Letteratura femminile

LA PARATA

Landini Filippo

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

La città era congelata, non giungevano rumori dei mezzi pubblici. Xhy ascoltava ansimante il dorso della propria mano che sonorizzava il lenzuolo. Il polpastrello dell’indice sinistro scivolava sulla clitoride, la sua bocca vibrava nell’aria. Infilò tre dita della mano destra nella vagina, divaricò le gambe e sprofondò la testa nel cuscino. I polpastrelli scivolavano zampillanti, una vertigine allo stomaco la travolse. Udì la stanza dei propri genitori aprirsi. Fra pochi secondi sua madre sarebbe entrata per darle il buongiorno, Xhy lasciò il tutto e si raggomitolò su un fianco, il cuore veloce e il respiro a inseguirlo. La porta si aprì, alcuni passi e la tapparella saliva. Sua madre si voltò a guardarla, Xhy le sorrise esclamando:

– Nevica!”

Pyongyang, Corea del Nord. Xhy è giovane e bella, “pelle di porcellana e occhi di giada”. Frequenta la stessa scuola di Pak. Lui è un atleta, lei danza. Manca poco alla parata del Caro Leader, Kim Jong II, eccelso successore del coreano più potente della storia -Kim Il Sung – il Grande Leader, il Presidente Eterno, il Fondatore e la Guida della Patria e del Partito. Xhy danzerà per luinello stadio più grande del mondo, il Rungrado.

E’ una mattina di neve e Xhy andrà a scuola a piedi come molti altri studenti, ma lei non spalerà la neve del Caro Leader. Si allenerà in palestra. Anche Pak non dovrà spalare la neve come i compagni, grazie alla sua capacità nell’arte marziale del taekwondo, l’arte dei pugni e dei calci in volo.

In palestra, “Pak si girò di scatto con le gambe all’attacco e i suoi occhi si ritrovarono dialogare con l’ipnosi del viso di lei, i suoi seni e le sue gambe. Un impercettibile reciproco sorriso sancì la loro complicità. Sedotti ed entusiasti s’isolarono alieni. La potenza scattosa di un o-jang, il vento, nei movimenti di Pak rimarcava la bellezza dei suoi arti e l’immediatezza sensuale della sua bocca. Xhy, intanto, esponeva il proprio ombelico esaltando le curve del petto nello slancio lento e dilatato delle braccia. Pak era estasiato”.

L’attrazione fisica tra i due giovani è spietata almeno quanto la bellezza di lei e la prestanza di lui. A nulla serviranno le rigide regole della scuola e l’immagine del Caro Leader che incombe su di loro e sulle loro vite. Il desiderio li travolge tra gli spazi bui dell’istituto, lasciando il lettore in balia del loro piacere, in una descrizione incalzante e appassionata. Fuori, solo la neve.

http://atlantis.lite-editions.com/ebook.php?c=&;p=1

Filippo Landini è nato a Ferrara nel 1969. Ha pubblicato la raccolta di poesie Nodo Sottile 3 (Crocetti Editore, 2003) e i romanzi Ferrara Game Over (Edizioni Nomade Psichico, 2000; da cui è stato realizzato il il lungometraggio omonimo diretto e interpretato dallo stesso Landini e da Max Czertok) e Red Rec Play Black (Linea BN Edizioni, 2009). Fa parte del collettivo Alba Cienfuegos con il quale ha pubblicato Eri tutto lungo. Cavallo Pazzo e altri cani sciolti (Linea BN Edizioni, 2008).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Landini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Landini Filippo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questa è la storia di Samuel Ben Nissim Abul Farag, di Guglielmo Raimondo Moncada, di Flavio Mitridate. Non si tratta di tre persone ma di un solo individuo. Caltabellotta, provincia di Agrigento, 1465. Samuel Ben Nissim appartiene alla comunità ebraica, ha quindici anni, la rotella di panno cucita sulla camicia a marcare la differenza con i cristiani. È svelto e colto, conosce già varie lingue. Il padre Rabbi Nissim nutre grandi ambizioni per quel figlio che istruisce anche nella qabbalaq. Ma il destino decide diversamente, le circostanze costringono il ragazzo a trovare rifugio in un convento di frati. Così la giovane promessa diventa un ebreo convertito, disprezzato dalla comunità giudaica, maledetto dalla sua famiglia, Samuel si chiude fra le mura del convento, vuol sbiadire nella memoria dei suoi. Addottrinato nella fede cattolica, al momento della conversione prende il nome di colui che lo tiene a battesimo, il conte Guglielmo Raimondo Moncada, poi si stabilisce a Roma, diventa prete e grande è la sua fama di predicatore. Giunge all'apice della sua carriera ecclesiastica nel 1481 quando il venerdì santo recita davanti al papa Sisto IV il sermone sulla Passione. Poi però succede qualcosa: "caduto in grave errore", questo solo dicono i documenti, perde lo stato ecclesiastico e scompare. Lo ritroviamo dopo qualche tempo con il nome di Flavio Mitridate, il re del Ponto era famoso per la conoscenza delle lingue oltre che per la resistenza al veleno...

Inseguendo un’ombra

Camilleri Andrea

"Io vi maledico" c'è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell'Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. "Io vi maledico", dice la figlia dell'imprenditore che si è ucciso strozzato dall'usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per la sua gente ma non ha trovato posto, la sindaca della Locride minacciata di morte, che vede andare milioni di euro in fumo. Sale dalle manifestazioni di piazza, dall'indifferenza offesa degli italiani assenti, una rabbia che è insieme fragilità, impotenza. La rabbia giusta dei giovani indignati che contagia le città di tutto il mondo e quella cieca di chi lancia sassi.

Io vi maledico

De Gregorio Concita

«Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

Cucchi Maurizio

Cronaca di un viaggio irripetibile, "... di due giovani partiti da minuscoli paesi sul fiume Po e andati in Messico, per vivere quella libertà che, senza saperlo, si portavano già dentro". L'autore racconta che "... tutto il peregrinare in luoghi più o meno esotici, prima e dopo il Viaggio, è stato qualcosa di diverso, forse più chiaro, ma diverso. Ecco perché, quando mi trovai ad attraversare la Sierra Madre del Sud, sulla strada che porta da Puerto Escondido a Oaxaca, ebbi una visione che mi scaldò il cuore. Transitavamo su uno dei passi più alti della Sierra, un pianoro con due baracche o poco più. Una bambina indio correva nel prato che dava sul vuoto; correva contro il vento, con la bocca aperta, indossando un vestito chiaro sul quale erano appuntati grossi fiori scuri. Il cartello stradale diceva che eravamo arrivati in un luogo chiamato La Luna". Accompagnano la narrazione, le fotografie in bianco e nero di Andrea Longhini.

VIAGGIO SULLA LUNA

Bocchi Vittorio