Narrativa

La morte di Socrate

Descrizione: Platone, avaro e pomposo aristocratico, avido di popolarità, vuole sbancare con un best-seller, e , costi quel che costi, concretizzare la propria idea di Stato giusto. Socrate è un beone geniale e alla moda, non manca un solo banchetto, ma ha il vizio di rubacchiare qua e là monili e statuette con cui rimpingua la bottega di antiquariato della moglie, la bionda Santippe. Platone decide di sfruttare la situazione, ricatta Socrate e gli offre denaro in cambio dei dialoghi che solitamente getta al vento. Alla celebre coppa di cicuta Socrate giunge per motivi diversi da quelli tradizionalmente noti: snocciolando i lati oscuri di quegli antichi geni, il demiurgo Durrenmatt intavola un dibattito sul rapporto fra concreto e astratto, pubblicità e vero sapere, ambizione e qualità. Lucido e sorprendente, abile nel giocare con i grandi pensieri e la storia come fossero biglie di vetro, Durrenmatt chiama alla riflessione, anche con poche battute.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Biblioteca germanica

Anno: 2002

ISBN: 9788871683331

Recensito da Elissandra

Le Vostre recensioni

Ne La morte di Socrate, di brevi 61 pagine, Dürrenmatt mette in scena una versione parodistica della morte di Socrate, in contrasto con la tradizione, in primis quella platonica (Fedone), che l’ha invece tramandata come evento altamente drammatico.

L’autore ancora una volta si diverte a giocare con l’eredità del mondo classico, smontandone i simboli: Platone, il vero protagonista, nonché mente di tutto, è raffigurato come un misantropo con ambizioni politiche; Socrate un popolarissimo cialtrone frequentatore abituale di banchetti aristocratici; Santippe una rigattiera che vende gli oggetti trafugati dal marito ai suoi ospiti, quando questi sono ubriachi; Aristofane un commediografo ormai alla fine della sua carriera e in perdita di popolarità; Dionigi un tiranno che applica a modo suo le teorie dei maestri.

Il lettore scoprirà, quindi, che i famosi discorsi socratici sono di fatto invenzioni di Platone, che mira a sfruttare la popolarità del primo per proporre la sua visione del mondo e della società. Anche la commovente morte ad Atene altro non è che una raffinata interpretazione da parte di un Aristofane mascherato, mentre Socrate morirà comunque per aver ingerito la cicuta:  a Siracusa, dove aveva trovato riparo dopo aver irritato Dionigi (grande ammiratore – a modo suo – del pensiero platon-socratico), il tiranno che non aveva gradito che qualcuno potesse mostrare una tolleranza agli alcolici superiore alla sua. Insomma, la vena grottesco-ironica di Dürrenmatt non risparmia nessuno dei personaggi dell’antichità, sulla cui levatura, a leggere questo libro, ci sarebbe molto a che ridi(e)re.

Il tono è quello del paradosso e, così facendo, l’autore sfida i suoi lettori a confrontarsi nuovamente con figure storiche altrimenti cristallizzate dalla tradizione, rivitalizzandole e mostrando al contempo una profonda conoscenza dei classici.

E alla fine, dopo che sono cadute le tutte le maschere, Socrate si rivelerà l’unico che è sempre rimasto fedele a se stesso, come afferma Santippe nell’elogio funebre del marito: «Socrate rimase sempre Socrate, capacità che possiedono ben pochi, prima sono bambini poi diventano uomini, e quando sono diventati uomini si trasformano in politici, condottieri, poeti, eroi o altro, non sono mai se stessi».

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett

Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

La strana biblioteca

Haruki Murakami

Se Marco rileggesse i diari che ha scritto quando era ragazzo, ogni giorno della sua adolescenza, con i giorni tutti in fila, se prendesse la briga di metterli in ordine in un faldone, se soltanto avesse il tempo o il coraggio ­ che è uguale ­ di ricopiarli al computer e li dividesse per sezioni, capitoli, articoli, ne uscirebbe una versione allucinata della sua vita, scritta a casaccio sfogliando nel passato, irta di piccoli drammi domestici, sforzi fatti dalle fibre del suo cuore perchè il seme del suo pianto fosse gettato altrove, oltre lo schianto provocato alla scoperta che tutti gli altri bambini avevano una madre e lui no. Il nuovo romanzo di Luciano Pagano racconta l'amore inconsueto dei padri per i figli.

E’ TUTTO NORMALE

Pagano Luciano

Il corrispondente misterioso

Proust Marcel