Racconti

La morte della Pizia

Durrenmatt Friedrich

Descrizione: «Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

Categoria: Racconti

Editore: Adelphi

Collana: Piccola Biblioteca

Anno: 1988

ISBN: 9788845902963

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

Il racconto, come genere letterario, è spesso sottovalutato: ad esso viene anteposto il romanzo, più lungo e articolato, non di rado comprensivo di digressioni che costituiscono veri e propri racconti a sé stanti.

In realtà questa valutazione nasce da un radicato pregiudizio che considera la brevità un difetto o quanto meno un limite. È utile ricordare, a questo proposito, quanto scrive Calvino nelle sue magistrali “Lezioni americane”. Egli sostiene, infatti, che il racconto, per la sua brevità e rapidità, è il genere letterario da preferire, in quanto in esso è più facile mantenere la tensione e tenere desta l’attenzione del lettore. Egli cita “Le operette morali” di Leopardi come uno dei numerosi esempi di letteratura italiana in cui “il massimo dell’invenzione e di pensiero è contenuto in poche pagine.”

D’altronde anche la letteratura straniera è ricca di pregevoli short stories , basti pensare a Edgar Allan Poe o alle opere brevi di Borges.

Detto questo, esaminiamo come il racconto breve “La morte della Pizia” di Friederich Durrenmatt, parte di una raccolta dal titolo “Mitmacher”, possa essere considerato a ragione un’opera di rilievo per contenuto e forma.

Con magistrale abilità, attraverso i personaggi di Tiresia e della Pizia Pannychis XI, l’autore scardina il complesso sistema sul quale poggia il mito e sottolinea l’inaffidabilità degli oracoli. I due indovini si trovano a rievocare la storia infelice e scellerata di Edipo, e la riscrivono in modo totalmente diverso, dandone una nuova interpretazione, collegando gli eventi che lo riguardano a quelli inerenti alla figura della Sfinge.

Nelle parole di Tiresia alla Pizia è il tema centrale di questo racconto, tema che Durrenmatt affronta con altrettanto impegno in tutte le altre opere: “Non preoccuparti di ciò che può essere stato diverso da come ce l’hanno raccontato e che non smetterà di cambiare faccia se noi continueremo a indagare… La verità resiste in quanto tale soltanto se non la si tormenta.”

La verità dunque cambia volto ogniqualvolta la si rimette in discussione, essa può diventare il mezzo per sovvertire il mondo, senza dare ad esso alcuna certezza. Come non pensare, a questo proposito, a un’altra opera di Durrenmatt, forse più nota, “La promessa – un requiem per il romanzo giallo”, da cui Sean Penn trasse il film omonimo con Jack Nicholson, in cui l’accanimento con cui l’investigatore porta avanti le indagini genera verità ogni volta diverse, tutte plausibili, con una conseguente frustrazione vicina alla follia.

È l’enigma, dunque, il vero protagonista delle opere di Durrenmatt, lo stesso enigma espresso eloquentemente da ogni oracolo, perché è la vita stessa un enigma che va vissuto e interpretato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Durrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Durrenmatt Friedrich


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mario Tagliarti è un maestro, a questo lavoro è arrivato un po' per caso, un po' per passione, un po' per amore. Quando negli anni Ottanta arriva a Torino, vince un concorso pubblico e si presenta a scuola per il suo primo giorno da maestro. La direttrice lo guarda, quasi scrutandolo, e poi dice "Che ne pensa del Ferrante Aporti, il carcere minorile della città?" Comincia così la storia di Mario, il maestro che accompagna sui banchi centinaia di ragazzi che tra quelle mura scontano la loro pena. Il suo è un mondo sconosciuto a chi sta fuori, un mondo di sconfitte e rabbia, ma anche di sorrisi, vittorie e persone che ti cambiano la vita.

Il maestro dentro

Tagliani Mario

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo

Rossana Campo, ancora una volta senza infingimenti e con lo stile dirompente e "difforme" che caratterizza la sua produzione letteraria, ma mettendosi in gioco forse più che in ogni altro suo libro, racconta qui il rapporto con Renato, il padre amatissimo e difficile scomparso di recente; o meglio con le molteplici figure, spesso contraddittorie, che Renato ha incarnato lungo tutta la sua vorticosa esistenza: il maestro di vita che fin da piccola esorta la figlia a rifuggire ogni forma di condizionamento e ipocrisia, ma anche l'irresponsabile che per niente e nessuno si separerebbe dalla sua amica più fidata: la bottiglia; l'individuo gioviale e irriducibilmente ottimista, ma anche l'attaccabrighe, dominato da una rabbia incontenibile; e ancora lo "zingaro" che non sopporta alcuna imposizione e non riconosce alcuna autorità, il contaballe prodigioso, il casinista indefesso, il terrone orgoglioso in un Nord che lo respinge... in una parola un essere infinitamente vitale e tremendamente fragile. Ne emerge un racconto, magari spudorato, ma proprio per questo di rara autenticità, della parte più profonda di sé.

Dove troverete un altro padre come il mio

Campo Rossana

Siamo nel 1992, tra maggio e luglio. A Bari, come altrove, sono giorni di fuoco, fra agguati, uccisioni, casi di lupara bianca. Quando arriva la notizia che un bambino, figlio di un capo clan, è stato rapito, il maresciallo Pietro Fenoglio capisce che il punto di non ritorno è stato raggiunto. Adesso potrebbe accadere qualsiasi cosa. Poi, inaspettatamente, il giovane boss che ha scatenato la guerra, e che tutti sospettano del sequestro, decide di collaborare con la giustizia. Ma le dichiarazioni del pentito non basteranno a far luce sulla scomparsa del bambino. Per scoprire la verità Fenoglio sarà costretto a inoltrarsi in quel territorio ambiguo dove è più difficile distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Ambientato al tempo delle stragi di Palermo, L’estate fredda offre uno sguardo pauroso sulla natura umana, ma ci regala anche un protagonista di straordinaria, commovente dignità. E, alla fine, un inatteso bagliore di speranza.

L’estate fredda

Carofiglio Gianrico