Giallo - thriller - noir

LA PROMESSA

Dürrenmatt Friedrich

Descrizione: Un investigatore infallibile, i suoi colleghi ottusi e altezzosi, un delitto raccapricciante la cui vittima è un bambino di sette anni e, infine, la rivelazione dell'assassino.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788807811425

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Quanti romanzo conoscente che ribaltano i cliché di un genere letterario? Io pochi, pochissimi. “La promessa” dello scrittore (ma anche drammaturgo e pittore) svizzero Friedrich Dürrenmatt è senza dubbio uno di questi. L’autore stesso, nella postfazione, annuncia il suo obiettivo di “mettere disordine” nell’ingessato mondo del poliziesco anni ‘50. Il romanzo, infatti, è uscito in Svizzera nel 1957, l’edizione che ho letto io è un tascabile della Feltrinelli (192 pp., 7,50 €) che riporta l’intrigante sottotitolo di “Un requiem per il romanzo giallo”.

 E perché mai? Mi sono chiesto per gran parte della lettura, immerso nei paesaggi campestri e cittadini di una Svizzera di cantone dipinta con tratti poco accoglienti, quasi aspri, tutta radunata attorno a minestre di fegatini al carrello, alcol per dimenticare (forse la Svizzera stessa) e nuvole di fumo di sigari grandi, grandissimi e minuscoli. Apparentemente c’è tutto: un delitto efferato (una bambina massacrata a colpi di coltello), un investigatore (il commissario Matthäi), colleghi altezzosi che si rifiutano di prestare fede alle sue intuizioni. E la promessa che dà il titolo all’opera: quella che Matthäi rivolge ai genitori della bambina: troverò l’assassino, a ogni costo. Poi, ecco un altro elemento fondamentale del poliziesco classico: il depistaggio. L’arresto di un ambulante, su cui convergono tutti i sospetti. C’è persino il serial killer: una catena lega quest’ultimo omicidio a quelli di altre due bambine, in altri cantoni. E la stoica lotta di  Matthäi, che rovina se stesso e la propria carriera per mantenere la sua promessa.

Tutto torna, mi dicevo. Siamo nei binari del giallo classico. Se non che, a un certo punto, la voce narrante, il capo di Matthäi, spiega al proprio interlocutore (uno scrittore, reduce da una fallimentare presentazione di un romanzo) che “la sorpresa finale è estremamente povera e meschina, tanto meschina che non potrebbe adoperarla in nessun film o romanzo appena appena decente”. Eccolo, il requiem di Dürrenmatt. Con l’arte di un grande tragediografo greco, fa entrare il fato nella storia. Cade la consequenzialità degli eventi, struttura portante dell’intero genere poliziesco.  Le cose, semplicemente, accadono e gli uomini le subiscono, senza capirne le ragioni.

Un romanzo sorprendente, modernissimo nonostante i cinquant’anni suonati. Non può lasciare indifferenti né per il linguaggio e le ambientazioni, né per la pletora di riferimenti a miti e, persino, alle favole. Dürrenmatt non vuole stupire a tutti i costi, ma ci riesce perfettamente. Dote dei grandi scrittori.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Dürrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dürrenmatt Friedrich


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

LA LIBRAIA DI ORVIETO

Pattavina Valentina

Il fallimento dello slancio risorgimentale e il degrado morale nel nuovo stato unitario, le storie di uomini che sognano grandi progetti, ma franano in compromessi, incapaci di liberarsi degli interessi personali. Il romanzo più complesso di Pirandello racconta l’immobilismo del Paese e i limiti della natura dell’uomo.

I vecchi e i giovani

Pirandello Luigi

Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick – il suo migliore amico – un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Per la cerimonia nuziale, Colin non bada a spese: ingaggia un Arcivettovo, settantatré musicisti, quattordici Figli della Fede e due pederasti d'onore. Nella chiesa, ridipinta di fresco a strisce gialle e viola, entrano anche le nuvole, profumate di coriandolo e di erbe di montagna. Gli sposini si imbarcano in un lungo e stralunato viaggio di nozze nel Sud della Francia, scortati dal cuoco di Colin, Nicolas. Al ritorno dal viaggio, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto... Romanzo dolce e pirotecnico, surreale fiaba d'amore e feroce denuncia del conformismo, piena di invenzioni che fanno ridere e piangere, La schiuma dei giorni è il capolavoro di un genio ventisettenne: Boris Vian. Prefazione di Ivano Fossati. Con un'intervista a Daniel Pennac.

LA SCHIUMA DEI GIORNI

Vian Boris

“Il malinteso”, così Carlo e Margherita chiamano il dubbio che ha incrinato la superficie smagliante del loro matrimonio. Carlo è stato visto nel bagno dell’università con una sua studentessa, Sofia. “Ha avuto un malore, l’ho soccorsa”, racconta alla moglie. Sofia ha la giovinezza, la libertà, e forse anche il talento che Carlo vorrebbe per sé. Il suo primo romanzo è fermo da anni al primo capitolo, e il posto da professore l’ha ottenuto grazie all’influenza del padre. La porta dell’ambizione, invece, Margherita l’ha chiusa scambiando la carriera di architetto con la stabilità di un’agenzia immobiliare. Margherita e Carlo non sono una coppia in crisi, la loro intesa è tenace, la confidenza il gioco pericoloso tra le lenzuola. Le parole fra loro ardono ancora, così come i gesti. Si definirebbero felici. Ma quel tradimento mai davvero consumato per Carlo si trasforma in un’ossessione, e per Margherita può diventare un alibi potente per le sue fantasie sul fisioterapista Andrea. In una Milano vivissima, tra le vecchie vie raccontate da Buzzati e i nuovi grattacieli che tagliano l’orizzonte, la casa di corso Concordia, ridente di luce e veramente troppo cara, rappresenta una possibilità e una colpa che non finiranno di scontare. A tirarli fuori ci penserà l’amore con la sua incredibile forza quieta, e l’allegro ricucire di Anna, la madre di Margherita, il faro illuminante del romanzo, uno di quei personaggi capaci di saltare fuori dalle pagine dei libri. Lo sguardo di Marco Missiroli, che i lettori ben conoscono, si fa qui talmente intimo da diventare spietato.

Fedeltà

Missiroli Marco