Giallo - thriller - noir

La ragazza del treno

Hawkins Paula

Descrizione: La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Pickwick

Collana: Pickwick Big

Anno: 2019

ISBN: 9788868368593

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La ragazza del treno di Paula Hawkins è Rachel: una giovane donna, reduce da una delusione matrimoniale (“Ho perso il controllo di tutto. Anche dei luoghi che si trovano dentro la mia testa”), che si rifugia nell’alcol per affogare il proprio dolore (“Sono ingrassata e ho il viso gonfio per l’alcol e la mancanza di sonno: gli altri leggono i segno della devastazione scritti sul mio corpo, sul mio volto, nel mio comportamento, nei miei movimenti”).

Ospite presso un’amica (“Occupo la camera degli ospiti dell’appartamento di Cathy, grazie alla sua generosità”), Rachel si costruisce una vita fittizia: finge di recarsi ogni giorno al lavoro, che ha perso a causa dell’etilismo, e per coprire il tratto Ashbury-Londra ogni giorno prende il treno (“Il treno della sera parte alle 17.56 ed è un po’ più lento di quello del mattino: ci mette un’ora e un minuto, sette minuti in più, anche se si ferma nelle stesse stazioni”), che nel tragitto lambisce la casa, il civico 23 di Blenheim Road (“Non mi interessano le altre abitazioni, men che meno quella che si trova Quattro porte più Avanti, e che un tempo era mia”), che un tempo abitava con l’ex marito Tom e che questi oggi condivide con la seconda moglie Anna e un neonato.

Sul treno la donna fantastica e riversa il proprio interesse su una coppia apparentemente felice: Jess e Jason (“Jason… è un medico… Jess… lavora nella moda… Sono felici. Sono come eravamo noi, come me e Tom, cinque anni fa”), che nella realtà si chiamano Scott e Megan.
Quando i due tradiscono l’ideale d’incarnare la coppia felice (“Sono molto arrabbiata con lei per aver tradito Scott e aver mandato in frantumi la mia idea di coppia perfetta”), Rachel decide di affrontare la delusione e agisce in preda ai fumi dell’alcol.

Poi Jess sparisce e Rachel viene sospettata di avere un ruolo in questa scomparsa. Tanto più che La ragazza del treno è vittima di un’amnesia che apre il romanzo a ogni possibilità (“Se la mia mente custodisce un segreto, allora devo trovare qualcuno che mi aiuti a svelarlo. Uno psichiatra o uno psicoterapeuta…”).

La ragazza del treno ha tutti gli ingredienti che motivano il successo ottenuto: una narrazione che alterna i punti di vista dei protagonisti, una costruzione intrigante che combina psicologismo e mistero, un sapiente dosaggio della strategia della tensione romanzesca, il carico emotivo prodotto dall’ombra di un infanticidio…

Bruno Elpis

_______________________________________________

Leggi il commento di Stefano Loverme al film La ragazza del treno: “È un paragone probabilmente impietoso, ma immediato e inevitabile, quello fra La ragazza del treno, trasposizione dell’omonimo romanzo di Paula Hawkins, e L’amore bugiardo – Gone Girl, capolavoro (non certo l’unico) di David Fincher uscito nelle sale americane esattamente due anni prima…”

https://movieplayer.it/articoli/la-ragazza-del-treno-la-recensione_16585/

Visita il nostro sito www.i-filmsonline.com cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paula

Hawkins

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hawkins Paula


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

Rosso di Ilaria Spes in una video-poesia di Luigi Maria Corsanico

Con la protervia della bellezza giovane, Chéri, ragazzo «coi capelli dai riflessi blu come le penne dei merli», irrompe nella vita di Léa, donna leggera e sapiente - ma nel triangolo amoroso apparirà il rivale più temibile: il Tempo, corruttore di corpi. L'autunnale opulenza di lei e l'acerbo smalto di lui vengono spiati, attimo dopo attimo, da un occhio a cui nulla sfugge, talché la vicenda, scandita dalle scene di una magistrale commedia demi-mondaine, diventa la cronaca della catastrofe di Léa, dove il sentimento è delicatamente avvolto nella fisiologia e brama di sprofondare «in quell'abisso da cui l'amore risale pallido, taciturno e pieno del rimpianto della morte». Quanto a Chéri, giunto all'acme della sua esistenza di 'bello' dinanzi a cui le donne si inchinano, percepisce una vaga inquietudine: «Non distingueva i punti precisi in cui il tempo, con tocchi impercettibili, segna su un bel viso l'ora della perfezione e poi quella di una bellezza più evidente, che annuncia già la maestà di un declino». E quel declinomaestoso vivremo nella Fine di Chéri, dove la punta avvelenata della storia del giovane emerge con fredda chiarezza dalla prosa avvolgente, atmosferica, precisa di Colette.

Chéri – La fine di Chéri

Colette

In una fortezza ai limiti del deserto una guarnigione aspetta l'arrivo dei Tartari invasori. Ma sarà una lunghissima, vana, logorante attesa.

Il deserto dei tartari

Buzzati Dino