Narrativa

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto

Descrizione: Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788845278631

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

Il terzultimo romanzo di Umberto Eco, uscito nel 2004, si concentra su un’epoca ben precisa, cioè gli anni ’30 e ’40 in Italia, rivissuti a ritroso da un uomo di cultura che si avvia alla tarda età e che ha perso la memoria. La moglie gli impone di tornare nella vecchia casa di campagna per cercare di stimolare la memoria a lungo termine. Egli infatti ricorda tutto quel che riguarda la letteratura e la cultura generale, ma non ricorda niente di se stesso. Nella vecchia casa ritrova i fumetti che leggeva da bambino, scopre che la sua assistente assomiglia molto a una ragazza amata a sedici anni e che durante la Resistenza sono successi fatti di sangue che hanno coinvolto anche la sua famiglia.

L’inizio è molto divertente, perché riflette sulle differenze tra memoria affettiva e memoria culturale e affronta, anche attraverso  il correlativo oggettivo della nebbia, il tema dell’oblio. Inoltre si ritrovano le lunghe enumerazioni caotiche e le associazioni di parole del Diario minimo. Poi però il libro diventa un’enciclopedia privata, come se l’autore fosse ossessionato da un tema preciso, cioè l’infanzia e l’adolescenza ai tempi del fascismo, interrogandosi sull’influenza della cultura balilla nella formazione di un ragazzo. Il citazionismo postmoderno, invece di palesarsi nella maniera informe e barocca de Il pendolo di Focault o nella struttura a più livelli de Il nome della rosa, si manifesta attraverso un lungo elenco di libri, riviste, fumetti e personaggi, che già a metà romanzo diventa noioso e poi viaggia verso lo stucchevole.

Che i romanzi di Eco siano densi si sa, in questo caso la lettura è anche più scorrevole perché lo stile e il linguaggio sono più semplici, ma da un punto di vista narrativo non succede niente, per dirla in parole povere, e il lettore è veramente messo alla prova, una prova di resistenza, fino alla fine del romanzo in cui effettivamente capita qualcosa che dovrebbe far riflettere. La misteriosa fiamma della regina Loana è sicuramente il romanzo più autobiografico di Eco, nato nel 1932, uno di quei libri che gli scrittori a un certo punto devono scrivere per forza.

Una delle caratteristiche salienti dello stile di Eco è sempre stata quella di prendere per mano il lettore e portarlo dentro i suoi libri, ma il romanzo del 2004 sembra scritto più per se stesso che per i lettori, o al limite è riservato agli appassionati di letteratura per ragazzi degli anni ’30 e ’40. A impreziosire il romanzo ci pensano le illustrazioni tratte dai libri e fumetti originali cui si fa riferimento, in cui i nomi americani dei cowboys venivano tradotti in italiano e in cui si cercava di instillare una mentalità colonialista mostrando le avventure di coraggiosi eroi italici in Etiopia o altri Paesi esotici, ma che di fatto mostravano interesse per quelle terre e per i loro abitanti, in contrasto con le leggi razziali promulgate nel ’38 e con il mito della superiorità ariana. L’impressione, però, rimane quella di un libro che poteva essere lungo la metà senza perdere nulla.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Umberto

Eco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eco Umberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata "adottata" dai principali esponenti dell'élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Io sono Charlotte Simmons

Wolfe Tom

Mentre il paese sta per precipitare nella guerra civile, un medico inglese, la sua giovane e avvenente compagna, un losco individuo dei Servizi segreti sudafricani e un giornalista freelance disilluso e allucinato, portano avanti la loro esistenza rinchiusi a Gombe, il quartiere dei ricchi. Fra feste, echi di una guerra sempre più vicina, tradimenti, traffici di diamanti e di organi umani, le giornate di questi personaggi vanno avanti, intrecciandosi e scontrandosi, fino all'inquietante e drammatico finale...

LE BESTIE (KINSHASA SERENADE)

Mazzoni Lorenzo

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John

Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano