Letteratura femminile

LA PROVA DEL MIELE

Al-Neimi Salwa

Descrizione: Araba e colta, la protagonista è una scrittrice nata e cresciuta a Damasco, poi trasferitasi a Parigi dove lavora all’università e si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, erotico, carnale, pornografico. La passione per il corpo diventa passione per la parola: clandestine, come i suoi incontri amorosi, sono le letture rapinose dei testi di letteratura erotica araba antica. Il Corano stesso si rivela un trattato sul piacere sessuale e perfino le famigerate fatwàt assumono un’ambiguità che sembra lasciare spazio al piacere. I ricordi dell’infanzia siriana, le memorie di un mondo degli adulti complesso e contorto, fatto di segreti, tradimenti e passioni, le chiacchiere femminili negli hammam, le confidenze delle amiche, tutto diventa materia di una ricerca dentro il mistero fascinoso della carne, di una via della conoscenza che fa appunto del corpo e non dello spirito il mezzo e il fine della ricerca stessa. E Salwa al-Neimi – o la protagonista – intraprende questo percorso proprio perché si sente figlia orgogliosa di un universo culturale profondamente arabo. Ribalta i luoghi comuni sul rapporto tra sesso e Islam, e mostra come nella tradizione araba il piacere sessuale non sia un peccato ma una grazia di Dio, un “assaggio”, un “memento” dei piaceri che ci attendono in paradiso.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2008

ISBN: 9788807017643

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Mi piacciono i segreti. Queste storie, che nessuno conosce all’infuori di me, sono il senso della mia vita. Una vita intera che appartiene solo a me, che non spartisco con nessun altro. Mi basta chiudere gli occhi per gustare il piccolo miele del piacere, per leccare il suo sapore sulle mie labbra. Mi basta chiudere gli occhi perché mi si disegni davanti un’immagine fatta di suoni, colori, odori, tatto e gusto. Mi basta”.

Ora non è più un segreto che una donna, araba, una bibliotecaria, una creatura linguistica che ama le parole abbiaconosciuto il Pensatore e dopo di lui, altri uomini.

Le parole per lei sono strumento d’amore tanto quanto il corpo.

Il Pensatore le ha insegnato a parlare di sesso, perché “L’amore fatto con le parole è totale e violento. Non manca nulla: dal respiro dell’eccitazione ai brividi sulla pelle; dai primi infradiciamenti ai battiti del cuore[…]. Il più grande piaceredopo l’amore è parlarne…”

La lingua giusta per farlo è l’arabo, perché, ci dice la scrittrice Salwa Al-Neimi, la cultura araba è una cultura di libertà. Per rendersene conto oggi basta leggere testi arabi antichi sull’erotismo e non solo, in cui non esistono pregiudizi o giudizi morali sul tema, ma solo il piacere di scrivere dell’atto sessuale e dei suoi benefici per il corpo, l’anima e lo spirito. I richiami a questi testi antichi affascinano il lettore ignaro e stupiscono per la loro semplicità disarmante.

Se mia madre avesse letto sui baci le cose che ho letto io nei testi antichi, non avrebbe tirato in ballo gli angeli e, invece di darmi il permesso, mi avrebbe detto che – il bacio per primo stimola la passione e aumenta la potenza sessuale, provoca erezione ed eiaculazione. Il bacio fa issare le verghe e accende le vulve, soprattutto se l’uomo, tra due baci, si diletta a mordicchiare e pizzicare con tenerezza – Di madri così sagge da insegnare alle figlie l’arte della seduzione se ne incontrano solo nei testi erotici”.

Le pagine di questo libro sono colme d’amore, anche se la poetessa siriana ci tiene a sottolineare che non si tratta di un libro erotico, etichettato così dalla stampa internazionale. Il libro, uscito per la prima volta in Libano, censurato in moltiPaesi arabi, parla prima di tutto della cultura della libertà edell’importanza delle parole come veicolo di conoscenza in ogni campo e, certamente, anche nei rapporti tra uomo e donna.

L’immagine di una donna sottomessa, anche sessualmente, al dominio del maschio è fortemente radicata in molte culturedove la separazione tra corpo e anima è netta e dove la ricerca del piacere sessuale si riduce a pratica infima ed indegna. Tanto vale quindi non parlarne.

La protagonista di queste pagine non è di questa idea. Ed ecco quindi che le parole, che sgorgano lente e dolci dalla sua bocca, diventano esse stesse fonte di piacere sublime, lasciando i suoi lettori letteralmente incantati. Scrive il “suo” saggio sull’erotismo semplicemente dando voce ai suoi segreti e, tra essi, al Pensatore, espediente necessario per parlare d’amore e quindi di sesso.

Una cosa è certa, la prova del miele per la scrittrice doveva essere il miele e così è stato.

Noi tutti abbiamo un Pensatore o una Pensatrice (forse più d’uno) che ci aspetta in qualche angolo di questo mondo per rivelarci come siamo, per farci scoprire le nostre capacità, per farci addentrare nel nostro labirinto interiore […] Potremmo perderlo con una parola, un’alzata di spalle, un viaggio rimandato, con una frase inopportuna, per un timore ancestrale, perché abbiamo accettato le regole di un gioco che ci umilia. C’è chi vive e muore senza incontrare questo suo essenziale altro sé, che gli aprirebbe porte chiuse sul mondo. C’è chi vive e muore senza mai tramutarsi nel tizzone che infiamma ogni cosa accanto, ogni persona accanto. C’è chi vive senza conoscere la via che porta al suo corpo e al corpo degli altri”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Salwa

Al-neimi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Al-Neimi Salwa


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

The poetry of Menotti Lerro

Mangham Andrew

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William

Rose è delusa dalla sua vita pur non avendone motivo: ha una bella famiglia e una deliziosa casa in un bel quartiere. Ma per Rose questa vita ordinaria è messa in ombra dalla sua altra vita, quella che vive ogni notte nei suoi sogni. Da bambina, in seguito a un incidente, ha iniziato a sognare una meravigliosa isola ricca di avventure. Su quest’isola non è mai stata sola: c’è sempre Hugo, un ragazzo coraggioso che cresce assieme a lei negli anni fino a diventare il suo eroe. Ma quando Rose incontra casualmente Hugo nella vita vera, sia i suoi sogni che la vita reale cambieranno per sempre. Si trova infatti davanti l’uomo che ha condiviso le sue incredibili avventure in luoghi impossibili, che è cresciuto assieme a lei, ma ambedue sono molto diversi da come si erano immaginati. Il loro incontro dà il via a una cascata di domande e bugie, e a una pericolosa ossessione, che minaccia di rovesciare il mondo di Rose. Lei vorrà veramente perdere tutto ciò che le è caro per capire lo straordinario rapporto che li unisce?

Hugo e Rose

Bridget Foley