Narrativa

La natura è innocente

Siti Walter

Descrizione: «Ho scelto due "tipi" generalmente condannati dalla società: il matricida e l'arrampicatore sessuale – li ho ascoltati per mesi, mi stanno simpatici; potrebbero essere miei figli. Se li ho scelti non è solo perché amo le stranezze; la ragione per cui ho raccontato insieme le loro storie è più sotterranea e radicale: perché, sommandosi, i miei due eroi hanno fatto quello che avrei voluto fare io.» Nati alla periferia umana e urbana di due città italiane a pochi anni di distanza, percorsi dalla comune fierezza di chi deve guadagnarsi il proprio posto al sole, Filippo e Ruggero hanno due storie dall'incipit simile. Le loro vite, però, si muovono divergenti nella realtà e nel racconto che ascoltiamo dalla voce lucida e insieme partecipe di Walter Siti. Filippo ha vent'anni quando, sorvegliato dall'ombra dell'Etna, uccide la madre fedifraga e così amata, gesto estremo e vulcanico come il suo sentimento per lei. Ruggero ne ha qualcuno in più quando in America, col nome d'arte Carlo Masi, inizia la sua carriera di pornoattore; tornato a Roma, incontrerà Giovanni del Drago, l'uomo che farà di lui una principessa. In bilico tra tragedia e fiaba, quelle di Filippo e Ruggero sono vite amorali, davanti alle quali sospendere il giudizio, ma sono anche la filigrana attraverso cui, con una scrittura immersiva, Siti affronta il suo buio più segreto proprio mentre sperava di allontanarsene; perché i romanzi sono più intelligenti del loro autore e si parlano tra loro. Siti ci consegna un libro potente e disperato, scommettendo su una letteratura che sia ancora capace di farsi domande e di accettare l'imprevisto come risposta.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2020

ISBN: 9788817146449

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La natura è innocente di Walter Siti

Con La natura è innocente Walter Siti scrive due biografie sui generis, quella di Filippo Addamo e quella di Ruggero Freddi alias Carlo Masi, svelando nell’epilogo la matrice di una scelta bizzarra: quella di tracciare il parallelismo tra un matricida e un pornoattore (“Il matricida e l’arrampicatore sessuale”).

Sono due vite complicate, i due protagonisti non sono nient’affatto semplici e lineari nel loro percorso di vita.

Il matricidio compiuto da Filippo matura nella Catania impregnata di mentalità (“Devo farla smettere di farsi disprezzare così”) e di contraddizioni culturali (“Come un fiume che ha nostalgia della sorgente, l’amore risale all’origine – verso un luogo terribile e vero in cui la Madonna e sant’Agata siedono a consesso, tra rocce eternamente viscide, con le dee primordiali: un luogo dove ogni madre genera il proprio assassino, dove Rosa non è colpevole per aver causato il disonore degli Addamo ma per non aver saputo trattenere lui, Filippo, all’interno del proprio ventre”). Segue un percorso carcerario di redenzione del matricida, che è stato narrato anche da Franca Leosini in una delle puntate di Che fine ha fatto Baby Jane (a questo link puoi rivedere la puntata).
Come sempre, le analisi di Siti culminano in modo fulminante: “Il matricidio è un atto fondamentalmente inutile, le madri non muoiono mai”.

Ruggero è volitivo, desidera affermarsi economicamente, ma anche culturalmente (“La sua tesi è molto lodata; il suo aspetto fisico suscita curiosità perché non corrisponde allo stereotipo dello scienziato nerd, gracile con gli occhiali”) e sceglie una via contorta per realizzare questo obiettivo: prima come pornoattore presso Colt (“Per gli strip chiede cifre alte sperando che gli dicano di no, ma scopre che più alza il prezzo, più lo cercano, bella lezione d’economia”); poi come escort. Nel corso di quest’ultima esperienza conosce il principe Giovanni del Drago (“Non ho mai conosciuto uno che possedesse un’isola intera” – ndr: l’isola è La Bisentina, nel lago di Bolsena) che sposa con matrimonio portoghese, pur essendo sentimentalmente legato a Gustavo Leguizamon (in arte Adam Champ).
In questo modo Ruggero assume un profilo davvero composito: “Io il prof. Ruggero Freddi, io il pornoattore Carlo Masi, io la principessa Fieschi Ravascheri del Drago”.

La conclusione di questa “vita parallela” alla Plutarco è impervia e scandalosa: “Oggi né uccidere la madre né sposare un principe, tradizionali vertici letterari della tragedia e della fiaba, bastano per acquisire una fisionomia o (come raccomandano i social) un profilo”.

Altrettanto sconcertante è il movente dell’interesse di Siti che – tra le tante vite parallele possibili – ha scelto proprio questa: “I miei due eroi hanno fatto quello che avrei voluto fare io. Uno come soggetto e uno come oggetto della frase: avrei voluto uccidere mia madre per essere libero di possedere tutti i pornoattori muscolosi del mondo” (il mio spoiler è giustificato dal fatto che il movente è stato ampiamente dichiarato dallo stesso Siti e viene anticipato perfino nella sinossi del romanzo).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Walter

Siti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Siti Walter

Quale segreto nasconde l'epitaffio latino scolpito sul sepolcro di Giovanni Pico della Mirandola nella Chiesa di San Marco a Firenze? E perché nel luglio del 2007, dopo quasi cinquecento anni dalla morte di Pico, la tomba è stata riaperta?

999. L’ultimo custode

Martigli Carlo A.

Roma, primi anni del Seicento. Nelle strade e nei vicoli ammantati dal buio della città eterna si muove un uomo che è genio e sregolatezza, tensione artistica e rabbia sanguigna: Michelangelo Merisi, artista complesso e tormentato, dalle mille sfaccettature. Sulle sue tracce Giovanni Longo Bricio, servitore del cardinale Francesco Maria Del Monte e voce narrante del romanzo, alla ricerca di una donna legata al grande pittore e di un quadro a lui commissionato dall’alto prelato, e, forse, di una verità pericolosa… Ambientato in una Roma sontuosa e magnificente, descritta con un linguaggio erudito ed elegante che immerge immediatamente, in “presa diretta”, il lettore nell’epoca, un romanzo storico potente, che vibra e riverbera dell’ingegno del suo protagonista, mentre sullo sfondo si muovono numerosi personaggi, popolani e nobili, cortigiane e frati, elementi attivi della vita sociale e artistica romana…

L’ordine del cardinale

Baleani Gianni

Da quando, ha l'età per essere attratto da una ragazza, Colin, ex bambino prodigio, forse genio matematico forse no, fissato con gli anagrammi, è uscito con diciannove Catherine. E tutte l'hanno piantato. Così decide di inventare un teorema che preveda l'esito di qualunque relazione amorosa. E gli eviti, se possibile, di farsi spezzare il cuore un'altra volta. Tutto questo nel corso di un'estate gloriosa, passata con l'amico Hassan, a scoprire posti nuovi, persone bizzarre di tutte le età, ragazze speciali che hanno il gran pregio di non chiamarsi Catherine. Età di lettura: da 14 anni.

Teorema Catherine

Green John

Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l'inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l'amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte...

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Ferri Edgarda