Narrativa

LA RAGAZZA DI NOME GIULIO

Milani Milena

Descrizione: Apparve nel 1964 suscitando un enorme scandalo e dividendo critica e pubblico. Il libro non ha perso nulla della sua forza e può essere considerato un piccolo classico, oltre che un'audace anticipazione della fioritura della letteratura erotica femminile di questi ultimi anni.

Categoria: Narrativa

Editore: Es

Collana:

Anno: 2001

ISBN: 9788887939156

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Siamo rimasti dolorosamente stupiti che una donna, una nostra italiana, abbia osato tanto, e che una casa editrice si sia prestata a lanciare nel mercato librario tanta turpitudine”.

Così scriveva il mensile “La Madre”, stampato a Brescia, nell’agosto del 1964.

Il romanzo era uscito nell’aprile dello stesso anno ed il suo percorso non era stato certo facile: diverse case editrici lo avevano respinto, trovandolo orrendo, impubblicabile.

Del resto, la stessa autrice era ben consapevole dello scalpore che la sua opera avrebbe sollevato: “Quel personaggio incandescente che era la ragazza Giulio, mi faceva paura, perché mi ero accorta che stavo precorrendo i tempi, e inoltre sentivo che per molta gente sarebbe stato motivo di scandalo, e di vergogna” (dalla prefazione dell’autrice, 7 novembre 1978).

Alla fine arrivò anche una temutissima incriminazione: il romanzo fu reputato gravemente offensivo del sentimento comune del pudore.

Le vendite furono bloccate, alla scrittrice fu affibbiata l’etichetta di “pornografa” ed il 23 marzo del 1966 Milena Milani fu condannata alla pena della reclusione per mesi 6 ed a Lire 100.000 di multa. Questo, ovviamente, oltre alla confisca di tutte le copie del libro ed al pagamento delle spese processuali.

Il riscatto giunse solo il 21 novembre del 1967, quando la sentenza d’appello stabilì:

Gli spunti erotici si inseriscono armoniosamente nel tessuto narrativo e rispondono alle esigenze descrittive che il tema della donna condannata alla solitudine suggeriva e che sono state felicemente realizzate nell’unità poetica dell’opera”.

Assoluzione con formula piena, dunque, e sequestro revocato.

Poiché il piombo era stato distrutto, fu necessario correggere nuovamente le bozze e ricomporre il testo ma, nel 1968, “La ragazza di nome Giulio” fece il suo ingresso nelle librerie e fu poi tradotto in tutto il mondo. Nel 1970 rappresentò l’Italia in occasione del 20º Festival di Berlino.

Sprezzante dei tabù di un’Italia ancora bigotta e sicuramente disdicevole per la morale dei tempi, ancora oggi “La ragazza di nome Giulio” appare diretto come pochi altri romanzi nel descrivere le iniziazioni sessuali di una ragazzina tormentata.

Jules non riesce a trovar pace, ed è bellissima la descrizione della sua irrequietezza, della sua particolarità.

Tuttavia, parte dei racconti pecca di eccesso fantasioso e sono riscontrabili alcune forzature.

Il finale, inoltre, mi ha lasciata perplessa: non era la storia di un degrado, ma di una ricerca…

Io non fuggo la solitudine, e nemmeno la cerco: essa è presente nel mio modo di essere, di avere vita

Nessuno voleva salvarmi: tutti cercavano invece di trascinarmi sempre più in basso. Io stessa lo facevo con me stessa, e quando dal mio corpo prendevo quel piacere fisico così tormentato, quando i miei gesti erano solo in funzione di quel piacere, e il mio spirito vagava leggerissimo e felice, ma in realtà oppresso e schiantato, io pure ero un essere immondo, degno di quell’inferno dove la vista di Dio è preclusa e il fuoco brucerà le nostre carni

Il corpo, dopo quei contatti, quegli abbracci, acquistava come una diversa bellezza, un po’ estenuata, più completa”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Milena

Milani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Milani Milena

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid

È un lunedì mattina come tanti, sul treno che porta i pendolari da Brighton a Londra. Nei vagoni, visi assonnati, preoccupati, speranzosi. Qualcuno finisce di truccarsi, qualcuno legge, c'è chi chiacchiera e chi ascolta musica dall'iPod pensando alla giornata che lo aspetta. Per Karen e suo marito è una giornata felice: stanno andando a firmare per il mutuo della nuova casa, che accoglierà loro e i due figli. Lou, dal sedile accanto, li osserva e la loro evidente complicità la mette di buon umore, anche se prova un pizzico di invidia per quell'amore sereno e totale che a lei sembra negato. Anna, invece, qualche carrozza più in là, sogna di acquistare la giacca di cui ha visto la foto sulla rivista che sta sfogliando, e piega l'angolo della pagina per ricordarsene. È tutto normale, è tutto tranquillo... ma poi qualcosa, di colpo, rimescola le carte della vita e quel mattino come tanti diventa il punto di svolta, l'inizio di una settimana drammatica. Legate da una tragica casualità, le tre donne affronteranno insieme i giorni seguenti e troveranno nella loro amicizia la forza per superare il dolore. Insieme scopriranno che, se davvero basta un attimo perché tutto vada in frantumi, la vita non si ferma e ci chiede di tenere il passo...

Un attimo, un mattino

Rayner Sarah

Una serie di racconti brevi dove si ritrovano gli elementi che compongono l'archetipo Borges: gli specchi, i labirinti, le tigri, il Don Chisciotte riscritto ma identico di Pierre Menard, la memoria inarrestabile e tormentosa di Funes.

Finzioni

Borges Jorge Luis

È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred