Narrativa

La morte di Socrate

Descrizione: Platone, avaro e pomposo aristocratico, avido di popolarità, vuole sbancare con un best-seller, e , costi quel che costi, concretizzare la propria idea di Stato giusto. Socrate è un beone geniale e alla moda, non manca un solo banchetto, ma ha il vizio di rubacchiare qua e là monili e statuette con cui rimpingua la bottega di antiquariato della moglie, la bionda Santippe. Platone decide di sfruttare la situazione, ricatta Socrate e gli offre denaro in cambio dei dialoghi che solitamente getta al vento. Alla celebre coppa di cicuta Socrate giunge per motivi diversi da quelli tradizionalmente noti: snocciolando i lati oscuri di quegli antichi geni, il demiurgo Durrenmatt intavola un dibattito sul rapporto fra concreto e astratto, pubblicità e vero sapere, ambizione e qualità. Lucido e sorprendente, abile nel giocare con i grandi pensieri e la storia come fossero biglie di vetro, Durrenmatt chiama alla riflessione, anche con poche battute.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Biblioteca germanica

Anno: 2002

ISBN: 9788871683331

Recensito da Elissandra

Le Vostre recensioni

Ne La morte di Socrate, di brevi 61 pagine, Dürrenmatt mette in scena una versione parodistica della morte di Socrate, in contrasto con la tradizione, in primis quella platonica (Fedone), che l’ha invece tramandata come evento altamente drammatico.

L’autore ancora una volta si diverte a giocare con l’eredità del mondo classico, smontandone i simboli: Platone, il vero protagonista, nonché mente di tutto, è raffigurato come un misantropo con ambizioni politiche; Socrate un popolarissimo cialtrone frequentatore abituale di banchetti aristocratici; Santippe una rigattiera che vende gli oggetti trafugati dal marito ai suoi ospiti, quando questi sono ubriachi; Aristofane un commediografo ormai alla fine della sua carriera e in perdita di popolarità; Dionigi un tiranno che applica a modo suo le teorie dei maestri.

Il lettore scoprirà, quindi, che i famosi discorsi socratici sono di fatto invenzioni di Platone, che mira a sfruttare la popolarità del primo per proporre la sua visione del mondo e della società. Anche la commovente morte ad Atene altro non è che una raffinata interpretazione da parte di un Aristofane mascherato, mentre Socrate morirà comunque per aver ingerito la cicuta:  a Siracusa, dove aveva trovato riparo dopo aver irritato Dionigi (grande ammiratore – a modo suo – del pensiero platon-socratico), il tiranno che non aveva gradito che qualcuno potesse mostrare una tolleranza agli alcolici superiore alla sua. Insomma, la vena grottesco-ironica di Dürrenmatt non risparmia nessuno dei personaggi dell’antichità, sulla cui levatura, a leggere questo libro, ci sarebbe molto a che ridi(e)re.

Il tono è quello del paradosso e, così facendo, l’autore sfida i suoi lettori a confrontarsi nuovamente con figure storiche altrimenti cristallizzate dalla tradizione, rivitalizzandole e mostrando al contempo una profonda conoscenza dei classici.

E alla fine, dopo che sono cadute le tutte le maschere, Socrate si rivelerà l’unico che è sempre rimasto fedele a se stesso, come afferma Santippe nell’elogio funebre del marito: «Socrate rimase sempre Socrate, capacità che possiedono ben pochi, prima sono bambini poi diventano uomini, e quando sono diventati uomini si trasformano in politici, condottieri, poeti, eroi o altro, non sono mai se stessi».

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Se il cancro che ti hanno diagnosticato a dodici anni, a sedici sembra in regressione è un miracolo. Ciò che la giovane Hazel ha imparato a proprie spese, però, è che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto ai coetanei, con una vita in frantumi i cui pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure, che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione per stare insieme è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.

Colpa delle stelle

Green John

Un buon investigatore deve essere capace di costruire una storia, immaginare che cosa è successo prima e dopo il crimine, come in un romanzo. Poi, costruita la storia, deve andare in cerca di ciò che la conferma e la contraddice. Cosí pensa il maresciallo dei carabinieri Pietro Fenoglio, piemontese trapiantato a Bari, che si trova a indagare su un omicidio dove tutto appare troppo chiaro fin dall’inizio. Non fosse che al principale sospettato, su cui si concentra ogni indizio, mancava qualsiasi movente per commettere il delitto. In un folgorante romanzo breve, Gianrico Carofiglio orchestra una storia perfetta e dà vita a un nuovo personaggio: malinconico e lieve, verissimo, indimenticabile.

Una mutevole verità

Carofiglio Gianrico

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William

Pietro Malatesta, poliziotto ferrarese con un passato da teppista, che gira solo in bicicletta e che divide la casa con la madre, l'ex moglie, un figlio nullafacente e il Boy, il palestrato zero-cerebro che sta con la sua ex, è uno sbirro decisamente atipico, connotabile sulla falsa riga di tanti eroi del fumetto e della tv Anni '70 (non per niente Malatesta ha come mito Starsky di Starsky & Hutch e si veste come lui). Le storie sono brevi, accattivanti, pienamente inserite nel genere 'giallo di provincia', e si snodano in una Ferrara multi-etnica, alle volte sporca e un po' barbara, fatta di ultrà della Spal, bevute nei bar, adolescenti fancazzisti imitatori di mode, spaccio, colori politici che paiono mai sbiadire. Il volume si compone dei romanzi brevi: "Nero ferrarese", "Il recinto delle capre" e "Il cinematografo".

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico

Mazzoni Lorenzo