Racconti

La panne

Dürrenmatt Friedrich

Descrizione: Quattro pensionati - un giudice, un avvocato, un pubblico ministero e un boia - ammazzano il tempo inscenando i grandi processi della storia: a Socrate, Gesù, Dreyfus. Ma certo è più divertente quando alla sbarra finisce un imputato in carne e ossa: come Alfredo Traps, rappresentante di commercio, che il fato conduce un giorno alla villetta degli ex uomini di legge. La sua automobile ha avuto una panne lì vicino, ma lui non se ne rammarica, anzi: pregusta già il lato piccante della situazione. Si ritrova invece fra i quattro vegliardi, che gli illustrano il loro passatempo. L'ospite è spiacente: non ha commesso, ahimè, nessun delitto. Come aiutarli? Niente paura, lo rassicurano: "un crimine si finisce sempre per trovarlo". E se la colpa non viene alla luce, la si confeziona su misura: "bisogna confessare, che lo si voglia o no, c'è sempre qualcosa da confessare". Tra grandi abbuffate e abbondanti libagioni, il gioco si fa sempre più pericoloso, finché il piazzista si avvede d'essere non già un tipo banale, mosso solo da meschine aspirazioni di carriera e sesso, bensì un delinquente machiavellico, capace di usare la sua amante come un'arma infallibile contro il superiore cardiopatico.

Categoria: Racconti

Editore: Adelphi

Collana: Piccola biblioteca Adelphi

Anno: 2014

ISBN: 9788845928703

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

 

Ci sono ancora storie possibili, storie per scrittori? Se uno non intende raccontare di sé…. ”. Questo si chiede Friedrich Dürrenmatt nella premessa a questo breve racconto, intitolato La panne, nel quale Alfredo Traps, un rappresentante di tessuti rimasto, appunto, in panne con la propria auto, trova ospitalità per la notte presso la casa di un pensionato. Costui è avvezzo a trascorrere il tempo tra libagioni e sollazzi, in allegria, insieme ad altri tre amici suoi coetanei, tutti con trascorsi professionali nel mondo della giustizia e delle aule di tribunale. Un giudice, un pubblico ministero, un avvocato e un boia, che decidono di coinvolgere nelle loro giocose burle il povero rappresentante, inscenando un processo a suo carico nel quale lo stesso fungerà da imputato. Obiettivo dei quattro anziani è quello di divertirsi tra una portata e l’altra di una lauta cena copiosamente annaffiata con bottiglie di vino appositamente stappate, rispolverando le antiche professioni forensi, al fine di fare trionfare la giustizia a carico di un imputato sicuramente colpevole (perché “…un reato si finiva sempre per trovarlo…”).

Nuovamente Durrenmatt affronta nel racconto, con la sua solita carica di ironia, surrealismo e tragicità, il tema della giustizia così aleatoria e casuale nel colpire gli esseri umani. Un evento fortuito e scatenante, oltre che insignificante e banale, come la panne al veicolo, rappresenta il punto di partenza di una vicenda  in cui la vita privata e professionale del rappresentante vengono, nell’arco di una notte, riscritte a tavolino dagli anziani signori, in cerca di un reato che possa legittimare l’intervento della giustizia, attraverso una sentenza esemplare. Traps partecipa divertito alla sceneggiata, il gioco si fa vivo e coinvolgente, egli si rende conto che “quella giustizia che, durante la sua vita nel ramo tessile, credeva fosse soltanto astratta cavillosità vessatoria… ora invece saliva come un immane, inconcepibile sole”.  Pur trattandosi di “una giustizia grottesca e strampalata, una giustizia in pensione” viene percepita da Traps come un evento inevitabile e, allo stesso tempo, desiderabile. Per la prima volta infatti, Traps prende coscienza delle proprie azioni, del proprio vissuto, si sente attore e protagonista di una vita autentica, immedesimandosi fino a provare la sensazione dell’effettiva colpevolezza, in un ribaltamento di prospettiva in cui, come Durrenmatt sa ben fare, ciò che appare illusorio diventa realtà.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Dürrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dürrenmatt Friedrich

È estate, fa caldo, i turisti sono arrivati e, al commissariato di Perpignan nel sud della Francia, Sebag e Molina, poliziotti disillusi divorati dalla routine, si occupano dei casi in corso senza grande entusiasmo. Ma all'improvviso una giovane olandese viene brutalmente ammazzata su una spiaggia ad Argelès e un'altra sparisce a Perpignan senza lasciar traccia. Ritrovatosi suo malgrado al centro di un gioco diabolico, l’ispettore Sebag, alla mercé di uno psicopatico, metterà da parte preoccupazioni, problemi di cuore e interrogativi esistenziali per salvare ciò che ancora può essere salvato, in special modo la vita della ragazza che sembra essere stata sequestrata da un serial killer. Dovrà dissipare la cortina di fumo formata dai falsi indizi disseminati dal rapitore che lo ha invischiato in un sottile e inquietante gioco del gatto col topo. Con stile serrato e asciutto Philippe Georget riesce a delineare i contorni di una storia appassionante per i meccanismi psicologici che vi sono in gioco e di un personaggio umanissimo (molto bella la sua storia d’amore con la moglie), lontano dal cliché del poliziotto pronto a sacrificare tutto per il proprio lavoro, sullo sfondo della regione del Roussillon, gioiello naturalistico della Francia del sud.

D’ESTATE I GATTI SI ANNOIANO

Georget Philippe

Un sabato sera come tanti in una cittadina della provincia italiana. La tv sintonizzata su uno show televisivo, nel lavandino i piatti della cena da lavare. Un infarto fulminante uccide il settantenne Pietro Polizzi, ma Ines Banchero, sua moglie da quasi quarant’anni, se ne accorge solo alla fine della serata. E non chiede aiuto a nessuno, neppure ai due figli, Vittorio e Riccarda. Comincia così, con un decesso di cui tutti sono tenuti all’oscuro, un viaggio di quattro giorni dentro l’inferno domestico di una coppia all’apparenza normale, ma di fatto marchiata a fuoco da un trauma inconfessato. E mentre giorno dopo giorno la morte si impadronisce della scena, il confine fra normalità e follia si fa labile. Il talento è la condanna e l’ossessione di Ines. Eccellente disegnatrice da ragazza, rinuncia a seguire la propria vocazione per una vita «al sicuro»: quella di moglie e madre modello. Ma Ines non riconosce neppure il talento e le più genuine aspirazioni dell’amatissimo figlio Vittorio, campione di nuoto. Né accetta il talento della libera e tenace Riccarda, attrice di successo, sua grande delusione. Ines vive tra i fantasmi - i demoni - del passato. E in questo limbo vaga da sola, cercando qualche frammento di senso e una luce di riscatto.

La figlia sbagliata

Romagnolo Raffaella

Lazzaro è un uomo quasi cinquantenne che ritorna a casa, nella terra natia di Puglia, dopo trent'anni di esilio volontario in Argentina. A riportarlo a casa è un omicidio e un'ingiustizia, di cui è stato testimone. Nel ritornare in Italia, Lazzaro ricava una nuova consapevolezza di sé pacificando i fantasmi del passato e le incognite del futuro. Un romanzo avvincente, una storia che emozionerà il lettore e lo trascinerà in un mistero a sfondo familiare, dove violenza e amore sono le due forse contrapposte.

Il segreto di Lazzaro

Vicidomini Letizia

Periferia di Milano, anni Settanta. Gli anni del terrorismo e della droga, dei sogni di Oriente e di liberazione. Una mattina, nella classe di un Istituto Agrario, fa la sua apparizione Giulia, una giovane professoressa di lettere che parla di letteratura e di poesia con una passione sconosciuta. È quell'incontro a «salvare» Massimo Recalcati che, in questo libro dedicato alla pratica dell'insegnamento, riflette su cosa significa essere insegnanti in una società senza padri e senza maestri, svelandoci come un bravo insegnante sia colui che sa fare esistere nuovi mondi, che sa fare del sapere un oggetto del desiderio in grado di mettere in moto la vita e di allargarne l'orizzonte. È il piccolo miracolo che può avvenire nell'ora di lezione: l'oggetto del sapere si trasforma in un oggetto erotico, il libro in un corpo. Un elogio dell'insegnamento che non può accontentarsi di essere ridotto a trasmettere informazioni e competenze. Un elogio della stortura della vite che non deve essere raddrizzata ma coltivata con cura e riconquistata nella sua singolare bellezza.

L’ora di lezione

Recalcati Massimo