Narrativa

La morte della Pizia

Dürrenmatt Friedrich

Descrizione: «Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Piccola Biblioteca

Anno: 1998

ISBN: 9788845902963

Recensito da Elissandra

Le Vostre recensioni

La morte della Pizia. Un giorno la vecchia Pizia Pannychis XI si trova davanti un giovane che vorrebbe sapere da lei se quelli che ritiene i suoi genitori siano davvero tali. E’ quasi ora di chiusura, la donna è stanca e irritata e, un po’ per burla, un po’ per dare sfogo al suo malumore, per sanzionare la credulità di chi presta fede agli oracoli, gli sciorina una profezia assurda: che ucciderà suo padre e sposerà sua madre.
Quel giovane si chiamava Edipo.

Questo è l’avvio del racconto di DürrenmattLa morte della Pizia”, nel corso del quale vengono svelati i retroscena del mito, gli intrighi, i conflitti e le lotte di potere, riportati dal mondo archetipico a una realtà molto più terrena e “umana, troppo umana”.

La Pizia riceverà nuovamente la visita di Edipo, molto tempo dopo, quando questi sarà diventato un mendicante cieco e accompagnato dalla figlia-sorella.

La scoperta che quel destino preannunciato si è effettivamente compiuto darà il via a una serie di ricerche da parte della donna, per ristabilire la verità in un mondo dove gli dei hanno un ruolo molto meno incisivo delle passioni umane, il carro di Febo viene liquidato come “il solito kitsch” e gli oracoli o sono casuali, come quelli di Pannychis XI, o nascondono un secondo fine, come quelli molto costosi di Tiresia, interessato a impedire l’instaurarsi a Tebe di un regime simile a quello spartano, ad opera dell’ottuso e fedele Creonte, fratello di Giocasta e possibile erede al trono, in assenza di eredi diretti della coppia reale.

In La morte della Pizia, il racconto è costruito come un’indagine o un processo in cui, accanto alla ricerca negli archivi di vecchi oracoli e relative parcelle, una ad una appaiono davanti alla Pizia e Tiresia, entrambi morenti, le ombre dei protagonisti coinvolti nella tragedia: Meneceo, l’uomo-drago e padre di Giocasta, Edipo, Giocasta, La Sfinge, ciascuno con la propria versione dei fatti, in un intreccio di trame che, a ogni testimone, muta e apre a nuove possibilità interpretative e dove l’unico punto fermo resta il fatto che, chiunque siano stati i reali genitori di Edipo, questi ha davvero ucciso il padre e giaciuto con la madre.

Dürrenmatt si diverte, in questo agile La morte della Pizia, a dissacrare e ribaltare tutte le figure mitologiche, che risultano spogliate di qualsiasi aurea di dignità o gravosa necessità: Tiresia è un’opportunista prezzolato, Giocasta una donna di facili costumi, Laio un omosessuale e un castrato, Meneceo suicida non per il bene della patria, bensì perché oberato di debiti, Creonte un ottuso, la Sfinge una sacerdotessa dominata dall’odio, violentata per volere del suo stesso padre e la Pizia una vecchia cialtrona disillusa e cinica.

In conclusione, nessuno sembra essere in grado di affermare se la profezia di Pannychis XI si sia avverata per una scelta umana, volere degli dei, o per mera coincidenza.

Un dramma, quindi, sull’impossibilità di stabilire una verità che risulti incontrovertibile:

“Lascia perdere, vecchia”, disse Tiresia ridendo, “non preoccuparti di ciò che può essere stato diverso da come ce l’hanno raccontato e che non smetterà di cambiare faccia se noi continueremo a indagare […] La verità resiste in quanto tale soltanto se non la si tormenta.”

Per maggiori informazioni sul mito di Edipo, si può cliccare qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Dürrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dürrenmatt Friedrich

New England,1891. E’ notte fonda ormai. Nell’antica dimora di Blithe House regnano il silenzio e l’oscurità. Per Florence, giovane orfana di dodici anni, è finalmente giunto il momento di che ogni giorno aspetta con ansia. Attenta a non far rumore, scende le scale ed entra nella vecchia biblioteca. Nella grande stanza abitata dalla polvere e dall’abbandono, ci sono gli unici amici che le tengano davvero compagnia, i libri. Libri proibiti per Florence. Non potrebbe nemmeno toccarli: da sempre le è vietato leggere. Così le ha imposto lo zio che l’ha allevata insieme al fratellino Giles. Un uomo misterioso, che l’ha condannata a vivere confinata in casa insieme alla servitù Ma Florence è furba e determinata e ha imparato a leggere da sola. Ha intuito che nei libri è racchiusa la strada per la libertà. Perché è proprio in quella biblioteca, tra i vecchi volumi di Sir Walter Scott, Jane Austen, Charles Dickens, Gorge Eliot e Shakespeare, che si nasconde un segreto che affonda le radici in un passato legato a doppio filo alla morte dei suoi genitori. Una terribile verità che, notte dopo notte, getta ombre sempre più inquietanti sulla vita di tutti. Strani episodi iniziano a sconvolgere la dimora. Prima la morte violenta e inspiegabile di una delle governanti, poi l’arrivo della nuova istitutrice del fratellino, una donna dura, che odia Florence con tutta se stessa. Per la ragazza camminare per i corridoi della casa è sempre più pericoloso. Deve essere astuta e stare attenta a tutto, al minimo scricchiolio del legno, a un soffio di vento, agli occhi che la fissano sinistri dai dipinti. La verità ora è una questione di vita o di morte. E per trovarla Florence avrà bisogno delle parole che si annidano nei libri e dell’anima oscura che si nasconde in lei.

La biblioteca dei libri proibiti

Harding John

Marcus Goldman ha conosciuto la gloria letteraria ma da qualche tempo è in piena crisi di ispirazione; per questo si rivolge a Harry Quebert, il suo anziano professore di letteratura che già anni prima l'aveva salvato da un percorso pericoloso, per chiedergli aiuto. Harry gli offre subito uno spunto narrativo: gli racconta infatti di una ragazza, Nola, con cui oltre trent'anni prima ebbe una storia tormentata (segnata dalla grande differenza d'età), che a un certo punto - era il 1975 - sparì all'improvviso. Pochi giorni dopo essere rientrato a New York, Marcus viene però a sapere che il cadavere della ragazzina è stato ritrovato proprio nel giardino di Harry e che quest'ultimo, accusato dell'omicidio, rischia ora la pena di morte. Ma Marcus non può credere a questa ipotesi e decide di indagare per scoprire la verità e scagionare il suo amico.

La verità sul caso Harry Quebert

Dicker Joël

I proventi di questo ebook andranno totalmente all’Associazione onlus Franca Cassola Pasquali, una bella realtà che opera sul nostro territorio soprattutto a sostegno della Senologia di Tortona. Otto racconti che hanno per protagoniste altrettante donne. Persone comuni, come lo sono di solito i personaggi delle mie storie, che vivono delle situazioni particolari e che si ritrovano a dover compiere delle scelte, capaci, nel bene e nel male, di condizionare la loro vita. Sono donne ben diverse l’una dall’altra, sia per età che per estrazione sociale, sia per le problematiche del loro vivere che per il modo in cui ognuna le affronta, ma in egual modo ricche di sentimenti e di quella sensibilità speciale che caratterizza l’animo femminile. E’ diversa anche l’atmosfera che si respira nei vari racconti, in alcuni triste se non addirittura tragica, in altri più lieve e persino venata di ironia e di umorismo. E anche lo stile si adatta al contenuto. Ho raccolto i racconti accostandoli a due a due, puntando su un aspetto, che, in qualche modo, accomuna le protagoniste. Filomena e Altea. Essere prigioniere del marito e della casa può risultare orrendo, oppure qualcosa a cui non si vuole rinunciare. Tutto dipende dalla situazione personale. Pinuccia e Teresa. La condizione di suocera non è facile, specie se col marito della propria figlia esiste un feeling decisamente scarso. Anna e Carmela. Un figlio può costituire un problema se se lo si desidera intensamente e ci viene negato, ma anche se una gravidanza inaspettata arriva ad aggiungere difficoltà a una situazione familiare già non facile. Silvana e Angela. Entrambe le protagoniste si rivolgono a una persona cara, la madre e la figlia, e traggono dal loro ottimismo, dalla loro positività, coraggio e speranza.

8 marzo – Storie di donne

Sanna Silvana

Epistolario di un poeta italo-senegalese con la prefazione di Giuliano Pisapia.

Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera

Gaye Cheikh Tidiane