Giallo - thriller - noir

La perfezione

Montanari Raul

Descrizione: «Lui non aveva paura della morte, non aveva paura di niente.» Lui è Willy l’Olandese, un vecchio killer implacabile. Un gigante silenzioso e in apparenza indifferente a tutto come un dio nordico. Quando arriva nella valle presso il grande lago del Norditalia che ogni anno è la sua meta estiva, in una pensione dove fa da cameriera la bella Adriana, non sa di avere appuntamento con il destino. Il telefono ha squillato in una casa a pochi chilometri da lì e un altro killer, un trentenne sfigurato al volto da un remoto incidente d’auto, ha ricevuto l’incarico di ucciderlo. Tutta la storia si svolge nell’arco di 24 ore, ma la tensione monta capitolo dopo capitolo nell’attesa del momento fatale: lo scontro fra due killer professionisti, due terribili macchine di morte. E tra loro l’inquietudine di Adriana, che senza saperlo ne deciderà le sorti. Tutt’intorno uno scenario affascinante: un piccolo paese rivierasco, le acque buie del grande lago, e una valle profonda, percorsa da un torrente gelido. Un paesaggio che sta per essere contaminato dall’approssimarsi del Male. Con rara potenza, Montanari ci restituisce il clima feroce e geometrico di Durrenmatt e del grande noir americano immergendoli nel contesto della provincia italiana, fino a creare un contrasto sorprendente e irresistibile.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Baldini + Castoldi

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2019

ISBN: 9788893881951

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La perfezione di Raul Montanari

Cento flessioni… Novantanove. E cento!”
La perfezione dei numeri nello sforzo fisico.

Il suo corpo che non era più il suo, la sua faccia che non gli apparteneva più. E adesso – così come l’aveva vista riflessa prima negli occhi spaventati degli altri, poi nello specchio che alla fine avevano dovuto dargli – adesso ne scorgeva un’altra, il muso di un animale.”
La perfezione del destino. La perfezione sinistra dello sfregiato.

C’era il vento, e il lago agitato stendeva davanti a lui la sua massa azzurroverdastra, ostile, ora, rigata di bianca spuma.”
La perfezione del lago.

Le montagne che si ergevano brusche e scoscese dalle acque davano l’idea di quanto ripide dovessero essere le sponde, che dopo soli pochi metri si inabissavano a profondità insondate.”
La perfezione del paesaggio prealpino.

La giornata era gelida e magnifica, senza una nube, il cielo di un azzurro duro e metallico.”
La perfezione atmosferica.

Una cavernicola, ecco cos’era. O piuttosto… una donna di carta, forse un fumetto.”
La perfezione non canonica di Adriana.

La bellezza non sempre poteva imporre la propria forza ai fantasmi e ai feticci del puro desiderio.”
La perfezione della bellezza.

Lui non aveva paura della morte, non aveva paura di niente.”
La perfezione possente dell’Olandese.

Coincidenza incredibile e in qualche modo funerea, che il paese dove l’uomo quasi sicuramente sarebbe andato a trascorrere il mese di agosto fosse così vicino al suo, e al luogo dell’incidente.”
La perfezione delle coincidenze.

Mi bastava sentire le urla… In quel momento lui era la perfezione… Certo, la perfezione fa paura.”
La perfezione della crudeltà.

La perfezione di Raul Montanari – nel venticinquesimo anniversario dalla prima edizione – è da rileggere per noi che, a suo tempo, l’abbiamo gustata. Ed è una ghiotta occasione per chi – per età o per altra circostanza – ne sia ancora digiuno…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raul

Montanari

Libri dallo stesso autore

Intervista a Montanari Raul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In questo romanzo Franco Forte mette in evidenza tutte le ombre e le contraddizioni della più famosa congiura della storia, arrivando a costruire in modo credibile e coerente con i lasciti storici una teoria tanto affascinante quanto sorprendente: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di Marzo? Come potrebbero essere andate le cose? Un nuovo modo di reinventare la storia appoggiandosi a ciò che la stessa storia ci dice...

Cesare l’immortale (Book City Milano 2016)

Forte Franco

In un luogo fatto di polvere, dove ogni cosa ha un soprannome, dove il quartiere in cui sono nati e cresciuti è chiamato «la Fortezza», Beatrice e Alfredo sono per tutti «i gemelli». I due però non hanno in comune il sangue, ma qualcosa di più profondo. A legarli è un’amicizia ruvida come l’intonaco sbrecciato dei palazzi in cui abitano, nata quando erano bambini e sopravvissuta a tutto ciò che di oscuro la vita può regalare. Un’amicizia che cresce con loro fino a diventare un amore selvaggio, graffiante come vetro spezzato, delicato e luminoso come un girasole. Un amore nato nonostante tutto e tutti, nonostante loro stessi per primi. Ma alle soglie dei vent’anni, la voce di Beatrice è stanca e strozzata. E il cuore fragile di Alfredo ha perso i suoi colori. Perché tutto sta per cambiare.

Il rumore dei tuoi passi

D'Urbano Valentina

Le metamorfosi o l’asino d’oro

Apuleio

Storia d’amore con sorpresa