Narrativa

LA NOTTE DEI PETALI BIANCHI

Di Fiore Gianfranco

Descrizione: La zona tra Brescia, Chiari e Rovato è un distretto produttivo pieno di fabbriche e di capannoni. Ed è il personale inferno di Dante, che di mestiere fa la guardia giurata e gira, notte dopo notte, per verificare che tutto vada per il meglio. Vive insieme a sua madre, una donna che da quando è vedova sembra rinata. Ma rinata male, perché passa il suo tempo tra creme e sesso trovato via internet. Col risultato che Dante è sempre più solo. Nella stessa zona vive anche Samira. Quindici anni, musulmana e bella. Ha un padre violento, reso ancora più violento dal fatto di vivere in un posto che sente straniero e ostile: l’Italia. Così quest’uomo sarebbe pronto ad ammazzare sua figlia se soltanto sapesse che ha incontrato Dante, un cristiano, e che si ostina a frequentarlo. Perché Samira, in realtà, è già una donna. E vuole essere una donna libera. Mentre un gruppetto di suoi connazionali sta preparando un attentato miserabile, da poveracci, e Dante finirà per imbattersi anche in loro. “La notte dei petali bianchi” prova a rispondere a una domanda: fa più paura stare da soli o fanno più paura gli altri, i diversi da noi? E lo fa mettendoci a disposizione una lucida visione dell’Italia dei nostri anni e un strepitoso talento nel raccontarla.

Categoria: Narrativa

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896999110

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

E’ questa una storia dura, e dolorosa, e davvero toccante. Fragile, proprio come la definisce la stessa casa editrice Laurana, che anche con questa pubblicazione non abbandona le tematiche più ardue di questi giorni contemporanei confermando il suo impegno a raccontare una realtà senza abbellimenti e fronzoli, per riuscire, come si riprometteva all’inizio del suo ultimo progetto l’editore Garlisi, “a utilizzare la narrativa per fare luce sulla realtà”.

Ebbene a mio parere questo è uno dei romanzi che meglio realizzano l’intento, poiché permette di seguire lucidamente e da un punto di vista privilegiato (se così si può definire, data la crudezza di sensazioni che questa prospettiva porta con sé) come le violenze e il male vissuti, subiti e in certo modo inflitti anche dalle stesse vittime,segnino la vita delle persone.

La notte dei petali bianchi è un romanzo ricolmo, traboccante di tristezza e solitudine, sensazioni che  pervadono a tal punto il lettore da non permettergli quasi di indignarsi, di scostarsi dalla vicenda, nemmeno nei momenti di maggior crudezza, ingiustizia, violenza.

Il peso emotivo del micro universo claustrofobico rappresentato dall’autore è così grande da impantanare il più forte equilibrio, da provocare in chi legge uno specchio dello stato di inerzia e rassegnazione presumibilmente provata dai protagonisti.

Così sembra quasi che non sia possibile un vero riscatto, che sia troppo fantasioso e ottimista un vero trionfo dell’amore, che sia insomma inverosimile un lieto fine.

Vittime e carnefici sembrano a tratti confondersi in un’unica palude fatta di molestatori miserabili, ragazzine rinchiuse, madri annientate dalla propria incapacità di affrontare la realtà,  alcolismi desolanti e amori, appunto, troppo fragili. Come se anche le figure più pure venissero irrimediabilmente contaminate dalla meschinità che sono costrette a vivere.

Sembrerà al lettore non ci sia via d’uscita alla catena di orrore e dolore. Eppure, se esiste, è proprio questa l’unica speranza: conoscere, sapere, comprendere per poter scegliere.

Un romanzo essenziale, ottimamente scritto, ma davvero difficile da digerire e per questo adatto solo a chi sia davvero motivato a scavare nella miseria umana più profonda.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianfranco

Fiore

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Fiore Gianfranco

"Tanto per cominciare, Zooey era un giovanotto piccolo, dal corpo estremamente esile. Da dietro (soprattutto dove gli si vedevano le vertebre) sarebbe quasi potuto passare per uno di quegli sparuti bambini di citta che ogni estate vengono spediti alle colonie a ingrassarsi e prendere il sole. Visto in primo piano, di faccia o di profilo, era straordinariamente, spettacolosamente bello. La sorella maggiore mi ha pregato di dire che assomigliava all'"esploratore mohicano ebreo-irlandese dagli occhi azzurri che mori tra le vostre braccia al tavolo della roulette di Montecarlo".A salvare in extremis quel volto dall'eccessiva bellezza, se non addirittura dallo splendore, era un orecchio che sporgeva leggermente piu dell'altro. Per conto mio, comunque, non condivido affatto ne l'uno ne l'altro di questi punti di vista. Ammetto che il volto di Zooey fosse un volto bellissimo, quasi perfetto. Come tale, naturalmente, era passibile di quella stessa varieta di giudizi scorrevoli, imperterriti e spesso capziosi cui e soggetta ogni autentica opera d'arte. Penso resti solo da aggiungere che una qualunque delle cento minacce giornaliere - un incidente d'auto, un raffreddore di testa, una bugia prima di colazione - avrebbe potuto deturpare o imbruttire la sua generosa bellezza nel giro di un giorno o di un minuto. Ma quello ch'era deteriorabile, quello che qualcuno ha categoricamente definito una gioia di tipo imperituro, era un autentico esprit impresso su tutto il viso, specie negli occhi, dove attirava l'attenzione come una maschera di Arlecchino, e a volte disorientava".

FRANNY E ZOOEY

Salinger Jerome D.

Il male supremo, quello banale e terrestre, disappropriante e dissociativo, esiste. Il male è Luciano Lualdi, l’impresario più importante dello star system nostrano, l’uomo che influisce sulla vita politica e sottoculturata dell’Italia targata talent. Demiurgo spietato di tronisti palestrati e starlette anoressiche, Lucio succhia dall’interno la linfa vitale dei nuovi ragazzi di vita: la folla votata al palcoscenico per imporre il proprio nome, le proprie vocazioni inesistenti, la propria inconsistenza – cifra di un’intera nazione ipnotizzata davanti allo schermo televisivo. Ingenua vittima sacrificale è Christian Russo, muscoloso, ventenne, occhi chiari trasparenti, con una malattia che gli rode l’anima e una che gli toglie il respiro. Christian, il burattino, e Lucio, l’arbitro dei destini: un incastro tra identità speculari, perfetto fino quando l’ironia tragica della realtà stravolge quell’equilibrio. A raccontare questa storia è Teresa Ciabatti, cantrice della nostra contemporaneità, con meccanismo narrativo perfetto, che si intrude nel vilipendio morale e fisico che è la cifra del nostro presente. La scrittura affonda il bisturi laddove la malattia scintilla, sprofondando nell’epica trash italiana di oggi, che in Tuttissanti si narra e trionfa, in una ricognizione drammaturgica del disagio e del formidabile di un’epoca. Una forma di racconto che pendola tra realismo apparente e trance, tutt’altro che immaginaria.

TUTTISSANTI

Ciabatti Teresa

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello

Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

Scritto sul corpo

Winterson Jeanette