Narrativa

La madre di Eva

Ferreri Silvia

Descrizione: Una madre parla alla figlia tra le mura di una clinica serba. Al di là di una porta stanno preparando la sala operatoria. Eva ha appena compiuto diciotto anni e da quando è nata aspetta questo momento. Vuole cambiare sesso sottoponendosi all'intervento che la renderà come si è sempre sentita: uomo. Sua madre le parla col corpo, perché è il corpo ad essere sbagliato, ingannevole, traditore, un corpo come il suo che la natura stessa vuole negare. In un dialogo senza risposte, sospeso tra l'immaginato e il reale, la madre racconta la loro vita fino a quel momento, ne ripercorre i sentieri come muovendosi in una terra straniera. La sua voce è concreta, toccante, vivida e parla di una lotta che non ha vincitori né vinti, per cui non esiste resa, in cui la forma più pura dell'amore diventa bifronte e feroce.

Categoria: Narrativa

Editore: Neo Edizioni

Collana: Iena

Anno: 2018

ISBN: 9788896176511

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

La madre di Eva

A volte le scrittrici vengono accusate di essere troppo femminili e poco universali. Sivlia Ferreri in questo splendido romanzo impersona magnificamente una madre. Essere madre ovviamente non è un’esperienza che tutti possono provare e quindi è un sentimento esclusivo. In realtà La madre di Eva è un libro che a mio avviso può arrivare a tutti.

Il tema del cambio di sesso viene visto non da un punto di vista politico o sociale e nemmeno da quello del soggetto che soffre di disforia di genere. Viene visto invece mettendo sul piatto la straziante voce di una madre divisa dall’amore incondizionato per la figlia e il dolore per la scelta di cambiare sesso, quasi come se fosse un affronto alla sua autorità. Perché di dolore si parla, inutile negarlo ipocritamente. Per quanto la madre sia progressista e di sinistra, qui si parla di istinti primordiali. Si parla di una donna che, tanto egoisticamente quanto inevitabilmente, pensa al fatto di non poter avere nipotini, pensa al fatto di non poter veder crescere una donna accanto a sé. E altrettanto inevitabilmente si incolpa per aver “sbagliato”, per aver messo al mondo un maschio nel corpo di una femmina. Da madre non può che empatizzare e sentire su di sé tutto il dolore e l’umiliazione della figlia nel suo percorso a ostacoli contro il proprio corpo, prima ancora che contro la società che non la capisce.

La scrittura della Ferrerri è molto precisa, il tema non viene trattato in maniera approssimativa, è stato approfondito e scandagliato prima di essere portato dentro la fiction narrativa. Ci sono riferimenti alla giurisprudenza in merito di cambio di genere e anche alla chirurgia.

La struttura è divisa tra il racconto della guerra civile che ha lacerato le anime dei genitori di Eva, che vuole diventare Alessandro, e l’attualità del dopoguerra in cui tutti hanno perso e in cui la madre accompagna la figlia alla clinica, la aspetta durante l’intervento, per vederla rinascere di nuovo, dopo diciotto anni, per vedere come la scienza corregge gli errori della natura.

Ma si può parlare di errori? I genitori avrebbero dovuto far cambiare idea alla figlia? Questo ovviamente è un tema cardine del romanzo, che rimane aperto a varie interpretazioni. Sicuramente vengono evidenziate quelle che si potrebbero definire, citando il film di Sorrentino, le conseguenze dell’amore. In questo caso dell’amore di una madre. La persona che più ha lottato contro la scelta della figlia è quella che la accompagna nel suo percorso di “morte” e “rinascita”.

Il linguaggio della Ferreri è schietto e spietato: «Urlai contro il mondo con il viso rivolto in alto, che mi ascoltasse, Dio, se c’era. Lo feci perché nessuno poteva sentirmi tra quelle pareti isolate. Lo feci sperando che il rumore del mio pianto facesse crollare il soffitto sopra di me. Volevo franarmi addosso quella casa, così da far morire lei e me nello stesso tempo e distruggere in un colpo solo tutti i tuoi strumenti. Dio ti aveva abbandonato. Glielo dissi per l’ultima volta. E poi siccome non rispose, lo insultai» (pag. 190). Le parole scelte sono drammatiche e pragmatiche, realistiche, i concetti sono apocalittici, complessi, resi attraverso la plasticità di un linguaggio che porta con sé la forza incredibile delle madri, disposte a cambiare  idea, adattarsi alle circostanze, riplasmare la materia stessa del mondo, se necessario, per amore dei figli: «Sono qui per accompagnarti al parto di te stessa» (pag. 192).

Premio Strega 2018: i dodici finalisti

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Silvia

Ferreri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferreri Silvia

Le emozioni, in questo romanzo, ci sono tutte. Poi ci sono coraggio, dolore e piacere. La protagonista è l'ombra. L'ombra da cui ognuno di noi cerca di fuggire, ma che poi ci prende. Ma cosa fare quando la tua parte nascosta finisce dentro il corpo della persona che ami? Forse, non resta che mollare le cime dal pontile e salpare verso la follia. E qual è la follia? Quella di ritrovarsi all'Inferno senza aver peccato? Oppure affidarsi a un sistema non strutturato per la presa in cura, che si affida alla tecnica, che non approfondisce e non si pone troppe domande? In questo romanzo il tempo sembra scandire la vita, ma il tempo qui non c'è. La vita ha un sapore magico e nella vita c'è qualcosa di più forte di tutte le emozioni e di tutti i sistemi, un amore, qualcosa che va contro la morte. Qualcosa che non muore. Il volume è corredato da esclusivi contenuti extra, spunti e approfondimenti nella cultura contemporanea: film e serie TV, musica, arte, libri, fumetti e graphic novel.

Il Signore delle Mosche

Golding William

Jacob Hunt è un teenager bravo in matematica, con uno spiccato senso dell’umorismo, estremamente preciso e organizzato e con una vita sociale senza speranze. È affetto dalla sindrome di Aperger, è autistico insomma, imprigionato in un mondo tutto suo. Il fratello Theo, un ragazzo normale, soffre delle attenzioni che i genitori riservano naturalmente a Jacob e per sentirsi veramente parte di una famiglia spia le case altrui… Tutto bene finché l’insegnante di Jacob non viene trovata morta dentro casa e i sospetti ricadono sul ragazzo, così diverso dagli altri, così imprevedibile…

LE CASE DEGLI ALTRI

Picoult Jodi

Dopo l'acclamata trilogia della frontiera, il nuovo, atteso romanzo di Cormac McCarthy ha ancora una volta come sfondo il confine fra Texas e Messico. La storia è però ambientata ai giorni nostri, in un paese che, come annuncia il titolo, ha abbandonato i vecchi valori per cadere in preda a una violenza cieca e incontrollata. Questa violenza si incarna in Anton Chigurh, un assassino psicopatico munito di un'arma micidiale e di una pericolosa filosofia della giustizia. Il suo avversario, un uomo del passato che non sa farsi una ragione della ferocia del presente, è lo sceriffo Bell. Entrambi sono alla ricerca di Llewelyn Moss, un reduce del Vietnam che mentre cacciava antilopi sul Rio Grande si è ritrovato sul luogo affollato di cadaveri di una battaglia fra narcotrafficanti, e ha colto al volo un'occasione che si è rivelata troppo grande per lui. L'inseguimento si svolge lungo e oltre il confine, in un crescendo di suspense e violenza. Il destino di Moss, erede di tutti i cowboy di McCarthy e dei loro valori di dignità e onore, dipende da quale dei due inseguitori lo troverà per primo. Scritto in uno stile veloce e asciutto, crudo e implacabile come una premonizione di tragedia, con i dialoghi incisivi, decisamente cinematografici che rendono unica la scrittura di McCarthy, Non è un paese per vecchi riporta il lettore nei paesaggi del Sudest degli Stati Uniti, popolati da anime perdute, uomini che, «se uno li ammazzasse tutti, toccherebbe costruire una dépendance dell'inferno».

NON E’ UN PAESE PER VECCHI

McCarthy Cormac

“Asino chi legge” racconta delle difficoltà di portare la letteratura, scritta e letta, in luoghi dove la passione per la pagina non e mai nata o si scontra con difficoltà insormontabili: a Napoli e nella periferia napoletana, in Irpinia, in Trentino, in Puglia, in Sicilia e in altre zone d’Italia. L’autrice, scrittrice ed esperta esterna di scrittura creativa, eternamente in viaggio fra treni e periferie, raccoglie così un bagaglio di storie, divertenti, assurde, tristi, dalle vicende dei figli dei capoclan napoletani ai timidi ragazzi della Nusco di De Mita, ai giovani pakistani di Bolzano, ai ragazzi che hanno lasciato la scuola a Frattamaggiore, restituendo una fotografia disincantata della scuola italiana e della percezione dello scrittore nelle scuole, oltre che un ritratto del Paese e un'idea forte di letteratura e di impegno che i nostri tempi tendono a cancellare. I ragazzi e i loro insegnanti sono qui, insieme ai luoghi, i veri protagonisti, con le pagine che scrivono,le loro storie e l’eterna domanda, che passa di generazione in generazione: perché in Italia si legge così poco? E perché tutti vogliono scrivere?

Asino chi legge

Cilento Antonella