Narrativa

La morte della Pizia

Dürrenmatt Friedrich

Descrizione: «Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Piccola Biblioteca

Anno: 1998

ISBN: 9788845902963

Recensito da Elissandra

Le Vostre recensioni

La morte della Pizia. Un giorno la vecchia Pizia Pannychis XI si trova davanti un giovane che vorrebbe sapere da lei se quelli che ritiene i suoi genitori siano davvero tali. E’ quasi ora di chiusura, la donna è stanca e irritata e, un po’ per burla, un po’ per dare sfogo al suo malumore, per sanzionare la credulità di chi presta fede agli oracoli, gli sciorina una profezia assurda: che ucciderà suo padre e sposerà sua madre.
Quel giovane si chiamava Edipo.

Questo è l’avvio del racconto di DürrenmattLa morte della Pizia”, nel corso del quale vengono svelati i retroscena del mito, gli intrighi, i conflitti e le lotte di potere, riportati dal mondo archetipico a una realtà molto più terrena e “umana, troppo umana”.

La Pizia riceverà nuovamente la visita di Edipo, molto tempo dopo, quando questi sarà diventato un mendicante cieco e accompagnato dalla figlia-sorella.

La scoperta che quel destino preannunciato si è effettivamente compiuto darà il via a una serie di ricerche da parte della donna, per ristabilire la verità in un mondo dove gli dei hanno un ruolo molto meno incisivo delle passioni umane, il carro di Febo viene liquidato come “il solito kitsch” e gli oracoli o sono casuali, come quelli di Pannychis XI, o nascondono un secondo fine, come quelli molto costosi di Tiresia, interessato a impedire l’instaurarsi a Tebe di un regime simile a quello spartano, ad opera dell’ottuso e fedele Creonte, fratello di Giocasta e possibile erede al trono, in assenza di eredi diretti della coppia reale.

In La morte della Pizia, il racconto è costruito come un’indagine o un processo in cui, accanto alla ricerca negli archivi di vecchi oracoli e relative parcelle, una ad una appaiono davanti alla Pizia e Tiresia, entrambi morenti, le ombre dei protagonisti coinvolti nella tragedia: Meneceo, l’uomo-drago e padre di Giocasta, Edipo, Giocasta, La Sfinge, ciascuno con la propria versione dei fatti, in un intreccio di trame che, a ogni testimone, muta e apre a nuove possibilità interpretative e dove l’unico punto fermo resta il fatto che, chiunque siano stati i reali genitori di Edipo, questi ha davvero ucciso il padre e giaciuto con la madre.

Dürrenmatt si diverte, in questo agile La morte della Pizia, a dissacrare e ribaltare tutte le figure mitologiche, che risultano spogliate di qualsiasi aurea di dignità o gravosa necessità: Tiresia è un’opportunista prezzolato, Giocasta una donna di facili costumi, Laio un omosessuale e un castrato, Meneceo suicida non per il bene della patria, bensì perché oberato di debiti, Creonte un ottuso, la Sfinge una sacerdotessa dominata dall’odio, violentata per volere del suo stesso padre e la Pizia una vecchia cialtrona disillusa e cinica.

In conclusione, nessuno sembra essere in grado di affermare se la profezia di Pannychis XI si sia avverata per una scelta umana, volere degli dei, o per mera coincidenza.

Un dramma, quindi, sull’impossibilità di stabilire una verità che risulti incontrovertibile:

“Lascia perdere, vecchia”, disse Tiresia ridendo, “non preoccuparti di ciò che può essere stato diverso da come ce l’hanno raccontato e che non smetterà di cambiare faccia se noi continueremo a indagare […] La verità resiste in quanto tale soltanto se non la si tormenta.”

Per maggiori informazioni sul mito di Edipo, si può cliccare qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Dürrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dürrenmatt Friedrich


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando il piccolo Dito, di soli dieci anni, viene rapito e i suoi genitori fatti assassinare dal potente tiranno dell'isola di Santerra, sua sorella potrebbe cedere alla disperazione, oppure progettare liberazione e vendetta grazie all'immenso potere che sta crescendo dentro di lei. Ma perché un bambino come tanti dovrebbe costituire una minaccia per un sovrano che regna incontrastato ormai da un decennio? Iugerin cercherà di scoprirlo, e nel farlo imparerà a governare l'energia dell'universo che le permette di levitare, guarire, modificare la forma e la sostanza delle cose. Da una battaglia personale per scarcerare il fratello e vendicare i genitori, si troverà coinvolta in una vera e propria guerra per la liberazione dell'isola dal tiranno che la tiene soggiogata. Combatterà a fianco di eroi che mostreranno il loro lato oscuro e contro creature metà umane e metà ferro, acqua, terra, frutto dei crudeli esperimenti del re.

Energeia

Silvotti Alessandra

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José

Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

La metamorfosi

Kafka Franz

In un pittoresco mosaico di stravaganti preghiere si dipanano storie cucite ad arte, tra il sacro ed il profano. Questi racconti sono perle di un rosario, gocce stillanti, e voci fuori dal coro. Un campionario di vicende narrate senza filtri, dove il perbenismo non è ammesso e dove prendono vita in maniera spontanea e bestiale, solipsistiche aberrazioni del sé. Perché la verità condita da bianche bugie è più nera del sole. Profane preghiere scandiscono il tempo dell'incertezza. Qui dove nessuna lezione di vita viene impartita. Racconti diversi a volte per-versi inscenano un carosello di esistenze violate. Dove il sacro è pretesto per riscoprire il corpo e il credo solo un vincolo profano. Non vi è spazio per l'ipocrisia della correttezza in queste pagine sporcate dalle penne di anime originali e controcorrente. Una raccolta di diciotto racconti curata dall'autore Simone Pozzati. Un mix di scrittori in cui spiccano i racconti di autori noti al panorama nazionale come Marilù Manzini, il poeta beat Antonio Veneziani, il regista Livio Galassi, il biografo e poeta Ignazio Gori, lo scrittore Maurizio Valtieri, il commediografo Simone Romano e l'editore Simone Di Matteo.

Del sacro e del profano

Pozzati Simone e autori vari