Giallo - thriller - noir

La pesca dello spada

Tornaghi Eugenio

Descrizione: In una Milano annichilita dalla crisi, il commissario Libero Cattaneo indaga sull'omicidio di due banchieri, per scoprire che i problemi dell'Italia hanno origini lontane. Un romanzo giallo originale e coinvolgente, che guida il lettore nella comprensione dei meccanismi di banche e finanza.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Novecento Editore

Collana: Calibro 9

Anno: 2015

ISBN: 9788899316174

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Nella Milano oppressa dalla crisi economica, il sospetto suicidio di un banchiere si rivela essere un omicidio. Tutto si complica quando, a distanza di pochi giorni, un secondo delitto stravolge l’ambiente della finanza meneghina. Il Magistrato Lidia Frattini decide che a indagare sui due crimini sia il commissario Libero Cattaneo. Paladino della verità, poliziotto integerrimo e poco avvezzo ai giochi di potere, Cattaneo non si farà scrupolo di investigare a fondo anche a costo di contrariare grossi nomi della politica e della finanza.

La pista che vede tra i principali indagati un giovane terrorista non convince l’arguto Cattaneo che prevaricherà la volontà di chi vuole imporre la chiusura del caso e non si fermerà fino a quando non avrà individuato il responsabile degli omicidi. La dottoressa Frattini lo sosterrà fino in fondo e si addentrerà con lui oltre la soglia dell’intricato e oscuro mondo del denaro. Un mondo fatto di calcoli e interessi che spesso prevaricano le esigenze del più debole. La strada che Cattaneo si troverà a percorrere sarà tortuosa e ricca di falsi indizi, ma ciò non impedirà al testardo commissario di portare alla luce la scomoda verità.

La pesca dello spada è un romanzo ben costruito, dal ritmo incalzante e ricco di suspense. La competenza di Eugenio Tornaghi sul mondo dell’alta finanza lo aiuta a ricostruire con fedeltà l’ambiente nel quale si muovono i protagonisti e più volte anche a rivelarne al lettore i meccanismi oscuri. La sua penna sapiente e diretta non appesantisce il racconto e lo rende godibile e avvincente. Con La pesca dello spada dunque, Eugenio Tornaghi mette in gioco non solo la sua abilità di autore, ma anche l’esperienza professionale acquisita in anni di carriera lavorativa. Lo fa regalandoci un giallo dalle tinte forti, tagliente e complesso, ma al contempo scorrevole e appassionante.

Classe 1967, Eugenio Tornaghi lavora presso uno dei maggiori gruppi bancari europei, dove ricopre la carica di Senior Vice Presidente. Esordisce nel 2004 come autore di favole per bambini. Nel 2007 pubblica con Todaro Editore il suo primo giallo, Una spiegazione logica. Nel 2009, sempre con Todaro, pubblica Il debito dell’ingegnere che, nel 2010, ha vinto il prestigioso premio Nebbia Gialla.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eugenio

Tornaghi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tornaghi Eugenio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

In una New York crepuscolare e fredda c'è ancora chi insegue un sogno. La bella Rouge deve parlare con Sebastiano, due tristi messaggeri lo stanno cercando, Zariele nasconde un segreto, le anime s'intrecciano sotto un cielo di fiamme e di pace perduta. Che ci fa una piuma per terra in mezzo a Manhattan? E una spada? Dove stanno andandosene tutti quei ragazzi dai volti disperati? E in tutto questo, c'entra ancora qualcosa Dio? Sullo sfondo stanno ancora bruciando le Twin Towers dell'11 settembre, quando nemmeno più gli angeli ricordano i giuramenti antichi. Fra personaggi confusi dalla vita, qualcuno lotta perché prevalga il bene, ma sono ormai molti a dubitarne. Possiamo continuare a vivere senza risposte? Un'avventura umana e celestiale alla scoperta non solo d'una storia fra cronaca recente, epica leggendaria, pensiero e sentimenti, ma soprattutto l'ingresso in una dimensione dove angeli e demoni attraversano il tempo umano domandandosi disperatamente dove sia finito Dio.

Ali

Nardi Andrea B.

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola

Denny ha solo sette anni, una madre tossica, un padre folle e alcolizzato, dei compagni di scuola che lo maltrattano e lo considerano pazzo. Quando è solo, per vincere il terrore inventa filastrocche inquietanti. Ha un unico amico, che si fa chiamare Uomo dei Sogni: è un vecchio crudele, trasandato, con un bastone in mano. Se qualcuno fa del male a Denny, l'Uomo dei Sogni non perdona. Arriva e vendica. Pietro di anni ne ha quattordici. È un autistico geniale col dono del disegno. Unico testimone oculare delle aberranti sparizioni di alcuni ragazzini, Pietro fa la sola cosa che gli riesce in modo esemplare: disegna ciò che ha visto. E ciò che ha visto è agghiacciante. Nessuno gli crede, nessuno tranne la sua educatrice professionale. Alice: quei disegni le tolgono il sonno e la precipitano nell'incubo, le ricordano qualcosa che molti anni prima aveva cercato di rimuovere... Ma ora il passato ritorna e travolge. E deve essere fermato.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza