Narrativa

La misura del tempo

Gianrico Carofiglio

Descrizione: Tanti anni prima Lorenza era una ragazza bella e insopportabile, dal fascino abbagliante. La donna che un pomeriggio di fine inverno Guido Guerrieri si trova di fronte nello studio non le assomiglia. Non ha nulla della lucentezza di allora, è diventata una donna opaca. Gli anni hanno infierito su di lei e, come se non bastasse, il figlio Iacopo è in carcere per omicidio volontario. Guido è tutt'altro che convinto, ma accetta lo stesso il caso; forse anche per rendere un malinconico omaggio ai fantasmi, ai privilegi perduti della giovinezza. Comincia così, quasi controvoglia, una sfida processuale ricca di colpi di scena, un appassionante viaggio nei meandri della giustizia, insidiosi e a volte letali. Una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario - distillato purissimo della vicenda umana - e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile Libero Big

Anno: 2019

ISBN: 9788806218140

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il romanzo La misura del tempo di Gianrico Carofiglio è una grande conferma della bravura stilistica e narrativa dell’autore, giustamente candidato al Premio Strega 2020. L’intreccio si muove nel mondo giudiziario, ma affonda nel tempo, come indicato nel titolo. Il tempo è qualcosa che scandisce le nostre vite e proprio lungo una linea cronologica che unisce passato e presente si svolge la trama. Allo studio dell’avvocato Guerrieri stavolta si presenta una sua vecchia fiamma, Lorenza, che chiede un aiuto per salvare il figlio Iacopo Cardace. Accusato di omicidio e difeso dal celebre Costamagna ormai malato e stanco, è stato condannato e si trova in carcere. L’impresa si rivela ardua da subito, perché tutti gli indizi sembrano condannare l’imputato, ma l’avvocato tenta lo stesso di difenderlo in appello e si rende conto che questa scelta ha delle implicazioni estranee al processo, lo riguardano nel profondo. Lo fa in nome del vecchio amore, ma soprattutto perché quando la verità non è certa e sicura, allora bisogna avere il coraggio di accettare il dubbio. Deve andare fino in fondo per il ragazzo e in generale per se stesso, tanto che man mano si affeziona all’imputato, lo sente più vicino, ne condivide i soprusi della superficialità, del caso che ha fatto ammalare chi lo difendeva e del tempo che può scagionarlo o condannarlo.

Il piano narrativo si intreccia con quello giudiziario ed è proprio il racconto a venire in aiuto nella difesa: mettere insieme e raccontare i fatti evidenzia la possibilità di trovare mille varianti o almeno un’altra versione rispetto a quella che ha portato alla condanna. E se anche una è preferibile all’altra, perché rincuora e rassicura, bisogna accettare il dubbio che la ragione non può eliminare. La penna dello scrittore narra magistralmente queste incertezze che in fondo sono nascoste solo dalle nostre paure e dalla voglia di imprigionare il cattivo, mettere a tacere ciò che ci spaventa. Preferiamo stare tranquilli, piuttosto che scavare nel fondo della realtà e di tutto ciò che ci offre.

Il problema che dovete porvi è però se esistano più storie plausibili, capaci di inglobare in modo coerente, non contraddittorio, esaustivo, tutti gli indizi proposti dall’istruttoria. Perché se esistono più storie plausibili, non meramente congetturali, bisogna accettare il fatto che il quadro probatorio non è univoco, che non vi è certezza processuale e che bisogna pronunciare una sentenza di assoluzione.”

E fuori dall’aula? Questo richiamo alla lucidità vale per tutti e qui entra in gioco il tempo e come lo misuriamo, appunto: mentre passa ci intontisce perché mostra sempre meno possibilità, ma finché ne esistono bisogna avere il coraggio di percorrerle, perché questa sicurezza apparente non è nient’altro che un’anestesia che riduce il dolore ma “sbiadisce i colori“.

Il finale non è scontato, un romanzo piacevole, bello, da leggere e da gustare anche solo per come è scritto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carofiglio

Gianrico

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gianrico Carofiglio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1836, il romanzo - che narra l"iniziazione" del giovane Grinev sullo sfondo della rivolta di Pugacev - sfugge a classificazioni precise, perché sospeso tra generi diversi. Prevalgono tuttavia in esso l'ironia, il superamento delle convenzioni romantiche e un interesse così acuto per la storia che sembra presupporre, da parte dello scrittore, una presa di posizione di tipo ideologico. Ma Puskin non era un rivoluzionario, né un ammiratore del popolo russo in quanto forza progressista. Nel "Capitolo omesso", qui riportato in Appendice, si legge infatti: "Quelli che da noi progettano impossibili rivolte o sono giovani e non conoscono il nostro popolo oppure sono persone dal cuore crudele, per le quali la testa altrui vale un quarto di copeco e la propria pelle ne vale uno". Con buona pace della critica "sociale", Puskin non era schiavo di alcuna ideologia.

La figlia del capitano

Puškin Aleksandr Sergeevič

"Pride and Prejudice" è certamente l'opera più popolare e più famosa di Jane Austen, un vero e proprio "long-seller". Attraverso la storia delle cinque sorelle Bennet e dei loro corteggiatori, lo sguardo acuto della scrittrice, sorretto da un'ironia tanto più spietata quanto più sottile, annota e analizza fatti, incidenti, parole di un microcosmo popolato da personaggi che avranno molto da insegnare a Dickens e Thackeray.

Orgoglio e pregiudizio

Austen Jane

merica, Stato di New York, fine anni sessanta. Un gruppo di giovani decide di fondare una comune basata sull'amicizia, la condivisione, l'amore e l'indipendenza dal denaro. La chiameranno Arcadia. Ed è qui che nasce Briciola, il primo dei molti figli che andranno a popolare un mondo bucolico e ricco solo di ideali, ben presto corrotti dalle difficoltà della convivenza. La fine della comune costringerà Briciola e il suo grande amore Helle, nati e cresciuti in un mondo popolato da sognatori, a misurarsi con il mondo reale, quello della New York degli anni ottanta.

Arcadia

Groff Lauren

Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich