Narrativa

La passeggera

Frascati Daniela

Descrizione: 1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

Categoria: Narrativa

Editore: Scrittura & Scritture

Collana: Voci

Anno: 2015

ISBN: 9788889682814

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Da oggi, 20 novembre 2015, è disponibile La passeggera (edizioni “Scrittura&Scritture”): fresca di stampa, quest’opera di  Daniela Frascati propone molti spunti che risvegliano le nostre inquietudini già messe a dura prova dagli eventi di questi giorni. Perché, attraverso l’allegoria del microcosmo della nave, “La passeggera” proietta l’immagine di una realtà sempre in balia tanto delle smanie del potere (il capitano Ippolito Zocalo è “Un uomo ossessionato dal caos, vissuto nel terrore di perdere il controllo di sé e degli altri”), quanto dell’impeto dell’oceano, nel mistero delle forze invisibili che spesso legano gli uomini secondo trame parallele (“Il presentimento di una dimensione misteriosa”).

Il Paradiso è il nome del transatlantico che salpa alla volta dell’America alla vigilia del primo conflitto mondiale (“Era il 12 luglio 1914. Solo sedici giorni più tardi l’Europa sarebbe entrata in guerra”). Tra i passeggeri spicca una bambina più imparentata con gli uccelli che con gli umani (“Le ferite sono due, una per lato”), una creatura dal passato oscuro (“La bambina si chiamava Aquilina, avrà avuto sì e no sei anni e non era di nessuno”) e controverso (“Cos’è accaduto quattro anni fa? Cos’è la storia della clandestina e della bambina trovata morta?”), dal presente emarginato (“Eppure era il loro zimbello”) e anomalo (“Ombre che si affannano attorno ad Aquilina, le bisbigliano all’orecchio”), dal futuro quanto mai minaccioso (“Mai tanti accadimenti inspiegabili erano avvenuti prima su Il Paradiso”).
Come spesso avviene, “il diverso” – e Aquilina è vistosamente diversa, per via dei poteri occulti che sembra possedere – viene ritenuto causa di disgrazie annunciate da oscuri presagi (“Decine e decine di gabbiani agonizzanti. Si schiantarono sulle assi del ponte in uno sfracello di carni e di piume”): perché sul “diverso” si abbattono gli strali che, fin dalla navigazione attraverso le colonne d’Ercole (“I fulmini cadevano da ogni parte… il mare era tutto un bagliore quasi si fossero spalancate le porte dell’inferno”), fulminano la traversata indirizzandola verso un epilogo scellerato (“Soltanto un pazzo poteva pensare di mettere in mare le barche con quell’uragano”).
Come spesso facciamo, affidiamo alla narrazione di Daniela Frascati il sommario dei fatti luttuosi che colpiscono la nave trasversalmente attraverso la terza, passando per la seconda, su fino alla prima classe:
“Ora tutto si disfaceva e ai morti per l’epidemia si erano aggiunti gli altri. La morte violenta di Acone, il presunto suicidio di Novilia. A quei misteri si sommava la scomparsa del capitano e della Verdier”.

La storia scorre avvincente, ma il lettore ha sempre la sensazione che sotto la crosta noir del romanzo si nasconda un sottofondo che inevitabilmente porta la mente a fatti della cronaca – il Titanic, la Costa Concordia, i barconi della disperazione – o della storia (su tutto: il volo dell’aquila, simbolo del nazismo, nel potente finale dell’opera): in questo senso depongono alcuni ragionamenti sul potere (“Cheli si sentiva colpevole. La sua sottomissione codarda e la vigliaccheria degli altri ufficiali li rendevano complici. Si chiedeva quale fascinazione perversa riuscisse a esercitare il potere anche quando era solo l’arbitrio di un folle”), considerazioni sulla vita (“La vita è disordine e ardore, bellezza e corruzione, continuava la Verdier”) e affermazioni sul senso delle cose (“Esiste un luogo nascosto dove siamo felici e appagati, un mondo parallelo che ci vive dentro”).

L’atmosfera fosca dipinta dall’autrice sembra riecheggiare ora la Peste di Camus (“Su questa nave viaggiano due morbi, uno uccide il corpo, l’altro la ragione”), ora Il corvo di Poe, e la sensazione predominante – quando nel turbamento si chiude il libro – è quella di aver letto due romanzi: l’apparente noir della superficie, la tragedia sottostante…

Bruno Elpis

Segnaliamo che oggi venerdì 20/11/2015, alle ore 17.30 il romanzo “La passeggera” verrà presentato dall’autrice a Roma, presso la Libreria Mondadori in via Piave 18.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Il sogno di Fiore (Amore ibrido) – i-LIBRI

[…] Qui potete leggere il nostro commento a “La passeggera”: http://www.i-libri.com/libri/la-passeggera/ […]

La porta di Allah – i-LIBRI

[…] Qui potete leggere il nostro commento a “La passeggera”: http://www.i-libri.com/libri/la-passeggera/ […]

La scuola cattolica – i-LIBRI

[…] Daniela Frascati è attualmente in libreria con il romanzo “La passeggera”, (qui potete leggere il nostro commento: http://www.i-libri.com/libri/la-passeggera/). […]

Intervista a Daniela Frascati, autrice de “La passeggera” – i-LIBRI

[…] – Com’è nata l’idea di questo romanzo (http://www.i-libri.com/libri/la-passeggera/)? R – Ė nata molto tempo fa; all’inizio mi interessava soprattutto lavorare attorno […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniela

Frascati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Frascati Daniela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IL CICLISTA IMPENITENTE – di Giancarlo Pauletto

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco

Una tranquilla notte parigina. Nulla traspare dalla classica e impenetrabile facciata del Louvre. Un dramma si sta consumando al suo interno, nella Grande Galleria. Il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala scendono immediatamente, chiudendo fuori il suo inseguitore. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e si distende nella posizione dell'uomo di Vitruvio, il celebre disegno di Leonardo. Accanto a sé, scrive pochi numeri e un solo nome: Robert Langdon, uno studioso di simbologia. A lui toccherà scoprire il mistero che si cela dietro i capolavori di Leonardo. Chi era il pittore rinascimentale? Cosa nascondeva? E, soprattutto, quali enigmi sconvolgenti nascondevano le sue opere? L'America intera si è appassionata al thriller di Dan Brown, decretandolo scrittore dell'anno. Il suo romanzo ha spiegato a milioni di lettori perché, in definitiva, Monna Lisa sorride.

Il codice Da Vinci

Brown Dan

Che mamma speciale, Tessa Leoni. Si è rifatta una vita partendo dal fango, un gradino dopo l'altro, per amore della sua bambina, concepita chissà con chi. Che poliziotta, Tessa Leoni, che donna: i turni di notte a pattugliare da sola le strade nere, poche ore di sonno e di corsa all'asilo a prendere Sophie. Poi arriva Brian, l'uomo dei sogni, un amante appassionato per lei, un padre per Sophie... Ma adesso che è domenica mattina e tira il vento freddo di marzo, Brian è steso sul pavimento della cucina con tre pallottole in corpo, la piccola Sophie è sparita e Tessa è ancora lì con la pistola in mano. Una sergente bella e inflessibile, D.D. Warren, la incalza di domande, è certa che Tessa sia un mostro. Perché ha sparato al marito, e dov'è finita la piccola Sophie? Come può una madre e poliziotta modello non sapere più nulla di sua figlia? Adesso, proprio adesso, D.D. Warren non lo vorrebbe, un caso così. Un mese di ritardo, si accarezza la pancia; come può una madre far del male alla sua piccolina di sei anni? Scava nel passato di Tessa, in fretta, più in fretta, l'allarme per la scomparsa di Sophie diffuso in tutto lo stato. E Tessa, intanto, contusa e ferita, mente, si difende, lotta e sa una sola cosa: vuole bene a sua figlia. Più di tutto.

A CHI VUOI BENE

Gardner Lisa