Giallo - thriller - noir

La ragazza e la notte

Musso Guillaume

Descrizione: Un campus prestigioso cristallizzato sotto la neve. Tre amici legati da un tragico segreto. Una ragazza portata via nella notte. Costa Azzurra, inverno del 1992. In una notte glaciale, mentre il campus del suo liceo è paralizzato da una tempesta di neve, Vinca Rockwell, diciannove anni, una delle studentesse più brillanti dell'ultimo anno, fugge insieme al suo professore di filosofia, con il quale aveva una relazione segreta. Per la ragazza "l'amore è tutto o niente". Nessuno la rivedrà mai più. Costa Azzurra, primavera del 2017. Fino alla fine del liceo erano inseparabili, ma da allora Fanny, Thomas e Maxime - i migliori amici di Vinca non si sono più rivolti la parola. Si ritrovano ora a una riunione di ex alunni. Venticinque anni prima, in terribili circostanze, hanno tutti e tre commesso un omicidio, murando il cadavere nella palestra della scuola. Proprio la palestra che oggi deve essere demolita per fare spazio a un altro edificio. D'ora in poi, niente potrà più impedire che la verità sul caso di Vinca venga a galla. Sconvolgente, dolorosa, demoniaca.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2018

ISBN: 9788893445825

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Guillaume Musso riconferma la vocazione per il noir creativo e con La ragazza e la notte costruisce una storia che, nel finale concitato, ricompone tutte le tessere di un mosaico frantumatosi nel corso di venticinque anni.

Venticinque anni: è il tempo trascorso da un duplice delitto, commesso in un college di Antibes (località ove l’autore è nato, e si capisce…) ai danni di Vinca, la studentessa più affascinante della scuola, e di Alexis, il giovane professore di filosofia. Negli omicidi sono variamente implicati genitori e figli, presidi e studenti. I cadaveri vengono murati nella palestra e il delitto viene dissimulato con una fuga sotto mentite spoglie. Dopo la sparizione, Vinca viene mitizzata (“Un autentico linciaggio che l’aveva trasformata in una sorta di Laura Palmer della Costa Azzurra. Twin Peaks nella terra di Pagnol”).

Dopo due decenni e un lustro (“La coppia sembrava ancora meglio assortita. Era l’effetto normalizzatore della vecchiaia: faceva sfiorire le bellezze troppo vistose e conferiva a volte una nuova patina ai fisici meno attraenti”), Thomas – che nel frattempo è diventato scrittore di successo – ritorna sul luogo del delitto in occasione di un anniversario (“Un passato che non era certo un paradiso perduto, ma mi appariva come l’epicentro di un dramma che per tutta la vita avevo cercato di rimuovere”): i lavori di ristrutturazione del college minacciano di disvelare il segreto inconfessabile che i muri custodiscono.
Intanto, uno strano ritrovamento (“Sapevo benissimo di chi era l’armadietto all’interno del quale era stata ritrovata la borsa con il denaro. Era il mio”) e una scia di delitti, messi in atto da un vendicatore misterioso, congiurano contro gli assassini impuniti.

L’intrigo della trama, l’ambientazione in Costa azzurra e numerosi riferimenti e citazioni letterarie assicurano una lettura serrata in questa sorta di riedizione in chiave contemporanea del costrutto tragico che alla complessità dei rapporti familiari riconduce pathos e chiave di lettura della realtà (“La mia indagine su Vinca era in primo luogo un’indagine su me stesso”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Guillaume

Musso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Musso Guillaume


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

De Amicis, Edmondo – IL PICCOLO PATRIOTA PADOVANO

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life (Una vita piena)

Fante John

Jean Perdu ha cinquant'anni e una libreria galleggiante ormeggiata sulla Senna, la "Farmacia letteraria": per lui, infatti, ogni libro è una medicina dell'anima. Da ventun anni vive nel ricordo dell'amata Manon, arrivata a Parigi dalla Provenza e sparita all'improvviso lasciandogli soltanto una lettera, che Jean non ha mai avuto il coraggio di aprire. Ora vive solo in un palazzo abitato dai personaggi più vari: la pianista solitaria che improvvisa concerti al balcone per tutto il vicinato, il giovanissimo scrittore in crisi creativa, la bella signora malinconica tradita e abbandonata dal marito fedifrago. Per ciascuno Jean Perdu trova la cura in un libro: per tutti, salvo se stesso. Finché decide di mettersi in viaggio per cercare la donna della sua vita. Verso la Provenza e una nuova felicità.

Una piccola libreria a Parigi

George Nina

Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Koto

Kawabata Yasunari