Narrativa

LA NOTTE DEI PETALI BIANCHI

Di Fiore Gianfranco

Descrizione: La zona tra Brescia, Chiari e Rovato è un distretto produttivo pieno di fabbriche e di capannoni. Ed è il personale inferno di Dante, che di mestiere fa la guardia giurata e gira, notte dopo notte, per verificare che tutto vada per il meglio. Vive insieme a sua madre, una donna che da quando è vedova sembra rinata. Ma rinata male, perché passa il suo tempo tra creme e sesso trovato via internet. Col risultato che Dante è sempre più solo. Nella stessa zona vive anche Samira. Quindici anni, musulmana e bella. Ha un padre violento, reso ancora più violento dal fatto di vivere in un posto che sente straniero e ostile: l’Italia. Così quest’uomo sarebbe pronto ad ammazzare sua figlia se soltanto sapesse che ha incontrato Dante, un cristiano, e che si ostina a frequentarlo. Perché Samira, in realtà, è già una donna. E vuole essere una donna libera. Mentre un gruppetto di suoi connazionali sta preparando un attentato miserabile, da poveracci, e Dante finirà per imbattersi anche in loro. “La notte dei petali bianchi” prova a rispondere a una domanda: fa più paura stare da soli o fanno più paura gli altri, i diversi da noi? E lo fa mettendoci a disposizione una lucida visione dell’Italia dei nostri anni e un strepitoso talento nel raccontarla.

Categoria: Narrativa

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896999110

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

E’ questa una storia dura, e dolorosa, e davvero toccante. Fragile, proprio come la definisce la stessa casa editrice Laurana, che anche con questa pubblicazione non abbandona le tematiche più ardue di questi giorni contemporanei confermando il suo impegno a raccontare una realtà senza abbellimenti e fronzoli, per riuscire, come si riprometteva all’inizio del suo ultimo progetto l’editore Garlisi, “a utilizzare la narrativa per fare luce sulla realtà”.

Ebbene a mio parere questo è uno dei romanzi che meglio realizzano l’intento, poiché permette di seguire lucidamente e da un punto di vista privilegiato (se così si può definire, data la crudezza di sensazioni che questa prospettiva porta con sé) come le violenze e il male vissuti, subiti e in certo modo inflitti anche dalle stesse vittime,segnino la vita delle persone.

La notte dei petali bianchi è un romanzo ricolmo, traboccante di tristezza e solitudine, sensazioni che  pervadono a tal punto il lettore da non permettergli quasi di indignarsi, di scostarsi dalla vicenda, nemmeno nei momenti di maggior crudezza, ingiustizia, violenza.

Il peso emotivo del micro universo claustrofobico rappresentato dall’autore è così grande da impantanare il più forte equilibrio, da provocare in chi legge uno specchio dello stato di inerzia e rassegnazione presumibilmente provata dai protagonisti.

Così sembra quasi che non sia possibile un vero riscatto, che sia troppo fantasioso e ottimista un vero trionfo dell’amore, che sia insomma inverosimile un lieto fine.

Vittime e carnefici sembrano a tratti confondersi in un’unica palude fatta di molestatori miserabili, ragazzine rinchiuse, madri annientate dalla propria incapacità di affrontare la realtà,  alcolismi desolanti e amori, appunto, troppo fragili. Come se anche le figure più pure venissero irrimediabilmente contaminate dalla meschinità che sono costrette a vivere.

Sembrerà al lettore non ci sia via d’uscita alla catena di orrore e dolore. Eppure, se esiste, è proprio questa l’unica speranza: conoscere, sapere, comprendere per poter scegliere.

Un romanzo essenziale, ottimamente scritto, ma davvero difficile da digerire e per questo adatto solo a chi sia davvero motivato a scavare nella miseria umana più profonda.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianfranco

Fiore

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Fiore Gianfranco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La quiete caotica di Milano viene sconvolta dall'invasione di miriadi di topi: per risolvere il maligno problema interviene un personaggio inquietante, dotato di un carisma perverso e ammaliante, capace di un potere al di là di ogni immaginazione. La sua vendetta porterà gli incubi umani a livelli insostenibili: egli verrà a mostrare quanto la paura possa farsi realtà e rendersi manifesta in luoghi a noi familiari, magari seduta accanto a noi su un vagone della metropolitana, o nascosta nella musica di una notte maledetta. Dentro una storia che attraversa continenti e secoli, che trasforma l'eternità in un singulto d'amore, conosceremo un personaggio pericoloso e struggente, che calca le sue orme crepuscolari a perseguire un solo scopo, l'unico che gli permette di non soccombere alla Vita: nutrirsi di Bellezza. Il Grande Notturno è già in mezzo a noi.

IL GRANDE NOTTURNO

Delacroix Ian

La giustizia dei martiri

Pasini Giuliano

Natalia, bellezza prorompente, ribelle per natura ma madre giovanissima. Suo marito, chiuso "per indole naturale o per disperazione nei confronti di quella moglie bambina troppo bella e altrettanto indomabile, dedito al gioco e al bere". Loro figlio Renzo, sempre serio ma felice, con il privilegio di avere una madre tutta per sé quando i genitori si separano. Cominciamo a conoscerli dall'album di famiglia, quando ancora abitavano in Istria, immortalati in tanti istanti di vita felice. Poi, per tutti, viene l'esilio, che porta i loro corpi a trasferirsi in un luogo alieno, mentre la vita non vuole saperne di staccarsi dall'Istria, angolo incantato di Adriatico. Ecco, quindi, che Natalia, Renzo e gli altri personaggi si ritrovano muti nell'animo e paralizzati nei sentimenti. La voce narrante passa così prima alle case testimoni di vita ormai lontana e di desolazione presente -, poi addirittura agli oggetti - una credenza, un pettine, un orologio... -, divenuti unici depositari della memoria. Perché le anime sono rimaste altrove.

L’anima altrove

Mori Anna Maria

La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo