Letteratura femminile

La lunga vita di Marianna Ucria

Maraini Dacia

Descrizione: Marianna appartiene a una nobile famiglia palermitana del Settecento. Il suo destino dovrebbe essere quello di una qualsiasi giovane nobildonna ma la sua condizione di sordomuta la rende diversa: "Il silenzio si era impadronito di lei come una malattia o forse una vocazione". Le si schiudono così saperi ignoti: Marianna impara l'alfabeto, legge e scrive perché questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo. Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima. Eppure Marianna compirà i gesti di ogni donna, gioirà e soffrirà, conoscerà la passione.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Rizzoli

Collana: Vintage

Anno: 1990

ISBN: 978-88-58-65311-7

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

La lunga vita di Marianna Ucrìa è un romanzo di Dacia Maraini pubblicato nel 1990 e che, nello stesso anno, vinse il Premio Campiello. Rientra a pieno titolo fra i romanzi che ogni buon lettore dovrebbe leggere, per la storia in sé, ma anche per gli spunti di riflessione che inevitabilmente suscita.

Scantu la ‘nsurdiu e scantu l’ avi a sanare”: la saggezza del conte Ucrìa si riferisce alla tenace convinzione di poter guarire la giovane e adorata figlia, Marianna, rimasta sordomuta a causa di uno spavento e, quindi, a dire del genitore, un secondo spavento (assistere a un’impiccagione!) avrebbe dovuto sanarla e renderla come le sue sorelle, normale.

Così si apre il romanzo e fin dalle prime pagine il lettore è immerso nel clima cupo e pieno di contraddizioni della Sicilia del Settecento. Mentre l’Europa partecipa alla rivoluzione del Secolo dei Lumi, a Palermo, in un tempo scandito da impiccagioni, autodafé, matrimoni d’interesse e monacazioni senza vocazione, si consuma la vicenda diella “piccola mutola”, Marianna.

Sposare, figliare, fare sposare le figlie, farle figliare, e fare in modo che le figlie sposate facciano figliare le loro figlie che a loro volta si sposino e figlino…”, è questo il motto della discendenza Ucrìa, che in questo modo è riuscita ad imparentarsi per via femminile con le più grandi famiglie palermitane. Marianna, costretta ad andare in sposa a soli tredici anni allo zio, investita “con rimproveri e proverbi” quando osa sottrarsi al suo ruolo di “mugghieri” (moglie), sembra all’inizio destinata alla medesima sorte. Lei, però, proprio da questa “mancanza” trarrà la forza per elevarsi al di sopra della chiusura e della meschinità che la circonda.

La donna, infatti, non è per nulla sconfortata dal non poter parlare o sentire ciò che il mondo le dice: ha affinato l’olfatto e la vista e riesce a “sentire” le azioni degli altri.

La sua vita, da copione, è segnata dalla numerose gravidanze “cinque figli vivi e tre morti prima di nascere”, il risultato di aver soddisfatto gli appetiti del signor marito zio, un uomo burbero e introverso, con il quale “otto volte si sono incontrati sotto le lenzuola senza baciarsi né accarezzarsi.”.
Sopravvivere diventa possibile per Marianna solo rifugiandosi in un mondo fantastico, la biblioteca, dove passa tutta la notte a leggere, di storie d’amore vere e di giorni vissuti, traendo linfa vitale da ogni pagina.

Lei, seduta sulla poltrona, immobile, sogna di viaggiare e di conoscere, desidera essere libera di essere, senza nessuno che possa dettarle legge, senza il giogo di un matrimonio che la opprime. Ha sacrificato il suo corpo alle gravidanze e ai piaceri del marito, ma la mente è ancora uno spazio infinito completamente suo.

La consolazione sono i bambini, che ama profondamente e segue nella crescita. Per costruire con loro un mondo di parole scritte, dove non esiste nessuno ad eccezione di loro sei, che respirano tutti la medesima aria e gli stessi sentimenti.

Ma anche questa atmosfera di ovattata pace viene invasa dal dolore. Il minore dei figli, il preferito perché nato prematuro, si ammala, si spegne tra le braccia della madre, incapace di aiutarlo, di consolarlo e di urlare il dolore per una perdita tanto amara.

Dopo anni, costretta in un matrimonio degradante, rimane vedova: Marianna è libera. I figli sono grandi e dopo essersi occupata delle terre (visto che i fratelli si sono rivelati due completi incapaci) decide di scoprire il mondo del quale aveva unicamente letto: conosce finalmente la giocosità della sessualità, senza remore, senza paure e decide di partire, risoluta a essere finalmente l’unica padrona della sua vita.

Marianna Ucrìa è senza dubbio da considerare una femminista anzitempo (ha osato togliere il lutto dopo neanche un anno dalla morte del marito!), libera dagli obblighi cui la società l’aveva costretta fin da bambina, privandola del piacere d’essere  se stessa, di potersi scoprire…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dacia

Maraini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maraini Dacia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I due protagonisti – e autori – sono fratelli, ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Qui ha inizio un viaggio nella memoria, un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie, sapori: qui ha inizio la riconciliazione. Un memoir a quattro mani che racconta di amicizie perdute, di amori rubati, di vecchi fumetti e di torte di ricotta. Un ricettario, non solo metaforico, dell’infanzia, dell’adolescenza e di un’età adulta ancora capace di riservare sorprese.

La casa nel bosco

Carofiglio Gianrico e Francesco

Un mosaico di amori, litigi, storie di vite ordinarie nella Mosca contemporanea. Uno scrittore privo di ispirazione fissa la pagina bianca del computer: non c’è verso di scrivere una riga del romanzo che gli hanno commissionato, meglio uscire a fare quattro passi. Da quando la moglie Tamara lo ha lasciato per un affarista pragmatico e vincente, il dolore della perdita si è fatto sottofondo dolce e amaro di giornate vuote passate a fumare, pensare, ricordare… ma poi tutto attorno pare risvegliarsi e alla piccola vita triste, sfaccendata bussano storie fino allora invisibili. Un incontro fugace in ascensore, una chiacchierata al parco con una giovane madre, la gita alla dacia, il rito della sigaretta sul balcone, le voci e il baccano del condominio, gli aperitivi a scrocco nei club letterari, la quotidiana passeggiata con il cane e il romanzo, come la vita, si scrive da sé. Un mosaico di incontri, litigi, flirt, coincidenze, vite ordinarie di personaggi usa-e-getta raccontati per un istante e persi nella megalopoli: la Mosca contemporanea, tra quartieri d’élite e casermoni periferici, caotica, sulfurea, e sensuale. Il protagonista sembra adagiarsi in una rassegnazione apparentemente pacata eppure pronta, nel caso, a riprendersi il maltolto: alla fine l’occasione arriva, come un frutto maturo sarà proprio la felicità a cadere dritta fra le mani aperte.

FELICITA’ POSSIBILE

Zajonckovskij Oleg

Un giallo-verità che l’autore racconta vent’anni dopo esserne venuto a conoscenza: questo è Il caso Piegari, coda imprevista di un vecchio libro che a suo tempo sollevò scandalo e indignazione, Mistero napoletano. Un omissis finalmente svelato? Proprio così, lungo soltanto sei brevi capitoli ma non meno drammatici e incalzanti di quelli relativi alla storia del suicidio di Francesca Spada. Raccontano la follia che colse il geniale fondatore del Gruppo Gramsci dopo la sua espulsione dal Partito comunista (1954) per volontà di Giorgio Amendola, accusato da Guido Piegari di essere l’ispiratore di un meridionalismo “perverso”. Una storia che sembra appartenere soltanto al passato e che in effetti si svolge in gran parte in un’Italia che non esiste più. Ma il presente, lo sappiamo, ha un cuore antico. Soprattutto in una città come Napoli dove il Gruppo Gramsci continua a sopravvivere, sia pure in forma traslata, attraverso l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato da Gerardo Marotta che fu, all’alba degli anni cinquanta, il braccio destro di Guido Piegari e magna pars del Gruppo stesso.

Il caso Piegari

Rea Ermanno

Beija-flor