Narrativa

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Descrizione: Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2012

ISBN: 9788811670667

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Il piccolo mondo di Perla sembrerebbe perfetto: una madre fiera ed elegante, un padre dai solidi principi, una bella casa, nessun problema con lo studio.

“Mamma era tutta avvolta di bellezza, papà era un uomo forte che la sera tornava a casa con l’uniforme ancora perfettamente stirata e io ero una bambina molto fortunata ad avere dei genitori come loro”.

Sotto la superficie, peró, come spesso accade, si nasconde il dolore, e quello di Perla, seppellito da una spessa coltre di bugie, affiora furioso, intrecciandosi con la sofferenza dell’intero paese.

Tutto comincia con un racconto, un banale compito scolastico, e passa poi attraverso le letture illuminate a cui la inizia l’amica Romina.

Perla percepisce di aver vissuto in una grande bolla di sapone, lontano dalle atrocità della storia, protetta dalla realtà di fatti scomodi, sorda ai pianti delle donne in Plaza de Mayo.

“C’era talmente tanto da mettere a nudo, talmente tante cose erano nascoste. Dietro la porta chiusa dello studio, nei vasi da fiori, nel sorriso rigido e amaro che mia madre indossava come un’armatura. Il Nascosto incombeva su di noi, impossibile da scrollarsi via, impossibile da negare. Rivendicava ciascuno di noi tre come una sua creatura. Addensava le nostre notti e risucchiava il colore dai nostri giorni”.

Siamo a Buenos Aires, anno 2001, una città che non ha dimenticato il sangue e l’orrore e che chiede ancora che vengano restituiti alla vita e alla verità i suoi figli desaparecidos.

In casa di Perla peró l’argomento è tabù, coperto dalla linda divisa da ufficiale di suo padre e dagli sguardi ostili di sua madre. Così la ragazza prova a non pensare, a non domandare, a non ipotizzare, a evitare gli occhi indagatori della gente, a non cercare per la paura di poter scoprire.

Qualcosa comunque, o meglio qualcuno, la aiuterà suo malgrado a portare alla luce il terribile segreto della sua famiglia.

Una notte, mentre i genitori sono in vacanza, Perla si ritroverà in casa uno sconosciuto nudo e bagnato, rannicchiato sul tappeto.

Non lo scaccerà, non chiamerà la polizia: lascerà che il misterioso ospite le racconti una vicenda intensa e terrificante che darà una nuova direzione alla sua vita…

Secondo romanzo di Carolina De Robertis, “La ragazza dai capelli di fiamma” ci ricorda una triste pagina della storia argentina, fatta di sequestri, arresti e sparizioni, addentrandosi nella mente di una ragazza divisa tra un passato che si sforza di ignorare e un futuro senza fondamenta su cui poter costruire.

“Non bisogna forse passare attraverso l’indicibile per essere del tutto liberi?”

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carolina

Robertis

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Robertis Carolina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Romanzo tra i più intensi e riusciti della grande scrittrice inglese, "Mrs Dalloway" inaugura un originale modo di narrare e costituisce la prima opera in cui Virginia Woolf attinge alla propria esperienza femminile. Vi si racconta la giornata di Clarissa Dalloway, cinquantenne, esponente dell'alta borghesia londinese, impegnata a organizzare per la serata un sontuoso ricevimento nella propria casa. La protagonista esce per comprare dei fiori e nel suo itinerario scopre o intravede le esistenze di tanti sconosciuti, tra i quali lo sfortunato Septimus Warren Smith. La serata si svolge con pieno successo, anche se nel corso del ricevimento si apprende del suicidio di Septimus. L'incrociarsi di destini paralleli, ritmato dai rintocchi del Big Ben, conferisce alla narrazione un andamento musicale; nota dopo nota, frase dopo frase, il contrappunto drammatico dalla storia di Septimus spinge Mrs Dalloway, proprio grazie alla consapevolezza della fugacità e dell'"incompletezza" della nostra esistenza, a trasformare la certezza della fine in esaltazione della vita.

Mrs. Dalloway

Woolf Virginia

Come si fa ad andare avanti dopo aver perso chi ami? Come puoi ricostruire la tua vita? Tutti perdiamo qualcuno, ma c'è sempre un "dopo" e questo è il messaggio molto forte e positivo che Jojo Moyes dà alle sue lettrici, un sequel non scontato e pieno di colpi di scena.

Dopo di te

Moyes Jojo

Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Manuale per ragazze di successo

Cognetti Paolo

Milo Molteni è un pubblicitario e insieme all’amico Pietro Carminati ha aperto «La Moca», un’agenzia che sforna idee, slogan e campagne pubblicitarie per aziende. Soffre di insonnia, che lui chiama «la mia signora e tiranna» e si è separato dalla compagna Elisa con la quale non è riuscito ad avere un figlio. Tutto cambia quando una notte, alle quattro e sette minuti, i coniugi Mattei, i due anziani inquilini che vivono nell’appartamento sopra il suo, muoiono. Avvelenamento da funghi. Il figlio Gianluca, sconvolto, vuole liberarsi in fretta della casa e quando incrocia Milo il mattino seguente gli confida che i due anziani genitori avevano sempre desiderato vendere il loro appartamento a lui, che negli anni era stato così gentile e affettuoso. Nonostante le cose non stiano esattamente come Gianluca le ha percepite, secondo Milo i due vecchi non erano delle belle persone e l’età da sola non poteva bastare ad assolvere dalla meschinità o dall’idiozia, accetta di buon grado. Nel giro di pochi giorni fa sgombrare l’appartamento ed è proprio in quel momento, mentre i ragazzi di una onlus stanno portando via i mobili dei Mattei, che Milo scopre una seconda porta, nascosta nello sgabuzzino. Una porta che conduce a delle scale e poi giù, verso il cortile. Che senso ha? Perché qualcuno avrebbe dovuto tenere aperto quell’accesso? Quella stessa notte, Milo sente dei passi e dei rumori provenienti dal piano di sopra che non fanno presagire nulla di buono. Che qualcuno possa essere entrato proprio da quella porta? Quando decide di andare a controllare di persona, la sua vita cambia. C’è una persona che dorme sul materasso, l’unica cosa lasciata lì dopo lo sgombero. Milo Molteni non sa ancora quanto l’incontro con Adam, il bellissimo ragazzino migrante che ha preso possesso momentaneo del suo piccolo appartamento, gli cambierà la vita.

La seconda porta

Montanari Raul