Racconti

La prima volta a… Bologna

AA. VV.

Descrizione: Diario intimo della città felsinea a cura di Cristina Orlandi e Francesca Panzacchi, Edizioni della Sera, 2021. Prefazione di Scilla Bonfiglioli.

Categoria: Racconti

Editore: Edizioni della Sera

Collana: Memoriae

Anno: 2021

ISBN: 9788832213447

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

La prima volta a… Bologna - Diario intimo della città felsinea a cura di Cristina Orlandi e Francesca PanzacchiEdizioni della Sera, 2021

Prefazione di Scilla Bonfiglioli

Bologna la turrita riserva mille sorprese. È una città che abbraccia i suoi abitanti e non si lascia dimenticare. Bologna è arte, cultura, storia antica e recente, eterno tempio della gastronomia, è un mondo straordinario incastonato fra tredici porte misteriose. È anche un posto in cui perdersi per ritrovarsi. Proprio per questo, e molto altro, le “prime volte” vissute nel cerchio delle mura antiche sono qui narrate come esperienze insolite, momenti di crescita, a volte di dolore, o anche eventi ordinari, ma che hanno lasciato un ricordo indelebile in ognuno di loro. In questo volume si raccontano storie intense con lo stupore, l’emozione e la meraviglia della fatidica prima volta.

L’antologia  intitolata  La prima volta a… Bologna è curata da Cristina Orlandi e Francesca Panzacchi per le Edizioni della Sera“Le emozioni e le descrizioni sono l’anima del libro, ognuno deve parlare della sua prima volta, in ogni ambito.”

I racconti sono di Stefano Bonazzi, Carmine Caputo, Mauro Corticelli, Eliselle, Bruno Elpis, Barbara Faenza, Manuela Fiorini, Maurizio Malavolta, Luca Martinelli, Luca Martini, Lorenzo Mazzoni, Gianluca Morozzi, Luca Occhi, Cristina Orlandi e Francesca Panzacchi.

Leggi l’intervista a Cristina Orlandi e Francesca Panzacchi, curatrici dell’opera La prima volta a… Bologna, a questo link

Acquista il libro su IBS

Acquista il libro su Mondadori store

Acquista il libro sul sito della casa editrice

Francesca Panzacchi si è laureata in Scienze Politiche all’Università di Bologna con una tesi su Goffman. Scrittrice e fotografa, ha ottenuto importanti riconoscimenti in ambito letterario. Ha collaborato con «Il Resto del Carlino» e con varie case editrici in qualità di curatrice di collana. 

Cristina Orlandi ha pubblicato diversi racconti in varie antologie. Nel 2016 scrive il volume Bologna meravigliosa (Edizioni della Sera), percorso emozionale attraverso luoghi e ricordi della città di Bologna. Nel 2018 esce l’antologia Bolognesi per sempre (Edizioni della Sera), una raccolta di racconti sull’amore per la città di Bologna firmata da autori vari, da lei curata e in cui è presente un suo racconto. Per Edizioni del Loggione ha pubblicato Due mariti per Sanja (2017), I boschi del tempo (2018), A ogni costo (2019), Lampi di amore e correnti contrarie (2020).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vv.

Aa.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA. VV.

Diciassette storie di servan, giganti, animali, streghe, vecchie megere e quant'altro abbia da sempre popolato i racconti della tradizione piemontese, e non solo. Diciassette storie a cavallo tra Piemonte e Liguria, di paura, follia, superstizione, esorcismi, di diavolerie in genere. Bruno Vallepiano ci accompagna in un mondo che è appena scomparso, ma le cui lunghe ombre ci toccano ancora, non facendoci dormire sonni troppo tranquilli.

La pietra delle masche

Vallepiano Bruno

Ci sono due tipi di passione. Una non mi piace, l'altra non m'interessa. Cosa hanno in comune la vita di Elsina Marone, miliardaria, impareggiabile ancheggiatrice e una breve esperienza da pilota di Formula 1, e quella di Salvatore Varriale detto (dai nemici) 'a Libellula, boss della camorra nascosto (dagli amici) in uno scantinato del casertano? E quelle di Peppino Valletta, romantico cantante di piano-bar, che vive per il figlio disabile, e di Linda Giugiù, imbattibile, o quasi, al tavolo da poker? O ancora quelle di Aristide Perrella, inesorabile e mostruosa forza della natura, di Donna Emma, perfida viceportiera in un signorile stabile sulla panoramica di Napoli, di Girolamo Santagata, "avvocato romano e misantropo internazionale", di Enza Condé, scienziata di fama planetaria, di Marco Valle, bolognese e taciturno, e di Settimio Valori, "infaticabile patrocinatore di se stesso e uomo di sconcertante banalità"? Hanno in comune che sono, appunto, vite. E come ogni vita sono composte di tutte le cose che ci sembrano decisive e non lo sono, di sparuti momenti di felicità e abissi di dolore, di una apparente monotonia rotta da squarci di luce e grazia, da illuminazioni improvvise, da migliaia di aspetti forse irrilevanti ma non per questo secondari. Partendo dai ritratti del fotografo Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino immagina l'esistenza delle persone immortalate, senza conoscere i loro nomi, le loro generalità, che cosa facciano o abbiano fatto.

Gli aspetti irrilevanti

Sorrentino Paolo

L'archivio Viterbo - dichiarato nel 1990 di "notevole interesse storico" dalla Soprintendenza Archivistica per la Puglia - è stato acquisito a titolo di donazione dall'Archivio di Stato di Bari. Si deve alla sensibile lungimiranza dei figli di Michele Viterbo, Silvia, Nicola e Donato, se le raccolte documentarie sono state donate all'Archivio barese che in tal modo, nell'adempimento dei suoi compiti istituzionali, arricchisce la collettività di Bari e dell'intera realtà regionale di un'importante testimonianza relativa a vicende significative della storia locale e nazionale.

1943 – 1945. Diario

Viterbo Michele

Wes cammina per le strade di una New York notturna. Sta tornando a casa e dovrebbe essere felice perché ha appena compiuto il grande passo che tutti i suoi coetanei sognano, il rito di iniziazione per eccellenza. Wes, 17 anni, ha fatto sesso per la prima volta. Eppure è triste, indicibilmente, profondamente triste. Perché è successo tutto nel momento sbagliato, con la ragazza sbagliata, per i motivi sbagliati. È tutto fuori dal rigido e assai articolato copione che in ogni istante della sua vita Wes struttura mentalmente. Un copione che ingloba in sé tutti gli aspetti della sua esistenza, dalla madre gravemente malata e costretta a letto al padre scrittore fallito, dalle pagine di "Guerra e pace" a quelle del "Maestro e Margherita", dall'amore idealizzato e impossibile per la bella Delia a quello più protettivo per la sorellina Nora. Un ritratto commovente. Un romanzo tenero e affettuoso. Grazie alle sempre avvincenti e intriganti elucubrazioni del giovane Wes, le pagine di questo romanzo ci restituiscono i sentimenti e le emozioni di un'età in cui ancor più della vita in sé è importante il modo in cui la percepiamo, ancor più di ciò che siamo è importante il modo in cui ci crediamo percepiti dagli altri, un'età in cui nella mente scorre un interminabile flusso di pensieri, considerazioni e sensazioni che può trasformare ogni banale momento quotidiano nella pagina di un infinito romanzo che ci vede come unici protagonisti.

TUTTO ACCADE OGGI

Browner Jesse