Letteratura femminile

La lunga vita di Marianna Ucria

Maraini Dacia

Descrizione: Marianna appartiene a una nobile famiglia palermitana del Settecento. Il suo destino dovrebbe essere quello di una qualsiasi giovane nobildonna ma la sua condizione di sordomuta la rende diversa: "Il silenzio si era impadronito di lei come una malattia o forse una vocazione". Le si schiudono così saperi ignoti: Marianna impara l'alfabeto, legge e scrive perché questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo. Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima. Eppure Marianna compirà i gesti di ogni donna, gioirà e soffrirà, conoscerà la passione.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Rizzoli

Collana: Vintage

Anno: 1990

ISBN: 978-88-58-65311-7

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

La lunga vita di Marianna Ucrìa è un romanzo di Dacia Maraini pubblicato nel 1990 e che, nello stesso anno, vinse il Premio Campiello. Rientra a pieno titolo fra i romanzi che ogni buon lettore dovrebbe leggere, per la storia in sé, ma anche per gli spunti di riflessione che inevitabilmente suscita.

Scantu la ‘nsurdiu e scantu l’ avi a sanare”: la saggezza del conte Ucrìa si riferisce alla tenace convinzione di poter guarire la giovane e adorata figlia, Marianna, rimasta sordomuta a causa di uno spavento e, quindi, a dire del genitore, un secondo spavento (assistere a un’impiccagione!) avrebbe dovuto sanarla e renderla come le sue sorelle, normale.

Così si apre il romanzo e fin dalle prime pagine il lettore è immerso nel clima cupo e pieno di contraddizioni della Sicilia del Settecento. Mentre l’Europa partecipa alla rivoluzione del Secolo dei Lumi, a Palermo, in un tempo scandito da impiccagioni, autodafé, matrimoni d’interesse e monacazioni senza vocazione, si consuma la vicenda diella “piccola mutola”, Marianna.

Sposare, figliare, fare sposare le figlie, farle figliare, e fare in modo che le figlie sposate facciano figliare le loro figlie che a loro volta si sposino e figlino…”, è questo il motto della discendenza Ucrìa, che in questo modo è riuscita ad imparentarsi per via femminile con le più grandi famiglie palermitane. Marianna, costretta ad andare in sposa a soli tredici anni allo zio, investita “con rimproveri e proverbi” quando osa sottrarsi al suo ruolo di “mugghieri” (moglie), sembra all’inizio destinata alla medesima sorte. Lei, però, proprio da questa “mancanza” trarrà la forza per elevarsi al di sopra della chiusura e della meschinità che la circonda.

La donna, infatti, non è per nulla sconfortata dal non poter parlare o sentire ciò che il mondo le dice: ha affinato l’olfatto e la vista e riesce a “sentire” le azioni degli altri.

La sua vita, da copione, è segnata dalla numerose gravidanze “cinque figli vivi e tre morti prima di nascere”, il risultato di aver soddisfatto gli appetiti del signor marito zio, un uomo burbero e introverso, con il quale “otto volte si sono incontrati sotto le lenzuola senza baciarsi né accarezzarsi.”.
Sopravvivere diventa possibile per Marianna solo rifugiandosi in un mondo fantastico, la biblioteca, dove passa tutta la notte a leggere, di storie d’amore vere e di giorni vissuti, traendo linfa vitale da ogni pagina.

Lei, seduta sulla poltrona, immobile, sogna di viaggiare e di conoscere, desidera essere libera di essere, senza nessuno che possa dettarle legge, senza il giogo di un matrimonio che la opprime. Ha sacrificato il suo corpo alle gravidanze e ai piaceri del marito, ma la mente è ancora uno spazio infinito completamente suo.

La consolazione sono i bambini, che ama profondamente e segue nella crescita. Per costruire con loro un mondo di parole scritte, dove non esiste nessuno ad eccezione di loro sei, che respirano tutti la medesima aria e gli stessi sentimenti.

Ma anche questa atmosfera di ovattata pace viene invasa dal dolore. Il minore dei figli, il preferito perché nato prematuro, si ammala, si spegne tra le braccia della madre, incapace di aiutarlo, di consolarlo e di urlare il dolore per una perdita tanto amara.

Dopo anni, costretta in un matrimonio degradante, rimane vedova: Marianna è libera. I figli sono grandi e dopo essersi occupata delle terre (visto che i fratelli si sono rivelati due completi incapaci) decide di scoprire il mondo del quale aveva unicamente letto: conosce finalmente la giocosità della sessualità, senza remore, senza paure e decide di partire, risoluta a essere finalmente l’unica padrona della sua vita.

Marianna Ucrìa è senza dubbio da considerare una femminista anzitempo (ha osato togliere il lutto dopo neanche un anno dalla morte del marito!), libera dagli obblighi cui la società l’aveva costretta fin da bambina, privandola del piacere d’essere  se stessa, di potersi scoprire…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dacia

Maraini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maraini Dacia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La vita di Agapitu, detto "Matoforu", il contastorie di Thilipirches, in Barbagia: il venditore di metafore. Dalla sua nascita avvolta nel mistero, fino a quando, oramai adulto e tra i pochi sopravvissuti alla Grande Carestia che ha colpito il suo paese, decide di vivere raccontando le vite degli altri. Il romanzo è l'insieme di tutte queste vite: quella del becchino, del nano, di Giovanna Garofano, dell'inventore della macchina cancellapeccati, dell'aggiustaossa e del mai cresciuto... Matoforu racconta sulla piazza o davanti al sagrato di un paese che cambia ad ogni racconto. Eppure, pur essendo coinvolto da queste esistenze comuni e prodigiose, il lettore si appassiona anche alla vita di colui che narra, dall'incontro col cane che lo accompagna nel corso dei suoi viaggi, ai carabinieri che lo minacciano e gli impongono di smettere di fare il contastorie perché disturba l'ordine pubblico, ai mesi trascorsi nascosto in una grotta come un latitante, all'amore per Anzelina la contadora, la donna con la quale trascorrerà il tempo che gli è rimasto da vivere...

Il venditore di metafore

Niffoi Salvatore

Bordeaux, anni Cinquanta. Una città che ha ancora addosso le stimmate della Seconda guerra mondiale e in cui si aggira la figura spaventosa del commissario Darlac, uno sbirro corrotto che ha fatto i soldi durante l’Occupazione collaborando con i nazisti. Intanto già si profila un nuovo conflitto e i giovani vengono richiamati per partire per l’Algeria. Daniel sa che questa è la sorte che lo attende. Ha perduto i genitori nei campi di sterminio nazisti e, adottato da una coppia, lavora come apprendista meccanico. Un giorno uno sconosciuto si presenta in officina per riparare la moto. L’uomo non è a Bordeaux per caso. La sua presenza scatenerà un’onda d’urto mortale in città. Dopo la guerra è la storia di una vendetta e di molti segreti. I percorsi di due uomini misteriosamente uniti, guidati rispettivamente dall’odio e dall’amore, si sviluppano in una Bordeaux grigia, piovosa, sporca, apparentemente tranquilla, ma in realtà agitata da vecchi rancori e contrasti tra ex partigiani, ex collaborazionisti e malavita locale. A tutto fa da sfondo la tragica guerra d’Algeria. Celebrato come capolavoro del genere poliziesco, Dopo la guerra è in realtà un capolavoro in senso assoluto, in cui l’azione si alterna all’introspezione, il cinismo si scontra col rimorso e la brutalità opprime, ma non riesce a sconfiggere del tutto, l’amore. Premio Le Point del romanzo noir europeo nel 2014.

Dopo la guerra di Hervé Le Corre

Le Corre Hervé

Cosa accadrebbe se a James Joyce venisse rifiutato ogni libro? E se Tolstoj fosse ospitato in radio a Roma, per ascoltare il parere di Ilaria da Foggia? E se William Shakespeare finisse alla sbarra con l'accusa di plagio? Sono solo alcuni dei ritratti paradossali che questo libro ha in serbo per il lettore. Con una prosa scanzonata, L'unico scrittore buono è quello morto illumina splendori e miserie del mondo letterario, senza risparmiare i mostri sacri. Autori e lettori, editori e traduttori finiscono in un frullatore di racconti che miscela una metafisica Praga ribattezzata Kafkania (dove i bordelli si chiamano "Il castello", "La condanna" o "La colonia penale") con una San Francisco iperletteraria dove vagano i sosia dei beat, uno scrittore beone alle prese con una lettrice assatanata e un poetastro in gara nel poetry slam più sgangherato della storia. Una parodia per aspiranti scrittori e lettori sgamati, che snocciola una carrellata di personaggi afasici, perduti, smarriti nel tragicomico labirinto delle lettere. Un libro per tutti quelli che vogliono scrivere e per chi li farebbe fuori volentieri, ma anche un grande atto d'amore per la forza della scrittura.

L’UNICO SCRITTORE BUONO E’ QUELLO MORTO

Rossari Marco

Scritto nel 1940, questo racconto, ora riproposto da solo, venne pubblicato solo nel 1949, nel volume dal titolo omonimo che comprendeva "Il diavolo sulle colline" e "Tra donne sole". È la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Dall'ambiente operaio al quale appartiene, Ginia entra in contatto con alcuni esponenti di una bohème pseudo-artistica e intellettuale: studenti, eccentrici perdigiorno e pittori dilettanti, che si incontrano nei caffè e abitano nelle soffitte. La ragazza si innamora di Guido, un pittore di origine contadina e, dopo aver vinto le resistenze interiori e i rimorsi residui, si lascia alla fine sedurre. È l'inizio della sua dolorosa maturazione come donna.

La bella estate

Pavese Cesare