Letteratura femminile

LA PARATA

Landini Filippo

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

La città era congelata, non giungevano rumori dei mezzi pubblici. Xhy ascoltava ansimante il dorso della propria mano che sonorizzava il lenzuolo. Il polpastrello dell’indice sinistro scivolava sulla clitoride, la sua bocca vibrava nell’aria. Infilò tre dita della mano destra nella vagina, divaricò le gambe e sprofondò la testa nel cuscino. I polpastrelli scivolavano zampillanti, una vertigine allo stomaco la travolse. Udì la stanza dei propri genitori aprirsi. Fra pochi secondi sua madre sarebbe entrata per darle il buongiorno, Xhy lasciò il tutto e si raggomitolò su un fianco, il cuore veloce e il respiro a inseguirlo. La porta si aprì, alcuni passi e la tapparella saliva. Sua madre si voltò a guardarla, Xhy le sorrise esclamando:

– Nevica!”

Pyongyang, Corea del Nord. Xhy è giovane e bella, “pelle di porcellana e occhi di giada”. Frequenta la stessa scuola di Pak. Lui è un atleta, lei danza. Manca poco alla parata del Caro Leader, Kim Jong II, eccelso successore del coreano più potente della storia -Kim Il Sung – il Grande Leader, il Presidente Eterno, il Fondatore e la Guida della Patria e del Partito. Xhy danzerà per luinello stadio più grande del mondo, il Rungrado.

E’ una mattina di neve e Xhy andrà a scuola a piedi come molti altri studenti, ma lei non spalerà la neve del Caro Leader. Si allenerà in palestra. Anche Pak non dovrà spalare la neve come i compagni, grazie alla sua capacità nell’arte marziale del taekwondo, l’arte dei pugni e dei calci in volo.

In palestra, “Pak si girò di scatto con le gambe all’attacco e i suoi occhi si ritrovarono dialogare con l’ipnosi del viso di lei, i suoi seni e le sue gambe. Un impercettibile reciproco sorriso sancì la loro complicità. Sedotti ed entusiasti s’isolarono alieni. La potenza scattosa di un o-jang, il vento, nei movimenti di Pak rimarcava la bellezza dei suoi arti e l’immediatezza sensuale della sua bocca. Xhy, intanto, esponeva il proprio ombelico esaltando le curve del petto nello slancio lento e dilatato delle braccia. Pak era estasiato”.

L’attrazione fisica tra i due giovani è spietata almeno quanto la bellezza di lei e la prestanza di lui. A nulla serviranno le rigide regole della scuola e l’immagine del Caro Leader che incombe su di loro e sulle loro vite. Il desiderio li travolge tra gli spazi bui dell’istituto, lasciando il lettore in balia del loro piacere, in una descrizione incalzante e appassionata. Fuori, solo la neve.

http://atlantis.lite-editions.com/ebook.php?c=&;p=1

Filippo Landini è nato a Ferrara nel 1969. Ha pubblicato la raccolta di poesie Nodo Sottile 3 (Crocetti Editore, 2003) e i romanzi Ferrara Game Over (Edizioni Nomade Psichico, 2000; da cui è stato realizzato il il lungometraggio omonimo diretto e interpretato dallo stesso Landini e da Max Czertok) e Red Rec Play Black (Linea BN Edizioni, 2009). Fa parte del collettivo Alba Cienfuegos con il quale ha pubblicato Eri tutto lungo. Cavallo Pazzo e altri cani sciolti (Linea BN Edizioni, 2008).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Landini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Landini Filippo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La città del piacere, un luogo fuori dal tempo e dallo spazio, plasmato in fretta e furia da un abile architetto e consacrato alla Dea del Piacere. Una felicità mista a malinconia aleggia per le strade di questa moderna metropoli immaginaria, insinuandosi nei cuori dei suoi abitanti, dediti alla pratica del piacere e sudditi di un licenzioso re. Una narrazione che a tratti ha quasi il sapore di una fiaba, abilmente intrecciata con rimandi a miti e leggende. El Kamhawi in questo testo affronta questioni scottanti, lasciando divenire questa città un luogo in cui si condensano i difetti e gli errori dell'uomo moderno.

La città del piacere

El Kamhawi Ezzat

Berenice di Edgar Allan Poe

Cartongesso è un'invettiva viscerale e drammatica contro il Veneto attuale e contro un intero paese, l'Italia tutta. Michele Tessari è un avvocato che avvocato non vuole essere, ex necroforo, affetto da un disturbo bipolare, intrappolato nella vita come una cavia isterica ma consenziente, persino complice. Un "complice debole" del mondo in cui è immerso. Il disfacimento della sua terra si rispecchia in quello della sua esistenza, inquinata da un odio "che cammina come l'infezione, dalle caviglie alla bocca", dove si trasforma in grido. Un grido che investe la classe politica, le carceri, la giustizia, il sistema universitario, giù giù fino ai singoli individui, fino al narratore stesso, imbibito degli stessi mali contro cui si scaglia. Non c'è consolazione in queste pagine, nessuna catarsi: solo letteratura. E, in letteratura, "coraggio" è soprattutto raccontare la verità.

Cartongesso di Francesco Maino

Maino Francesco

La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

La ragazza del treno

Hawkins Paula