Narrativa

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Descrizione: Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2012

ISBN: 9788811670667

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Il piccolo mondo di Perla sembrerebbe perfetto: una madre fiera ed elegante, un padre dai solidi principi, una bella casa, nessun problema con lo studio.

“Mamma era tutta avvolta di bellezza, papà era un uomo forte che la sera tornava a casa con l’uniforme ancora perfettamente stirata e io ero una bambina molto fortunata ad avere dei genitori come loro”.

Sotto la superficie, peró, come spesso accade, si nasconde il dolore, e quello di Perla, seppellito da una spessa coltre di bugie, affiora furioso, intrecciandosi con la sofferenza dell’intero paese.

Tutto comincia con un racconto, un banale compito scolastico, e passa poi attraverso le letture illuminate a cui la inizia l’amica Romina.

Perla percepisce di aver vissuto in una grande bolla di sapone, lontano dalle atrocità della storia, protetta dalla realtà di fatti scomodi, sorda ai pianti delle donne in Plaza de Mayo.

“C’era talmente tanto da mettere a nudo, talmente tante cose erano nascoste. Dietro la porta chiusa dello studio, nei vasi da fiori, nel sorriso rigido e amaro che mia madre indossava come un’armatura. Il Nascosto incombeva su di noi, impossibile da scrollarsi via, impossibile da negare. Rivendicava ciascuno di noi tre come una sua creatura. Addensava le nostre notti e risucchiava il colore dai nostri giorni”.

Siamo a Buenos Aires, anno 2001, una città che non ha dimenticato il sangue e l’orrore e che chiede ancora che vengano restituiti alla vita e alla verità i suoi figli desaparecidos.

In casa di Perla peró l’argomento è tabù, coperto dalla linda divisa da ufficiale di suo padre e dagli sguardi ostili di sua madre. Così la ragazza prova a non pensare, a non domandare, a non ipotizzare, a evitare gli occhi indagatori della gente, a non cercare per la paura di poter scoprire.

Qualcosa comunque, o meglio qualcuno, la aiuterà suo malgrado a portare alla luce il terribile segreto della sua famiglia.

Una notte, mentre i genitori sono in vacanza, Perla si ritroverà in casa uno sconosciuto nudo e bagnato, rannicchiato sul tappeto.

Non lo scaccerà, non chiamerà la polizia: lascerà che il misterioso ospite le racconti una vicenda intensa e terrificante che darà una nuova direzione alla sua vita…

Secondo romanzo di Carolina De Robertis, “La ragazza dai capelli di fiamma” ci ricorda una triste pagina della storia argentina, fatta di sequestri, arresti e sparizioni, addentrandosi nella mente di una ragazza divisa tra un passato che si sforza di ignorare e un futuro senza fondamenta su cui poter costruire.

“Non bisogna forse passare attraverso l’indicibile per essere del tutto liberi?”

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carolina

Robertis

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Robertis Carolina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Una vicenda che si fa, che si sviluppa sotto i nostri occhi di lettori, in "tempo reale", attraverso dialoghi, lettere, e-mail, messaggi sulle segreterie e dai cellulari. E un viaggio, due persone coinvolte, due persone che, pagina dopo pagina, si riveleranno piu "vicine" di quanto non appaia all'inizio.

PURA VITA

De Carlo Andrea

Nora se ne è andata da quindici anni e Matteo, ogni giorno da allora, chiede a se stesso quale sia la strada da percorrere. Un viaggio intriso di amore e dolore, di ricordi che riaffiorano dal passato, di luoghi in cui la natura amplifica con la sua bellezza e la sua forza i pensieri e le domande del protagonista. Vivendo ormai da anni immerso nella natura che circonda la sua casa in mezzo ai boschi, Matteo si confronta con la propria coscienza sul filo dei ricordi di un passato che riaffiora e si alterna al presente delineando i protagonisti, passati e presenti, della sua vita. "Perché, quando succede qualcosa di irreparabile, non si fa che pensare a quello che si poteva evitare?" Cercando la risposta a infinite domande, Matteo racconta la sua storia forte e dolorosa, poetica e profonda: una storia d'amore così intensa da obbligare il lettore a confrontarsi con il racconto di una vita che, alla fine, non riguarderà più soltanto il protagonista ma tutti coloro che la leggeranno. "Per sempre" è la storia di un amore. Che permane e resiste e che è, soprattutto, un amore impossibile. Con una scrittura nitida ed evocativa, a 17 anni di distanza dalla pubblicazione di "Va' dove ti porta il cuore", Susanna Tamaro torna con uno straordinario romanzo sulla profondità dell'animo umano, sulla fatica di crescere, sul coraggio e sull'amore come fondamento di ogni rapporto.

Per sempre

Tamaro Susanna

Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Il boulevard delle ossa

Malet Leo