinate, slegate l’una dall’altra. (…) Hai qualche ricordo staccato dei tuoi fratelli e delle tue sorelle, ma ti riesce difficile ricostruire chi era come, e cosa facesse. Non vi toccavate se non per sbaglio, e tra di voi parlavate appena. Eppure nei tuoi ricordi eravate un noi. Un groviglio indistinto, e legato stretto nonostante il silenzio, che si sarebbe disfatto solo molti anni dopo.”

Una vita vissuta nelle campagne piemontesi e poi un cammino in salita, irto, spesso costellato di rinunce: “Un giorno dell’inverno di quest’anno/un giorno, un giorno della nostra vita”.

Una vita che è l’ordinario, ma al contempo è Storia, storia di un paese che sta subendo una trasformazione: il lavoro, la prima automobile, l’amore, un marito, i figli. Tappe di un contesto chiuso e moralista, di sacrificio e di annullamento. Alla fine il ritratto ordinario della donna ordinario diventa paradigma di un essere arcaico, assunto a simbolo, attraverso il ricordo mai dimenticato, sempre presente. L’esordio di Giuliana Zeppegno è un’ottima  prova, elegante, filosofica e molto colta…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliana

Zeppegno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zeppegno Giuliana

Perle di un filo pulito

Bernie Gladhart è un mite venditore d’auto di Chicago che nel tempo libero si diletta, con scarso successo, a fare lo scrittore. Un giorno la moglie, impressionata dalla storia di Cabot Wright – giovane finanziere di Wall Street, autore di circa trecento violenze carnali – lo spinge a recarsi a new york per cercarlo e, basandosi sulla sua vicenda, a scrivere finalmente il Grande romanzo Americano. L’industria culturale, che nella vicenda intravede il soggetto ideale per un bestseller, punta immediatamente gli occhi su Cabot e il libro di Bernie. Inizia così una caccia all’uomo tra i grattacieli di new york – con Bernie accompagnato dalla zelante zoe Bickle, affiancatagli dall’editore – in cerca del «personaggio Cabot»; ma questi, una volta rintracciato, non ricorda più nulla: il «suo» romanzo resterà incompiuto, ma vedere la sua storia scritta lo spingerà a cercare la propria verità, che non ha nulla a che vedere con quella che vorrebbero attribuirgli, per motivi diversi, l’editore e il mondo che lo circonda. Un libro divertente e grottesco. Una descrizione precisa dei meccanismi perversi dell’industria culturale e un’esplorazione inedita dell’ambiguo gioco tra realtà e finzione.

Cabot Wright ci riprova

Purdy James

Le quarantanove prose di questo libro raccontano la graduale maturazione spirituale di un giovane uomo che, giorno dopo giorno, cerca di chiarire il proprio legame con se stesso, ma anche con la figura della madre e del padre, con la propria fidanzata, la città, il paese e lo Stato. In un periodo assai breve, ma come in un'illuminazione prolungata, egli tenta di radicarsi nella realtà in cui vive cercando di acquisire una solidità che nei tempi consumistici ed egotici di oggi sembra negata. È possibile rafforzare se stessi da se stessi? L'autore ci racconta quarantanove giorni della sua vita tentando di raggiungere ciò che il poeta Giorgio Caproni chiamava "quello stato profondo di sé che è di tutti", cercando di riportarlo alla realtà quotidiana, spingendo la poesia oltre il libro che la contiene.

Quarantanove giorni

Ricciardi Jacopo

Leonardo Sciascia pubblico questo romanzo nel 1961. Allora, nelle parole dell'autore stesso, . La stessa parola mafia era usata con tutte le cautele e quasi di malavoglia. Eppure noi sappiamo che proprio in quegli anni avveniva la radicale trasformazione che sposto la mafia dal mondo agrario a quello degli appalti, delle commesse e di altre realta , non piu regionali ma nazionali e internazionali. Lo scrittore Sciascia irrompe dunque in questa realta come nominandola per la prima volta. Basta leggere la pagina iniziale del Giorno della civetta per capire che essa finalmente cominciava a esistere nella parola. Sciascia sottopose il testo a un delicato lavoro di limatura, riducendolo ai tratti essenziali con l'arte del : e, visto a distanza di anni, tale lavoro si rivela piu che mai un'astuzia dell'arte. Qui infatti Sciascia ha scoperto, una volta per tutte, quel suo inconfondibile modo di narrare che non si concede ambagi e volute, ma fissa lo sguardo sempre e soltanto sulle nervature del significato, fossero anche in un minimo gesto o dettaglio. In questo senso, se Il giorno della civetta e diventato il romanzo piu popolare di Sciascia, e anche perche lo rappresenta in una forma che, nel piu piccolo spazio, raggiunge la massima densita.

Il giorno della civetta

Sciascia Leonardo