Narrativa

La prima verità

Vinci Simona

Descrizione: Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi. Stile libero extra

Anno: 2016

ISBN: 9788806212681

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Può essere doloroso mettere a nudo “La prima verità”.
Come dimostra Simona Vinci, il tema è proprio complicato: perché la pazzia è una malattia difficile da affrontare, non soltanto dal punto di vista scientifico e clinico, ma anche e soprattutto in chiave personale o sotto il profilo familiare e sociale.

Nel recente passato si sono alternati diversi approcci terapeutici al male invisibile. Nel suo romanzo Simona Vinci illustra le due fasi principali: l’epoca dei manicomi, spesso lager mistificati sotto il nomen di ospedale; la fase successiva alla legge Basaglia. Ne consegue una storia che non disdegna di rappresentare gli aspetti scabrosi, gli atteggiamenti crudeli dei consimili più fortunati, i risvolti violenti che sfidano la sostenibilità del lettore.

Così è per Angela (“Suo fratello invece aveva una malattia genetica rarissima che si chiamava sindrome du cri du chat, la sindrome del grido del gatto”), così è per Lina, figlia di un poeta greco dissidente: due giovani donne che nel 1992 partono come volontarie per Leros (Parte prima – L’archivio delle anime: “Era partita per l’isola di Leros al seguito di un gruppo di operatori psichiatrici triestini che avrebbe lavorato alla deistituzionalizzazione dell’ospedale”), l’isola (“In quel posto e in quel momento, qualsiasi cosa poteva accadere: anzi, era già accaduta”) nella quale il regime dei colonnelli – la dittatura che oppresse la Grecia dal 1967 al 1974 – cerca di confinare la vergogna sociale di una malattia che il più delle volte veniva affrontata con la tecnica della negazione, della repressione, del nascondimento. Lì le due donne conoscono inadeguatezze assistenziali (“Il personale dell’istituto era composto da due psichiatri e una considerevole quantità di «infermieri» per 1.153 pazienti. Quasi nessuno di quegli infermieri però era diplomato”), orrori, pratiche infami (“La pesca, la chiamiamo qui”) ed eccessi  di disumanità (“Sono quelli che noi chiamiamo gli ingovernabili. I peggiori elementi dell’istituto”) che non escludono neppure i bambini (“Erano centottanta i bambini con ogni genere di handicap fisico e mentale… Si domandò se tra quei bambini ci fossero anche i frutti di amori proibiti tra internati, oppure se qualcuno di loro fosse stato generato dagli stupri dei guardiani…”).

Così è anche per il poeta Stefanos, prigioniero nel 1968 in una struttura adiacente al manicomio ove la dittatura ellenica confinava e segregava chi si opponeva al regime e si macchiava del turpe reato d’opinione. Lì Stefanos intreccia la conoscenza con Teresa, una donna devastata dalla violenza, e con il bimbo “dal sasso in bocca”, Nikolaos alias Temistocles B. 841, che nel silenzio inabissa il suo disagio. Lì i tre infelici conosceranno le violenze inaudite che si consumano nella baracca (Parte seconda – Su nel posto segreto).

Angela decide di tornare a Leros nel 2009 (“Per più di quindici anni aveva custodito con sé il sasso con il disegno della maternità, i biglietti di Stefanos e tutte le poesie che aveva ritrovato dentro la bottiglia sepolta in cima alla montagna di Skoumbarda”): ha un debito con il passato, ha un debito con se stessa (“Pensò a Lina. Lina era tornata a Roma senza aver scoperto la vera storia di suo padre”. Parte terza – Sono ancora tutti lì), ha un debito con l’ex bimbo “dal sasso in bocca” (“Un segreto militare in mano a un bambino di otto anni quanta strada potrebbe mai fare dentro il manicomio di un’isola piantata in mezzo al mare?”).

Nell’ultima parte (Parte quarta – Non ti scordar di me) il romanzo assume i toni del saggio. La narratrice rievoca l’infanzia e l’adolescenza vissute a Budrio. Lì, dopo la legge Basaglia (“Nel 1978… fu quello l’anno nel quale venne promulgata la legge Basaglia, l’anno nel quale in Italia ai matti veniva consentito, per così dire legalmente, di ricominciare a circolare per le strade”) e con la nuova impostazione sanitaria non era infrequente incontrare gli ex pazienti dei due manicomi smantellati (“A Budrio… c’erano due istituti psichiatrici: Il San Gaetano… e Villa Donnini…”): ci si imbatteva nelle loro storie ed era l’occasione per riflettere sul disagio e sulla sua pervasività, per incontrare nell’altro (“Il suo vomito, Elena, lo faceva mangiare agli altri”) la propria follia (“Tra tutti gli uomini dei quali mi poteva capitare d’innamorarmi, naturalmente scelsi un pazzo”)…

Nonostante io abbia trovato questo romanzo troppo insistente, troppo crudo e troppo esplicito, devo riconoscere che la storia analizza una tragedia personale e collettiva con la quale non possiamo non misurarci (“A guardare ogni vita da vicino e con la dovuta attenzione, mi resi conto che si trovano le tracce, più o meno evidenti…. di depressioni, problemi dell’alimentazione, manie suicide, paranoie, nevrosi, disturbi della personalità e qualsiasi declinazione possa assumere la malattia mentale”). Anche oggi (“Tutti questi… per i quali un trattamento sanitario obbligatorio non è indicato… per loro c’è il salvagente della chimica”). Nella certezza che il sistema vigente ante legge Basaglia – cercare di isolare e internare il malessere in una struttura della quale possibilmente gettare la chiave – è sicuramente il modo peggiore per affrontare patologie e sofferenze così profonde da sfuggire a quella stessa mente che, in alcuni casi, decide di sprofondare nell’insondabile.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simona

Vinci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vinci Simona

Ferrara. È una notte afosa di inizio agosto...

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico.

Mazzoni Lorenzo

The White Album è un intenso reportage giornalistico che indaga i grandi miti dell'America degli anni Sessanta, la cultura, gli idoli, la vita quotidiana, le icone pop. Joan Didion descrive e analizza gli eventi chiave e le principali tendenze di quell'epoca, soffermandosi sulle vicende di alcuni personaggi cruciali. Da Charles Manson a Doris Lessing, dalla pittrice Georgia O'Keeffe alla storica organizzazione afroamericana delle Pantere Nere, dai centri commerciali "che fluttuano nel paesaggio come piramidi" alla Villa Getty di Malibu: ogni cosa è vista attraverso il suo sguardo lucido e impietoso, fragile e inquieto. The White Album è un reportage attuale e imprescindibile, un grande classico moderno del giornalismo narrativo, con cui Didion ha contribuito a raccontare l'America e il suo immaginario.

The White Album

Didion Joan

Cosa si prova a essere improvvisamente trasformati in uno specchio da una strana luce viola e ritrovarsi su un pianeta di una galassia lontana anni luce, di nome Catorcia, luogo in cui finiscono tutti gli oggetti che agli Umani non servono più ma che vogliono sfuggire alla discarica? E come combattere per salvare l’esistenza stessa di Catorcia, del mondo e dell’universo intero, dai piani malefici di Yvonne, un essere terribile che è concentrato di mille malvagità, di MorteaCredito, un enorme cannone reduce da infinite battaglie, e di una misteriosa banconota fuori corso? Sono loro tre, infatti, i capi dei terribili Ravanosi, gli umani che raccolgono gli oggetti usati per esporli nei mercatini delle pulci. Sarà Nico, una ragazza di dodici anni che vive con la nonna e i suoi 1748 specchi, ad affrontare questi temibili nemici; nella lotta, però, non sarà sola. Potrà contare infatti sull’aiuto di Abelardo, un vecchio frigo panciuto, dei Gialli e dei Rossi, quarantanove cartellini di quelli usati dagli arbitri per ammonire o espellere i giocatori durante le partite di calcio, di un Mattone, ma anche di Gualtiero, un wc a cui si “affezionerà molto”. Ognuno si dimostrerà un compagno pieno di sorprese e risorse inaspettate; ma soprattutto sarà prezioso il Dono di Nico, una qualità particolare e unica che ha acquisito a Catorcia e che le resterà per sempre.

ODORE DI GUAI

Tomatis Marco

Il male supremo, quello banale e terrestre, disappropriante e dissociativo, esiste. Il male è Luciano Lualdi, l’impresario più importante dello star system nostrano, l’uomo che influisce sulla vita politica e sottoculturata dell’Italia targata talent. Demiurgo spietato di tronisti palestrati e starlette anoressiche, Lucio succhia dall’interno la linfa vitale dei nuovi ragazzi di vita: la folla votata al palcoscenico per imporre il proprio nome, le proprie vocazioni inesistenti, la propria inconsistenza – cifra di un’intera nazione ipnotizzata davanti allo schermo televisivo. Ingenua vittima sacrificale è Christian Russo, muscoloso, ventenne, occhi chiari trasparenti, con una malattia che gli rode l’anima e una che gli toglie il respiro. Christian, il burattino, e Lucio, l’arbitro dei destini: un incastro tra identità speculari, perfetto fino quando l’ironia tragica della realtà stravolge quell’equilibrio. A raccontare questa storia è Teresa Ciabatti, cantrice della nostra contemporaneità, con meccanismo narrativo perfetto, che si intrude nel vilipendio morale e fisico che è la cifra del nostro presente. La scrittura affonda il bisturi laddove la malattia scintilla, sprofondando nell’epica trash italiana di oggi, che in Tuttissanti si narra e trionfa, in una ricognizione drammaturgica del disagio e del formidabile di un’epoca. Una forma di racconto che pendola tra realismo apparente e trance, tutt’altro che immaginaria.

TUTTISSANTI

Ciabatti Teresa