Giallo - thriller - noir

La ragazza di Hopper

Bussotti Fabio

Descrizione: Una giovane cameriera di origine rumena viene trovata strangolata in una stanza al sesto piano di uno storico albergo di Roma. La scena del delitto somiglia in modo impressionante a un quadro di Edward Hopper – Stanza d’albergo, 1931. Il commissario Flavio Bertone, nell’affrontare l’indagine, entra coraggiosamente nel quadro di Hopper e si ritrova a fare i conti con se stesso, con la sua vita passata e con un ambiguo personaggio della sua adolescenza molisana. Al termine di questa avventura, conosceremo il nome dell’assassino della cameriera rumena, ma l’arte di Hopper, per fortuna, resterà per sempre un piacevole, irresistibile enigma.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Editions Mincione

Collana: Narrativa

Anno: 2021

ISBN: 9782931144107

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Fabio Bussotti, La ragazza di Hopper, Mincione edizione 2021.

Fabio Bussotti, attore, drammaturgo, sceneggiatore e traduttore, è nato a Trevi e vive tra Roma e Madrid. La ragazza di Hopper è la settima avventura del commissario Bertone che si ritrova dentro un quadro di Hopper con la paura di non uscirne più. Le prime due avventure del commissario - L’invidia di Velàzquez e Il cameriere di Borges – sono disponibili anche in audiolibri.

Dunque un’altra avventura del commissario Flavio Bertone: un tipo depresso e alcolista. Si trova a dover risolvere un difficile caso: una donna, una cameriera, viene trovata morta, strangolata e seminuda, in una delle camere dove prestava servizio all’hotel Massimo D’Azeglio a Roma. Nella scena del delitto gli investigatori ravvisano l’assonanza con un quadro di Edward Hopper intitolato “Stanza d’albergo”. Quale significato ha questa similitudine? Riuscirà il commissario a trovare il bandolo della matassa?

La bella morta era distesa  sul letto. La testa appoggiata alla spalliera, i capelli biondi a caschetto le disegnavano una linea obliqua sulla fronte. Gli occhi chiarissimi, tra il verde e l’azzurro, erano spalancati, ma non atterriti. Aveva ancora qualcosa di vivo.”

Nella settima avventura del commissario Bertone troviamo arte, pittura, teatro, poesia e letteratura in un connubio composito. La realtà assume contorni indefiniti e complicati; giungere alla verità non sarà facile. L’opera è un giallo multi facciale, dai tanti misteri, ben congegnato e ben costituito. La prosa è semplice e lineare, la lettura si fonda sul paragone tra la realtà variegata e multipla e l’arte nelle sue infinite facce. Un giallo profondo, molto consigliato…

Camera d'albergo銆?di Edward Hopper Quadri dipinti su tela Immagini per  soggiorno Arredamento camera da letto Stampe su tela Decorazioni per la  casa (32x45cm) Senza cornice : Amazon.it: Casa e cucina

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabio

Bussotti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bussotti Fabio

Nel cuore della Bombay degli anni ottanta, in Suklaji Street, una strada di bordelli e di poveri coperti di stracci, capita un giorno Dom Ullis, un cristiano siriano che si è messo nei guai a New York ed è stato rispedito nella turbolenta metropoli indiana per rimettersi in sesto.

NARCOPOLIS

Thayil Jeet

Un uomo solo, tormentato, compie un efferato omicidio perché obbligato dalle convenzioni del suo tempo. Da lì scaturisce, inarginabile, il suo genio artistico. Gesualdo da Venosa, il celebre principe madrigalista vissuto a cavallo tra Cinque e Seicento, è il centro attorno a cui ruota il congegno ipnotico di questo romanzo gotico e sensuale. Come può, è la domanda scandalosa sottesa, il male dare vita a tale e tanta purezza sopra uno spartito? Per vendicare l’onore e il tradimento, il principe di Venosa uccide Maria D’Avalos, dopo averla sposata con qualche pettegolezzo e al tempo stesso con clamore. Fin qui la Storia. Il resto è la nostalgia che ne deriva, la solitudine del principe: è lì, nel sangue e nel tormento, che Andrea Tarabbia intinge il suo pennino e trascina il lettore in un labirinto. Questa storia - è ciò che il lettore scopre sbalordito - ci parla dritti in faccia, scollina i secoli e arriva fino al nostro oggi, si spinge fino a lambire i confini noti eppure sempre imprendibili tra delitto e genio. Con un gioco colto e irresistibile, tra manoscritti ritrovati e chioe di Igor Stravinskij- che nel Novecento riscoprì e rilanciò il genio di Gesualdo - Andrea Tarabbia, scrittore tra i migliori della sua generazione, costruisce un romanzo importante, destinato a restare. L’edificio che attraverso Madrigale senza suono Tarabbia innalza è una cattedrale gotica da cui scaturisce la potenza misteriosa della musica. È impossibile, per il lettore, non spingere il portale. E, una volta entrato, non restarne intrappolato.

Madrigale senza suono

Tarabbia Andrea

L’ultima spiaggia delle anime

Alba Roberto

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan