Giallo - thriller - noir

LA PROMESSA

Dürrenmatt Friedrich

Descrizione: Un investigatore infallibile, i suoi colleghi ottusi e altezzosi, un delitto raccapricciante la cui vittima è un bambino di sette anni e, infine, la rivelazione dell'assassino.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788807811425

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Quanti romanzo conoscente che ribaltano i cliché di un genere letterario? Io pochi, pochissimi. “La promessa” dello scrittore (ma anche drammaturgo e pittore) svizzero Friedrich Dürrenmatt è senza dubbio uno di questi. L’autore stesso, nella postfazione, annuncia il suo obiettivo di “mettere disordine” nell’ingessato mondo del poliziesco anni ‘50. Il romanzo, infatti, è uscito in Svizzera nel 1957, l’edizione che ho letto io è un tascabile della Feltrinelli (192 pp., 7,50 €) che riporta l’intrigante sottotitolo di “Un requiem per il romanzo giallo”.

 E perché mai? Mi sono chiesto per gran parte della lettura, immerso nei paesaggi campestri e cittadini di una Svizzera di cantone dipinta con tratti poco accoglienti, quasi aspri, tutta radunata attorno a minestre di fegatini al carrello, alcol per dimenticare (forse la Svizzera stessa) e nuvole di fumo di sigari grandi, grandissimi e minuscoli. Apparentemente c’è tutto: un delitto efferato (una bambina massacrata a colpi di coltello), un investigatore (il commissario Matthäi), colleghi altezzosi che si rifiutano di prestare fede alle sue intuizioni. E la promessa che dà il titolo all’opera: quella che Matthäi rivolge ai genitori della bambina: troverò l’assassino, a ogni costo. Poi, ecco un altro elemento fondamentale del poliziesco classico: il depistaggio. L’arresto di un ambulante, su cui convergono tutti i sospetti. C’è persino il serial killer: una catena lega quest’ultimo omicidio a quelli di altre due bambine, in altri cantoni. E la stoica lotta di  Matthäi, che rovina se stesso e la propria carriera per mantenere la sua promessa.

Tutto torna, mi dicevo. Siamo nei binari del giallo classico. Se non che, a un certo punto, la voce narrante, il capo di Matthäi, spiega al proprio interlocutore (uno scrittore, reduce da una fallimentare presentazione di un romanzo) che “la sorpresa finale è estremamente povera e meschina, tanto meschina che non potrebbe adoperarla in nessun film o romanzo appena appena decente”. Eccolo, il requiem di Dürrenmatt. Con l’arte di un grande tragediografo greco, fa entrare il fato nella storia. Cade la consequenzialità degli eventi, struttura portante dell’intero genere poliziesco.  Le cose, semplicemente, accadono e gli uomini le subiscono, senza capirne le ragioni.

Un romanzo sorprendente, modernissimo nonostante i cinquant’anni suonati. Non può lasciare indifferenti né per il linguaggio e le ambientazioni, né per la pletora di riferimenti a miti e, persino, alle favole. Dürrenmatt non vuole stupire a tutti i costi, ma ci riesce perfettamente. Dote dei grandi scrittori.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Dürrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dürrenmatt Friedrich


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

De Amicis, Edmondo – SANGUE ROMAGNOLO (Cuore, 1886)

Susie, tredicenne, e stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. A raccontarci l'orrendo omicidio e la stessa Susie, di cui Alice Sebold riesce a ricostruire in modo sorprendente pensieri e fantasie.

AMABILI RESTI

Sebold Alice

Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella

Nell'estremo lembo della provincia ferrarese, dove il Po incontra il mare, Giovanni e Iolanda, fratelli e nemici, devono patteggiare per sopravvivere...

D’argine al male

Conventi Gaia