Narrativa

La maledizione del numero 55

Tedeschi Massimo

Descrizione: "1938 Lago di Garda. Salò. L’apparente calma del lago è messa a soqquadro dalla frenetica preparazione della Millemiglia. Il Commissario Sartori ha appena litigato con la sua amante, sull’altro sponda del lago, la nobile, indipendente, audace vedova Anna Arquati: anche lei vuole partecipare alla Millemiglia con la sua Bugatti, e il Commissario Sartori, abruzzese di nascita come il sommo vate D’Annunzio, trapiantato a Salò, non è d’accordo. Ma anche queste quisquilie sono poca cosa rispetto a ciò che sta per avvenire: la squadra francese è vittima di un incidente mortale, apparentemente casuale, mentre provava la Delahaye lungo la Gardesana; una maga del luogo, o presunta tale, Nefertari, che aveva predetto sciagure durante la Millemiglia, viene trovata morta nella sua casa. Il Commissario Sartori deve risolvere il caso dei due omicidi, nonostante le pressioni dell’odiosa OVRA fascista, nonostante le ingerenze di questori proni al potere, nonostante I depistaggi e nonostante il languore crescente dovuto alla distanza della sua amante."

Categoria: Narrativa

Editore: La Nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2019

ISBN: 9788834600566

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Massimo Tedeschi, giornalista, caporedattore al “Corriere della Sera”, collabora con diverse testate nazionali, ha creato nel 2016 la figura del commissario Sartori, protagonista di Carta Rossa, L’ultimo record, Villa romana con delitto. Ora torna a essere protagonista di una nuova avventura ne La maledizione del numero 55, un libro noir di ambientazione in epoca fascista, che parla di un passato lontano, in una società profondamente diversa dall’attuale.

Siamo a Salò, sul lago di Garda a marzo del 1938. Sta per svolgersi un importante avvenimento: la Mille Miglia, “è ormai la vetrina del regime tanto che, come ricorderà, l’anno scorso hanno preso il via anche l’autista del Duce, quel Boratto, e il figlio del Duce in persona, Vittorio Mussolini. Quest’anno, poi, dopo la proclamazione dell’Impero, le sanzioni verso l’Italia e l’avvicinamento alla Germania, il valore politico della corsa è ancora aumentato.”.

Ma su questo importante avvenimento grava una strana maledizione, emessa da una importante personalità  del lago: la Nefertari. Chi è costei?

“In zona non c’era ’una’ maga ma solo ’la’ maga, l’ineffabile, popolarissima e temutissima Nefertari, al secolo Luigina Stroppa. Una cartomante, una medium, negromante forse, di origine mantovana giunta sul lago in cerca – ripeteva a tutti- di un poco di quiete dopo i successi mondani, le apparizioni nei migliori salotti capitolini, le rubriche sulle riviste più popolari che l’avevano sfinita.”

Quando un tragico quanto inspiegabile incidente tronca la vita di due importanti piloti della squadra francese della Delehaye, e la stessa Nefertari  viene trovata morta, strangolata, per il nostro commissario inizia una lunga lotta contro il tempo, alla ricerca del colpevole. Si schiude per lui, abruzzese di origine, un “mondo inedito, un quadro futuribile dove confini statali dati per acquisiti, matrimoni apparentemente felici, carriere e percorsi artistici considerati fulgidi e promettenti erano attesi a svolte inimmaginabili.”

Un’investigazione condotta con metodo e lucidità, differente da quelli attuali, molto induttiva e perspicace. Tra complotti, depistaggi, interferenze profonde dell’Ovra, la violenta polizia segreta fascista, si svolge una vicenda avvincente, narrata con particolare sapienza narrativa. Un ottimo noir che fa leva su quelli che sono gli argomenti fondanti del genere, dalla maledizione al sabotaggio, al mondo oscuro della magia e dei suoi presagi. Un giallo trascinante, curioso e differente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Tedeschi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tedeschi Massimo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mauro Assante è, prima di ogni altra cosa, un uomo serio: ha sempre lavorato con scrupolo estremo, guadagnandosi incarichi di crescente responsabilità nell'istituzione in cui presta servizio, l'authority preposta al controllo della trasparenza delle banche italiane. Si è sposato tardi, con la sola donna che sia riuscita ad aprire una breccia nel suo temperamento ombroso, e ha un figlio piccolo, che trascorre i mesi estivi con la madre, in montagna. Questa estate Mauro si trattiene in città perché gli è stato affidato il compito di stilare una relazione particolarmente delicata su di un istituto bancario che con ogni probabilità verrà commissariato in seguito alla sua ispezione. Ma proprio durante queste solitarie giornate di lavoro, nella sua prevedibile esistenza iniziano ad aprirsi minuscole crepe. Dimentica aperta la porta di casa, riceve una telefonata beffarda, si convince di essere seguito da un uomo in motorino. Soprattutto, riceve la visita di una meravigliosa ragazza che evidentemente ha sbagliato indirizzo. Strano, ci dev'essere stato un errore. Ma dalla vita di Mauro Assante gli errori erano sempre stati banditi; così come sarebbe bandito il batticuore che invece lui prova quando, poche sere dopo, rincontra per caso quella stessa ragazza bionda... L'estate avanza, le temperature aumentano, la stesura della relazione si fa più complessa e con essa l'ansia di consegnare tutto senza sbavature, senza condizionamenti.

La relazione

Camilleri Andrea

Protagonisti sono Mosè e suo fratello Enrico, lo scatenato Vanni (appassionato di pesca subacquea) e Pedro, immigrato dall'Argentina. Hanno trentanni, sono amici da sempre e hanno molta voglia di divertirsi. Hanno anche tutti i problemi che può avere oggi un giovane cresciuto in una delle tante periferie italiane: il lavoro, i soldi, i rapporti di coppia (Viviana ha appena lasciato Enrico...). Vite qualunque e però piene di avventure sgangherate e divertenti, finché Enrico, improvvisato infermiere e badante, non inizia a occuparsi di Adelaide, un'anziana che, dopo essere stata rinchiusa per trentanni in manicomio, può finalmente tornare a casa propria. Quando entra nell'appartamento di Adelaide, resta sbalordito: la donna ha inciso tutte le pareti con scritte quasi illeggibili, fitte fitte: è il racconto di una vita, forse la traccia di un tesoro.

Poco più di niente

Calamini Cosimo

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali

Uno degli aspetti più straordinari dei disturbi dello spettro autistico è l'elevata frequenza di abilità speciali che in essi si rileva. È frequente che molte delle persone affette da questi disturbi possiedano abilità speciali nel campo della musica, dell'arte, del calcolo o della memoria. Perché soggetti con gravi compromissioni sul piano sociale e comunicativo sembrano predisposti a sviluppare l'orecchio assoluto, una memoria fotografica o la capacità di eseguire calcoli a velocità lampo? Questo libro esplora l'enigma del talento e il suo stretto legame con l'autismo indagando le numerose questioni che esso pone: esistono effetti genetici simili che predispongono al talento e all'autismo? Cosa c'è di speciale nei cervelli delle persone con abilità savant? Qual'è il modo migliore di promuovere i talenti in bambini e adulti con difficoltà comunicative e sociali? Con il contributo di alcune delle maggiori autorità mondiali, il volume cerca di districare il mistero delle abilità savant e di riflettere sul modo molto diverso in cui le persone con autismo vedono e comprendono il mondo. Una lettura stimolante per un pubblico interessato e scienze, arti e discipline umanistiche.

Autismo e talento

Happé Francesca