Narrativa

LA MEMORIA DEL DESTINO

Turitto Pierpaolo

Descrizione: Un colpo sordo, un corpo che si schianta sui sampietrini di una nobile strada romana. Via Rasella, sessant’anni dopo l’attentato che fece da drammatico prologo all’eccidio delle Fosse Ardeatine. Così muore Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza, nel giorno del suo sessantesimo compleanno. E l’ora di quella morte, omicidio o suicidio che sia, è la stessa della strage ordinata dalle cellule partigiane. Prende le mosse da qui, una delle più straordinarie storie gialle ambientate nella Capitale, nella quale si fondono passato e presente, esoterismo e misteri, inseguimenti e colpi di scena, in un intreccio che si salda nei canoni più classici dell’indagine poliziesca fino al rendez vous conclusivo, ad alta tensione.

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788890414657

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

​Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza di Roma, muore in circostanze misteriose nel giorno del suo sessantesimo compleanno, cadendo da una finestra. Il tragico evento porterà alla luce un complotto massonico sul quale, in un complesso intreccio tra passato (l’attentato di via Rasella e la conseguente strage delle Fosse Ardeatine) e presente (le ripercussioni che questi due eventi hanno sui protagonisti della vicenda), cercheranno di indagare due allievi di Gius, Marta e Tommaso, aiutati dall’ispettore Cangemi.

​Pierpaolo Turitto (romano, classe 1969, programmatore di giochi e videogiochi), al suo primo romanzo non si risparmia e vola alto, tratteggiando una storia che presenta tutti i canoni classici del giallo poliziesco, con rimandi ad Eco (la piantina dei luoghi romani, filo conduttore alla soluzione del mistero, che apre e chiude il libro,  ricorda quella dell’abbazia de Il nome della rosa) e a Dan Brown. Purtroppo, se l’autore da un lato dimostra una notevole padronanza nell’uso tensivo dei colpi di scena, unita ad una non trascurabile conoscenza della materia trattata (i rimandi storici sono precisi, le spiegazioni esaustive; basti pensare al brano dedicato alla stella di David, a cui Turitto dedica un monologo attraverso il personaggio di Marta: “In realtà la vera stella dovrebbe essere la contrapposizione di due triangoli equilateri identici e disposti specularmente. […] La regolarità della figura è importante, anche perché ci sono tutta una serie di teorie numerologiche collegate all’immagine geometrica della stella di David. C’è che sostiene che è la rappresentazione del numero 6, simbolo stesso della vita che nasce dal carbonio, che nel suo atomo ha 6 elettroni che ruotano intorno al nucleo; c’è chi invece sostiene che è il simbolo della trinità e della conseguente sacralità essendo incardinato sul numero tre, tre vertici, tre lati…”), lo stile non mi ha convinta… In sostanza, il contenuto non corrisponde alla forma: quanto è dinamico il primo, tanto è statica la seconda.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pierpaolo

Turitto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Turitto Pierpaolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Michele Gervasini è il tuo vicino di scrivania. Goffo e incolore, sempre a un passo dall'agognato scatto di carriera, dimostra a ogni respiro una solenne verità: l'uomo è quell'animale che, grazie al lavoro, sceglie liberamente di rendersi schiavo per tutta la vita. Ma il giorno in cui i colleghi cominciano a suicidarsi a raffica, il percorso esistenziale casa-ufficio registra un sinistro scricchiolio. E sotto gli occhi stolidi della mucca aziendale in vetroresina salta in aria l'organigramma del mondo. Un romanzo abrasivo, comico e letterario, in cui ridendo degli altri è impossibile non riconoscersi.

NESSUNO E’ INDISPENSABILE

Fiore Peppe

Milano, 1973. Sono gli anni della grande industria cinematografica italiana, dell'Austerity, della cronaca nera prestata alla politica, della criminalità da far west, della Polizia con le mani legate, dell'imprenditoria gangster, delle grandi penne del giornalismo. Travolti da questi sconvolgimenti epocali e dalla sfortuna del quotidiano, un funambolo della pubblicità col vizio del gioco contrae un debito di troppo, un oste milanese dalle mani grandi fronteggia lo sfratto della bocciofila che gestisce, un fiorista ciociaro raccoglie i frantumi del proprio chiosco devastato dagli stuntmen di un film con Alain Delon. La morte di un loro vecchio collega, di quando scavavano i tunnel della metropolitana, li riunisce al cimitero. Da qui in poi, il terzetto ne penserà di ogni per risolvere i guai di ciascuno, fino a scegliere di mettere in pratica la più assurda delle idee: rubare il simbolo più alto di Milano, per riscattare i soldi e se stessi. Da un'idea di Luca Crovi, un noir a tre penne, una commedia che al sorriso combina la tensione drammatica ed emotiva dell'Italia degli anni Settanta, gli anni che ci hanno insegnato che l'assurdo non è una sciocchezza, ma l'impossibile che si fa reale.

OPERAZIONE MADONNINA

Ferrari Andrea

Quando, nel 1925, Virginia Woolf si accinse a scrivere Gita al Faro era decisamente giunta alla soglia della maturità artistica: in questa sua opera riuscì infatti mirabilmente a mostrare il suo sapiente dominio delle possibilità del monologo interiore e la straordinaria capacità di muoversi liberamente tra il flusso delle coscienze dei personaggi. Con tutta la sua avvolgente bellezza, questo romanzo è una commossa elegia all'Assenza: assenza innanzitutto della madre, morta quando la Woolf aveva solo tredici anni, lasciandole un vuoto incolmabile. Ed è proprio tale immagine cara a legare le diverse solitudini dei protagonisti di questa rievocazione corale, tutti chiusi in un proprio mondo isolato da cui è difficile comunicare. Fluido e ritmato come il mare sotto il raggio ora breve ora lungo del Faro che fende l' oscurità della notte, il romanzo si impone al lettore con la forza della memoria, il fascino del ricordo, la voce struggente della nostalgia.

Gita al faro

Woolf Virginia

Un viaggio nell'Italia degli anni Ottanta compiuto dall'autore attraverso le sue memorie di ragazzo e poi di adolescente dentro una periferia, quella del QT8 milanese, un po' piccolo-borghese, un po' proletaria, tra la scoperta della musica, del sesso e della droga. Studente senza maestri, autodidatta a tratti brillante, randagio e ribelle, in fuga dalla famiglia, Bertante si mette a nudo con coraggio e racconta la sua generazione, cresciuta in quegli Ottanta, un serpente che vediamo snodarsi e strisciare attraverso i gruppi musicali, le canzoni, i film, i cartoni giapponesi, l'abbigliamento, il calcio, Milano 2, l'esplosione della tv commerciale, Drive in e i paninari, fino al diffondersi delle droghe pesanti e alla tragedia dell'Aids. Anni Ottanta che paiono trovare nella guerra in Iraq e in Mani pulite la loro conclusione per spengersi nella prima metà del decennio successivo tra l'ascesa di Berlusconi e la fine della guerra nella ex Jugoslavia. Filo rosso sarà proprio un viaggio estivo in Croazia che nel 1996 porterà il protagonista, insieme ad un amico, fino a Mostar, a Sarajevo, a toccare con mano i segni di una guerra non ancora finita, e Bertante racconta con pagine toccanti e di grande impatto narrativo quello che vede e quello che vede lo riguarda e ci riguarda da vicino molto più di quanto siamo stati in grado di capire e ancora oggi abbiamo capito. Esistono davvero passato e futuro o esiste un presente infinito?

Gli ultimi ragazzi del secolo

Bertante Alessandro