Narrativa

La più amata

Ciabatti Teresa

Descrizione: Mi chiamo Teresa Ciabatti, ho quarantaquattro anni e non trovo pace. Voglio scoprire perché sono questo tipo di adulto, deve esserci un'origine, ricordo, collego. Deve essere successo qualcosa. Qualcuno mi ha fatto del male. Ricordo, collego, invento. Cosa ha generato questa donna incompiuta?

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani e stranieri

Anno: 2017

ISBN: 9788804664529

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

La più amata di Teresa Ciabatti: un romanzo molto originale, sfuggente e affascinante. Si apre senza estremismi in media res, con un prologo che è il volano della storia. Peculiarità di cui il lettore si rende conto solo dopo aver preso grande confidenza con la narrazione. L’esordio ti calamita suadente, con le immagini tiepide e carezzevoli di un’estate incipiente al bordo di una piscina incantata, ma non appena hai ceduto al languore ti assesta un pugno allo stomaco che definire inaspettato è a dir poco riduttivo.

L’opera si sviluppa in crescendo. Ritmo incalzante, scrittura lucida, tagliente. L’autrice si sposta a ritroso, nel tempo della storia e nel tempo dell’anima, alla ricerca di risposte adeguate a domande irrisolte. Indagando ossessivamente dentro i confini fisici e affettivi di un’infanzia abbarbicata attorno alla figura paterna, e della complessa relazione di una figlia con le molteplici sfaccettature dell’uomo facoltoso e influente che ha plasmato il suo mondo.

Uno spaccato chirurgico di un’epoca nemmeno troppo distante, cornice a una intimità insidiata dalla nevrosi. Una storia di famiglia, che si scioglie o per meglio dire si impiglia poco alla volta, con movimenti che non sono mai unilaterali, attraverso situazioni che parlano da sole. Contesti che suggeriscono, piuttosto che esplicitare, cose che non possono mai essere dette completamente.

Un racconto spezzato e ricomposto, battute di una partitura che si amplificano, impattando sopra loro stesse come l’eco di un singhiozzo. Nulla però cede alla compassione, anche se per certi versi questo romanzo si può definire l’anatomia di una solitudine. Ricca e dorata nell’infanzia, scivolosa nell’adolescenza e definitiva nell’età adulta.

La voce interiore si dibatte tra sentimenti contrastanti, con una forza talvolta così violenta da far tremare i polsi alla stessa narratrice. Una giostra di persone-personaggi che l’autrice desidera spogliare dalle vesti ufficiali che ne hanno interpretato la storia personale e pubblica, instillando il dubbio che tali vesti ne abbiano mascherato i volti autentici.

Una ricerca appassionante e tormentata impegna l’autrice lungo il dipanarsi della vicenda frammentaria. Ricostruita nei ricordi che raramente reagiscono alla nostalgia. Almeno apparentemente. Un racconto rimuginato, ipnotico, che ti cattura senza scampo accorciandoti il fiato come in un thriller.

Perché vi è una nube di piombo che alberga fra queste righe. E incombe inesorabile, insensibile ai boccoli ostinati di una bambola e alle piume albine di una gallina bianca.

Premio Strega 2017: i dodici semifinalisti

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Teresa

Ciabatti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ciabatti Teresa

IL SIGNORE DI BARCELLONA – di José Lloréns

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter

La sera in cui la quindicenne Clary e il suo migliore amico Simon decidono di andare al Pandemonium, il locale più trasgressivo di New York, sanno che passeranno una nottata particolare ma certo non fino a questo punto. I due assistono a un efferato assassinio a opera di un gruppo di ragazzi completamente tatuati e armati fino ai denti. Quella sera Clary, senza saperlo, ha visto per la prima volta gli Shadowhunters, guerrieri, invisibili ai più, che combattono per liberare la Terra dai demoni. In meno di ventiquattro ore da quell'incontro la sua vita cambia radicalmente. Sua madre scompare nel nulla, lei viene attaccata da un demone e il suo destino sembra fatalmente intrecciato a quello dei giovani guerrieri. Per Clary inizia un'affannosa ricerca, un'avventura dalle tinte dark che la costringerà a mettere in discussione la sua grande amicizia con Simon, ma che le farà conoscere l'amore.

Shadowhunters. Città di ossa

Clare Cassandra