Narrativa

La peste

Camus Albert

Descrizione: Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata con un cordone sanitario dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da esperimento per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l'indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l'egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, "La peste" è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi. Cronologia di Annalisa Ponti

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno:

ISBN: 9788845247408

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La peste è forse il romanzo più complesso di Albert Camus: per le descrizioni inquietanti e scomode dell’epidemia, per l’allegoria di fondo che coniuga la pestilenza con la vita, per la struttura che assume di affidare la coralità recitativa delle testimonianze a un misterioso narratore.

Possiamo idealmente suddividere l’opera in tre parti.

In quella introduttiva, a Orano (“Ma a Orano gli eccessi del clima, l’importanza degli affari che vi si trattano, il poco rilievo dell’ambiente, la rapidità del crepuscolo e il genere dei piaceri, tutto richiede la buona salute. Un malato vi si trova proprio solo”) i prodromi della malattia (“La mattina del 16 aprile il dottor Bernard Rieux, uscendo dal suo studio, inciampò in un sorcio morto, in mezzo al pianerottolo”) si intensificano e si fanno sempre più minacciosi (“Gli incidenti che si verificarono nella primavera di quell’anno e che furono… i primi segni della serie dei gravi avvenimenti di cui ora ci si propone di fare cronaca”), anche se inizialmente incontrano la resistenza di chi vuol sottacere il male (“È impossibile, tutti sanno che è scomparsa dall’Occidente”) per inerzia (“Pestilenze e guerre colgono gli uomini sempre impreparati”) o per opportunità (“Lei sa… che il distretto non ha il siero?”). La diagnosi diventa tuttavia inevitabile a pagina 50: “Si dichiari lo stato di peste. La città sia chiusa”.

Il corpo centrale dell’opera, lungo e stagnante, si attarda (“E questa è un’idea che il narratore non condivide. Il male che è nel mondo viene quasi sempre dall’ignoranza, e la buona volontà può fare guai quanto la malvagità, se non è illuminata”) a declinare l’esplosione del flagello (“Dio… ha lasciato che il flagello vi visitasse come ha visitato tutte le città del peccato da che gli uomini hanno una storia”), la diffusione e la virulenza del morbo (“Ci fu anche una recrudescenza d’incendi”), l’evoluzione della patologia (“Una nuova forma dell’epidemia; la peste stava diventando polmonare”), le conseguenze sociali (“C’era nella sciagura una parte d’astratto e di irreale. Ma quando l’astratto comincia a ucciderti, bisogna ben occuparsi dell’astratto”), i riflessi (“Sì, la peste, come l’astratto, era monotona”) personali (“Per lottare contro l’astratto, bisogna un po’ somigliargli”) e psicologici (“Il dottor Rieux se ne accorgeva osservando sui suoi amici e su se stesso i progressi d’una curiosa indifferenza”) dello stato d’emergenza: l’isolamento (“La prima cosa che la peste recò ai nostri concittadini fu, insomma, l’esilio”) e la segregazione (“La nostra separazione era destinata durare e… dovevamo cercare di venire a patti col tempo”), la prigionia forzata (“Nella nostra condizione di prigionieri, eravamo ridotti al nostro passato, e se anche alcuni di noi avevano la tentazione di vivere nel futuro, vi rinunciavano rapidamente”), le trasformazioni della città, delle abitudini (“Da mesi, ogni venerdì, il nostro teatro municipale risonava dei melodiosi lamenti di Orfeo e dei vani appelli di Euridice”), delle pratiche (“A proposito dei seppellimenti”) e delle tradizioni (“Il Natale di quell’anno fu la festa dell’Inferno piuttosto che del Vangelo”)…

Le ultime cinquanta pagine premiano chi ha “sopportato” l’onere di indugiare su una premessa prolungata, che costituisce un prius necessario disseminato da riflessioni (“Ho capito questo, che tutti eravamo nella peste”), metafore (“Ciascuno la porta in sé, la peste… nessuno al mondo ne è immune”), paragoni (“Essere appestati è molto faticoso; ma è ancor più faticoso non volerlo essere”) e rivelazioni (“Ci sono sulla terra flagelli e vittime… bisogna, per quanto è possibile, rifiutarsi di essere col flagello”) che trovano compimento nella parte finale.
Qui Camus scrive pagine memorabili sull’amicizia che si instaura tra due protagonisti, il medico Rieux e l’avventizio Tarrou (“Jean Tarrou… si era stabilito a Orano alcune settimane prima e alloggiava da allora in un grande albergo del centro”). “Il dottore… domandò se Tarrou avesse un’idea della strada da prendere per arrivare alla pace. «Sì, la simpatia»”. Il legame, cresciuto nella comune lotta contro la peste, viene consacrato con un bagno in mare (“Il mare ansava dolcemente ai piedi dei grandi blocchi del molo e … apparve spesso come un velluto, flessibile e liscio come una belva”) nella splendida prosa di Camus (“La calma respirazione del mare faceva nascere e sparire dei riflessi oleosi sulla superficie delle acque. Davanti a loro la notte era senza limiti. Rieux… indovinò sul viso calmo e greve dell’amico la stessa gioia che non dimenticava nulla, neanche l’assassinio”), grondante di esistenzialismo (“Durante alcuni minuti procedettero con la stessa cadenza e con lo stesso vigore, solitari, lontani dal mondo, finalmente liberati dalla città e dalla peste”).
In questa parte Camus tematizza altresì le proprie scelte metanarrative: rivelando l’identità del narratore (“La nostra cronaca volge alla fine. È tempo che il … confessi di essere l’autore”), al quale garantisce – oltre all’anonimato mantenuto sino al finale – terzietà (“Chiamato a testimoniare, in occasione di una sorta di delitto, egli si è attenuto a una certa riserva, come si conviene a un testimone di buona volontà”), obiettività (“Si è adoperato… a non prestare ai suoi compagni di peste pensieri che, in definitiva, essi non erano costretti a formulare”), equilibrio (“… Ha voluto farlo col ritegno desiderabile”), moralità (“Decise allora di redigere il racconto che qui finisce, per non essere di quelli che tacciono, per testimoniare a favore degli appestati, per lasciare almeno un ricordo dell’ingiustizia e della violenza….. e per dire semplicemente quello che s’impara in mezzo ai flagelli, e che ci sono negli uomini più cose da ammirare che non da disprezzare”) e collegialità interpretativa.

Mentre la peste recede (“Gli animali erano ricomparsi… rivelavano un regresso del contagio”), soltanto in minima parte  a opera dell’uomo (“Rieux pensò di sperimentare su di lui il siero di Castel”), la morte falcia le sue ultime vittime e per il medico Rieux viene il tempo di conclusioni empiriche (“Aveva soltanto guadagnato di aver conosciuto la peste e di ricordarsene, di aver conosciuto l’amicizia e di ricordarsene, di conoscere l’affetto e doversene ricordare un giorno. Quanto l’uomo poteva guadagnare, al gioco della peste e della vita, era la conoscenza e la memoria”) e valutazioni (“Come doveva esser duro vivere soltanto con quello che si sa e che si ricorda, e privi di quello che si spera”).
Nel mutato scenario, c’è chi dimentica in fretta (il giornalista Rambert, che ha sempre tentato di fuggire dalla città ammorbata, ha “l’aria di credere che la peste può venire e andarsene senza che il cuore dell’uomo ne sia modificato”), ma c’è anche chi parteggia per la morte (“La sua vera colpa è di aver approvato nel suo cuore quello che faceva morire bambini e uomini”) e ne sente la mancanza: “Un pazzo spara sulla folla”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Albert

Camus

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camus Albert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Tanto per cominciare, Zooey era un giovanotto piccolo, dal corpo estremamente esile. Da dietro (soprattutto dove gli si vedevano le vertebre) sarebbe quasi potuto passare per uno di quegli sparuti bambini di citta che ogni estate vengono spediti alle colonie a ingrassarsi e prendere il sole. Visto in primo piano, di faccia o di profilo, era straordinariamente, spettacolosamente bello. La sorella maggiore mi ha pregato di dire che assomigliava all'"esploratore mohicano ebreo-irlandese dagli occhi azzurri che mori tra le vostre braccia al tavolo della roulette di Montecarlo".A salvare in extremis quel volto dall'eccessiva bellezza, se non addirittura dallo splendore, era un orecchio che sporgeva leggermente piu dell'altro. Per conto mio, comunque, non condivido affatto ne l'uno ne l'altro di questi punti di vista. Ammetto che il volto di Zooey fosse un volto bellissimo, quasi perfetto. Come tale, naturalmente, era passibile di quella stessa varieta di giudizi scorrevoli, imperterriti e spesso capziosi cui e soggetta ogni autentica opera d'arte. Penso resti solo da aggiungere che una qualunque delle cento minacce giornaliere - un incidente d'auto, un raffreddore di testa, una bugia prima di colazione - avrebbe potuto deturpare o imbruttire la sua generosa bellezza nel giro di un giorno o di un minuto. Ma quello ch'era deteriorabile, quello che qualcuno ha categoricamente definito una gioia di tipo imperituro, era un autentico esprit impresso su tutto il viso, specie negli occhi, dove attirava l'attenzione come una maschera di Arlecchino, e a volte disorientava".

FRANNY E ZOOEY

Salinger Jerome D.

I quattro Re

Giancarlo Galletti

Primi anni ottanta. Sulla sponda occidentale del Lago di Como, nel triangolo soleggiato compreso fra Menaggio, Bellagio e l’Isola Comacina, dentro il quadro fastoso del turismo internazionale e dei grandi personaggi che vi hannosoggiornato (Liszt, Stendhal, Churchill, Hitchcock e l’ex cancelliere tedesco Konrad Adenauer), vanno in scena le piccole vicende della Tremezzina. In quella provincia italiana dove il tempo sembra essersi fermato el’opulenza degli alberghi di Cadenabbia e di Villa Balbianello sembra lontanissima, irrompe sulla scena il piccolo borgo di Mezzegra. Qui sono in gioco le dispute fra parroco e sindaco, le grazie non ancora onorate di Angela – l’organista –, la moto rombante dell’anarchico Bernasconi che quelle grazie vorrebbe onorare, le feste di paese, i traffici illeciti con la vicinaSvizzera, e poi corriere, biciclette, l’epopea del volo in idrovolante, milanesi e “teroni”, battelli della Navigazione Lago di Como e una galleria di personaggi irresistibili. È proprio questo mondo che viene scosso dalla sparizione della statua della Madonna del Carmine. Chi ha commesso questo atto sacrilego? A che scopo? Che fine ha fatto la statua? Il bravo don Luigi, erede di tutti i curati di campagna che hanno lasciato traccia nella letteratura e nel cinema, non perde le staffe, cerca di capire, indaga, interroga e non dimentica che “il diavolo è nel dettaglio”. Una commedia degli errori che, in forza della macchina dell’indizio, lascia trapelare piccoli segreti, calde passioni, speranze e appetiti inconfessabili. Cocco sonda ritmi e linguaggi da commedia, creando un nuovo luogo geografico-letterario, compreso tra il mondo in dialetto di Davide Van de Sfroos e la memoria di grandi scrittori lacustri come Piero Chiara. Ritmo impeccabile,personaggi incisi con gusto e maestria, un senso inedito della comunità e della narrazione, e un che di amaro, che arriva da più lontano.

Il bacio dell’Assunta

Cocco Giovanni

Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i creditori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detective, "il più dritto detective di Los Angeles". Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzialismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le episodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l'ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere invenzioni narrative, diventano il "pulp" del titolo. Lontano dalle atmosfere tenebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Pulp

Bukowski Charles