Narrativa

La luce che pioveva

Zeppegno Giuliana

Descrizione: Una figlia si rivolge alla madre, ne raccoglie l'eredità di storie che appartengono a un'Italia non lontana nel tempo, ma già parte di un orizzonte mitico. L'infanzia tra le cascine del Piemonte, le preghiere al posto delle filastrocche, l'apprendistato alla vergogna e alla fatica, la passione del lavoro, la prima automobile, l'amore per un marito esuberante e fragile, per i figli inaspettati. Procedendo per brevi capitoli che segnano tappe e incontri, "La luce che pioveva" illumina con sguardo acuto e partecipe il percorso di una donna e di un Paese in trasformazione. Un libro intimo che - incalzando il «tu» materno senza mai giudicarlo - narra alla seconda persona singolare l'avventura di un'esistenza normale.

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana: I trabucchi

Anno: 2022

ISBN: 9788831312912

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

La luce che pioveva - L’orma editore

Giuliana Zeppegno è nata in provincia di Torino. Autrice di testi di scolastica, insegnante di italiano come lingua straniera e traduttrice dallo spagnolo, dal 2010 vive a Madrid, dove ha svolto un post dottorato in teoria della letteratura. La luce che pioveva è il suo esordio narrativo ed è un libro di grande eleganza e potenza narrativa: un dialogo  tra figlia e madre, narrato alla seconda persona singolare attraverso capitoli brevi e frasi che concise, ma incisive e d’effetto. Una specie di sofisticato e lungo flusso di coscienza dove la figlia racconta l’esistenza, non facile e irta di difficoltà, della madre “Nove figli e due aborti in quattordici anni. Praticamente era sempre incinta, ma tu non te ne accorgesti mai, perché la pancia la mascherava coi vestiti e lavorava come se niente fosse. Ricordi le gonne gigantesche, marroni, e voi bambini aggrappati chi di qua chi di là, anche quattro o cinque insieme, tirando così forte che lei a stento riusciva a camminare.”

Una famiglia numerosa, all’antica, dove il padre era una figura burbera, arcigna, con qualche sporadico sprazzo di affettuosità, che stupiva tutti quando si manifestava: “Dei tuoi fratelli e delle tue sorelle hai qualche ricordo staccato. Istantanee disordinate, slegate l’una dall’altra. (…) Hai qualche ricordo staccato dei tuoi fratelli e delle tue sorelle, ma ti riesce difficile ricostruire chi era come, e cosa facesse. Non vi toccavate se non per sbaglio, e tra di voi parlavate appena. Eppure nei tuoi ricordi eravate un noi. Un groviglio indistinto, e legato stretto nonostante il silenzio, che si sarebbe disfatto solo molti anni dopo.”

Una vita vissuta nelle campagne piemontesi e poi un cammino in salita, irto, spesso costellato di rinunce: “Un giorno dell’inverno di quest’anno/un giorno, un giorno della nostra vita”.

Una vita che è l’ordinario, ma al contempo è Storia, storia di un paese che sta subendo una trasformazione: il lavoro, la prima automobile, l’amore, un marito, i figli. Tappe di un contesto chiuso e moralista, di sacrificio e di annullamento. Alla fine il ritratto ordinario della donna ordinario diventa paradigma di un essere arcaico, assunto a simbolo, attraverso il ricordo mai dimenticato, sempre presente. L’esordio di Giuliana Zeppegno è un’ottima  prova, elegante, filosofica e molto colta…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliana

Zeppegno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zeppegno Giuliana

Carolina, una ragazza nel tunnel della droga, e Giorgio, suo padre, editor di una piccola casa editrice romana. Un centro di recupero dal quale la figlia è uscita senza una vera guarigione. La vita che ricomincia come prima, attirata a ogni passo nei vicoli della dipendenza, verso un destino cui niente e nessuno sembra potersi opporre. Solo, impotente, smarrito, Giorgio tenta ogni strada per salvare sua figlia, e in ogni strada, dissestata, sconnessa da una crescente follia, la sua solitudine si fa più profonda, il suo smarrimento più vasto, la sua impotenza più fatale. Cerca rifugio nella fede, e una via di salvezza comincia ad affacciarsi, un'idea di fede oscura, un patto col diavolo...

Sacrificio

Carraro Andrea

È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia. Ma c’è un problema. La vittima è Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. L’altro inesperto marinaio, Emilio Spanzen, milanese in villeggiatura sul lago, è figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che collegherà Milano alla Valtelina. Due famiglie importanti. Infatti da Como arriva una pesante sollecitazione: bisogna trovare un colpevole.

LA LEGGENDA DEL MORTO CONTENTO

Vitali Andrea

La bruciante e tragica ascesa di Julien Sorel, giovane avventuroso, romantico e calcolatore, nella Francia della Restaurazione. Il protagonista del piú celebre romanzo dello scrittore francese sfida se stesso e la società che vorrebbe conquistare: i suoi amori travolgenti e la sua arida sete di dominio, che di volta in volta gli consentono di affermarsi e lo portano alla distruzione, sono i segni distintivi di una letteratura che è riuscita a misurarsi con le piú profonde e misteriose contraddizioni del cuore umano. Il fascino estremo di un personaggio ambizioso e inquietante nel più celebre romanzo di Stendhal. Con uno scritto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa e una nota bibliografica.

Il rosso e il nero

Stendhal

Nel dicembre 1988, un violentissimo terremoto colpì la Repubblica Armena. Una intera regione fu rasa al suolo. Leggere questo testo porta a riflettere sull’entità incalcolabile delle catastrofi così lontane da noi spazialmente ed emotivamente, a considerare i popoli altri non come una massa indistinta, ma come un insieme di volti e di voci. Gli eventi di quei lunghi mesi hanno cambiato per sempre il corso della vita di molti protagonisti, mentre il mondo intorno a loro era in profonda trasformazione. Questa è la storia di una rinascita. Quest’opera è finalista al concorso letterario “Mangiaparole” (2012) e vincitrice della XI edizione del premio letterario diaristico “La Lanterna Bianca” (2012).

IL LUNGO INVERNO DI SPITAK

Simonelli Mario Massimo