Racconti

La metamorfosi

Kafka Franz

Descrizione: Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

Categoria: Racconti

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804492559

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Gregorio è un commesso viaggiatore. Il suo lavoro lo costringe fuori casa per lunghi periodi, ma il cospicuo stipendio garantisce ai genitori e alla sorella diciassettenne un buon tenore di vita.

Una mattina Gregorio si sveglia nel proprio letto, in ritardo per prendere il treno e molto preoccupato per la reazione che potrà avere il suo capo.

Come ha fatto a non sentire la sveglia? Gli conviene prendere il treno successivo o fingersi malato? In quest’ultimo caso, il principale manderà qualcuno per verificare il suo stato di salute?

Immerso nei suoi pensieri Gregorio si accorge che qualcosa di strano è accaduto al suo corpo: inspiegabilmente ha subito una metamorfosi, assumendo le sembianze di un grande insetto di colore nero con tante gambine sottili in agitazione.

Se dormissi ancora un po’, e dimenticassi tutte queste stupidaggini?“, si dice Gregorio convinto di stare ancora dormendo o comunque di stare sognando ad occhi aperti.

Queste alzatacce (…) finiscono, col rimbecillire. L’uomo deve avere il suo sonno. Certi colleghi vivono come le donne di un harem. Se una mattina mi succede, per esempio, di rientrare in albergo per trascrivere le commissioni ricevute, quei signori si sono appena seduti per la prima colazione. Ci provassi io, col mio principale: che volo farei!“.

La vita di Gregorio cambia inevitabilmente e bruscamente.

Presto i genitori e la sorella scoprono l’avvenuta metamorfosi, ed anche la loro vita muta di conseguenza. L’affetto per Gregorio è grande, ma grande è anche la difficoltà di convivere con un essere che resta solo lo spettro del loro parente.

Kafka riesce a descrivere con arte i conflitti interiori di Gregorio, che alterna momenti in cui sembra aver perso la propria umanità ad altri in cui il contatto con i familiari sembra avergliela fatta ritrovare.

Il racconto si svolge tra le quattro mura della casa della famiglia Samsa e l’autore riesce a rendere vive le emozioni dei suoi personaggi, facendo provare al lettore gli alterni stati d’animo di angoscia e serenità che caratterizzano la sventura di Gregorio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franz

Kafka

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kafka Franz


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Due sconosciuti in attesa di sparare durante un safari umano. Un giovane sacerdote, ignaro del suo futuro di papa, in un corpo a corpo con il desiderio. Gli attentati compiuti nei supermercati da un tranquillo padre di famiglia con la passione per gli esplosivi. Le peripezie di un cuore espiantato, in corsa verso la seconda vita. Un uomo deciso a condividere la casa con un branco di lupi. Fatti realmente accaduti che si fondono a invenzioni folgoranti.

La sposa

Covacich Mauro

Secondo incontro del Circolo de i-LIBRI

"Non ti ho mai conosciuto davvero, padre. Uomo sparito, fantasma di un fantasma. Hai carne di vento, pelle di nebbia. Non ti riconosco eppure sei me centomila volte al giorno." Siamo su una montagna ostile, fa molto freddo. Giona non ha ricordi. Ha poco più di quattordici anni e vive in un villaggio aspro e desolato insieme al nonno Alvise. Il vecchio, spietato e rigoroso, è l'uomo che domina il paese e impone al ragazzo compiti apparentemente assurdi e punizioni mortificanti. In possesso unicamente di un logoro maglione rosso, Giona esegue con angosciata meticolosità gli ordini del vecchio, sempre gli stessi gesti, fino a quando, un giorno, non riesce a scappare. La fuga si rivelerà per lui un'inesorabile caduta agli inferi, inframmezzata da ricordi della sua famiglia, che sembrano appartenere a una vita precedente, e da apparizioni stravolte. In un clima di allucinata sospensione temporale, il paese è in procinto di crollare su se stesso e la terra sembra sprofondare pian piano sotto i piedi del ragazzo. La verità è quella che appare? Solo un decisivo cambio di passo consentirà al lettore di raggiungere la svolta finale e comprendere davvero che cos'è l'inverno di Giona. Filippo Tapparelli, qui al suo esordio letterario, ha scritto un giallo onirico lontano da virtuosismi stilistici e intriso di atmosfere di perturbante ambiguità, descritte con potenza evocativa.

L’inverno di Giona

Tapparelli Filippo

Kafka, Franz – IL FUOCHISTA (America, 1927)