Narrativa

LA MEMORIA DEL DESTINO

Turitto Pierpaolo

Descrizione: Un colpo sordo, un corpo che si schianta sui sampietrini di una nobile strada romana. Via Rasella, sessant’anni dopo l’attentato che fece da drammatico prologo all’eccidio delle Fosse Ardeatine. Così muore Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza, nel giorno del suo sessantesimo compleanno. E l’ora di quella morte, omicidio o suicidio che sia, è la stessa della strage ordinata dalle cellule partigiane. Prende le mosse da qui, una delle più straordinarie storie gialle ambientate nella Capitale, nella quale si fondono passato e presente, esoterismo e misteri, inseguimenti e colpi di scena, in un intreccio che si salda nei canoni più classici dell’indagine poliziesca fino al rendez vous conclusivo, ad alta tensione.

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788890414657

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

​Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza di Roma, muore in circostanze misteriose nel giorno del suo sessantesimo compleanno, cadendo da una finestra. Il tragico evento porterà alla luce un complotto massonico sul quale, in un complesso intreccio tra passato (l’attentato di via Rasella e la conseguente strage delle Fosse Ardeatine) e presente (le ripercussioni che questi due eventi hanno sui protagonisti della vicenda), cercheranno di indagare due allievi di Gius, Marta e Tommaso, aiutati dall’ispettore Cangemi.

​Pierpaolo Turitto (romano, classe 1969, programmatore di giochi e videogiochi), al suo primo romanzo non si risparmia e vola alto, tratteggiando una storia che presenta tutti i canoni classici del giallo poliziesco, con rimandi ad Eco (la piantina dei luoghi romani, filo conduttore alla soluzione del mistero, che apre e chiude il libro,  ricorda quella dell’abbazia de Il nome della rosa) e a Dan Brown. Purtroppo, se l’autore da un lato dimostra una notevole padronanza nell’uso tensivo dei colpi di scena, unita ad una non trascurabile conoscenza della materia trattata (i rimandi storici sono precisi, le spiegazioni esaustive; basti pensare al brano dedicato alla stella di David, a cui Turitto dedica un monologo attraverso il personaggio di Marta: “In realtà la vera stella dovrebbe essere la contrapposizione di due triangoli equilateri identici e disposti specularmente. […] La regolarità della figura è importante, anche perché ci sono tutta una serie di teorie numerologiche collegate all’immagine geometrica della stella di David. C’è che sostiene che è la rappresentazione del numero 6, simbolo stesso della vita che nasce dal carbonio, che nel suo atomo ha 6 elettroni che ruotano intorno al nucleo; c’è chi invece sostiene che è il simbolo della trinità e della conseguente sacralità essendo incardinato sul numero tre, tre vertici, tre lati…”), lo stile non mi ha convinta… In sostanza, il contenuto non corrisponde alla forma: quanto è dinamico il primo, tanto è statica la seconda.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pierpaolo

Turitto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Turitto Pierpaolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il silenzio di Calli è popolato di immagini. Qualcosa di terribile le ha strappato la voce, ma non è riuscito a mettere a freno la sua fantasia. Il bosco è un rifugio per lei, ne conosce tutti gli angoli, sa dare un nome a ogni singolo rumore. Ma un giorno qualcuno la trascina fra quegli alberi così familiari, e per la prima volta si sente smarrita. Petra è la sua migliore amica, la compagna di giochi che la comprende alla perfezione. Qualcosa di molto più forte delle parole le unisce. Tutto accade una tranquilla mattina d'estate, e mentre sorge l'alba in una piccola cittadina dell'Iowa, due famiglie scoprono che le loro bambine sono scomparse. Antonia ha provato a essere la madre perfetta per Calli, nei limiti di un matrimonio che la lega a un uomo assente e spesso irascibile. E ora teme che in gioco ci sia ben altro che la voce di sua figlia. In un crescendo di tensione e colpi di scena, le due famiglie si confrontano con i propri limiti, con timori ancestrali e con il peso di segreti troppo difficili da rivelare, perché nulla è ciò che sembra... Una storia profonda raccontata, dove la fantasia e l'amicizia riescono a scalfire il più fìtto dei silenzi.

IL PESO DEL SILENZIO

Gudenkauf Heather

Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così

Paul A. Valenti

«Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza piú che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i fi gli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrifi care, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è piú radicale dell’abbandono, ma niente è piú tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffi orare quello che abbiamo provato a mettere da parte.

Lacci

Starnone Domenico

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William