Narrativa

La misura del tempo

Gianrico Carofiglio

Descrizione: Tanti anni prima Lorenza era una ragazza bella e insopportabile, dal fascino abbagliante. La donna che un pomeriggio di fine inverno Guido Guerrieri si trova di fronte nello studio non le assomiglia. Non ha nulla della lucentezza di allora, è diventata una donna opaca. Gli anni hanno infierito su di lei e, come se non bastasse, il figlio Iacopo è in carcere per omicidio volontario. Guido è tutt'altro che convinto, ma accetta lo stesso il caso; forse anche per rendere un malinconico omaggio ai fantasmi, ai privilegi perduti della giovinezza. Comincia così, quasi controvoglia, una sfida processuale ricca di colpi di scena, un appassionante viaggio nei meandri della giustizia, insidiosi e a volte letali. Una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario - distillato purissimo della vicenda umana - e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile Libero Big

Anno: 2019

ISBN: 9788806218140

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il romanzo La misura del tempo di Gianrico Carofiglio è una grande conferma della bravura stilistica e narrativa dell’autore, giustamente candidato al Premio Strega 2020. L’intreccio si muove nel mondo giudiziario, ma affonda nel tempo, come indicato nel titolo. Il tempo è qualcosa che scandisce le nostre vite e proprio lungo una linea cronologica che unisce passato e presente si svolge la trama. Allo studio dell’avvocato Guerrieri stavolta si presenta una sua vecchia fiamma, Lorenza, che chiede un aiuto per salvare il figlio Iacopo Cardace. Accusato di omicidio e difeso dal celebre Costamagna ormai malato e stanco, è stato condannato e si trova in carcere. L’impresa si rivela ardua da subito, perché tutti gli indizi sembrano condannare l’imputato, ma l’avvocato tenta lo stesso di difenderlo in appello e si rende conto che questa scelta ha delle implicazioni estranee al processo, lo riguardano nel profondo. Lo fa in nome del vecchio amore, ma soprattutto perché quando la verità non è certa e sicura, allora bisogna avere il coraggio di accettare il dubbio. Deve andare fino in fondo per il ragazzo e in generale per se stesso, tanto che man mano si affeziona all’imputato, lo sente più vicino, ne condivide i soprusi della superficialità, del caso che ha fatto ammalare chi lo difendeva e del tempo che può scagionarlo o condannarlo.

Il piano narrativo si intreccia con quello giudiziario ed è proprio il racconto a venire in aiuto nella difesa: mettere insieme e raccontare i fatti evidenzia la possibilità di trovare mille varianti o almeno un’altra versione rispetto a quella che ha portato alla condanna. E se anche una è preferibile all’altra, perché rincuora e rassicura, bisogna accettare il dubbio che la ragione non può eliminare. La penna dello scrittore narra magistralmente queste incertezze che in fondo sono nascoste solo dalle nostre paure e dalla voglia di imprigionare il cattivo, mettere a tacere ciò che ci spaventa. Preferiamo stare tranquilli, piuttosto che scavare nel fondo della realtà e di tutto ciò che ci offre.

Il problema che dovete porvi è però se esistano più storie plausibili, capaci di inglobare in modo coerente, non contraddittorio, esaustivo, tutti gli indizi proposti dall’istruttoria. Perché se esistono più storie plausibili, non meramente congetturali, bisogna accettare il fatto che il quadro probatorio non è univoco, che non vi è certezza processuale e che bisogna pronunciare una sentenza di assoluzione.”

E fuori dall’aula? Questo richiamo alla lucidità vale per tutti e qui entra in gioco il tempo e come lo misuriamo, appunto: mentre passa ci intontisce perché mostra sempre meno possibilità, ma finché ne esistono bisogna avere il coraggio di percorrerle, perché questa sicurezza apparente non è nient’altro che un’anestesia che riduce il dolore ma “sbiadisce i colori“.

Il finale non è scontato, un romanzo piacevole, bello, da leggere e da gustare anche solo per come è scritto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carofiglio

Gianrico

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gianrico Carofiglio

È il 1859 a Londra e davanti alla legatoria Damage si è appena fermata una carrozza con le ruote di un rosso fiammante, i fanali dorati e uno stemma sulla portiera. Dalla carrozza è sceso un uomo alto, abbronzato, elegantissimo con la sua redingte nera, il foulard scarlatto, gli occhiali d’oro e il bastone da passeggio sormontato da un enorme rubino. È sir Jocelyn Knightloey che, con la sua cerchia di amici, aristocratici come lui, coltiva il sogno di liberare la società dalle «pastoie del ritegno» e della morale. Da quando la legge ha stabilito che è illegale pubblicare e diffondere opere letterarie di genere immorale ma non possederle, sir Knightley e i suoi amici collezionano quei libri proibiti che i puritani dell’epoca vorrebbero bruciare tra le fiamme dell’inferno: il Decamerone, il Satyricon di Petronio, l’Ars Amatoria di Ovidio…A rilegare quei libri con preziose pelli e fodere scarlatte è Dora Damage, la moglie di Peter Damage. L’artrite reumatica sta deformando e immobilizzando le mani del marito e, in barba a tutte le leggi della corporazione dei legatori che vietano il lavoro alle donne, Dora è stata costretta a prenderne il posto. Le sue originali rilegature, così morbide e seducenti, suscitano l’entusiasmo di sir Knightley e dei suoi amici, i «Sauvages Nobles». Dora comincia così a rilegare tutte le opere proibite e galanti del gruppo con l’aiuto di Jack, un giovane apprendista, e di Din, uno schiavo nero americano condotto nel laboratorio dalla filantropica e ambigua Lady Sylvia, la moglie di sir Knightley.

La rilegatrice dei libri proibiti

Starling Belinda

Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

DEMIAN

Hesse Hermann

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile... Con irresistibile vena satirica, unita qui però a uno sguardo profondamente partecipe, Giuseppe Culicchia dà vita a un personaggio femminile tragico e grottesco, risucchiato in una spirale di menzogne e forzature che mostrano il volto più fasullo della borghesia d'inizio millennio, celebrandone i riti e insieme il declino; e al tempo stesso scrive un libro civile, capace di svelare il bene nascosto sotto la patina del nostro vivere quotidiano come le radici di un albero frondoso che spezzino la crosta dell'asfalto per dare ossigeno alla città. Attraverso una vertiginosa capacità di scavare nei cliché linguistici e umani, Culicchia procede insinuando variazioni minime nell'infinito gioco di specchi nel quale nostro malgrado ci muoviamo. E - in bilico tra il dolore e il sorriso - libera sulla pagina quelle piccole rivelazioni che sono il nucleo di un cambiamento possibile. Perché, toccato il fondo della crisi, si può ricominciare a vivere, spogli di tutto ma ricchi come mai prima.

VENERE IN METRO’

Culicchia Giuseppe

«Mi chiamo Vince Corso. Ho quarantacinque anni, sono orfano e per campare prescrivo libri alla gente». Insegnante precario e lettore come pochi, si è inventato un nuovo lavoro, quello di biblioterapeuta; ha casa e ufficio in via Merulana, un monolocale con soppalco e angolo cottura più da studente fuorisede che da medico delle anime, dove accoglie le sue pazienti - sì, sono donne in prevalenza. Vince le ascolta e poi trova per loro il libro adatto, le pagine che possono lenire, la letteratura insomma come medicina dell’anima e, perché no?, anche del corpo. A rivolgersi al suo pronto soccorso letterario un giorno arriva Giovanna; il fratellastro Fabrizio, sinologo, collezionista di libri, esperto di lingue e di molto altro, ha smarrito il senno e ricoverato in una casa di riposo per malati di Alzheimer ripete ossessivamente poche e smozzicate frasi, sempre le stesse. La donna è convinta di un possibile miglioramento del fratello se solo potesse ritrovare il libro da cui quelle parole sono tratte: sembra proprio il terreno in cui Vince Corso si trova più a suo agio. Così accetta la sfida e visita la biblioteca del professore, ma si trova ben presto a indossare i panni dell’investigatore, a svelare l’enigma che si cela dietro quel labirinto di volumi, una autentica biblioteca di Babele. Un libro sulla memoria, sull’importanza del ricordo, sulla lettura come terapia.

Ogni coincidenza ha un’anima

Stassi Fabio