Letteratura femminile

La lunga vita di Marianna Ucria

Maraini Dacia

Descrizione: Marianna appartiene a una nobile famiglia palermitana del Settecento. Il suo destino dovrebbe essere quello di una qualsiasi giovane nobildonna ma la sua condizione di sordomuta la rende diversa: "Il silenzio si era impadronito di lei come una malattia o forse una vocazione". Le si schiudono così saperi ignoti: Marianna impara l'alfabeto, legge e scrive perché questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo. Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima. Eppure Marianna compirà i gesti di ogni donna, gioirà e soffrirà, conoscerà la passione.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Rizzoli

Collana: Vintage

Anno: 1990

ISBN: 978-88-58-65311-7

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

La lunga vita di Marianna Ucrìa è un romanzo di Dacia Maraini pubblicato nel 1990 e che, nello stesso anno, vinse il Premio Campiello. Rientra a pieno titolo fra i romanzi che ogni buon lettore dovrebbe leggere, per la storia in sé, ma anche per gli spunti di riflessione che inevitabilmente suscita.

Scantu la ‘nsurdiu e scantu l’ avi a sanare”: la saggezza del conte Ucrìa si riferisce alla tenace convinzione di poter guarire la giovane e adorata figlia, Marianna, rimasta sordomuta a causa di uno spavento e, quindi, a dire del genitore, un secondo spavento (assistere a un’impiccagione!) avrebbe dovuto sanarla e renderla come le sue sorelle, normale.

Così si apre il romanzo e fin dalle prime pagine il lettore è immerso nel clima cupo e pieno di contraddizioni della Sicilia del Settecento. Mentre l’Europa partecipa alla rivoluzione del Secolo dei Lumi, a Palermo, in un tempo scandito da impiccagioni, autodafé, matrimoni d’interesse e monacazioni senza vocazione, si consuma la vicenda diella “piccola mutola”, Marianna.

Sposare, figliare, fare sposare le figlie, farle figliare, e fare in modo che le figlie sposate facciano figliare le loro figlie che a loro volta si sposino e figlino…”, è questo il motto della discendenza Ucrìa, che in questo modo è riuscita ad imparentarsi per via femminile con le più grandi famiglie palermitane. Marianna, costretta ad andare in sposa a soli tredici anni allo zio, investita “con rimproveri e proverbi” quando osa sottrarsi al suo ruolo di “mugghieri” (moglie), sembra all’inizio destinata alla medesima sorte. Lei, però, proprio da questa “mancanza” trarrà la forza per elevarsi al di sopra della chiusura e della meschinità che la circonda.

La donna, infatti, non è per nulla sconfortata dal non poter parlare o sentire ciò che il mondo le dice: ha affinato l’olfatto e la vista e riesce a “sentire” le azioni degli altri.

La sua vita, da copione, è segnata dalla numerose gravidanze “cinque figli vivi e tre morti prima di nascere”, il risultato di aver soddisfatto gli appetiti del signor marito zio, un uomo burbero e introverso, con il quale “otto volte si sono incontrati sotto le lenzuola senza baciarsi né accarezzarsi.”.
Sopravvivere diventa possibile per Marianna solo rifugiandosi in un mondo fantastico, la biblioteca, dove passa tutta la notte a leggere, di storie d’amore vere e di giorni vissuti, traendo linfa vitale da ogni pagina.

Lei, seduta sulla poltrona, immobile, sogna di viaggiare e di conoscere, desidera essere libera di essere, senza nessuno che possa dettarle legge, senza il giogo di un matrimonio che la opprime. Ha sacrificato il suo corpo alle gravidanze e ai piaceri del marito, ma la mente è ancora uno spazio infinito completamente suo.

La consolazione sono i bambini, che ama profondamente e segue nella crescita. Per costruire con loro un mondo di parole scritte, dove non esiste nessuno ad eccezione di loro sei, che respirano tutti la medesima aria e gli stessi sentimenti.

Ma anche questa atmosfera di ovattata pace viene invasa dal dolore. Il minore dei figli, il preferito perché nato prematuro, si ammala, si spegne tra le braccia della madre, incapace di aiutarlo, di consolarlo e di urlare il dolore per una perdita tanto amara.

Dopo anni, costretta in un matrimonio degradante, rimane vedova: Marianna è libera. I figli sono grandi e dopo essersi occupata delle terre (visto che i fratelli si sono rivelati due completi incapaci) decide di scoprire il mondo del quale aveva unicamente letto: conosce finalmente la giocosità della sessualità, senza remore, senza paure e decide di partire, risoluta a essere finalmente l’unica padrona della sua vita.

Marianna Ucrìa è senza dubbio da considerare una femminista anzitempo (ha osato togliere il lutto dopo neanche un anno dalla morte del marito!), libera dagli obblighi cui la società l’aveva costretta fin da bambina, privandola del piacere d’essere  se stessa, di potersi scoprire…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dacia

Maraini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maraini Dacia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un futuro non troppo lontano, tutti i sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste sono ormai scomparsi e l'Italia è scossa da un rigurgito antisemita. In un clima ostile, Pacifico Lattes, giovane studioso del museo della Shoah di Roma, prepara un'importante mostra sugli ultimi superstiti ai campi di concentramento. Il suo minuzioso lavoro di archiviazione e conservazione però, svolto per anni dietro a una scrivania, sembra improvvisamente crollare di fronte alla notizia della possibile esistenza di un sopravvissuto ancora in vita: tra le mura di una casa di riposo di Tor Sapienza, infatti, ce Attilio Amati, novantottenne aspro e taciturno custode di un segreto all'apparenza inconcepibile. Dall'incontro tra Attilio e Pacifico, dapprima scettico nei confronti di un vecchio il cui nome non compare sulle liste dei deportati, inizia una ricerca difficile e ostinata, un confronto serrato che porterà entrambi a riconoscersi nella dolorosa esperienza dell'altro. Un gioco inestricabile di scambi e silenzi che nasconde una drammatica «scelta di Sophie», un terribile segreto legato alla travagliata esperienza del lager.

Il museo delle penultime cose di Massimiliano Boni

Boni Massimiliano

Virginia Woolf scrisse che il greco antico è una lingua «che ci tiene schiavi, che ci seduce e ci attira» pur nella sua irreparabile incomprensione. Sì, perché il greco oggi non lo comprendiamo più: la sua unicità è scomparsa per sempre. La lingua greca era, innanzitutto, un modo di vedere il mondo: un mondo in cui non esisteva il tempo delle cose, ma il come, l’aspetto. In cui i numeri delle parole erano tre, singolare plurale e duale – due per gli occhi, due per gli amanti –, ed esisteva un modo verbale per esprimere il desiderio, l’ottativo. Non esisteva il futuro, il greco moderno ha dovuto inventarlo. Il nostro modo di pensare è così diverso che il greco antico non è più parte di noi – linguisticamente siamo orfani. O meglio, diseredati. Queste Lezioni di greco nascono dalla cocciutaggine di chi ha a lungo studiato la lingua greca per rintracciarne il significato profondo – e per dare, nel 2016, significato a chi a questa lingua si avvicina. Nascono soprattutto dalla volontà di mettere fine a ogni paura, soggezione, separazione tra gli italiani moderni e i greci antichi. Si tratta quindi di un viaggio intimo del lettore nelle particolarità del greco antico, con la convinzione che solo l’immaginazione, la fantasia e l’ironia, supportate dalla conoscenza, ci possano liberare dalla schiavitù di una lingua che da millenni ci seduce senza capirla – e trasformarla in amore.

La lingua geniale

Marcolongo Andrea

La ciociara

Moravia Alberto

Christophe Douvier è un corriere di diamanti per la multinazionale olandese De Weld. Dopo anni di irreprensibile lavoro ha deciso che quello alle miniere del Botswana sarà l'ultimo incarico. Non ha più tempo da perdere. Per lui non c'è più speranza. La diagnosi del suo medico non concede aspettative: tumore al polmone. C'è una sola cosa che Christophe Douvier vuole fare: assicurare un avvenire sereno a Isabeau, l'amata sorella. Come le altre volte ritira il prezioso carico, stavolta però con l'obiettivo di farlo sparire. Prima di lasciare il Sudafrica però Douvier, surfista appassionato, vuole realizzare un ultimo desiderio. Una spiaggia di Durban è il posto giusto per l'ultima sfida alle onde. Ma il destino si materializza sotto forma di uno squalo, pronto a sovvertire ogni verità creduta e ad accendere la miccia di un complotto che vede coinvolti gli spietati vertici della De Weld, una branca deviata dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il popolo di un'isola misteriosa della Polinesia e uno spietato mercenario - Chimera - al soldo del miglior offerente.

IL PAZIENTE ZERO

Zarini Gianpaolo