Classici

La ragazza di Bube

Cassola Carlo

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore:

Collana:

Anno: 1960

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Mara sbadigliò. Era una bella noia essere costretta a stare in casa per colpa del fratello! Le venne in mente che avrebbe potuto lo stesso andarsene fuori: Vinicio si sarebbe messo a strillare, e poi la sera lo avrebbe raccontato alla madre; ma lei avrebbe potuto sempre dire che non era vero. E, dopo, gliele avrebbe anche date, a Vinicio.

Mara era solo una ragazzina di sedici anni quando, un giorno come un altro, Bube, un compagno del fratellastro Sante – morto combattendo con i partigiani – si presentò a casa sua per conoscere la famiglia dell’amico fraterno. L’accoglienza fu delle migliori. Il padre di Mara, un comunista militante, lo accolse con tutti gli onori.

La guerra era finita, ma l’Italia viveva un momento di grandi cambiamenti. Lo stesso partito comunista si trovava in una fase di nuova evoluzione, che legava ancora di più quelli che avevano condiviso gli orrori della guerra, comeBube e – indirettamente – il padre di Mara.
Per Mara, Bube era un elemento estraneo alla sua quieta vita di paese. Seppur non vi fosse stato nulla tra loro, se non un momento di tenerezza allorché Bube le aveva regalato un pezzo di stoffa gialla, tra loro era nata una simpatia che pian piano si trasformò in un sentimento più forte.
Come ho detto, la guerra era finita. Era sì un periodo di sconvolgimenti, ma la violenza lasciava pian piano spazio alla lotta politica. Questa situazione mal si conciliava con quegli uomini, come Bube, che, segnati da quanto era accaduto, riuscivano con difficoltà a calarsi nella nuova realtà. Un po’ per questo motivo e un po’ per la sua debolezza, che lo spingeva sempre a cercare il consenso dei compagni, Bube si rese colpevole di un delitto di estrema gravità, un omicidio, al quale seguì il pestaggio di un prete (spinto da una folla inferocita che riteneva di voler punire il prete per il suo comportamento durante il periodo fascista).
 
Quando tornò dalla macchia, siccome aveva fama di essere stato coraggioso… la gente lo metteva su, gli diceva: vai a picchiare quello. Vai a picchiare quell’altro. Dicevano così perché loro non volevano esporsi. E Bube si sentiva quasi in obbligo, per essere pari al nome che aveva… Ne approfittavano perché era un ragazzo.
Proprio nel momento in cui l’amore tra Mara e Bube stava sbocciando, questi eventi venivano a frapporsi tra i due ragazzi. Costretti ad abbandonare di corsa la casa di Bube, dove Mara era andata per conoscere la sua famiglia, si nascosero alcuni giorni nelle campagne intorno al paese. Fu qui, e solo qui, che tutto il loro amore poté esprimersi. Si avvicinarono pian piano, come mai erano riusciti a fare. Lui un po’ brusco, nella sua veste di uomo duro che un po’ per vergogna e un po’ per rispetto, esitava; lei invece che con la sua dolcezza lentamente riusciva ad avvicinarlo.
 
Bubino, questo ciliegio e questa vite… a che cosa ti fanno pensare? – Egli non capì, e lei: A me, a due innamorati. Lui è il giovanotto, e lei, la ragazza. – Lui chi? – Lui il ciliegio. Vedi, lei vorrebbe abbracciarlo, e lui la respinge.  Bubeaveva afferrato l’idea: – Si potrebbe dire anche il contrario: lui la abbraccia, e lei gli sfugge. – No, è come dico io. Sono come io e te, – aggiunse improvvisamente – Tu mi respingi sempre, Bubino. – Dici così per via di ieri? Ma c’erano quelli a caricare la ghiaia… – Ora però non c’è nessuno. Perché non mi abbracci? Bube la guardò, incerto: – Ora sto fumando. – Vedi, una scusa la trovi sempre. […] – Fammi un favore: agganciami il reggipetto -. E gli voltò la schiena. […] Era turbato; lei se ne avvide subito, appena si girò a guardarlo. – Bube, – disse in un soffio, e gli si avvicinò col viso, chiudendo gli occhi. A un tratto egli le prese la faccia tra le mani; e poi la baciò, con impeto, e rimase a lungo con le braccia schiacciate contro le sue. Si scostò un momento, e la baciò una seconda volta, e una terza. Dopo, rimasero senza parlare e senza nemmeno guardarsi. Anche lei era turbata, perché erano stati i suoi primi veri baci.
 
E’ così che finalmente si avvicinano i loro cuori, abbracciati in attesa di un futuro incerto e inquietante:
Il sole era calato dietro una grande nube oscura acquattata di là delle colline; e il paesaggio era improvvisamente scolorito, e l’aria stessa sembrava divenuta smorta.
Mara si riscosse:
- Come passa presto il tempo, – sospirò. – Ma che hai? ti sei addormentato? – e le venne da ridere.
Egli si riscosse:
- Sì, quasi quasi… mi addormentavo. Ci stavo così bene, – aggiunse guardandola con tenerezza.
- Bube.
- Mara.
Erano tutt’e due commossi.
- Io ti amo, Mara.
- Anch’io ti amo, Bube.
 
Il sogno finì. Bube fu costretto dal partito a lasciare l’Italia, ricercato dai Carabinieri. Mara dovette andare a servizio presso una famiglia benestante in un altro paese, senza avere notizie del fidanzato.
Torneranno sì insieme, ma la vita e’ andata avanti in quegli anni e qualcosa e’ cambiato.
 
Bube sparisce per gran parte del romanzo, che si focalizza su Mara. Lui appare come un tenero ricordo di alcuni momenti di gioia. Il percorso che Cassola ci descrive è proprio quello di Mara. Bube torna nel finale del libro, quando finalmente riesce a tornare in Italia. L’incontro tra i due è timido e pieno di vergogna. Sono passati anni e nessuno dei due è stato partecipe della vita dell’altro. Si sentono però legati da una promessa scambiata in giovinezza.
Mara in particolare e’ cresciuta, ha vissuto tra mille difficoltà, ha maturato il proprio animo, ancora acerbo nei giorni vissuti con Bube.
Italo Calvino ha commentato su Mondo Operaio le personalità diverse di Bube e Mara. Lui passivo e determinato dalle circostanze, che irrimediabilmente vede la propria vita condizionata da un’ideologia. Lei libera che acquisisce sempre maggiore coscienza di sé. Condivisibilmente, nel libro Cassola di Rodolfo Macchioni Jodi (Il Castoro), l’autore descriveBube come un personaggio condizionato da ogni parte, sostanzialmente incapace di sviluppo, prosaico, in una parola; Mara è, nel pur ristretto orizzonte della sua elementarità, padrona di sé e dei suoi gesti, capace, col progredire della sua maturazione interiore, di atti decisivi, di rinunce eroiche, che gettano per un momento una patetica luce di speranza in un mondo oscuro: personaggio, insomma, positivo, portatore di una verità umana e poetica.
 
Le personalità di Bube e Mara sono realmente diverse. E’ possibile, però, attribuire la “colpa” di quanto è accaduto alla passività di Bube?
Giliano Manacorda, nel libro invito alla lettura di Cassola, evidenzia il quesito che l’autore pone: é realmente colpevole un ragazzo cui la violenta contingenza storica ha conferito la psicologia del vendicatore, e che tornato alla normalità – la quale in effetti non è per niente normale riproponendo quasi offensivamente le vecchie piaghe e i vecchi personaggi – sospinto a proseguire nei modi appresi nel vivo della lotta, si sente autorizzato ad essere ancora il vendicatore dei compagni caduti e l’assertore dei valori in cui egli deve credere per le sue stesse ragioni biografiche di povero, e ai quali la società ufficialmente proclama di continuare a richiamarsi?
 
L’autore ci risponde per bocca di Mara nella parte conclusiva del libro: La colpa, se lo vuoi sapere, non è di nessuno. Disse Mara recisa. Io figurati quante volte ho ripensato a quel giorno maledetto. Non ho fatto altro che ripensarci su, in tutti questi anni. E mi sono convinta che la colpa non è stata di nessuno… Nessuno ebbe colpa… fu solo un male.
 
La ragazza di Bube è stato scritto tra il 1958 e il 1959 e pubblicato da Einaudi nel 1960. Vincitore del Premio Strega nello stesso anno della pubblicazione, è il romanzo di Cassola più conosciuto, tradotto in moltissime lingue, dal quale è stato tratto l’omonimo film per la regia di Luigi Comencini.
Nel 1982 è stato pubblicato da Rizzoli il seguito: Gli anni passano. La ragazza di Bube vent’anni dopo.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlo

Cassola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassola Carlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

John Wayne Cleaver è un ragazzo potenzialmente pericoloso. Molto pericoloso. Giudicate voi stessi: un bambino che passa il suo tempo dentro casa - a dirla tutta è un vero sociopatico-, che vive tra i cadaveri dell' obitorio locale, amministrato dalla madre e dalla zia, che ha una tendenza a uccidere gli animali e da quando è piccolo nutre un' autentica passione per gli assassini seriali. Visto così, il suo destino è segnato. Ma consapevole di questa sua propensione e non molto eccitato all'idea di diventare un serial killer, John ha deciso di parlare con uno psicologo e di seguire alcune regole precise: avere solo pensieri positivi verso le persone che lo circondano; non avvicinarsi agli animali; evitare le scene dei crimini. Ma quest'ultimo proposito diventa molto difficile da rispettare quando, proprio vicino casa, vengono ritrovati molti corpi atrocemente mutilati.

IO NON SONO UN SERIAL KILLER

Wells Dan

Cordelia, la più piccola delle sorelle Andreas, riceve un giorno per posta le seguenti righe: Andiamo, su, a pregare gli dei per nostra madre che è presa dalle doglie. La lettera reca la firma di James Andreas, genitore di Cordelia e di Rosalinda e Bianca, docente di letteratura inglese al Barnwell College con un chiodo fisso in testa: William Shakespeare. Avvolta dalle tempeste di sabbia dei versi shakespeariani sin da piccola, con un padre bizzarro, dotto e ossessivo che comunica quasi soltanto attraverso la lingua del genio di Stratford-upon-Avon, Cordelia comprende all'istante il contenuto di quelle righe: la madre è così gravemente malata che occorre subito tornare a Barnwell, la ridente cittadina del Midwest americano dove le tre sorelle hanno vissuto i giorni felici dell'infanzia e dell'adolescenza. Questo è, almeno, quello che Rose, Bean e Cordy, in momenti diversi, decideranno ciascuna per sé: tornare a casa per poi ripartire verso un'altra grande avventura della loro giovane vita. In realtà, a spingerle a fare immediato ritorno a Barnwell è il loro fallimento, la necessità di allontanarsi da un'esistenza sull'orlo del naufragio. Ritornate a Barnwell, le tre sorelle si ritrovano a fare i conti con il loro passato e la loro storia presente. La lunga estate al capezzale della madre le pone, infatti, irrimediabilmente davanti al destino comune che le lega, come le sorelle fatali, le tre streghe del Macbeth, l'opera che ha accompagnato la loro meravigliosa e incomparabile infanzia.

LE SORELLE FATALI

Brown Eleanor

Giovane e romantico ufficiale, da poco inurbato a Trieste, Alfonso Nitti divide le sue giornate fra la monotonia del lavoro d'ufficio e una squallida camera d'affitto, compensando le frustrazioni della routine quotidiana con l'inquieta dolcezza della fantasia, popolata di sogni di grandezza e di rivalsa. Ma quando, insperata, gli si presenta l'occasione di rovesciare la propria sorte conquistando l'amore della ricca Annette Maller, egli si mostra incapace di sfruttare tempestivamente il successo, esitante di fronte a una scelta che nell'intimo lo sconcerta. Dilaziona i tempi, torna al paese nativo in una vana ricerca della propria autenticità, creando, con la sua stessa lontananza, le premesse dello scacco che lo condurrà al suicidio.

Una vita

Svevo Italo

Chi ha ucciso un bel sassofonista biondo mentre suonava, di notte, sulla spiaggia al chiaro di luna? Dopo aver scontato una pena di tredici anni, il presunto colpevole si dichiara innocente e fa ripartire un'indagine che si credeva chiusa, scuotendo gli ambienti dell'alta borghesia di Salerno e Napoli. Tra le confidenze di un falso cieco, gli scongiuri di una fattucchiera, la gelosia di un femminiello e i loschi affari di un monnezzaro, l'avvocato Federico Brizzi riesce a smuovere l'infallibile commissario Baricco. In una soffocante estate napoletana, questa improvvisata coppia di indomiti investigatori arriverà alla sconvolgente soluzione del caso, liberamente ispirato a una storia vera, attraverso colpi di scena e antiche verità.

LE NOTTI DELLA MACUMBA

Carlomagno Piera