Narrativa

La misura del tempo

Gianrico Carofiglio

Descrizione: Tanti anni prima Lorenza era una ragazza bella e insopportabile, dal fascino abbagliante. La donna che un pomeriggio di fine inverno Guido Guerrieri si trova di fronte nello studio non le assomiglia. Non ha nulla della lucentezza di allora, è diventata una donna opaca. Gli anni hanno infierito su di lei e, come se non bastasse, il figlio Iacopo è in carcere per omicidio volontario. Guido è tutt'altro che convinto, ma accetta lo stesso il caso; forse anche per rendere un malinconico omaggio ai fantasmi, ai privilegi perduti della giovinezza. Comincia così, quasi controvoglia, una sfida processuale ricca di colpi di scena, un appassionante viaggio nei meandri della giustizia, insidiosi e a volte letali. Una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario - distillato purissimo della vicenda umana - e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile Libero Big

Anno: 2019

ISBN: 9788806218140

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il romanzo La misura del tempo di Gianrico Carofiglio è una grande conferma della bravura stilistica e narrativa dell’autore, giustamente candidato al Premio Strega 2020. L’intreccio si muove nel mondo giudiziario, ma affonda nel tempo, come indicato nel titolo. Il tempo è qualcosa che scandisce le nostre vite e proprio lungo una linea cronologica che unisce passato e presente si svolge la trama. Allo studio dell’avvocato Guerrieri stavolta si presenta una sua vecchia fiamma, Lorenza, che chiede un aiuto per salvare il figlio Iacopo Cardace. Accusato di omicidio e difeso dal celebre Costamagna ormai malato e stanco, è stato condannato e si trova in carcere. L’impresa si rivela ardua da subito, perché tutti gli indizi sembrano condannare l’imputato, ma l’avvocato tenta lo stesso di difenderlo in appello e si rende conto che questa scelta ha delle implicazioni estranee al processo, lo riguardano nel profondo. Lo fa in nome del vecchio amore, ma soprattutto perché quando la verità non è certa e sicura, allora bisogna avere il coraggio di accettare il dubbio. Deve andare fino in fondo per il ragazzo e in generale per se stesso, tanto che man mano si affeziona all’imputato, lo sente più vicino, ne condivide i soprusi della superficialità, del caso che ha fatto ammalare chi lo difendeva e del tempo che può scagionarlo o condannarlo.

Il piano narrativo si intreccia con quello giudiziario ed è proprio il racconto a venire in aiuto nella difesa: mettere insieme e raccontare i fatti evidenzia la possibilità di trovare mille varianti o almeno un’altra versione rispetto a quella che ha portato alla condanna. E se anche una è preferibile all’altra, perché rincuora e rassicura, bisogna accettare il dubbio che la ragione non può eliminare. La penna dello scrittore narra magistralmente queste incertezze che in fondo sono nascoste solo dalle nostre paure e dalla voglia di imprigionare il cattivo, mettere a tacere ciò che ci spaventa. Preferiamo stare tranquilli, piuttosto che scavare nel fondo della realtà e di tutto ciò che ci offre.

Il problema che dovete porvi è però se esistano più storie plausibili, capaci di inglobare in modo coerente, non contraddittorio, esaustivo, tutti gli indizi proposti dall’istruttoria. Perché se esistono più storie plausibili, non meramente congetturali, bisogna accettare il fatto che il quadro probatorio non è univoco, che non vi è certezza processuale e che bisogna pronunciare una sentenza di assoluzione.”

E fuori dall’aula? Questo richiamo alla lucidità vale per tutti e qui entra in gioco il tempo e come lo misuriamo, appunto: mentre passa ci intontisce perché mostra sempre meno possibilità, ma finché ne esistono bisogna avere il coraggio di percorrerle, perché questa sicurezza apparente non è nient’altro che un’anestesia che riduce il dolore ma “sbiadisce i colori“.

Il finale non è scontato, un romanzo piacevole, bello, da leggere e da gustare anche solo per come è scritto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carofiglio

Gianrico

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gianrico Carofiglio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele, l'autore ci traghetta in un viaggio tra i sentieri dell'amore, verso situazioni d'analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere. Benedire e maledirsi. Sussurrare e strillare. Sanguinare e curarsi. Sussultare e lenirsi. Perché amare...

L’amore dietro ogni cosa

Di Matteo Simone

Anna, una donna sensibile che ama il bello e ricerca i sapori autentici e indecifrabili della vita; Pietro, un nuovo collega arrivato da circa un anno nello studio di architetto dove entrambi lavorano. Tra loro due si sviluppa un complesso e inconfessato rapporto d'amicizia e d'attrazione. Anna e Pietro sono diventati due labirinti comunicanti così emozionanti e coinvolgenti da far paura, soprattutto a lui, già legato sentimentalmente a un'altra donna. Poi arriva l'estate e Anna si concede una lunga vacanza in un borgo di mare un po' aspro e selvaggio del Ponente ligure. Lì si nutre dei colori e della voce del mare e tesse una trama di rapporti delicati con altre persone. Tutto sembra procedere per il meglio fino a che una svolta dai contorni incerti e drammatici la strapperà da quei luoghi e da quei legami appena sbocciati. Senza una parola. In un allontanamento improvviso ingoiato da un temporale.

Nella spira di una conchiglia

Spes Ilaria

È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità – la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano –, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c’è anche chi, mosso dall’invidia, trama contro di lui. E quando nell’inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d’amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi. Ma con l’immagine della mamma bambina impressa nella memoria, Hernando continuerà a lottare per il proprio destino e quello del suo popolo. Anche quando si affaccerà nella sua vita la giovane cattolica Isabel...

LA MANO DI FATIMA

Falcones Ildefonso