Narrativa

La maledizione del numero 55

Tedeschi Massimo

Descrizione: "1938 Lago di Garda. Salò. L’apparente calma del lago è messa a soqquadro dalla frenetica preparazione della Millemiglia. Il Commissario Sartori ha appena litigato con la sua amante, sull’altro sponda del lago, la nobile, indipendente, audace vedova Anna Arquati: anche lei vuole partecipare alla Millemiglia con la sua Bugatti, e il Commissario Sartori, abruzzese di nascita come il sommo vate D’Annunzio, trapiantato a Salò, non è d’accordo. Ma anche queste quisquilie sono poca cosa rispetto a ciò che sta per avvenire: la squadra francese è vittima di un incidente mortale, apparentemente casuale, mentre provava la Delahaye lungo la Gardesana; una maga del luogo, o presunta tale, Nefertari, che aveva predetto sciagure durante la Millemiglia, viene trovata morta nella sua casa. Il Commissario Sartori deve risolvere il caso dei due omicidi, nonostante le pressioni dell’odiosa OVRA fascista, nonostante le ingerenze di questori proni al potere, nonostante I depistaggi e nonostante il languore crescente dovuto alla distanza della sua amante."

Categoria: Narrativa

Editore: La Nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2019

ISBN: 9788834600566

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Massimo Tedeschi, giornalista, caporedattore al “Corriere della Sera”, collabora con diverse testate nazionali, ha creato nel 2016 la figura del commissario Sartori, protagonista di Carta Rossa, L’ultimo record, Villa romana con delitto. Ora torna a essere protagonista di una nuova avventura ne La maledizione del numero 55, un libro noir di ambientazione in epoca fascista, che parla di un passato lontano, in una società profondamente diversa dall’attuale.

Siamo a Salò, sul lago di Garda a marzo del 1938. Sta per svolgersi un importante avvenimento: la Mille Miglia, “è ormai la vetrina del regime tanto che, come ricorderà, l’anno scorso hanno preso il via anche l’autista del Duce, quel Boratto, e il figlio del Duce in persona, Vittorio Mussolini. Quest’anno, poi, dopo la proclamazione dell’Impero, le sanzioni verso l’Italia e l’avvicinamento alla Germania, il valore politico della corsa è ancora aumentato.”.

Ma su questo importante avvenimento grava una strana maledizione, emessa da una importante personalità  del lago: la Nefertari. Chi è costei?

“In zona non c’era ’una’ maga ma solo ’la’ maga, l’ineffabile, popolarissima e temutissima Nefertari, al secolo Luigina Stroppa. Una cartomante, una medium, negromante forse, di origine mantovana giunta sul lago in cerca – ripeteva a tutti- di un poco di quiete dopo i successi mondani, le apparizioni nei migliori salotti capitolini, le rubriche sulle riviste più popolari che l’avevano sfinita.”

Quando un tragico quanto inspiegabile incidente tronca la vita di due importanti piloti della squadra francese della Delehaye, e la stessa Nefertari  viene trovata morta, strangolata, per il nostro commissario inizia una lunga lotta contro il tempo, alla ricerca del colpevole. Si schiude per lui, abruzzese di origine, un “mondo inedito, un quadro futuribile dove confini statali dati per acquisiti, matrimoni apparentemente felici, carriere e percorsi artistici considerati fulgidi e promettenti erano attesi a svolte inimmaginabili.”

Un’investigazione condotta con metodo e lucidità, differente da quelli attuali, molto induttiva e perspicace. Tra complotti, depistaggi, interferenze profonde dell’Ovra, la violenta polizia segreta fascista, si svolge una vicenda avvincente, narrata con particolare sapienza narrativa. Un ottimo noir che fa leva su quelli che sono gli argomenti fondanti del genere, dalla maledizione al sabotaggio, al mondo oscuro della magia e dei suoi presagi. Un giallo trascinante, curioso e differente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Tedeschi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tedeschi Massimo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'è una scena de Il posto delle fragole di Bergman in cui la mente del protagonista è attraversata da un'immagine del passato: il padre e la madre che pescano in un lago. Che cosa significa quest'immagine circonfusa di una bianca luminosità irreale? Che il passato è irrimediabilmente presente, risponde La Capria. Questo è solo uno dei nuclei tematici, dei tanti significati di un libro semplice e complesso, colloquiale e profondo, godibile da leggere e difficile da definire. Che cos'è allora L'estro quotidiano? È apparentemente un diario, un libro d'ore, delle "ore che restano" dopo il compimento dell'ottantesimo anno. È un libro di saggezza, ma scritto da un uomo che non ha mai voluto essere saggio e fa davvero fatica a vedersi nel ruolo dell'ottantenne perché si sente ancora un ragazzo. È un libro pieno di indimenticabili ritratti di amici, di uomini e di donne che non ci sono più, e quindi parla molto della morte, ma lo fa quasi "per esorcismo e con poca vera convinzione", con humour e allegria.

L’estro quotidiano

La Capria Raffaele

La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Jane Eyre

Brontë Charlotte

Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

1960

Colombati Leonardo

L’ANGELO DI HITLER

Osborne William