Narrativa

La morte felice

Camus Albert

Descrizione: Composto da Albert Camus prima de "Lo straniero" e lasciato intenzionalmente inedito, "La morte felice" è già opera autonoma, sguardo lucido e solidissimo sull'umano nelle sue manifestazioni più estreme. Un romanzo che un altro grande scrittore francese contemporaneo di Camus, Andre Gide, considerava la crisalide nella quale si formava la larva delle sue opere successive. Un romanzo che è dunque al contempo narrazione e progetto di narrazioni.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Grandi romanzi

Anno: 2008

ISBN: 9788817022156

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“La morte felice” è la prima opera di Albert Camus, pubblicata postuma, e pone – anche sul piano stilistico – le premesse delle opere della maturità.

Patrice Mersault è un protagonista che condensa contraddizioni e impulsi dell’essere umano che vaga nell’esistenzialismo (“Io sono tutte queste cose contemporaneamente”), tra sentimenti misti nei confronti delle donne (“Ma cosa è questo in confronto alla magnifica inutilità di un viso di donna?”) e anelito alla felicità (“Quello che conta veramente è la volontà della felicità, una specie di enorme coscienza sempre presente. Il resto, donne, opere d’arte o successo mondano, sono soltanto pretesti. Un canovaccio che aspetta il nostro richiamo”), intesa come esigenza di libertà (“L’assillo della libertà e dell’indipendenza si concepisce soltanto in un essere che vive ancora di speranze”), autocoscienza e conoscenza. “Tutta la sua violenza era con lui, e il suo amore la traduceva in furiosa passione di vivere”. 

Patrice lavora in un ufficio portuale e, sensibile al fascino femminile, nutre per Marthe (“In quella donna non vide il suo avvenire, ma tutta la forza del suo desiderio si concentrò in lei e si colmò di questa parvenza”) una passione fatta di estetica (“Le era grato che ostentasse in pubblico al suo fianco quella bellezza che gli prodigava tutti i giorni come un’ebbrezza sottile”), erotismo (“Nelle reni la bestia calda del desiderio che si muoveva con selvaggia dolcezza”), vanità (“Ho voglia di comportarmi male”) e carnalità (“Quel che lo colpiva nell’amore, la prima volta almeno, era la spaventosa intimità che la donna accettava e il fatto che ricevesse nel suo ventre il ventre di uno sconosciuto”).
Marthe introduce Patrice a Zagreus (“E questo Zagreus chi è?”), un uomo colto  (“Legge sempre… E poi dice come te. Mi dice: Vieni qua, parvenza”), menomato nel fisico; con lui Patrice ingaggia un confronto stimolante sul piano intellettuale, che si materializza in dialoghi per lo più sorprendenti (“Ho voglia di sposarmi, di suicidarmi, o di abbonarmi all’Illustration. Un gesto disperato, ecco”). Durante queste conversazioni emerge un concetto cardine: “E quasi sempre ci logoriamo la vita a guadagnare denaro, mentre bisognerebbe, col denaro, guadagnarsi il tempo”. Perché la ricchezza è strumento per acquistare tempo, da dedicare alla scoperta e alla fantasia, per meglio praticare le vie della felicità.
Lo sbocco dei ragionamenti viene suggerito dallo stesso Zagreus (“Eppure non farò mai un gesto per abbreviare una vita in cui credo tanto”): la soppressione delle sofferenze con una forma violenta di eutanasia, premessa di ricchezza e promessa di vita felice.

Dopo l’omicidio di Zagreus, Patrice si arricchisce e intraprende un viaggio che lo condurrà nel centro Europa, passando per Praga (“Il mistero del genio barocco… riempiva Praga dei suoi ori e della sua magnificenza”), la Boemia  (“La dolcezza di quel paesaggio di Boemia in cui lontane ciminiere di fabbrica e l’attesa della pioggia tra i grandi pioppi di seta mettevano come un desiderio di lacrime”) e Vienna (“Scenografia frivola e luminosa che astrae l’uomo da se stesso nella città meno naturale del mondo”), riparando a Genova (“Una Genova assordante, che scoppiava di salute davanti al suo golfo e al suo cielo in cui fino a sera lottavano il desiderio e la pigrizia”), ove matura il desiderio (“Andò sulla strada che domina Genova e lasciò salire verso di lui, in una lunga levitazione, tutto il mare carico di profumi e di luci”) di approdare nuovamente ad Algeri.

Lì l’inquieto eroe prima convive con tre amiche (“Nel quartiere la chiamavano la casa delle studentesse… Rose, Claire, Catherine e il ragazzo la chiamavano la Casa davanti al Mondo…”), poi sposa una donna che non ama, infine si stabilisce in una casa sul mare, ove tra solitudine e contatto con la natura, ha modo di sperimentare una felicità complessa (“Perché lui aveva fatto la sua parte, aveva compiuto l’unico dovere dell’uomo che è soltanto quello di essere felice”) e abbandonarsi alla malattia e alle sue contraddizioni (“Non voleva morire come un malato… Incoscientemente voleva ancora l’incontro della sua vita piena di sangue e di salute con la morte, e non il confronto tra la morte e ciò che era già quasi morto”).

Lo stile di Camus è eccentrico e straordinario, anche in questo esordio letterario. Le descrizioni sono spesso ambivalenti (“Il cielo, per quanto limpido, non aveva splendore”), ritraggono scenari che riflettono umori (“Qualche istante prima il vapor d’acqua che scendeva, né foschia né pioggia, aveva lavato il suo viso come una mano leggera e messo a nudo i suoi occhi pesti”), irrequietudine (“La violenza della pioggia sui vetri aumentò ancora. Una porta sbatté da qualche parte. Sulla strada di fronte le automobili correvano come topi lucenti”), condizioni soggettive impregnate di tensione (“Nell’innocenza del suo cuore accettava quel cielo verde e quella terra bagnata con lo stesso tremito di passione e di desiderio di quando aveva ucciso Zagreus, nell’innocenza del suo cuore”) e sensibilità panica (“A mezzogiorno il vento cessò, la giornata scoppiò come un frutto maturo e colò su tutta la distesa del mondo come un succo tiepido e soffocante, in un improvviso concerto di cicale”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Albert

Camus

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camus Albert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

Tutti sanno come Kal-El - Superman - venne mandato sulla Terra appena prima che il suo pianeta esplodesse. Ma cosa causò un disastro di quella portata? Ora, ne "Gli ultimi giorni di Krypton", Kevin J. Anderson presenta un ampio racconto del fasto e della grandezza di un mondo condannato ricco di impavidi eroi e crudeli traditori. Sullo sfondo spettacolare degli ultimi giorni felici di Krypton avviene il corteggiamento e il matrimonio dei genitori di Kal-El, il brillante scienziato Jor-El e sua moglie, una storica, Lara. Insieme combattono per convincere una società stagnante e incredula che il loro mondo sta per scomparire. Il fratello di Jor-El, Zor-El, capo della leggendaria città di Argo, si unisce alla lotta, non solo per salvare il pianeta, ma anche per combattere contro la minaccia dello spietato e astuto Generale Zod. Il diabolico Zod si avvale di un'opportunità d'oro per impossessarsi del potere quando l'androide Brainiac cattura la capitale Kandor. Nel momento stesso in cui l'influenza di Zod sulla popolazione si rafforza e il suo potere cresce, anche lui diventa cieco a tutti i segnali che indicano la morte di quella stessa civiltà che sta cercando di governare. Attraverso tutto questo, l'amore reciproco di Jor-El e Lara, la loro storia e il loro figlio permettono a Krypton di continuare a vivere anche se il pianeta si sta consumando intorno a loro. Per questo, nella fuga del loro bambino giace il più grande dono di Kripton e il più grande eroe della Terra.

GLI ULTIMI GIORNI DI KRYPTON

Anderson Kevin J.

Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo

Adam ogni giorno ricomincia da capo: un treno diverso, un'università diversa, una donna diversa. Il lunedì parte da Milano all'alba, aspetta la coincidenza a Tortona e va a insegnare ebraico ad Alessandria; poi, se i preliminari con Paola procedono senza intoppi, riesce a rientrare in tempo per fare la spesa e preparare la cena per la moglie Hhava. Il martedì a Bergamo potrebbe anche non andare, il compenso per le sue lezioni è troppo basso, ma a Bergamo c'è Monica, con il suo naso semitico, i suoi riccioli rossi, la sua voce roca, il suo accento irresistibile. Il mercoledì a Pavia lo aspetta la collega Teresa, il giovedì a Treviso fa l'amore con Fernanda nel locale caldaia, il venerdì a Verona sale nel monolocale di Sasha con una fetta di torta altoatesina, ma il sabato finalmente si riposa. Il sabato Adam corre sul lungomare di Levante, si ferma a scrivere una poesia al bar Sereno, sveglia la moglie con il profumo dei biscotti appena sfornati. Ogni settimana si ripete come una giostra infinita, come un viaggio in tondo da un microcosmo all'altro. Finché un giorno, del tutto inaspettata, si apre anche per lui una via di fuga: la speranza di un'unica vita, di un mondo solo, dove potersi abbandonare in pace. "Bar Atlantic" è la storia di un precario della scuola, della vita, dell' amore: di un casalingo inquieto che venera sua moglie e ha un'amante diversa in cinque città.

BAR ATLANTIC

Osimo Bruno