Romanzo storico

LA MANO DI FATIMA

Falcones Ildefonso

Descrizione: Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità – la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano –, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c’è anche chi, mosso dall’invidia, trama contro di lui. E quando nell’inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d’amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi. Ma con l’immagine della mamma bambina impressa nella memoria, Hernando continuerà a lottare per il proprio destino e quello del suo popolo. Anche quando si affaccerà nella sua vita la giovane cattolica Isabel...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2009

ISBN:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

La “Mano di Fatima” è un amuleto a forma di palmo aperto, che in alcune culture si ritiene protegga dalle forze del male. La Fatima che dà il nome all’amuleto è una delle figlie del profeta Maometto, nonché figura storica di primaria importanza nella cultura islamica. L’amuleto, come d’altronde molte pratiche e credenze religiose non cristiane, furono bandite in Spagna dopo la fine della dominazione islamica. E’ proprio questo il periodo storico nel quale Falcones ambienta il romanzo. Più in particolare, ci troviamo nel lasso temporale che va dalla fine del XVI all’inizio del XVII secolo, un momento storico rilevante per la Spagna.

Dopo la conquista cristiana del territorio, chiamato dagli islamici Al-Andalus, i moriscos (gli uomini di religione islamica rimasti in Spagna dopo la conquista) furono costretti ad abbracciare la fede cattolica, rinnegando la propria. Questa imposizione, che ovviamente per molti fu solo di facciata, unitamente alla angherie che dovette subire, creò non poco malcontento tra la popolazione islamica, causando più di una rivolta, inclusa quella descritta in avvio di romanzo dall’autore, che ebbe luogo nel 1568 nella regione andalusa chiamata Alpujarras (divisa tra le province di Granada e di Almerìa).

Se un musulmano sta combattendo o si trova in territorio pagano, non è obbligato a mostrare un aspetto differente da quello di chi lo circonda. In simili circostanze, il musulmano può scegliere di assomigliare a loro o esservi costretto, a condizione che il suo atteggiamento implichi un’utilità religiosa, come predicare la propria fede, venire a conoscenza di segreti e trasmetterli ai musulmani, evitare un danno o qualsiasi altro scopo vantaggioso. (Ahmad ibn Taymiya 1263-1328, famosogiurista arabo)

Fu proprio nel corso di questa rivolta che Hernando, un giovane morisco dagli occhi azzurri (concepito in conseguenza di una violenza sessuale subita da una morisca da parte di un sacerdote cristiano), incontrò Fatima. Gli eventi li separarono e li riunirono, per poi separarli nuovamente, ma il loro amore duró per sempre.

 Era un ragazzo sui quattordici anni dai capelli castano scuro, ma con la pelle molto più chiara rispetto a quella olivastra dei suoi simili. I lineamenti ricordavano quelli degli altri moriscos dalle ciglia folte, ma sotto di esse spiccavano due grandi occhi azzurri.

Hernando (o Ibn-Amid, nome arabo che lo stesso aveva scelto), lungi dall’essere un uomo comune, aveva una visuale più ampia rispetto a coloro che lo circondavano, ma questo suo essere speciale non fu compreso (se non da pochi), sorte comune a gran parte delle persone “speciali”. Educato nella fede cristiana dal sacerdote del suo paese, Juviles, Hernando fu anche istruito nella religione islamica da Hamid (il Faqih della comunità locale). Quando tra le due religioni scoppió infine un conflitto, lui dovette scegliere da quale parte schierarsi e scelse la fede del suo popolo, con la speranza però che un giorno si potesse giungere ad una pacifica convivenza.  Ciò che lo accompagnò sempre, durante tutta la propria esistenza, fu proprio questo suo essere diviso tra i cristiani e i musulmani, ed associato ad entrambi, così che spesso fu dagli uni e dagli altri allontanato, generando un odio che mai riuscì a comprendere.

Ci sono molti criteri da utilizzare nella valutazione di un libro. Tra questi certamente la fluidità della trama, l’accuratezza della ricerca storica (fondamentale in un romanzo di questo genere) e la correttezza del linguaggio utilizzato (raramente un problema con determinati editori). Di criteri ve ne sarebbero sicuramente altri ma, sulla base di quelli elencati, non posso che dare un giudizio positivo al libro di Falcones che, oltre a saper coinvolgere il lettore in una storia (a tratti) avvincente, riesce in un’attenta e precisa ricostruzione di un periodo storico particolarmente affascinante, come d’altronde non meno affascinante è la regione nella quale è ambientato il romanzo. Probabilmente sono spesso incline ad un giudizio positivo per quei libri che inducono alla riflessione e arricchiscono il lettore, e ritengo che questo sia uno di quelli. Non fraintendetemi, non voglio attribuire a questo romanzo qualità che probabilmente l’autore stesso non ha cercato di dargli, ma tra i molti che lo leggeranno sono certo che taluni saranno d’accordo con me, o almeno questo è quello che ho percepito leggendo i commenti nella rete.

Venendo all’autore, non ho letto il suo precedente libro (ma sicuramente non mi perderò il prossimo), anche se i commenti sono decisamente positivi. Molti si lamentano della eccessiva lunghezza dei romanzi di Falcones, e specialmente di questo. Per quanto non possa negare che si tratti di un libro molto lungo, questo comunque non lo rende pesante o difficile da finire. In sintesi, è vero che si tratta si di un libro di 1000 pagine, ma certamente non lo si può definire noioso. Naturalmente il lettore che non ami il genere storico potrebbe non apprezzarlo… Tutti gli altri però non perdano l’occasione di leggere La Mano di Fatima, che mi sento senza dubbi di consigliare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ildefonso

Falcones

Libri dallo stesso autore

Intervista a Falcones Ildefonso


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

RINASCIMENTO PRIVATO

Bellonci Maria

I fantasmi

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter

A quindici anni, Mariam non è mai stata a Herat. Dalla sua "kolba" di legno in cima alla collina, osserva i minareti in lontananza e attende con ansia l'arrivo del giovedì, il giorno in cui il padre le fa visita e le parla di poeti e giardini meravigliosi, di razzi che atterrano sulla luna e dei film che proietta nel suo cinema. Mariam vorrebbe avere le ali per raggiungere la casa del padre, dove lui non la porterà mai perché Mariam è una "harami", una bastarda, e sarebbe un'umiliazione per le sue tre mogli e i dieci figli legittimi ospitarla sotto lo stesso tetto. Vorrebbe anche andare a scuola, ma sarebbe inutile, le dice sua madre, come lucidare una sputacchiera. L'unica cosa che deve imparare è la sopportazione. Laila è nata a Kabul la notte della rivoluzione, nell'aprile del 1978. Aveva solo due anni quando i suoi fratelli si sono arruolati nella jihad. Per questo, il giorno del loro funerale, le è difficile piangere. Per Laila, il vero fratello è Tariq, il bambino dei vicini, che ha perso una gamba su una mina antiuomo ma sa difenderla dai dispetti dei coetanei; il compagno di giochi che le insegna le parolacce in pashtu e ogni sera le dà la buonanotte con segnali luminosi dalla finestra. Mariam e Laila non potrebbero essere più diverse, ma la guerra le farà incontrare in modo imprevedibile. Dall'intreccio di due destini, una storia che ripercorre la storia di un paese in cerca di pace, dove l'amicizia e l'amore sembrano ancora l'unica salvezza.

MILLE SPLENDIDI SOLI

Hosseini Khaled