Narrativa

LA RAGAZZA CHE RUBAVA LE STELLE

Barry Brunonia

Descrizione: E’ notte e il silenzio avvolge la baia di Salem. Zee Finch è ferma sul molo e fissa il mare. Il tempo sembra essersi fermato. Le stelle brillano nel cielo senza una e si riflettono sulle acque dell’oceano disegnando un sentiero luminoso. Una volta Zee conosceva bene quel sentiero. Aveva tredici anni e passava le notti in mare aperto a guidare barche rubate, ma trovava sempre la strada grazie alle stelle. Eppure, un giorno, aveva perso quella rotta, e aveva giurato a se stessa di non percorrerla più. Perché quel giorno sua madre sia era suicidata, all’improvviso. Zee era fuggita da tutto e da tutti, dedicandosi agli studi in psicologia. Sono passati quindici anni da allora. Ma adesso è venuto il momento di ripercorrere quella rotta perduta. Il suicidio di Lily Braedon, una delle pazienti più difficili di Zee, che ora fa la psicoterapeuta, la costringe a fare ritorno. Le analogie fra il caso della donna e quello della madre sono troppe. Zee è sconvolta, ma non ha altra scelta: l’unico modo per fare luce sulla morte di Lily è capire la verità sul suo passato irrisolto. Un passato pieno di menzogne e segreti che molti, nella chiusa comunità di Salem, hanno cercato di rimuovere. Zee non può fidarsi di nessuno. Forse nemmeno di suo padre, ormai un uomo vecchio e malato. Non le resta che fare affidamento su se stessa, imparare a non dare nulla per scontato, rimettere tutto in discussione, anche quando la fuga sembra l’unica via d’uscita. Ma deve fare in fretta. Perché una nuova spirale di violenza rischia di rendere ogni sforzo vano. La verità corre su un’unica strada, che Zee ha dimenticato per troppo tempo, ma che se troverà il coraggiosi ripercorrere, la porterà a casa. Qui potrà finalmente realizzarsi il destino che l’aspetta.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2010

ISBN: 9788811681946

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Una nuova vita scaccia via i vecchi fantasmi

Quando Lilly Braedon si reca nel loro studio, la dottoressa Liz Mattei decide subito di affidarla a Zee.

Anche alla madre di Zee, Maureen, morta suicida quando lei aveva solo tredici anni, era stato diagnosticato un disturbo bipolare, sicché si tratta di una malattia che, suo malgrado, Zee conosce molto bene.

Tuttavia, nonostante i propri sforzi e la propria dedizione, Zee non riesce a salvare la sua paziente… Lilly si suicida lanciandosi dal ponte Tobin, o almeno così pare, e questo tragico evento la riporta inevitabilmente a ripensare a Maureen, costringendola a fare finalmente i conti col proprio passato ricco di rimorsi e fitto di segreti.

Dopo il funerale di Lilly Braedon, infatti, Zee sente impellente il bisogno di rivedere suo padre. Così guida fino a Salem e raggiunge Turner Street: Finch è sempre stato un grande estimatore del romanziere Hawthorne e la loro casa si trova esattamente di fronte alla famosa casa dei sette abbaini.

Il vecchio Finch, però, la riconosce a stento, e Zee non impiega molto a scoprire che suo padre è affetto dal morbo di Parkinson e, per di più, ha inspiegabilmente rotto col suo compagno, chiamato Melville, cacciandolo via di casa.

É soprattutto nel momento del bisogno che si desidera avere accanto la persona amata, ma Zee capisce proprio in questo frangente sfortunato che forse non vuole davvero sposare Michael… Annulla le nozze, si allontana dallo studio e da Boston e decide di dedicare tutto il suo tempo e le sue energie a prendersi cura del padre malato.

Quando Finch peggiora e le sue difficoltà motorie diventano sempre più gravi, si rende necessario installare in casa maniglie e corrimano. Non sapendo a chi rivolgersi, Zee chiede aiuto a suo zio Mickey. Sarà lui a presentarle Hawk, e tra i due inizierà una storia d’amore… Forse l’amore vero di cui sua madre Maureen era andata alla ricerca, forse quello stesso amore che Zee non è riuscita a trovare in Michael.

Ma chi è veramente Hawk?

“La ragazza che rubava le stelle” non è un semplice romanzo sentimentale ed intimistico: innanzitutto, nasconde un mistero che lentamente da sfondo si fa protagonista, in un crescendo di suspense; in secondo luogo, dalla vita di Zee si dirama un intreccio di altre storie, l’una strettamente legata e connessa all’altra: quella vissuta dalla madre, e quella scritta dalla stessa Maureen e lasciata incompiuta. Il tutto ambientato in un luogo di per sé circondato da un alone di magia come Salem, città delle streghe, dove l’autrice vive tuttora.

Un libro interessante, ben scritto e coinvolgente, con un colpo di scena imprevedibile.

Forse, considerata la complessità della trama e delle tematiche affrontate, l’epilogo pecca di buonismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Brunonia

Barry

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barry Brunonia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Grida il mio nome

“Abbiamo tutti almeno una volta guardato il mare aspettando che qualcosa da lì ritornasse”Edipo e Narciso sono due personaggi centrali del teatro freudiano. Il figlio-Edipo è quello che conosce il conflitto con il padre. Il figlio-Narciso resta invece fissato sterilmente alla sua immagine. Abbiamo visto cosa significa l’egemonia del figlio-Narciso: dopo il tramonto dell’autorità simbolica del Nome del Padre, il mito dell’espansione fine a se stessa ha prodotto la tremenda crisi economica ed etica che attraversa l’Occidente. Le nuove generazioni appaiono sperdute tanto quanto i loro genitori. Questi non vogliono smettere di essere giovani, mentre i loro figli annaspano in un tempo senza orizzonte, soli, privi di adulti credibili. Esiste un al di là del figlio-Edipo e del figlio-Narciso? Telemaco, il figlio di Ulisse, attende il ritorno del padre; prega affinché sia ristabilita nella sua casa invasa dai Proci la Legge della parola. In primo piano è qui una domanda inedita di padre, che mostri come si possa vivere con slancio e vitalità su questa terra. Nel nostro tempo nessuno sembra più tornare dal mare per riportare la Legge. Il processo dell’ereditare, della filiazione simbolica, sembra venire meno, e senza di esso non si dà possibilità di trasmissione del desiderio da una generazione all’altra. Telemaco ci indica la nuova direzione verso cui guardare, perché Telemaco è la figura del giusto erede. Il suo è il compito che attende anche i nostri figli: come si diventa eredi giusti? E cosa davvero si eredita se un’eredità non è fatta né di geni né di beni, se non si eredita un regno?

Il complesso di Telemaco

Recalcati Massimo

Barcellona, XIV secolo. Nel cuore dell'umile quartiere della Ribera gli occhi curiosi del piccolo Arnau sono catturati dalle maestose mura di una grande chiesa in costruzione. Un incontro decisivo, poiché la storia di Santa Maria del Mar sarà il cardine delle tormentate vicende della sua esistenza. Figlio di un servo fuggiasco, nella capitale catalana Amau trova rifugio e quella sospirata libertà che a tutt'oggi incarna lo spirito di Barcellona, all'epoca in pieno fermento: i vecchi istituti feudali sono al tramonto e mercanti e banchieri in ascesa, sempre più influenti nel determinare le sorti della città, impegnata in aspre battaglie per il controllo dei mari. Intanto l'azione, dell'Inquisizione minaccia la già non facile convivenza fra cristiani, musulmani ed ebrei... Personaggio di inusuale tempra e umanità, Arnau non esita a dedicarsi con entusiasmo al grande progetto della "cattedrale del popolo". All'ombra di quelle torri gotiche dovrà lottare contro fame, ingiustizie e tradimenti, ataviche barriere religiose, guerre, peste, commerci ignobili e indomabili passioni, ma soprattutto per un amore che i pregiudizi del tempo vorrebbero condannare alle brume del sogno...

LA CATTEDRALE DEL MARE

Falcones Ildefonso

Carlotta Cordelli - detta "la Gnoccolona", classe 1984, discendenza fieramente partenopea e borghese, ambizioni dichiaratamente filosofico-letterarie, un magma di pensieri onirico e torrenziale - sente di non essere adatta alla vita, ma non per questo rinuncia a vivere. Si sente brutta e sgraziata, ed è alla ricerca di "bellezza e amore" fino alle estreme conseguenze e fino al paradossale desiderio di essere molestata da un uomo. In un flusso di ricordi tumultuoso, Carlotta porta alla luce episodi che hanno segnato la sua esistenza: le suore cattive alle elementari, il sabato pomeriggio in discoteca, la sigaretta fumata di nascosto con l'amica nella villa di Porto Ercole, la vacanza ad Amsterdam e lo sballo con i funghi allucinogeni, la perdita della verginità in un'auto scomodissima con un ragazzo più grande, l'avventurosa gita scolastica ad Atene...

LA PANZANELLA

Villoresi Giulia