Narrativa

LA MEMORIA DEL DESTINO

Turitto Pierpaolo

Descrizione: Un colpo sordo, un corpo che si schianta sui sampietrini di una nobile strada romana. Via Rasella, sessant’anni dopo l’attentato che fece da drammatico prologo all’eccidio delle Fosse Ardeatine. Così muore Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza, nel giorno del suo sessantesimo compleanno. E l’ora di quella morte, omicidio o suicidio che sia, è la stessa della strage ordinata dalle cellule partigiane. Prende le mosse da qui, una delle più straordinarie storie gialle ambientate nella Capitale, nella quale si fondono passato e presente, esoterismo e misteri, inseguimenti e colpi di scena, in un intreccio che si salda nei canoni più classici dell’indagine poliziesca fino al rendez vous conclusivo, ad alta tensione.

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788890414657

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

​Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza di Roma, muore in circostanze misteriose nel giorno del suo sessantesimo compleanno, cadendo da una finestra. Il tragico evento porterà alla luce un complotto massonico sul quale, in un complesso intreccio tra passato (l’attentato di via Rasella e la conseguente strage delle Fosse Ardeatine) e presente (le ripercussioni che questi due eventi hanno sui protagonisti della vicenda), cercheranno di indagare due allievi di Gius, Marta e Tommaso, aiutati dall’ispettore Cangemi.

​Pierpaolo Turitto (romano, classe 1969, programmatore di giochi e videogiochi), al suo primo romanzo non si risparmia e vola alto, tratteggiando una storia che presenta tutti i canoni classici del giallo poliziesco, con rimandi ad Eco (la piantina dei luoghi romani, filo conduttore alla soluzione del mistero, che apre e chiude il libro,  ricorda quella dell’abbazia de Il nome della rosa) e a Dan Brown. Purtroppo, se l’autore da un lato dimostra una notevole padronanza nell’uso tensivo dei colpi di scena, unita ad una non trascurabile conoscenza della materia trattata (i rimandi storici sono precisi, le spiegazioni esaustive; basti pensare al brano dedicato alla stella di David, a cui Turitto dedica un monologo attraverso il personaggio di Marta: “In realtà la vera stella dovrebbe essere la contrapposizione di due triangoli equilateri identici e disposti specularmente. […] La regolarità della figura è importante, anche perché ci sono tutta una serie di teorie numerologiche collegate all’immagine geometrica della stella di David. C’è che sostiene che è la rappresentazione del numero 6, simbolo stesso della vita che nasce dal carbonio, che nel suo atomo ha 6 elettroni che ruotano intorno al nucleo; c’è chi invece sostiene che è il simbolo della trinità e della conseguente sacralità essendo incardinato sul numero tre, tre vertici, tre lati…”), lo stile non mi ha convinta… In sostanza, il contenuto non corrisponde alla forma: quanto è dinamico il primo, tanto è statica la seconda.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pierpaolo

Turitto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Turitto Pierpaolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un'oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta - la bellissima compaesana che vive a Firenze e scende al mare per le vacanze - incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell'ombra, hanno la meglio: e presto l'uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi... Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell'estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. Giorni in cui nemmeno la calura spegne il desiderio d'amore, che vibra tra i ragazzi e accende gli animi come peperoncino vivo sulle labbra. E poi settembre, l'estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l'incanto non è nulla senza il coraggio, senza l'impegno che ogni vita adulta richiede. Con freschezza e passione, Carmine Abate dà vita a un intenso romanzo di formazione che si svolge nel tempo di pochi mesi e insieme racconta il senso racchiuso in una vita intera. L'uomo "selvatico" del Giglietto sarà per i protagonisti il testimone più alto della dignità, del rifiuto della prepotenza, della solidarietà che rendono grande ogni esistenza, e restituiscono a ogni luogo la sua bellezza. Valori che si incarnano nel gesto antico e attuale di baciare il pane, per celebrarne il dono e il mistero.

IL BACIO DEL PANE

Abate Carmine

Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

I LEONI D’EUROPA

Silvestrin Tiziana

Nulla sembra muoversi nell’assolata Minervino, patria della medium Eusapia Palladino. Finché in paese arriva il romanziere Guido Galliano, ingaggiato dal conte Ferdinando Canosa perché aiuti la volitiva moglie, Finizia, a finire il romanzo, proprio sulla vita della Palladino, cui invano lavora da anni. La cosa dovrà però accadere in segreto. Soprattutto senza che niente ne sappia Maddalena Nortano. E' infatti per contendere il primato a costei, sua rivale da quando le soffiò lo sposo sull’altare e ora, grazie ai suoi libri di storia locale, figura di spicco del Circolo “La Scesciola”, che Finizia coltiva il sogno di diventare scrittrice pur senza averne la benché minima capacità.

Una medium, due bovary e il mistero di Bocca di Lupo

Cappelli Gaetano

L'arte della gioia è il libro scandalo di una scrittrice straordinaria. È un romanzo d'avventura. È un'autobiografia immaginaria. È un romanzo di formazione. Ed è anche un romanzo erotico, e politico, e sentimentale. Insomma è un'opera indefinibile, piena di febbre e d'intelligenza, che conquista e sconvolge.

L’ARTE DELLA GIOIA

Sapienza Goliarda