Giallo - thriller - noir

La processione dei fantasmi

Lioni Gianluca

Descrizione: Isola della Maddalena, 1864. Mentre l'anarchico Bakunin approda al porto di Caprera, accolto da Garibaldi in persona e dalla sua corte di fedelissimi, nell'unica osteria dell'isola il vecchio capitano inglese Daniel Roberts apprende dell'improvvisa morte di Loriga, proprietario dell'emporio del paese. Solo pochi giorni prima, il commerciante aveva raccontato di aver visto la Réula, la macabra processione di fantasmi che, secondo una leggenda popolare, sarebbe presagio di sventure. Ma il maresciallo Bachisio Tanchis e il giovane brigadiere De Rosas non possono dar retta alle superstizioni e si mettono alla ricerca di un colpevole. Daniel Roberts, intanto, inizia a indagare per conto proprio assistito dal parroco, l'energico e anticonformista don Mamia... Non ci vuole molto per far emergere i loschi e pericolosi maneggi elaborati da Loriga nel corso degli anni. Ma il mistero è più profondo, e affonda le sue radici nei rapporti tra il commerciante e la composita popolazione dell'isola. Tra pescatori napoletani, scalpellini liguri e militari piemontesi, tra interessi del giovane Regno d'Italia e antichi segreti locali, ci vorrà tutto l'acume degli investigatori - e l'intervento di Garibaldi - per sbrogliare la matassa.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Tre60

Collana: Narrativa Tre60

Anno: 2020

ISBN: 9788867025978

Recensito da Maura Locantore

Le Vostre recensioni

La processione dei fantasmi. La prima indagine del maresciallo Tanchis

NOTE SULL’ AUTORE – Nato a Sassari nel 1981, Gianluca Lioni vive tra Roma e La Maddalena. Giornalista professionista, laureato in Scienze della Comunicazione, è Portavoce del Ministro dei Beni e delle attività culturali e del Turismo. Ha coordinato il Comitato Nazionale per le celebrazioni del 40° anniversario della scomparsa di Pier Paolo Pasolini, presieduto da Dacia Maraini. Ha pubblicato I grandi discorsi che hanno cambiato la storia (Newton Compton, 2017).

RECENSIONE

Folgorante esordio per Gianluca Lioni, un romanzo che fin dal titolo e dalle prime pagine sa imprimere un preciso passo alla storia e disegna un intreccio narrativo, in un giallo coinvolgente, in cui tutte le figure possiedono un carattere affascinante, nell’incastro di eventi inattesi e che lasciano fino alla fine con fiato sospeso alla ricerca di chi abbia commesso quell’azione delittuosa. Brevemente e a tratti si prende respiro dal noir per dare spessore realistico ai diversi personaggi, nonché alla natura e ai paesaggi dell’Arcipelago della Maddalena, i cui luoghi, che fanno da ambientazione al romanzo nel 1864, hanno anima e memoria nascosta nelle coste, nelle pietre e nella terra. La trama è avvincente e costruita abilmente, in un equilibrio di ritmo e dialoghi che hanno, pur nella velocità di uno stile narrativo che tende alla verticalità, il giusto spazio e la coerente proporzione senza sottrarre nulla alla caratterizzazione dei personaggi che catturano il lettore, anche quello che ha poca familiarità con il genere letterario, stimolandone la partecipazione tramite un alto livello di aspettativa e, al contempo, di incertezza, sorpresa e ansia. E così l’enigma relativo alla morte di Loriga, proprietario dell’emporio del paese che solo qualche giorno prima, visibilmente preda dei fumi dell’alcol, aveva dichiarato nell’osteria di aver assistito alla Rèula – fosca processione di morti, di fantasmi che, secondo una tradizione popolare della Gallura, rappresenta un funesto presagio per chi vi assiste – acquisisce i contorni di un’indagine avvincente tanto per il Maresciallo dei Reali Carabinieri di Sardegna, Banchisio Tanchis, tanto quanto per il capitano inglese della Royal Navy, Daniel Roberts, che ha deciso di trascorrere gli ultimi anni di vita alla Maddalena. E scorrendo i 30 brevi capitoli che compongono il romanzo, si scopre di non essere di fronte a un caso di omonimia e che il capitano inglese, proprio come la figura del parroco anticonformista Don Mamia, non sono personaggi frutto della fantasia di Lioni bensì l’oggetto di un profondo studio storico che l’autore ha svolto negli archivi e con l’ausilio delle ricerche di noti e diversi cultori di storia locale dell’isola. Colpo di scena ed ecco arrivare l’altro co-protagonista del romanzo: l’Eroe dei due Mondi, che ritiratosi sull’Isola di Caprera, riceve visitatori di ogni dove che siano amici, intellettuali o militari e, fra i tanti che sbarcano sull’isola, Lioni pone attenzione allo storico incontro di Garibaldi con il filosofo russo, anarchico e rivoluzionario, Michail Bakunin. E non sarà però la sequenza di tale incontro, il momento in cui l’autore esordiente, mostrando il suo potente acume, affida un messaggio ai lettori prediligendo a Garibaldi il capitano Roberts: “Guardi che noi due ci assomigliamo più di quanto crede. Lei ha cercato la libertà prendendo la strada del mare. Anche nella mia natura c’è sempre stato lo stesso difetto capitale: la ricerca delle avventure straordinarie e inaudite, delle imprese dagli orizzonti illimitati e delle quali nessuno può prevedere il risultato. In un’esistenza ordinaria e calma soffocavo, mi sentivo a disagio. Gli uomini normalmente cercano la tranquillità e la considerano come il bene supremo, a me invece metteva angoscia. Il mio spirito vuole azione, movimento, vita!”. La processione dei fantasmi è indubbiamente un romanzo che si nutre di vita, pur a cospetto della cornice di morte, in un finale che in un costante aumento di tensione narrativa, non è un epilogo come il sottotitolo preannuncia: siamo solo di fronte alla prima indagine di Tanchis!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianluca

Lioni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lioni Gianluca

Paul Overt, giovane autore con qualche buon romanzo alle spalle, incontra con grande emozione Henry St. George, lo scrittore da lui idolatrato, che lo mette in guardia dalle insidie dell’amore romantico, persuaso com’è che la vita di famiglia, con i suoi gravami, comprometta la creatività e l’integrità artistica. Esaltato e lacerato dalle parole del collega più anziano, Overt partirà per un lungo viaggio all’estero. Ma al ritorno, due anni più tardi, di fronte a una sorpresa dal sapore beffardo, si domanderà se il sublime sacrificio che avrebbe voluto imporsi fosse davvero così imperativo: e la lezione che avrà appreso sarà meno eccelsa, e più venefica, di quella impartitagli dal sommo, ineffabile Maestro.

La lezione del maestro

James Henry

L'automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma è notte. E l'uomo in corridoio non è suo marito Stephen. È uno sconosciuto, che però sembra conoscere tutto di lei. Sarah deve mantenersi calma a tutti i costi. Perché nella stanza vicina dorme suo figlio di sei anni...

Phobia

Dorn Wulf

E’ notte e il silenzio avvolge la baia di Salem. Zee Finch è ferma sul molo e fissa il mare. Il tempo sembra essersi fermato. Le stelle brillano nel cielo senza una e si riflettono sulle acque dell’oceano disegnando un sentiero luminoso. Una volta Zee conosceva bene quel sentiero. Aveva tredici anni e passava le notti in mare aperto a guidare barche rubate, ma trovava sempre la strada grazie alle stelle. Eppure, un giorno, aveva perso quella rotta, e aveva giurato a se stessa di non percorrerla più. Perché quel giorno sua madre sia era suicidata, all’improvviso. Zee era fuggita da tutto e da tutti, dedicandosi agli studi in psicologia. Sono passati quindici anni da allora. Ma adesso è venuto il momento di ripercorrere quella rotta perduta. Il suicidio di Lily Braedon, una delle pazienti più difficili di Zee, che ora fa la psicoterapeuta, la costringe a fare ritorno. Le analogie fra il caso della donna e quello della madre sono troppe. Zee è sconvolta, ma non ha altra scelta: l’unico modo per fare luce sulla morte di Lily è capire la verità sul suo passato irrisolto. Un passato pieno di menzogne e segreti che molti, nella chiusa comunità di Salem, hanno cercato di rimuovere. Zee non può fidarsi di nessuno. Forse nemmeno di suo padre, ormai un uomo vecchio e malato. Non le resta che fare affidamento su se stessa, imparare a non dare nulla per scontato, rimettere tutto in discussione, anche quando la fuga sembra l’unica via d’uscita. Ma deve fare in fretta. Perché una nuova spirale di violenza rischia di rendere ogni sforzo vano. La verità corre su un’unica strada, che Zee ha dimenticato per troppo tempo, ma che se troverà il coraggiosi ripercorrere, la porterà a casa. Qui potrà finalmente realizzarsi il destino che l’aspetta.

LA RAGAZZA CHE RUBAVA LE STELLE

Barry Brunonia

Nell'estremo lembo della provincia ferrarese, dove il Po incontra il mare, Giovanni e Iolanda, fratelli e nemici, devono patteggiare per sopravvivere...

D’argine al male

Conventi Gaia