Letteratura femminile

LA PARATA

Landini Filippo

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

La città era congelata, non giungevano rumori dei mezzi pubblici. Xhy ascoltava ansimante il dorso della propria mano che sonorizzava il lenzuolo. Il polpastrello dell’indice sinistro scivolava sulla clitoride, la sua bocca vibrava nell’aria. Infilò tre dita della mano destra nella vagina, divaricò le gambe e sprofondò la testa nel cuscino. I polpastrelli scivolavano zampillanti, una vertigine allo stomaco la travolse. Udì la stanza dei propri genitori aprirsi. Fra pochi secondi sua madre sarebbe entrata per darle il buongiorno, Xhy lasciò il tutto e si raggomitolò su un fianco, il cuore veloce e il respiro a inseguirlo. La porta si aprì, alcuni passi e la tapparella saliva. Sua madre si voltò a guardarla, Xhy le sorrise esclamando:

– Nevica!”

Pyongyang, Corea del Nord. Xhy è giovane e bella, “pelle di porcellana e occhi di giada”. Frequenta la stessa scuola di Pak. Lui è un atleta, lei danza. Manca poco alla parata del Caro Leader, Kim Jong II, eccelso successore del coreano più potente della storia -Kim Il Sung – il Grande Leader, il Presidente Eterno, il Fondatore e la Guida della Patria e del Partito. Xhy danzerà per luinello stadio più grande del mondo, il Rungrado.

E’ una mattina di neve e Xhy andrà a scuola a piedi come molti altri studenti, ma lei non spalerà la neve del Caro Leader. Si allenerà in palestra. Anche Pak non dovrà spalare la neve come i compagni, grazie alla sua capacità nell’arte marziale del taekwondo, l’arte dei pugni e dei calci in volo.

In palestra, “Pak si girò di scatto con le gambe all’attacco e i suoi occhi si ritrovarono dialogare con l’ipnosi del viso di lei, i suoi seni e le sue gambe. Un impercettibile reciproco sorriso sancì la loro complicità. Sedotti ed entusiasti s’isolarono alieni. La potenza scattosa di un o-jang, il vento, nei movimenti di Pak rimarcava la bellezza dei suoi arti e l’immediatezza sensuale della sua bocca. Xhy, intanto, esponeva il proprio ombelico esaltando le curve del petto nello slancio lento e dilatato delle braccia. Pak era estasiato”.

L’attrazione fisica tra i due giovani è spietata almeno quanto la bellezza di lei e la prestanza di lui. A nulla serviranno le rigide regole della scuola e l’immagine del Caro Leader che incombe su di loro e sulle loro vite. Il desiderio li travolge tra gli spazi bui dell’istituto, lasciando il lettore in balia del loro piacere, in una descrizione incalzante e appassionata. Fuori, solo la neve.

http://atlantis.lite-editions.com/ebook.php?c=&;p=1

Filippo Landini è nato a Ferrara nel 1969. Ha pubblicato la raccolta di poesie Nodo Sottile 3 (Crocetti Editore, 2003) e i romanzi Ferrara Game Over (Edizioni Nomade Psichico, 2000; da cui è stato realizzato il il lungometraggio omonimo diretto e interpretato dallo stesso Landini e da Max Czertok) e Red Rec Play Black (Linea BN Edizioni, 2009). Fa parte del collettivo Alba Cienfuegos con il quale ha pubblicato Eri tutto lungo. Cavallo Pazzo e altri cani sciolti (Linea BN Edizioni, 2008).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Landini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Landini Filippo

In una metropoli attanagliata dalla crisi economica, assediata dal crimine, dall’immondizia e da un sole cocente e malato, un’unità speciale delle forze di polizia – la Red – sembra essere l’unica risposta possibile alla richiesta della cittadinanza: giustizia e sicurezza. Sono in pochi a conoscerne l’esistenza e la squadra dipende direttamente dal più alto potere politico. Il motivo di tanta segretezza è che la Red agisce in via sperimentale e con metodi che ai più potrebbero far gridare, nel migliore dei casi, a una violazione della privacy. Il commissario Vincent Tripaldi è a capo della Red. Ha alle spalle una storia difficile, il rapporto asfittico con suo fratello gemello Nicolas lo ha portato a rifugiarsi dietro una maschera di misantropia e cinismo, ad autoconvincersi che l’egoismo sia l’unico vero sentimento umano, che l’amore non esista. Vincent non ha amici, solo colleghi, le sue uniche gratificazioni le attinge dal lavoro; fuori dalla Red è un uomo solo. Quando si trova a indagare sull’omicidio di un collega, Vincent si rende conto che l’assassino usa contro la Red le sue stesse armi: per mostrarne i limiti ed evidenziarne la pericolosità sociale insita in un’attività investigativa che tiene così poco in considerazione i diritti elementari dei cittadini. Durante l’indagine Vincent si trova risucchiato in un vortice che ne mina le convinzioni più profonde: sulla natura del suo rapporto con la sua apprendista Naima, con suo fratello Nicolas, con il suo mentore Luca Basile. L’inchiesta lo trascina sempre più a fondo, fino a metterlo davanti a una verità tanto atroce da non trovare posto neppure nel peggiore dei suoi incubi. Vincent Tripaldi ora deve decidere cosa fare della propria vita: scegliere se abbandonarsi all’odio o provare a rincorrere l’amore.

Nel posto sbagliato

Poldelmengo Luca

Da lassù abbraccia piazza Trento e Trieste

Arlind non è ancora nato che già la vita si prende gioco di lui. Sua madre Lilla ha sognato che partorirà un'altra femmina, la quarta. Perciò ha promesso di darla in adozione alla cognata Eleni, che non può avere figli. Ma quando nascerà un maschio, Arlind, Lilla rinuncerà lo stesso a lui, perché in un villaggio albanese venir meno alla parola data attira la cattiva sorte. Arlind cresce con un profondo senso di smarrimento, che diventa a poco a poco dolore, e poi odio profondo. Unico punto di riferimento, il nonno Kristo che gli insegna "il discreto rumore del perdono". Nel frattempo un'onda travolge il mondo attorno a lui: il crollo dei regimi dell'Est. Cambia il mondo dei vivi, ma anche quello dei morti: e chi è stato creduto morto, si scopre essere vivo.

Non c’è dolcezza

Ibrahimi Anilda

Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, sono uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la "PPP". Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

Beati i puri

Pagano Luciano