Teatro

Mandragola

Machiavelli Niccolò

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

La favola Madragola si chiama.

[… ]
Uno amante meschino,
un dottor poco astuto,
un frate mal vissuto,
un parassita di malizia el cucco,
fien questo giorno el vostro badalucco
.
Commedia in cinque atti scritta da Macchiavelli nel 1518 e rappresentata per la prima volta ne1519 in occasione del Carnevale, la Mandragola rappresenta ancora oggi un’acuta e irriverente analisi della natura umana e della corruzione di una società in cui non esistono più grandi valori o ideali a cui aggrapparsi.

Macchiavelli, con uno stile che si avvicina alla novella boccacciana, si rivolge direttamente al pubblico nel prologo, stabilendo con esso un rapporto stretto e confidenziale e anticipando così i temi della sua “favola”, che di fiabesco hanno ben poco, poiché si tratta a tutti gli effetti di una tragedia travestita da commedia.
La comicità è fatta di risate a denti stretti, grazie a un’ironia non fine a stessa, ma consapevolmente rivolta alla riflessione e alla denuncia dei costumi dissoluti del tempo.
I personaggi sono studiati minuziosamente e ognuno di loro svolge una precisa funzione in merito al proprio rapporto con il mondo. Incontriamo così Callimaco, l’amante meschino, ma intelligente, pronto a tutto pur di soddisfare la propria passione per Lucrezia, personaggio femminile complesso che evolve nel corso della vicenda, trasformandosi da vittima a vittoriosa, grazie alla rivincita della sua bellezza e giovinezza.
Callimaco viene consigliato da Ligurio, l’aiutante malvagio e terribilmente razionale nell’architettare l’imbroglio ai danni dell’avvocato Nicia, imbroglio che vede come protagonisa la mandragola, pianta medicinale, a cui si attribuivano virtù miracolose: “ Non è cosa più certa a ingravidare una donna, che dargli bere una pozione fatta di mandragola”.
Timoteo e Nicia incarnano i vizi e la corruzione del clero e della borghesia dotta: il primo, frate cinico e senza scrupoli, è pronto a tutto pur di ottenere danari; il secondo, appesantito da una cultura ottusa e incapace di riflettere sulle cose della vita, viene beffato con semplicità dal resto del gruppo.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Niccolò

Machiavelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Machiavelli Niccolò


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Peter, assiduo lettore di annunci matrimoniali, Davide, disincantato osservatore della realtà, Matteo, ostinato maniaco della pulizia, e Diego, inetto slacciatore di reggiseni, sono compagni d'appartamento. Vivono gli anni universitari barcamenandosi tra imprese goliardiche, crucci esistenziali e amori tormentati. “Cassonetti” racconta la loro storia, descrivendo tre giornate della loro vita esattamente a distanza di un anno, le une dalle altre. Ma il tempo non scorre lineare, stravolge gli eventi, portandoli a incontrare se stessi, senza riconoscersi, mentre compiono le stesse azioni. Come se la loro vita fosse un interminabile fermo immagine, sospesa nel tempo, fino al finale.

CASSONETTI

Antoni Gianluca

Un giovane cui "difetta in via assoluta qualsiasi forma di voglia carnale per l'altro sesso" deve imparare a vivere celando la propria autentica identità. In pagine in cui risultano indissolubilmente commisti sessualità e candore, esultanza e disperazione, il protagonista di questo romanzo confessa le esperienze cruciali attraverso le quali è giunto a conoscere se stesso: dalla "adorazione indicibile" per un paio di calzoni all'elaborazione di fantasie sadomasochistiche, dall'identificazione con personaggi femminili celebri alle sconcertanti interpretazioni di fiabe e motivi iconografici occidentali... L'accettazione di se stesso come uomo diverso dagli altri uomini non si attua senza una lotta, tanto strenua quanto vana, per conquistare la normalità: simula vizi immaginari per far passare inosservate le proprie vere inclinazioni, si costringe a corteggiare giovinette per chiarire sino a qual punto la donna possa offrire piaceri reali, corregge con zelo manifestazioni di rischiosa passionalità... Ma "le emozioni non hanno simpatia per l'ordine fisso" e i suoi sentimenti reali rimangono, tenaci, quelli nascosti dalla maschera della correttezza ufficiale.

Confessioni di una maschera

Mishima Yukio

Tiziano ha 45 anni, è nato a Cortona e vive a Torino. Si considera un ex scrittore perché ha pubblicato un solo libro da giovane. Ha rinunciato quando ha conosciuto una certa editoria, quella fatta di scambi di favori e di squallidi prodotti commerciali. La stessa per cui oggi lavora. Da anni infatti è un ghostwriter, pagato per rielaborare manoscritti scadenti e farne libri di successo. Una notte d'estate, però, sul terrazzino del piccolo appartamento dove vive con la gatta, Tiziano decide di tornare a scrivere. "Vicolo del Precipizio" sarà il titolo del suo nuovo libro, una raccolta di fatti ambientati a Cortona, un viaggio nella memoria: racconti toscani, amori finiti male, preti donnaioli, episodi partigiani ma anche fatti che riguardano la sua famiglia. Mentre prende corpo questo "libro nel libro", l'intera narrazione si riempie di personaggi e vicende, di episodi ora drammatici e ora grotteschi; leggende legate a Cortona e storie contadine, anche boccaccesche, che vanno a intrecciarsi ai ricordi personali di Tiziano, per confluire nel suo presente.

Vicolo del precipizio

Bassini Remo

Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l'ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l'ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

Giulia, una donna fra due Papi

Lorusso Del Linz Silvia