Giallo - thriller - noir

La ragazza del treno

Hawkins Paula

Descrizione: La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Pickwick

Collana: Pickwick Big

Anno: 2019

ISBN: 9788868368593

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La ragazza del treno di Paula Hawkins è Rachel: una giovane donna, reduce da una delusione matrimoniale (“Ho perso il controllo di tutto. Anche dei luoghi che si trovano dentro la mia testa”), che si rifugia nell’alcol per affogare il proprio dolore (“Sono ingrassata e ho il viso gonfio per l’alcol e la mancanza di sonno: gli altri leggono i segno della devastazione scritti sul mio corpo, sul mio volto, nel mio comportamento, nei miei movimenti”).

Ospite presso un’amica (“Occupo la camera degli ospiti dell’appartamento di Cathy, grazie alla sua generosità”), Rachel si costruisce una vita fittizia: finge di recarsi ogni giorno al lavoro, che ha perso a causa dell’etilismo, e per coprire il tratto Ashbury-Londra ogni giorno prende il treno (“Il treno della sera parte alle 17.56 ed è un po’ più lento di quello del mattino: ci mette un’ora e un minuto, sette minuti in più, anche se si ferma nelle stesse stazioni”), che nel tragitto lambisce la casa, il civico 23 di Blenheim Road (“Non mi interessano le altre abitazioni, men che meno quella che si trova Quattro porte più Avanti, e che un tempo era mia”), che un tempo abitava con l’ex marito Tom e che questi oggi condivide con la seconda moglie Anna e un neonato.

Sul treno la donna fantastica e riversa il proprio interesse su una coppia apparentemente felice: Jess e Jason (“Jason… è un medico… Jess… lavora nella moda… Sono felici. Sono come eravamo noi, come me e Tom, cinque anni fa”), che nella realtà si chiamano Scott e Megan.
Quando i due tradiscono l’ideale d’incarnare la coppia felice (“Sono molto arrabbiata con lei per aver tradito Scott e aver mandato in frantumi la mia idea di coppia perfetta”), Rachel decide di affrontare la delusione e agisce in preda ai fumi dell’alcol.

Poi Jess sparisce e Rachel viene sospettata di avere un ruolo in questa scomparsa. Tanto più che La ragazza del treno è vittima di un’amnesia che apre il romanzo a ogni possibilità (“Se la mia mente custodisce un segreto, allora devo trovare qualcuno che mi aiuti a svelarlo. Uno psichiatra o uno psicoterapeuta…”).

La ragazza del treno ha tutti gli ingredienti che motivano il successo ottenuto: una narrazione che alterna i punti di vista dei protagonisti, una costruzione intrigante che combina psicologismo e mistero, un sapiente dosaggio della strategia della tensione romanzesca, il carico emotivo prodotto dall’ombra di un infanticidio…

Bruno Elpis

_______________________________________________

Leggi il commento di Stefano Loverme al film La ragazza del treno: “È un paragone probabilmente impietoso, ma immediato e inevitabile, quello fra La ragazza del treno, trasposizione dell’omonimo romanzo di Paula Hawkins, e L’amore bugiardo – Gone Girl, capolavoro (non certo l’unico) di David Fincher uscito nelle sale americane esattamente due anni prima…”

https://movieplayer.it/articoli/la-ragazza-del-treno-la-recensione_16585/

Visita il nostro sito www.i-filmsonline.com cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paula

Hawkins

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hawkins Paula


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La formula del radium, un libro con una annotazione a matita che rimanda a un altro libro che contiene l'elenco di quattro ville storiche di Bologna e del suo territorio: Villa Aldini, Villa delle Rose, Casa Beroaldo e la Rocchetta Mattei. Questo è ciò che hanno in mano un fotografo conosciuto come "Duescatti" e un ricercatore universitario di nome Rosas, detto "il talpone". E con queste tracce Rosas arriva a un episodio storico documentato: un furto di radium commesso dall'esercito tedesco all'ospedale Sant'Orsola nel luglio 1944. Radium sottratto ai malati e destinato alla macchina bellica di Hitler. Solo che, arrivati a questo punto, Duescatti trova una morte orribile a Casa Beroaldo e Sarti Antonio, sergente, si trova di fronte a una scena del delitto enigmatica, mentre Rosas, che in Questura viene indicato come colpevole della morte del fotografo, è misteriosamente scomparso...

DELITTI DI GENTE QUALUNQUE

Macchiavelli Loriano

Bellano 1916. In una fredda serata di metà dicembre una fedele parrocchiana, la Stampina, si presenta in canonica: ha urgente bisogno di parlare con il prevosto. Suo figlio Geremia, che in trentadue anni non ha mai dato un problema, da qualche settimana sembra aver perso la testa per una donna: vuole sposarla o si butterà nel lago. L'oggetto del suo desiderio è Giovenca Ficcadenti, che insieme alla sorella Zemia ha appena aperto in paese un bottonificio, suscitando un putiferio di chiacchiere e sospetti. Come fanno ad avere prezzi così bassi per prodotti così buoni? Qual è l'origine di quel "Premiata" di cui fregiano la loro ditta? Quali traffici nascondono il giovedì sera? E come si può impedire all'ingenuo Geremia di finire vittima di qualche inganno? Sul loro passato si allungano molte ombre e servirà tutta l'astuzia dei compaesani - ma anche la loro ironia - per evitare guai più seri.

Premiata ditta sorelle Ficcadenti

Vitali Andrea

Esiste un luogo magico dove tutto inizia e nulla può nire, dove ogni cosa è possibile e dove i desideri più autentici si realizzano. È un luogo dove chiunque può andare, dove qualcuno torna spesso e dove tutti sono stati almeno una volta, anche chi se lo è dimenticato. È un luogo fatto di sogni, di immaginazione e di eternità...

DREAMLAND

Pezzolla Indro

Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig