Narrativa

LA RAGAZZA CHE RUBAVA LE STELLE

Barry Brunonia

Descrizione: E’ notte e il silenzio avvolge la baia di Salem. Zee Finch è ferma sul molo e fissa il mare. Il tempo sembra essersi fermato. Le stelle brillano nel cielo senza una e si riflettono sulle acque dell’oceano disegnando un sentiero luminoso. Una volta Zee conosceva bene quel sentiero. Aveva tredici anni e passava le notti in mare aperto a guidare barche rubate, ma trovava sempre la strada grazie alle stelle. Eppure, un giorno, aveva perso quella rotta, e aveva giurato a se stessa di non percorrerla più. Perché quel giorno sua madre sia era suicidata, all’improvviso. Zee era fuggita da tutto e da tutti, dedicandosi agli studi in psicologia. Sono passati quindici anni da allora. Ma adesso è venuto il momento di ripercorrere quella rotta perduta. Il suicidio di Lily Braedon, una delle pazienti più difficili di Zee, che ora fa la psicoterapeuta, la costringe a fare ritorno. Le analogie fra il caso della donna e quello della madre sono troppe. Zee è sconvolta, ma non ha altra scelta: l’unico modo per fare luce sulla morte di Lily è capire la verità sul suo passato irrisolto. Un passato pieno di menzogne e segreti che molti, nella chiusa comunità di Salem, hanno cercato di rimuovere. Zee non può fidarsi di nessuno. Forse nemmeno di suo padre, ormai un uomo vecchio e malato. Non le resta che fare affidamento su se stessa, imparare a non dare nulla per scontato, rimettere tutto in discussione, anche quando la fuga sembra l’unica via d’uscita. Ma deve fare in fretta. Perché una nuova spirale di violenza rischia di rendere ogni sforzo vano. La verità corre su un’unica strada, che Zee ha dimenticato per troppo tempo, ma che se troverà il coraggiosi ripercorrere, la porterà a casa. Qui potrà finalmente realizzarsi il destino che l’aspetta.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2010

ISBN: 9788811681946

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Una nuova vita scaccia via i vecchi fantasmi

Quando Lilly Braedon si reca nel loro studio, la dottoressa Liz Mattei decide subito di affidarla a Zee.

Anche alla madre di Zee, Maureen, morta suicida quando lei aveva solo tredici anni, era stato diagnosticato un disturbo bipolare, sicché si tratta di una malattia che, suo malgrado, Zee conosce molto bene.

Tuttavia, nonostante i propri sforzi e la propria dedizione, Zee non riesce a salvare la sua paziente… Lilly si suicida lanciandosi dal ponte Tobin, o almeno così pare, e questo tragico evento la riporta inevitabilmente a ripensare a Maureen, costringendola a fare finalmente i conti col proprio passato ricco di rimorsi e fitto di segreti.

Dopo il funerale di Lilly Braedon, infatti, Zee sente impellente il bisogno di rivedere suo padre. Così guida fino a Salem e raggiunge Turner Street: Finch è sempre stato un grande estimatore del romanziere Hawthorne e la loro casa si trova esattamente di fronte alla famosa casa dei sette abbaini.

Il vecchio Finch, però, la riconosce a stento, e Zee non impiega molto a scoprire che suo padre è affetto dal morbo di Parkinson e, per di più, ha inspiegabilmente rotto col suo compagno, chiamato Melville, cacciandolo via di casa.

É soprattutto nel momento del bisogno che si desidera avere accanto la persona amata, ma Zee capisce proprio in questo frangente sfortunato che forse non vuole davvero sposare Michael… Annulla le nozze, si allontana dallo studio e da Boston e decide di dedicare tutto il suo tempo e le sue energie a prendersi cura del padre malato.

Quando Finch peggiora e le sue difficoltà motorie diventano sempre più gravi, si rende necessario installare in casa maniglie e corrimano. Non sapendo a chi rivolgersi, Zee chiede aiuto a suo zio Mickey. Sarà lui a presentarle Hawk, e tra i due inizierà una storia d’amore… Forse l’amore vero di cui sua madre Maureen era andata alla ricerca, forse quello stesso amore che Zee non è riuscita a trovare in Michael.

Ma chi è veramente Hawk?

“La ragazza che rubava le stelle” non è un semplice romanzo sentimentale ed intimistico: innanzitutto, nasconde un mistero che lentamente da sfondo si fa protagonista, in un crescendo di suspense; in secondo luogo, dalla vita di Zee si dirama un intreccio di altre storie, l’una strettamente legata e connessa all’altra: quella vissuta dalla madre, e quella scritta dalla stessa Maureen e lasciata incompiuta. Il tutto ambientato in un luogo di per sé circondato da un alone di magia come Salem, città delle streghe, dove l’autrice vive tuttora.

Un libro interessante, ben scritto e coinvolgente, con un colpo di scena imprevedibile.

Forse, considerata la complessità della trama e delle tematiche affrontate, l’epilogo pecca di buonismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Brunonia

Barry

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barry Brunonia

S'incrociano in una mattina di pioggia, su un marciapiede scivoloso. Dorina che fa tesi a pagamento e Livio che fa l'antiquario. Subito s'innamorano. Dorina, una giovane single, e Livio, un uomo sposato... Ma i ruoli di quella che potrebbe sembrare un'ordinaria relazione fra amanti clandestini s'invertono fin dall'inizio. Livio, radicato in una solida vita matrimoniale, si trova invischiato in un rapporto privo di gerarchie che la sua normalità non può reggere. Perche Dorina non vuol prendere il posto di sua moglie. Non chiede niente piú di quello che Livio è disposto a darle. Accetta la sua condizione di marito e di padre con una naturalezza che sconvolge l'assetto ordinato della vita di lui. Tanto da fargli montare dentro l'ossessione di sapere se il silenzio di Dorina, la sua mancanza di domande, la sua tranquillità ogni volta che lo vede tornare in famiglia, la luce tiepida e rassegnata che le raddolcisce lo sguardo siano cicatrici o espressioni naturali della sua persona. La donna di scorta è la messa a nudo di un sentimento vero e autosufficiente che non ricatta, non pretende; e non ha bisogno di investiture, sacrifici o riconoscimenti, ma nel puro desiderio dell'altro trova la sua sola ragione di essere.

LA DONNA DI SCORTA

De Silva Diego

Diario intimo della città felsinea a cura di Cristina Orlandi e Francesca Panzacchi, Edizioni della Sera, 2021. Prefazione di Scilla Bonfiglioli.

La prima volta a… Bologna

AA. VV.

Chi ha ucciso Dante? Quale segreto doveva sparire con lui? Dopo la morte del poeta, la figlia, suor Beatrice, un Cavaliere Templare e un medico iniziano un’indagine per fare chiarezza sull’accaduto. Quale codice si nasconde tra le pagine della Divina Commedia? Chi voleva impedire che l’opera fosse terminata? Perché Dante aveva occultato gli ultimi tredici canti del Paradiso? E chi ha rubato il manoscritto del poema? Teoremi raffi nati, intrighi complessi e personaggi oscuri si celano tra le righe dell’Inferno e del Purgatorio, come la vera identità del Veltro, o l’annuncio dell’arrivo di un enigmatico vendicatore… Sullo sfondo, un periodo storico decisivo: la crisi del Trecento, adombrata da misteri, intrecci e inquietanti interrogativi.

Il libro segreto di Dante

Fioretti Francesco

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano