Giallo - thriller - noir

LA NOTTE ALLE MIE SPALLE

Simi Giampaolo

Descrizione: Furio Corsi è un padre premuroso e impeccabile rappresentante di una grande tipografia. Uno con le idee chiare, uno che sa ispirare fiducia. Eppure due volte alla settimana è lì, su una panchina, a guardare di nascosto le ragazzine di una scuola superiore. A bordo del suo ufficio mobile, un inconfondibile Duetto d'epoca, Furio attraversa la Toscana, cura i propri clienti, consegue gli obiettivi che l'azienda gli impone. Eppure tesse con pazienza la sua tela intorno a lei, la ragazzina difficile che nessuno in classe sopporta più. Ne seduce l'insegnante, ne carpisce i segreti e alla fine la aggancia su un sito di webcam erotiche. Perché Furio Corsi è un mostro. Forse lo è sempre stato, fin da quando ha corteggiato in maniera implacabile la sua futura moglie, fin da quando ha manipolato clienti e colleghi di lavoro per conseguire obiettivi tutti suoi. Quella di Furio Corsi è una vita divisa in due in modo apparentemente inspiegabile; fino al colpo di scena rivelatore che capovolge tutte le nostre certezze ci porterà inesorabilmente per mano nella notte che quest'uomo tenta ogni mattina di lasciarsi alle spalle. La notte alle mie spalle adotta la suspense per indagare su una lunga storia d'amore, racconta con lucidità spietata la nascita di una famiglia e il tentativo disperato di sopravvivere alla sua devastante disintegrazione.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

C’è Furio Guerri, rappresentante delle Industrie Grafiche Aggradi, marito della bella Elisa e padre di Caterina. Gran lavoratore, uomo scrupoloso, persona affidabile.

La sua passione è un Duetto rosso del 1970, in lizza per la Targa Oro, che tiene nel garage della villetta monofamiliare indipendente di Torre del Poggio, non lontano dalla superstrada Firenze-Pisa-Livorno.

Però c’è anche Furio Guerri il mostro, che si apposta davanti alla scuola e osserva le ragazzine da dietro le lenti scure, con la visiera del berretto abbassata.

Fermo sulla mia panchina, muovo solo le mani, infilate nelle tasche del giubbotto sportivo acrilico. O forse sono le mie mani a muoversi da sole, come grandi ragni impazziti chiusi in un sacco buio”.

Cosa divide le due anime di Furio Guerri? Un’unica, terribile notte…

Ho trovato il libro di Giampaolo Simi molto originale, sia per le svariate chiavi di lettura sia per la sapiente costruzione delle scene.

Il protagonista è un personaggio ricco di contraddizioni, che passa in poche pagine dalla freddezza lucida alla confusione emotiva, e si ritrova ad assistere quasi inconsapevolmente alla disintegrazione della propria felicità, vera o supposta che fosse.

Furio è un idealista che diventa preda dei suoi stessi sogni, un perfezionista che si lascia poco a poco schiavizzare dalle proprie convinzioni fino a superare l’ultimo confine e raggiungere il punto di non ritorno.  

Apprezzerete le descrizioni sensibili e gli abili flashback, ma soprattutto verrete trascinati da una curiosità morbosa che vi farà perdere tra mille congetture. Probabilmente tutte sbagliate…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giampaolo

Simi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simi Giampaolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Giorni lieti s'avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po' sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

Elias Portolu

Deledda Grazia

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

Che cosa può spingere un vecchio fantasma aristocratico sull'orlo della depressione? Il povero Sir Simon di Canterville, che in preda a uno scatto d'ira uccise la moglie, è condannato a un eterno vagare per il castello, con l'unica gioia rimastagli di far scappare dalla paura ogni nuovo inquilino. Ma non ci sono catene scricchiolanti e ululati sinistri che tengano, quando ad abitare il castello arrivano il ministro americano Hiram B. Otis e famiglia. Contro il loro scetticismo, le burle dei gemelli e il pragmatismo della signora Otis che lava le pozze di sangue con lo smacchiatore, il povero fantasma finisce nel ridicolo, fino a desiderare di morire di nuovo.

Il fantasma di Canterville

Wilde Oscar

2 novembre 1965: sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia, il corpo massacrato di Pier Paolo Pasolini viene trovato da una donna alle sei e trenta del mattino. Un omicidio, come si sa, che la giustizia ha attribuito a un “ragazzo di vita”, Pino Pelosi detto “la Rana”, ma intorno al quale ruotano ancora dubbi e teorie complottistiche. Ma come si arriva a quella morte? Cos’è successo a Pasolini nelle ultime ore di vita? A questa domanda Lucarelli cerca di rispondere con testimonianze inedite e indagini personali, ma anche attraverso ricordi privati e riflessioni, incontri, storie, frammenti di un mosaico in cui alla fine troveremo rappresentati noi italiani e cosa siamo diventati dopo quella tragica notte.

PPP Pasolini, un segreto italiano

Lucarelli Carlo