Saggi

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca

Descrizione: Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

Categoria: Saggi

Editore: Aliberti

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788874247325

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Attenzione: questa recensione si autodistruggerà tra cinque secondi. Come devono essersi autodistrutti tutti gli articoli che non possono non essere stati dedicati alla vicenda. Perché non è possibile che il noto giornalista de La 7, Luca Telese, abbia ragione. Non è possibile che a un argomento tanto succulento (dal punto di vista mediatico, per l’amor d’iddio) siano state dedicate poche righe sui media e una sola, storica, intervista da Barbara Palombelli a Cesare Previti.

Ma andiamo con ordine. Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. Una stanza chiusa, tre morti. E non tre morti qualsiasi. Nell’abitazione di lusso del marchese Camillo Casati Stampa vengono ritrovati senza vita lo stesso marchese, la bellissima Anna Fallarino, diventata marchesa in seconde nozze, e l’amante di lei, il giovane Massimo Minorenti. Pochi dubbi sull’arma del delitto: il fucile da caccia del marchese. Molto più complesso risalire alla dinamica del delitto: il marchese ha ucciso la Fallarino prima di suicidarsi? O è stato forse Minorenti a sparare e il primo a soccombere è stato il marchese stesso? Non è questione di poco conto: in gioco c’è la successione in uno dei più grandi patrimoni italiani.

Nel caso fosse morto prima il marchese, a ereditare sarebbe stata la Fallarino, in virtù di un testamento. Solo per pochi istanti, perché alla sua morte tutto sarebbe stato trasmesso ai suoi discendenti. Se la Fallarino fosse morta prima del marchese, invece, tutta l’eredità passerebbe alla figlia di primo letto di Camillo Casati Stampa, l’allora minorenne Annamaria. Non è questa la parte nascosta dai media. Anzi, il ritrovamento di un quaderno verde in cui il marchese annotava minuziosamente le scorribande sessuali a cui costringeva (o coinvolgeva?) la moglie per puro piacere voyeuristico fa sì che le prime pagine dei giornali siano per mesi e mesi piene di foto piccanti e racconti pruriginosi. E’ il seguito che viene coperto da silenzio.

Nell’eredità che alla fine gli inquirenti stabiliranno spettare alla giovane Annamaria (quindi è il marchese, accecato dalla gelosia per quel giovane spiantato che è stato capace di conquistare il cuore di quella moglie che aveva fatto concedere a oltre mille amanti) è compresa anche una villa alle porte di Milano e un parco di 750 km quadrati. Diventati entrambi celeberrimi perché si tratta dei terreni su cui sorgerà Milano Tre e di Villa San Martino ad Arcore. Gli atti ufficiali parlano di un pagamento di molto sotto il valore corrente per quei beni, in più effettuato tramite azioni di una società del gruppo Edilnord (Finivest era di là da venire) che erano senza mercato, tanto che sarebbero stare riacquistate dalla società. Il fatto che, poi, il tutore legale della figlia minorenne del Marchese Casati Stampa fosse Cesare Previti, che diventerà avvocato e consulente di un allora giovane e rampante imprenditore milanese, complica ancora di più lo scenario.

“La marchesa, la villa e il cavaliere” è un reportage giornalistico, avvincente come un giallo e che lascia la bocca amara come tante vicende di cronaca poco chiare. Complimenti a Luca Telese. Da parte nostra possiamo dire che, per una volta, non è stato complicato indovinare il colpevole.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luca

Telese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Telese Luca

Un paparino profondamente materno che prende in contropiede l'incipiente vecchiaia - nonché il figlio - a suon di collant, gonna, rossetto e tacchi a spillo. Un principe azzurro che tenta inutilmente di risvegliare la principessa dal suo sonno profondo con mille prodezze erotiche, e finisce per addormentarsi lui, per sempre. Uno scrittore esordiente pronto a rinnegare il suo idolo - che ha contribuito in modo sostanziale al suo decollo - non appena ne ha preso il posto nel firmamento letterario. Un uomo che decide di sposare l'ex fidanzata perché scopre che è malata terminale, e quando lei guarisce grazie all'amore, non sa proprio che pensare, che pesci pigliare... Che si tratti di vecchi rincretiniti, vitelloni incalliti o Madonne ribelli al destino di future madri di Gesù Cristo, Quim Monzó entra nelle vite dei suoi personaggi con occhio acuto, parole al vetriolo, balsami di tenerezza.

MILLE CRETINI

Monzò Quim

In questo libro, quasi un saggio, non troverete nessuna formula segreta. Questo manuale non vuole essere un pretenzioso codice fatto di regole, né tanto meno un vademecum o un prontuario di idee. Piuttosto, in questa raccolta si può riflettere e ragionare sulla struttura e sulla morfologia della parte letteraria nelle canzoni di musica leggera. Sul suo modello generale, sulle caratteristiche principali e su alcuni spunti di sviluppo e scrittura. Vedremo quindi i canoni architettonici di questa particolare forma di narrazione chiamata canzone. Una parte è dedicata all'importanza delle figure retoriche, in un parallelismo tra il racconto e la canzone. Si trattano temi come struttura, metrica, poetica, stile e originalità. Si analizza dal punto di vista comunicativo il messaggio. Ci si sofferma brevemente sull'importanza dell'alfabeto, del valore archetipico di immagini evocative. L'ultima parte contiene una serie di consigli di scrittura creativa e nelle pagine conclusive compare un glossario della canzone contenente la terminologia più usata dagli autori, e un altro piccolo glossario su alcuni degli elementi narrativi trattati. L'intento di "Il testo e la figura del paroliere" è dunque di stimolare coloro i quali si approcciano per la prima volta al testo di una canzone, semplificando l'orientamento e mettendone in luce gli aspetti più importanti. Ma l'obiettivo è anche di generare riflessioni sulla funzione e sul ruolo della canzone di musica leggera nella società.

Il testo e la figura del paroliere

Pozzati Simone

La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Jane Eyre

Brontë Charlotte

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi